Stazione Spaziale Internazionale

Spedizione Sei

Giorno per giorno

werhsepd.gif (1132 byte)

Qui di seguito un dettagliato rapporto settimanale di quello che accade all'equipaggio di Spedizione Sei ora a bordo della ISS-Alpha.

werhsepd.gif (1132 byte)

Giorno 19 - 13/12/2002 - L'equipaggio di Spedizione Sei si avvicina al completamento della terza settimana di permanenza nello spazio e il lavoro scientifico comincia a riempire le loro giornate. Il comandante Ken Bowersox, l'ingegnere di volo Nikolai Budarin, e l'ufficiale scientifico NASA della ISS Don Pettit hanno completato il primo di tre fasi di raccolta di campioni per gli esperimenti di Scienza della Vita che guardano ai rischi per gli astronauti ad incorrere nei calcoli renali. Lo studio era iniziato con l'astronauta di Spedizione Cinque Peggy Whitson. Inoltre i tre residenti hanno effettuato la loro prima sessione mensile per la misurazione polmonare. Giovedì Pettit ha completato un controllo mensile dell'equipaggiamento GASMAP posto nell'armadio per le ricerche mediche (Human Research Facility rack) e che serve per analizzare i gas emessi durante la respirazione degli astronauti, la misurazione cardiaca e la capacità ed efficienza polmonare. Intanto i controllori di volo di Houston e Mosca stanno studiando quando effettuare la passeggiata spaziale prevista questa settimana e che è stata rinviata per un piccolo problema medico ad uno degli astronauti. Comunque l'EVA per completare la sistemazione del nuovo tratto di traliccio P1 non è critica e può essere rinviata fino a fine gennaio. Nella foto NASA l'ombra sulla superficie terrestre della stupenda eclisse di Sole ripresa dall'equipaggio di Spedizione Sei il 4 dicembre 2002.

International Space Station Status Report 02-53

 

Giorno 26 - 20/12/2002 - L'equipaggio di Spedizione Sei (nella foto NASA con indosso le tute spaziali russe di volo) ha trascorso ormai un mese a bordo della ISS e la settimana trascorsa è stata occupata con esercitazioni con il braccio robotico e con la sistemazione dell'attrezzatura di registrazione ad alta velocità. L'equipaggio ha anche eseguito una serie di esperimenti riguardanti le vibrazioni all'interno della stazione letteralmente urtando contro le pareti del laboratorio Destiny e rendendo possibile agli strumenti dell'esperimento IWIS (Internal Wireless Instrumentation System) di registrare tali movimenti. Oltre ai vari esperimenti biomedici e di crescita di cristalli a gravità ridotta l'ufficiale scientifico NASA Pettit ha attivato l'armadio per esperimenti n.3 che venne portato sulla stazione diversi mesi fa. L'equipaggio e le stazioni russe a Terra hanno testato il sistema Kurs-P utilizzato per l'aggancio delle navicelle automatiche. Inoltre l'equipaggio ha anche eseguito giovedì più di tre ore di manovre con il braccio robotico Canadarm2 provando doversi sganci ed agganci dal Mobile Base System (MBS) e registrando dati con il Force Moment Sensor (FMS). Un altro dei compiti svolti dall'equipaggio è stato venerdì l'installazione del High Rate Communications Outage Recorder (HCOR) che permetterà di registrare i dati scientifici quando le comunicazioni con i satelliti TDRS che ritrasmettono i dati a Terra non saranno possibili. In questo modo le capacità scientifiche della ISS verranno incrementate e poi trasmesse a Terra quando il sistema TDRS sarà disponibile. I controllori di volo a Houston e Mosca continuano il lavoro di riprogrammare la prevista passeggiata spaziale ora prevista per gennaio. La EVA prevede il completamento della sistemazione del nuovo tratto di traliccio P1. Altri dettagli sulle attività scientifiche si possono trovare al sito internet del Payload Operations Center al Centro di Volo Spaziale Marshall di Huntsville, Alabama, al seguente indirizzo:

http://www.scipoc.msfc.nasa.gov/

International Space Station Status Report 02-54

 

Giorno 33 - 27/12/2002 - Il giorno di Natale l'equipaggio di Spedizione Sei composto dal comandante Ken Bowersox, l'ingegnere di volo Nikolai Budarine l'ufficiale scientifico NASA della ISS Don Pettit ha iniziato il secondo mese di permanenza a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Sebbene l'equipaggio abbia dovuto controllare il sistema ambientale e lo stato degli esperimenti a bordo del laboratorio Destiny, si è trattato di un giorno di riposo. L'equipaggio ha ricevuto una chiamata dal Direttore della NASA Sean O'Keefe con il quale hanno parlato per circa quindici minuti. Inoltre ogni membro dell'equipaggio ha avuto lo stesso tempo a disposizione per parlare in privato con le rispettive famiglie a casa. L'equipaggio ha svolto ognuno le solite due ore di esercizio fisico e per il pranzo ognuno ha selezionato pietanze preferite. Sono stati aperti anche dei regali. La settimana è iniziata con una manovra che ha coinvolto la direzione della stazione eseguita per permettere ad alcune parti della stessa di raffreddarsi. La ISS è tornata nella familiare posizione XPOP (con i pannelli solari puntati verso il Sole) il giorno di Natale. Sul fronte scientifico Bowesox lunedì, martedì e giovedì ha lavorato con il FOOT (Foot/Ground Reaction Forces During Spaceflight) un esperimento che mira a mostrare come le gambe, i piedi e le ginocchia si muovano mentre le ossa ed i muscoli provano l'assenza di gravità. Le informazioni registrate da una postazione della ISS sono state poi inviate agli scienziati a Terra. Bowesox e Pettit hanno anche parlato della loro attività scientifica ad alcune TV private e con la NASA-TV. Budarin ha lavorato ad un esperimento russo di crescita di piante mentre Pettit ha continuato a seguire il suo lavoro scientifico su Destiny. Venerdì ogni membro dell'equipaggio si è sottoposto ad un prelievo di sangue ed un controllo medico periodico. Il prossimo rapporto sulla stazione verrà pubblicato venerdì 3 gennaio o prima se gli eventi lo richiederanno. Nella foto NASA Bowersox, a sinistra, mentre indossa l'esperimento FOOT aiutato dall'ufficiale scientifico Pettit.

International Space Station Status Report 02-55

 

Giorno 40 - 03/01/2003 - Il 2003 è iniziato con calma per l'equipaggio di Spedizione Sei della Stazione Spaziale Internazionale composto dal Comandante Ken Bowersox, l'ingegnere di volo Nikolai Budarin, e l'ufficiale scientifico NASA della ISS Don Pettit attraversando per 15 volte il cambio di data durante l'ultimo giorno del 2002. I saluti ufficiali per il nuovo anno sono stati alla mezzanotte ora di Greenwich mentre l'equipaggio stava dormendo. Il primo giorno del nuovo anno ha visto l'equipaggio eseguire alcune operazioni di routine, esercizio fisico e tempo libero. Il lavoro a bordo dell'avamposto orbitante è ripreso il 2 gennaio con la sistemazione di un equipaggiamento ad ultrasuoni utilizzato per ottenere immagini tridimensionali dell'interno del corpo umano e il controllo di perdite d'aria nel modulo di decompressione Quest. Il giorno successivo è stato dedicato alla misura del rumore all'interno dei moduli della stazione spaziale ed alle operazioni con l'esperimento di Crescita dei Cristalli di Zeolite per ottenere cristalli più grandi e puri di quelli prodotti sulla Terra. La Zeolite è alla base della chimica industriale. Produrre cristalli di Zeolite migliori potrebbe aumentare la quantità di benzina estratta da un barile di petrolio per rendere più efficiente l'industria petrolchimica. Budarin ha lavorato con un esperimento di crescita delle piante russo ed ha eseguito un inventario dell'equipaggiamento medico, rifornimenti e videocassette della stazione. Inoltre ha anche condotto un'ispezione al portello posteriore del Modulo di Servizio Zvezda dove un veicolo di rifornimento Progress attraccherà in febbraio. Per l'equipaggio è previsto un fine settimana di riposo compreso di videoconferenze con i propri familiari ed i medici a Terra. Bowersox dovrebbe riprendere i suoi esperimenti con il FOOT (Foot/Ground Reaction Forces During Spaceflight) lunedì. Per poter eseguire FOOT il comandante Bowersox (nella foto NASA al lavoro su Destiny) deve indossare uno speciale paio di calzini con all'interno 20 sensori per registrare i cambiamenti che occorrono nei muscoli e nelle ossa per l'assenza di gravità. Il prossimo rapporto della stazione verrà pubblicato venerdì 10 gennaio o prima se gli eventi lo richiederanno. 

International Space Station Status Report 03-1

 

iss_exp6_pettit_window.jpg (15557 byte)Giorno 47 – 10/01/2003 – Continuano i preparativi in orbita per la 50° passeggiata spaziale dedicata all’assemblaggio ed al mantenimento della Stazione Spaziale Internazionale. Il comandante Ken Bowersox e l’ufficiale scientifico NASA della ISS Don Pettit usciranno fuori circa alle 6.30 a.m. CST (le 13.30 ora italiana) di mercoledì. L’equipaggio ha trascorso la settimana ricontrollando le tempistiche e le procedure, organizzando le varie attrezzature e preparando le tute spaziali e il modulo di decompressione Quest per l'’ttività extraveicolare di 6h. 30m. Durante l’uscita. Bowersox e Pettit sganceranno vari bloccaggi che permetteranno di aprire il radiatore di raffreddamento del segmento del traliccio P1 e prepareranno il punto di attracco del nodo Unity per i moduli cargo della stazione. Inoltre installeranno luci di lavoro, punti di ancoraggio per i piedi ed una specie di carrellino che sarà utilizzato nelle future operazione di assemblaggio. L’ingegnere di volo Nikolai Budarin farà da supporto a Bowersox e Pettit dall’interno della stazione. La trasmissione della passeggiata spaziale inizierà alle 5a.m. CST di mercoledì sul canale televisivo NASA. Bowersox ha comunicato dati scientifici dell’esperimento FOOT agli scienziati a Terra. Questo particolare esperimento studia come il corpo umano reagisce all’assenza di gravità. Bowersox indossa uno speciale pantaloncino con 20 sensori posti nelle gambe ed altri aggiuntivi nelle braccia che misurano gli impulsi elettrici durante il periodo di lavoro. Tutti e tre i membri dell’equipaggio hanno partecipato all’esame mensile polmonare per studiare l’effetto dell’assenza di peso. In pratica devono soffiare all’interno di un apparecchio che misura la capacità polmonare e registra i dati in un computer medico di bordo. Questa sessione serve come lettura prima della EVA per Bowersox e Pettit, infatti l’esperimento studia anche come la bassa pressione delle tute spaziali ha effetti sull’attività polmonare. Entrambi gli astronauti parteciperanno ad un altro esame dopo l’EVA. Martedì Bowersox e Pettit utilizzeranno il braccio robotico, Canadarm 2, per effettuare un’ispezione dell’attrezzatura esterna della stazione e del sistema di controllo termico. I due astronauti manovreranno il Canadarm 2 in posizione per ispezionare le linee di tubature di raffreddamento del traliccio S1 e S0 ed inoltre controlleranno i radiatori del P6. Ingegneri a Terra controlleranno poi le riprese effettuate per rilevare irregolarità. Il prossimo rapporto sulla stazione verrà pubblicato mercoledì 15 gennaio, dopo la passeggiata spaziale dalla ISS, o prima se gli eventi lo richiederanno. Nella foto l'astronauta Pettit mentre osserva il nostro pianeta dall'oblò posto nel modulo laboratorio Destiny.

ISS Status Report 03-2

 

iss_exp6_eva1.jpg (16526 byte)Giorno 52 – 15/01/2003 – Il comandante di Spedizione Sei Ken Bowersox e l’ufficiale scientifico NASA della ISS Don Pettit hanno oggi continuato l’assemblaggio della Stazione Spaziale Internazionale e preparata per una serie di complessi voli shuttle di costruzione che si svolgeranno durante l’anno. L’EVA è durata 6h.51m. ed è stata effettuata dal modulo di decompressione Quest. La passeggiata, la prima per Bowersox e Pettit, è stata la 50° escursione in supporto dell’assemblaggio e mantenimento della ISS, la 25° originata dalla stazione e la 16° partita da Quest. Il cosmonauta Russo Nikolai Budarin ha coadiuvato la passeggiata dall‘interno della ISS, agendo come coordinatore e manovrando il Canadarm2 per ottenere immagini televisive. Dopo aver incontrato alcune difficoltà nell’apertura del portello di uscita a causa di un strap impigliato della coperta protettiva, Bowersox e Pettit hanno finalmente iniziato la loro EVA alle 6.50 a.m. CST (le 13.50 ora italiana) iniziando ad utilizzare l’energia delle batterie interne della tuta spaziale. Al momento di fare questa operazione però Bowersox si accorgeva di una perdita di segnale digitale dalla sua tuta che richiedeva un riciclo dell’energia interna per superare il momentaneo black-out. Una volta fuori i due si occupavano di preparare gli strumenti e si recavano all’ultimo segmento di traliccio istallato, Port One (P1) dove liberavano il sistema di radiatori dalle cinghie utilizzate al lancio. Le restanti otto erano state sganciate quando il traliccio era stato portato alla ISS lo scorso novembre con la missione STS-113. I controllori di volo hanno poi inviato il comando da Terra che sblocca il radiatore di P1 e lo abilita a dispiegarsi in tutta la sua lunghezza di circa 25 metri preparandolo per l’attivazione prevista più avanti nell’anno per provvedere al raffreddamento dei sistemi della stazione. Dopo aver ispezionato alcune attrezzature del traliccio P1 per gli ingegneri a Terra, i due spacewalker si sono avviati verso il nodo di collegamento Unity, dove Pettit ha usato uno speciale nastro adesivo di Kapton per raccogliere piccoli resti di isolante del CBM (Common Berthing Mechanism) lasciando il punto di attracco in condizioni perfette per l’aggancio del Modulo Logistico Multifunzione Raffaello durante il prossimo volo di uno shuttle alla stazione previsto per marzo. Bowersox e Pettit non hanno avuto il tempo per completare altri compiti minori che comunque potranno essere svolti in successive EVA. Dopo aver controllato il livello di refrigerante nel traliccio P6 i due astronauti sono rientrati nel modulo Quest non prima di aver tagliato con delle forbici lo strap che aveva interferito con l’apertura del portello all’inizio della passeggiata. Il portello si è chiuso regolarmente e non dovrebbero esserci altri problemi nelle future EVA. La passeggiata spaziale si è conclusa alle 1.41 p.m. (le 20.41 ora italiana) ed ha portato il totale di EVA eseguite per la costruzione della ISS a 312h.11m. Dopo l’EVA i controllori di volo hanno inviato un comando al Mobile Trasporter per muoversi lungo la rotaia del traliccio dal P1 al suo luogo di parcheggio posto al centro della struttura S0 e questo per evitare di lasciare il cavo di collegamento al pericolo di collisioni con detriti spaziali. Il viaggio è durato circa 20 minuti. I’MT verrà utilizzato per spostare il braccio robotico canadese Canadarm2 lungo tutta la lunghezza del traliccio per aiutare nella costruzione della stazione. Venne parcheggiato al termine del traliccio P1 durante la missione STS-113. Bowersox, Budarin e Pettit eseguiranno un giorno di riposo giovedì per poi riprendere l’attività scientifica venerdì. Il prossimo rapporto sulla stazione sarà incluso come parte del rapporto missione STS-107, a meno di ulteriori sviluppi. Nella foto uno dei due astronauti mentre esce dal portello del modulo di decompressione Quest.

ISS Status Report 03-3

 

iss_exp6_budarin2.jpg (14045 byte)Giorno 69 – 02/02/2003 – Un veicolo di rifornimento Russo Progress 10 è decollato oggi dal Cosmodromo di Baikonur, nel Kazahkstan, trasportando materiale e nuove attrezzature scientifiche alla Stazione Spaziale Internazionale. Il veicolo cargo è stato lanciato in perfetto orario alle 6.59 a.m. CST (le 13.59 ora italiana) ed ha raggiunto con successo l’orbita nove minuti più tardi dispiegando i pannelli solari e le antenne di navigazione. E’ previsto che il Progress attracchi al portello posteriore del Modulo di Servizio Zvezda della ISS attorno alle 15.50 ora italiana di martedì. La preparazione per il lancio del cargo di oggi era iniziata sabato con il distacco del vecchio Progress 9, che aveva raggiunto la stazione lo scorso giugno. Alcune ore dopo lo sgancio è stato comandato al Progress 9 di uscire dall’orbita ed è bruciato al rientro nell’atmosfera. Nell’attesa del Progress, l’equipaggio di Spedizione Sei composto dal comandante Ken Bowersox, l’ingegnere di volo Nikolai Budarin e l’ufficiale scientifico NASA Don Pettit ha trascorso un tranquillo giorno nello spazio, il 71° dei quali 69 a bordo della Stazione. L’equipaggio è stato informato della perdita del Columbia e del suo equipaggio avvenuto ieri circa un’ora dopo che la navetta si era spezzata sedici minuti prima dell’atterraggio previsto.  Il nuovo Progress 10 è carico di una tonnellata di rifornimenti per l’equipaggio di Spedizione Sei e delle parti di ricambio per il MGS (Microgravity Science Glovebox) che si trova nel laboratorio Destiny, che ha avuto un guasto elettrico in novembre ed è fermo da quel momento. Pettit prevede di installare le nuove parti e testarlo speciale contenitore per esperimenti appena il cargo Progress sarà scaricato. Se la riparazione avrà successo il MGS verrà utilizzato per supportare buona parte degli esperimenti previsti per l’equipaggio prima del suo ritorno a Terra previsto per marzo. Il prossimo rapporto stazione verrà pubblicato martedì dopo l’attracco del Progress 10 o prima se gli eventi lo richiederanno.

 ISS – Status Report 03-4

  

iss_exp6_pettit_unload.jpg (25724 byte)Giorno 71 – 04/02/2003 – Un veicolo Russo di rifornimento Progress 10 ha attraccato con successo alla Stazione Spaziale Internazionale oggi, due giorni dopo il lancio avvenuto dal Cosmodromo di Baikonur, nel Kazahstan. Il veicolo cargo ha toccato il portello posteriore del Modulo di Servizio Zvezda alla 8.49 a.m. CST (le 15.49 ora italiana) dopo un perfetto avvicinamento automatico al complesso. Il Progress è carico di una tonnellata fra cibo, combustibile e rifornimenti per l’equipaggio di Spedizione Sei che si trova a bordo della ISS. Al momento dell’aggancio la ISS stava volando a 432 chilometri di quota sopra l’Asia centrale. Il comandante Ken Bowersox, l’ingegnere di volo Nikolai Budarin e l’ufficiale scientifico NASA Don Pettit hanno monitorato l’aggancio del Progres dall’interno della ISS durante il loro 73° giorno nello spazio, il 71° a bordo dell’avamposto orbitale. Gli astronauti prevedono di aprire il portello che divide Zvezda dal Progress attorno alle 1.00 p.m. CST (le 20 ora italiana) dopo aver controllato che non ci siano perdite fra i due veicoli, ma i rifornimenti non verranno scaricati fino a Mercoledì mattina. Il successo dell’arrivo del Progress assicura ai tre residenti della stazione di poter continuare la loro missione fino alla fine di giugno, primi di luglio, se necessario. Assieme ai rifornimenti a bordo del Progress si trovano anche le parti di ricambio del MGS il MGS (Microgravity Science Glovebox) che si trova nel laboratorio Destiny, che ha avuto un guasto elettrico in novembre ed è fermo da quel momento. Pettit prevede di installare le nuove parti e testare lo speciale contenitore per esperimenti giovedì. Se la riparazione avrà successo il MGS verrà utilizzato per supportare buona parte degli esperimenti previsti per l’equipaggio prima del suo ritorno a Terra previsto per marzo. Bowersox, Budarin e Pettit faranno oggi un tributo speciale agli astronauti del Columbia. I controllori di volo della stazione trasmetteranno via radio all’equipaggio l’audio della cerimonia che si svolgerà al Johnson space Center, di Huston, Texas ed alla quale sono attesi il Presidente Bush e Signora oltre all’amministratore della NASA Sean O’Keefe. Il prossimo rapporto stazione verrà pubblicato più avanti. Nella foto l'astronauta Pettit al lavoro.

 ISS Status Report 03-5

 

Giorno 74 – 07/02/2003 – Al completamento della loro undicesima settimana in orbita, l’equipaggio di Spedizione Sei della Stazione Spaziale Internazionale continua lo scarico dei nuovi rifornimenti che aiuteranno i responsabili della missione a pianificare la loro ulteriore permanenza nello spazio. Un cargo Russo Progress ha attraccato al portello posteriore del modulo di servizio Zvezda alle 8.49 a.m. CST (le 15.49 ora italiana) di martedì, portando una tonnellata di viveri, carburante, vestiario e altro materiale per il sostentamento del Comandante Ken Bowersox, l’ingegnere di volo Nikolai Budarin e l’ufficiale scientifico della NASA sulla ISS Don Pettit fino alla fine di giugno. Il portello del Progress è stato aperto martedì pomeriggio e lo scarico del materiale è iniziato mercoledì mattina. Assieme ai rifornimenti a bordo del cargo Progress si trovavano anche due moduli elettrici decisivi per poter far funzionare nuovamente l’esperimento scientifico MSG (Microgravity Science Glovebox), posto nel modulo laboratorio Destiny. MSG, costruito dall’Agenzia Spaziale Europea in collaborazione con il Centro Volo Spaziale Marshall della NASA di Huntsville, Alabama, era fuori uso fin dal novembre scorso quando un componente elettronico si era guastato. L’unità difettosa era stata riportata sulla Terra con l’ultima navetta che aveva visitato la stazione ed inviata all’ESA per riparazione, e dopo una serie di prove alla NASA era stata caricata sul Progress per l’invio. I controllori di volo stanno discutendo su una possibile accensione giovedì dei motori del Progress per alzare l’orbita della ISS. Se questa manovra verrà decisa la stazione si porterà dai 430 ai 442 chilometri di quota. Questo per lasciare la ISS alla giusta quota per il lancio della nuova Soyuz previsto per aprile. Pettit ha installato il nuovo componente nell’attrezzatura MSG mercoledì ma quando ha attivato il circuito un fusibile è saltato. I controllori del carico utile hanno notato che questo era accaduto anche lo scorso novembre poco prima del guasto e così Pettit ha immediatamente spento il MSG per proteggere il nuovo componente. Gli specialisti dell’ESA e del MSFC continueranno a lavorare sul problema nel fine settimana. A causa del blocco dei lanci delle navette spaziali i responsabili di missione stanno studiando come provvedere al meglio ai rifornimenti per gli equipaggi a bordo della ISS fino a che gli shuttle non torneranno in servizio. Per aiutarli in questo compito Bowersox ed il suo equipaggio hanno trascorso una parte della settimana conducendo un inventario del materiale mentre i controllori di Houston e Mosca cominciavano a calcolare i vari consumi. Tutti questi dati verranno ricontrollati prima del prossimo lancio di una Progress diretta alla ISS previsto per giugno. Il prossimo rapporto missione della ISS verrà pubblicato venerdì 14 febbraio o prima se gli eventi lo richiederanno.

ISS Status Report 03-6

 

Giorno 81 – 14/02/2003 – All’avvicinarsi del terzo mese di permanenza nella spazio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, i componenti dell’equipaggio di Spedizione Sei hanno continuato a scaricare il materiale arrivato la settimana scorsa, rialzare l’orbita della loro casa, tenere conferenze stampa e manovrare il braccio robotico della stazione. Il cargo automatico Progress giunto la scorsa settimana con una tonnellata di viveri, carburante, vestiario ed altro materiale dovrà sostenere il comandante Ken Bowersox, l’ingegnere di volo Nikolai Budarin e l’ufficiale scientifico NASA della ISS Don Pettit fino alla fine di giugno se occorre. I motori del Progress sono stati usati giovedì per alzare l’orbita della ISS di circa 11 chilometri portandola così ad un’altitudine minima di 446 chilometri. Questa è stata la prima di tre accensioni pianificate per preparare la stazione all’arrivo del nuovo veicolo di rientro Soyuz previsto per la fine di aprile. Durante la manovra di spinta gli accelerometri posti nel modulo laboratorio Destiny hanno misurato le vibrazioni per aiutare gli scienziati a studiare come il moto abbia effetti sui delicati esperimenti a microgravità. Bowersox, Pettit e Budarin hanno poi risposto alle domande dei molti giornalisti sparsi nei vari centri NASA nella loro prima conferenza stampa dopo l’incidente del Columbia. Molte domande hanno avuto come punto principale le reazioni dell’equipaggio e pensieri sull’equipaggio del Columbia e di come questo incidente avrà effetto sulla missione. "Abbiamo il tempo per commemorare i nostri amici," Ha detto Bowersox. "Quando stati su così a lungo, non puoi chiudere le tue emozioni in una bottiglia e pensarci tutto il tempo. E’ importante per noi riconoscere che la gente di STS-107 era nostra amica e che noi siamo uniti a loro e che sentiamo la loro perdita. Ognuno di noi avrà la possibilità di combattere i suoi timori. Ma ora è il momento di guardare avanti e fare le cose con calma. Questa conferenza stampa di oggi è un grande passo per aiutarci a muoverci nella direzione dei nostri obiettivi e completare così la nostra missione." Thursday Bowersox e Pettit hanno manovrato il Canadarm2 , il braccio robotico della stazione. L’attività è servita per mantenere l’efficienza dell’equipaggio nell’uso della postazione di controllo del braccio posta nel modulo laboratorio Destiny ed eseguire un controllo delle procedure dell’abilità del braccio nello spazio. All’inizio della settimana i controllori di volo hanno notato un lieve calo del flusso di aria all’interno del sistema di valvole posto fra i vari componenti della stazione. Bowersox e Pettit hanno rimosso diverse ventole e le hanno ripulite dalla polvere accumulata nei filtri con un incremento significativo nella ventilazione. Il problema con l’attrezzatura scientifica da microgravità (MSG - Microgravity Science Glovebox) continua ad impegnare i tecnici dell’ESA e del Centro di Volo Spaziale Marshall. La scorsa settimana un fusibile era scattato quando Pettit aveva installato un ricambio arrivato con il Progress. Pettit ha spento l’attrezzatura fino a che gli esperti non prepareranno un piano per aggiustarla in orbita. Il prossimo rapporto sulla Stazione Spaziale verrà pubblicato venerdì 21 febbraio, o prima se gli eventi lo richiederanno.

ISS Status Report 03-7

 

Giorno 90 - 21/02/2003 - L'equipaggio di Spedizione Sei ha segnato oggi il suo 90° giorno in orbita. Il comandante Ken Bowersox, l'ingegnere di volo Nikolai Budarin e l'ufficiale scientifico della ISS Don Pettit sono in orbita fin dal loro lancio dal Centro Spaziale Kennedy avvenuto in Florida avvenuto il 23 novembre scorso. L'equipaggio ha iniziato la settimana prelevando compioni di acqua dalle riserve della stazione per controllarne la purezza. Budarin ha iniziato anche un processo della durata di tre giorni per disinfettare le riserve di acqua russe con unattrezzatura portata con l'ultimo Progress. Tutte queste attività fanno parte delle normali procedure di mantenimento della stazione. Nel corso della settimana l'equipaggio ha svolto una serie di esperimenti medici per assicurare la buona salute e collezionare dati per vedere come il corpo umano si adatta alle condizioni di microgravità. Questi includono un esperimento russo per lo studio del sistema cardiovascolare con prelievo di urine e sangue. Bowersox e Pettit hanno completato anche un addestramento con il computer sui loro compiti di ufficiali medici di bordo. La manutenzione della stazione durante la settimana ha visto anche la rimozione e la sostituzione di un alimentatore del modulo di controllo nel laboratorio Destiny, che conteneva un interrurrore guasto responsabile dell'accensione del registratore video in una delle postazioni di controllo del braccio robotico. La riparazione ha avuto esito positivo ed il videoregistratore ora funziona regolarmente. Bowersox ha eseguito la manutenzione di una ciclette che viene usata dall'equipaggio per mantenersi in forma. Giovedì hanno eseguito un inventario di tutta l'attrezzatura del modulo di decompressione Quest per assicurarsi che sia in linea con quanto risulta dal Sistema. Il carico del nuovo software del sistema di comando e dei computer di controllo e di guida e navigazione è stato completato oggi. Per lunedì è previsto che Bowersox e Pettit eseguano un test di vestizione con le tute USA senza l'aiuto di Budarin per dimostrare che può essere fatto anche con soltanto due membri dell'equipaggio sulla stazione. Questo esperimento preclude al fatto che la ISS dovrà mantenere equipaggi di soltanto due astronauti fino a che le navette spaziali della NASA non potranno riprendere la via dello spazio.

ISS Status Report 03-8

 

Giorno 97 - 28/02/2003 - Avvicinandosi al loro 100° giorno in orbita, l'equipaggio di Spedizione Sei della Stazione Spaziale Internazionale ha completato, questa settimana, un importante test di preparazione per una passeggiata spaziale, con la quale i responsabili del programma prepareranno la strada per il cambio di questo equipaggio che rientrerà sulla Terra, in Kazakhstan, a maggio. Lunedì il comandante Ken Bowersox e l'ingegnere di volo Don Pettit hanno condotto con successo una serie di test per dimostrare l'abilità di due astronauti di indossare le tute spaziali senza l'aiuto del terzo membro dell'equipaggio. Questa possibilità era un prerequisito indispensabile per poter inviare piccoli equipaggi alla ISS mentre la flotta delle navette è costretta a rimanere a terra durante l'investigazione sull'incidente del Columbia. Mentre l'ingegnere di volo Nikolai Budarin filmava l'attività ed offriva i suoi consigli, Bowersox e Pettit si aiutavano l'un l'altro ad indossare la EMU (Extravehicular Mobility Units - Unità Mobile Extraveicolare) equipaggiate con i piccoli getti di manovra chiamati SAFERs. Inoltre i due preparavano l' equipaggiamento per la respirazione di ossigeno che serve per eliminare l'azoto dal sangue e poi uscire nuovamente dalle tute. Durante una serie di incontri i partners della ISS hanno annunciato che a breve termine la rotazione degli equipaggi della stazione coinvolgerà equipaggi di due persone tramite una capsula russa Soyuz ed inizieranno con il previsto lancio a fine aprile o inizio maggio. L'equipaggio di Spedizione Sei tornerà in Kazakhstan ai primi di maggio con la Soyuz che si trova adesso attraccata alla stazione. Piccoli equipaggi richiederanno un numero minore di rifornimenti che potranno essere trasportati soltanto con le Progress russe fino a quando le navette non torneranno al volo. Un Progress è giunto alla stazione all'inizio di questo mese mentre il prossimo è previsto per giugno. Gli astronauti USA Mike Foale e Ed Lu ed i cosmonauti russi Yuri Malenchenko e Alexander Kaleri, tutti facenti parte di vari equipaggi previsti per la ISS e che hanno quindi vari mesi di preparazione alle spalle  sono in allenamento al Gagarin Cosmonaut Training Center sito a Star City, in Russia. Gli specialisti del Payload Operations Control Center del Centro di Volo Spaziale NASA Marshall (MSFC) di Huntsville, Alabama, continuano a lavorare sul problema che affligge l'attrezzatura di ricerca a microgravità del Modulo Laboratorio Destiny. Il MSG, costruito dall'ESA in collaborazione con gli scienziati del MSFC provvede ad uno spazio chiuso nel quale eseguire esperimenti che coinvolgono liquidi o fiamme. Questa settimana Pettit ha eseguito diversi test con le squadre a terra per cercare di risolvere il problema che ha causato il guasto di due trasformatori lo scorso novembre e lo scatto del fusibile dopo aver installato due nuovi trasformatori arrivati recentemente con il Progress. Prove addizionali sono pianificate per la prossima settimana. Martedì mattina l'equipaggio ha risposto alle domande sulla loro missione e sul volo spaziale fatte da studenti della scuola nella quale Pettit si è diplomato, la Mark Twain Middle School di Silverton, Oregon. Pettit ha parlato con il suo professore di scienze di quando era studente in quella scuola media. Venerdì l'equipaggio sarà intervistato da USA Today e dalla televisione locale KPTV-TV di Portland, Oregon. Il prossimo rapporto sulla stazione verrà pubblicato venerdì 7 marzo o prima se gli eventi lo richiederanno.

ISS Status Report 03-9

 

Giorno 104 - 07/03/2003 - L'equipaggio di Spedizione Sei della Stazione Spaziale Internazionale ha passato il 100° giorno nello spazio questa settimana focalizzandosi sulle funzioni di manutenzione dei sistemi ed effettuando un'ispezione della stazione utilizzando il braccio robotico Canardam2. Martedì il comandante Ken Bowersox e l'ufficiale scientifico NASA della ISS Don Pettit hanno condotto un'ispezione visiva, utilizzando le telecamere poste sul Canadarm2, del traliccio destro S1, delle coperture termiche dei moduli dei radiatori e delle interfacce fra i tralicci S0 ed S1. Giovedì i due membri dell'equipaggio hanno condotto un'ispezione simile del traliccio sinistro P1. I tralicci S1 e P1 sono attaccati al traliccio S0 ed ognuno provvede al supporto strutturale del Sistema di Controllo Termico Attivo della stazione, con tre radiatori ognuno composti di otto pannelli. Questa settimana le attività scientifiche dell'equipaggio sono state prevalentemente indirizzate sull'esperimento FOOT (Foot/Ground Reaction Forces During Spaceflight) eseguito dal comandante Bowersox e da un esperimento di crescita di piante condotto dall'ingegnere di volo Nikolai Budarin. L'esperimento FOOT studia come il corpo umano reagisce all’assenza di gravità. Bowersox indossa uno speciale pantaloncino con 20 sensori posti nelle gambe ed altri aggiuntivi nelle braccia che misurano gli impulsi elettrici durante 14 ore di dati. Questi dati aiuteranno i ricercatori a determinare più precisamente come Bowersox utilizza le sue braccia e le sue gambe in modo differente nello spazio rispetto a come le usa sulla Terra. Pettit, lavorando con gli specialisti del Centro Operativo del Centro Spaziale Marshall (MSFC) della NASA di Huntsville, in Alabama, ha continuato ad occuparsi del problema che assilla il Microgravity Sciences Glovebox (MSG) del laboratorio Destiny. Il MSG, costruito dall'ESA assieme con gli scienziati del MSFC provvede ad uno spazio chiuso per esperimenti che coinvolgono fluidi o fiamme. Giovedì tutti e tre gli uomini dell'equipaggio hanno parlato con gli studenti della scuola elementare Glenwood di Perrysburg, Ohio e venerdì Bowersox e Pettit sono stati intervistati dai giornalisti dell'Indianapolis Star e della radio KPAM di Portland, Oregon. Bowersox è nato a Bedford, nello stato dell'indiana mentre Pettit è cresciuto a Silverton in Oregon. Il prossimo rapporto sulla stazione verrà pubblicato venerdì 14 marzo o prima se gli eventi lo richiederanno.

ISS Status Report 03-10

 

Giorno 111 - 14/03/2003 - Questa settimana gli astronauti di Spedizione Sei della Stazione Spaziale Internazionale hanno continuato le sperimentazioni scientifiche ed hanno eseguito riparazioni ed aggiornamenti della loro casa orbitale. Inoltre hanno studiato i piani per la seconda passeggiata spaziale della loro missione. Lunedì il comandante Ken Bowersox e l'ufficiale scientifico NASA della ISS Pettit hanno istallato una nuova pompa (PPA) nel sistema di controllo della temperatura (MTL) del modulo laboratorio Destiny. La vecchia pompa si era guastata il giorno precedente. La nuova pompa è stata attivata martedì ma una delle sue valvole di controllo rimaneva aperta. Giovedì l'equipaggio e la squadra di controllo di volo hanno lavorato assieme per risistemare la valvola e riattivare il PPA e verificare l'operatività del MTL. Mentre lunedì gli americani installavano la nuova pompa l'ingegnere di volo Nikolai Budarin aggiornava il software del computer del sistema Russo. Mercoledì l'equipaggio ha aiutato i controllori di volo a comandare, tramite il computer, lo spegnimento di molti sistemi della stazione e dell'equipaggiamento scientifico. Dopo che il sistema di computer Russo è stato riavviato un terminale del modulo Zvezda non riusciva a comunicare con il computer GNC n.2 (Guida, Navigazione e Controllo) della sezione USA che si trovava al comando in quel momento. Questo ha obbligato i computer USA a disattivare i sistemi non critici. I controllori di Volo di Houston hanno poi riavviato tutto nel giro di poche ore e il controllo dell'orientamento non è mai stato perduto e non si sono avuti danni ai sistemi della stazione. Il trio ha iniziato a controllare la tempistica per la seconda passeggiata spaziale della loro permanenza ora prevista per l'8 aprile. Bowersox e Pettit, che hanno condotto la prima passeggiata della missione il 15 gennaio, si preparano per un'altra escursione mirata a diversi siti sulla struttura a traliccio dove dovranno riconfigurare connettori di energia, montare luci su uno dei carrelli CETA, aggiungere una seconda sorgente di energia per i giroscopi della stazione, sistemare le coperture termiche del sistema di controllo termico della stazione. Questa sarà la 51° passeggiata spaziale per la costruzione della stazione, la 26° che viene eseguita dalla stazione stessa. Dopo settimane di attento esame del problema che ha causato il guasto elettrico nel MSG un gruppo di esperti dell'ESA ha approvato il ritorno alle normali operazioni dell'attrezzatura posta nel modulo laboratorio Destiny. L'apparato, che fornisce un ambiente controllato per esperimenti scientifici in microgravità che coinvolgono fluidi, fiumi e fiamme, era rimasto fuori uso fin dal guasto avvenuto ai due trasformatori a metà novembre. All'inizio di febbraio il componente era stato sostituito ma dopo l'accensione l'MSG mostrava segni simili a quelli notati appena prima del guasto dello scorso anno. Da quel momento Pettit ha lavorato assieme al team del Payload Operations Center at NASA’s Marshall Space Flight Center di Huntsville, Alabama e specialisti dell'ESA per completare una serie dettagliata di test e non sono stati scoperti guasti od inusuali correnti elettriche. La scorsa settimana l'MSG è stato attivato e valutato ed è stato dichiarato pienamente operativo. Martedì mattina Bowersox e Pettit hanno parlato degli obiettivi della missione e dei loro progressi con la  WISH-TV di Indianapolis (Bowersox viene dalla vicina Bedford, Indiana) e con il quotidiano del paese luogo di nascita di Pettit, Silverton, Oregon. Il prossimo rapporto sulla stazione verrà pubblicato venerdì 28 marzo o prima se gli eventi lo richiederanno.

ISS Status Report 03-11

 

Giorno 125 - 28/03/2003 - L'equipaggio di Spedizione Sei ha completato la loro 18° settimana a bordo della Stazione Spaziale Internazionale preparandosi per la seconda passeggiata spaziale e per il loro ritorno sulla Terra a bordo del veicolo russo previsto per maggio. Il comandante Ken Bowersox, l'ingegnere di volo Nikolai Budarin e l'ufficiale scientifico NASA della ISS Don Pettit hanno trascorso la settimana avvantaggiandosi con l'agenda scientifica del maggior apparato di ricerca, l'MSG che finalmente lavora di nuovo dopo settimane di problemi elettrici. L'MSG, che fornisce un ambiente completamente isolato per delicati esperimenti che coinvolgono fluidi o fiamme, ha completato una lunga serie di test questa settimana ed è stato dichiarato operativo ad iniziare da lunedì. Per primo l'esperimento conosciuto come InSpace (acronimo di Investigating the Structure of Paramagnetic Aggregates from Colloidal Emulsions) che studia come le particelle e gruppi di particelle rispondono ad un campo magnetico esterno. Questo esperimento è un passo nella futura produzione di liquidi migliorati per i freni e sistemi di assorbimento di vibrazioni e nuove applicazioni come ammortizzatori sismici per realizzare alti edifici più resistenti ai terremoti. Intanto a bordo continua la preparazione per la seconda attività extraveicolare di questo equipaggio

ISS Status Report 03-13

Giorno 132 - 04/04/2003 - 

Giorno 136 - 08/04/2003 -

 

WB01540_.gif (1377 byte)  Torna alla Pagina di Spedizione Sei


QUESTO RAPPORTO CONTINUO DI QUELLO CHE ACCADE A BORDO DELLA STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE VIENE TRADOTTO DALL'ORIGINALE NASA CHE POTETE TROVARE A QUESTO INDIRIZZO: http://www.spaceflight.nasa.gov/station/index.html

 

Ultimo aggiornamento 10/04/2003

Sito curato da Massimo Martini