stspatch-small.gif (8401 byte)

Shuttle - 1990


werhsepd.gif (1132 byte)

Oltre allo stemma della missione abbiamo inserito numero STS, il numero progressivo del lancio fra parentesi, l'Orbiter ed il suo numero progressivo di volo, il numero di astronauti a bordo fra parentesi e abbreviato Comandante in com., il Pilota in pil., gli Specialisti di Missione in sm., il luogo del lancio è sempre la base del Kennedy Space Center in Florida abbreviata in KSC, AFB sta per Air Force Base di Edwards in California.

werhsepd.gif (1132 byte)

sts32_patch.gif (11620 byte)STS-32 (33) - OV102 Columbia (9) - Equipaggio (5): com. Daniel C. Brandetein, pil. James D. Wetherbee, sm. Bonnie J. Dumbar, Marsha S. Ivins e G. David Low - Lancio 9/1/1990 - Rientro Edwards AFB 20/1/1990 - Durata 10g.21h.36s. - Orbite 172 - Carico utile: SYNCOM IV-F5 (satelite per telecomunicazioni della Difesa conosciuto anche come LEASAT 5) e recupero di LDEF (piattaforma con vari esperimenti deposta nello spazio dalla missione 41-C). Note: record nella durata, fino a questo momento, di una missione shuttle. Lancio previsto il 18 dicembre 1989 rinviato per permettere la conclusione delle modifiche al PadA non più usato dalla tragica missione del Challenger. Secondo tentativo il giorno 8 gennaio rinviato per le avverse condizioni meteo. Atterraggio notturno. Anche su questo volo effettuato esperimento AMOS.

 

sts36_patch.gif (11019 byte)STS-36 (34) - OV104 Atlantis (6) - Equipaggio (5): com. John O. Creighton, pil. John H. Casper, sm. David C. Hilmers, Richard M. Mullane e Pierre J. Thuot - Lancio 28/2/1990 - Rientro Edwards AFB 4/3/1990 - Durata 4g.10h.18m.22s. - Orbite 72 - Carico utile: DOD. Note: quinta missione interamente dedicata al Dipartimento della Difesa. Lancio notturno. Tentativi di lancio il 22 febbraio poi il 23 e 24 rinviati per condizioni meteo avverse e malattia dell'equipaggio. Il 25 per un guasto ai computer a Terra e il 26 rinviato nuovamente per le condizioni meteo. Sesta missione interamente dedicata al Dipartimento della Difesa.

 

sts31_patch.gif (16301 byte)STS-31 (35) - OVDiscovery (10) - Equipaggio (5): com. Loren J. Shriver, pil. Charles F. Bolden, sm. Steven A Hawley, Bruce McCandless e Kathryn D. Sullivan - Lancio 24/4/1990 - Rientro Edwards AFB 29/4/1990 - Durata 5g.1h.16m.6s. - Orbite 80 - Carico utile: HST (Hubble Space Telescope). Note: Oltre alla messa in orbita, a circa 380 miglia dalla Terra, del Telescopio spaziale Hubble a bordo trovavano posto molti altri esperimenti fra cui camere da ripresa IMAX sia dentro la stiva che nella cabina di guida e crescita di cristalli in microgravità. Lancio previsto per il 10 aprile fermato a T-4m. per un guasto ad una valvola di una unità ausiliaria. Il 24 aprile conteggio fermato a T-31s. per problemi con un computer poi risolti e ripartito regolarmente. Anche su questo volo effettuato esperimento AMOS.

 

sts41_patch.gif (12240 byte)STS-41 (36) - OV103 Discovery (11) - Equipaggio {5): com. Richard N. Richards, pil. Robert D. Cabana, sm. William M. Shepherd, Bruce E. Melnick e Thomas D. Akers - Lancio 6/10/1990 - Rientro Edwards AFB 10/10/1990 - Durata 4g.2h.10m.4s. - Orbite 66 - Carico utile: sonda ULYSSES costruita dall'ESA destinata allo studio dei poli del Sole e immessa in una traiettoria fuori dall'eclittica grazie all'uso per la prima volta di due stadi: lo IUS e il PAM S. Note: Altri carichi utili a bordo dello shuttle e fra i quali esperimenti sugli ultravioletti, sulla divisione delle cellule e sui polimeri. Anche su questo volo effettuato esperimento AMOS.

 

sts38_patch.gif (11642 byte)STS-38 (37) - OV104 Atlantis (7) - Equipaggio (5): com. Richard O. Covey, pil. Frank L. Culbertson, sm. Charles D. Gemar, Carl J. Meade e Robert C. Springer - Lancio 15/11/1990 - Rientro Kennedy SC 20/11/1990 - Durata 4g.21h.54m.31s. - Orbite 79 - Carico utile: DOD. Note: lancio notturno. Settima missione interamente dedicata al Dipartimento della Difesa. Sesto rientro al Kennedy Space Center in Florida a causa del vento forte a Edwards dove era previsto il giorno prima. Missione originariamente prevista per luglio venne rinviata per la scoperta di una perdita di idrogeno liquido nell'orbiter Columbia. Dopo svariate vicissitudini venne deciso di lanciare prima la missione all'Atlantis.

 

sts35_patch.gif (13758 byte)STS-35 (38) - OV102 Columbia (10) - Equipaggio (7): com. Vance D. Brand, pil. Guy S. Gardner, sm. Jeffrey A. Hoffman, John M. Lounge, Robert. A. R. Parker e specialisti del carico utile Ronald A. Parise e Samuel T. Durrance - Lancio 2/12/1990 - Rientro Edwards AFB 10/12/1990 - Durata 8g.23h.5m.8s. - Orbite 144 - Carico utile: ASTRO 1 (osservatorio astronomico provvisto di quattro telescopi piazzato nella stiva dello shuttle). Note: Lancio inizialmente previsto per il 16 maggio sul Pad39A spostato al 30 per una perdita di liquido refrigerante nel sistema di raffreddamento dell'orbiter. Il 30 maggio nuovo rinvio dopo la scoperta di una perdita di idrogeno da un condotto dalla torre di lancio al serbatoi esterno. Dopo alcuni test e visto che il problema non poteva essere riparato sulla rampa la navetta veniva riportata nel VAB il 17 giugno. Il 9 agosto il Columbia veniva riportato sulla rampa PAD39A per il lancio fissato il 1° settembre, ma due giorni prima un problema con l'apparecchiatura di Astro-1 provoca un nuovo rinvio al 6 settembre. Durante il rifornimento dell'idrogeno viene scoperta una nuova perdita ed il lancio viene spostato al 18 settembre ma una nuova perdita costringe al rinvio della missione fino a che non possa essere risolto definitivamente il problema. Il Columbia viene trasferito al PAD39B per lasciare il posto alla navetta Atlantis missione STS-38. Il 9 ottobre il Columbia viene riportato di nuovo al VAB per l'avvicinarsi dell'uragano Klaus. Il 14 ottobre la navetta viene riportata al PAD39B e dopo un controllo viene accertato che la perdita di idrogeno è stata riparata ed il lancio fissato per il 2 dicembre. Lancio rinviato di 21 minuti per le nuvole basse al KSC.

 

werhsepd.gif (1132 byte)

Ultima modifica 13/05/2017

WB01540_.gif (632 byte)  Torna alla Home Page

Sito curato da Massimo Martini