stspatch-small.gif (8401 byte)

Shuttle - 1993


werhsepd.gif (1132 byte)

Oltre allo stemma della missione abbiamo inserito numero STS, il numero progressivo del lancio fra parentesi, l'Orbiter ed il suo numero progressivo di volo, il numero di astronauti a bordo fra parentesi e abbreviato Comandante in com., il Pilota in pil., gli Specialisti di Missione in sm., il luogo del lancio è sempre la base del Kennedy Space Center in Florida abbreviata in KSC, AFB sta per Air Force Base di Edwards in California.

werhsepd.gif (1132 byte)

sts54_patch.gif (11042 byte)STS-54 (53) - OV105 Endeavour (3) - Equipaggio (5): com. John H. Casper, pil. Donald R. McMonagle, sm. Mario Runco, Gregory J. Harbaugh e Susan J. Helms - Lancio 13/1/1993 - Rientro KSC 19/1/1993 - Durata 5g.23h.38m.19s. - Orbite 96 - Carico utile: TDRS F (sesto satellite per telecomunicazioni fra la Terra e le navi spaziali ribattezzato TDRS 6) e DXS (Spettrometro a raggi X posto nel vano di carico) oltre a vari altri esperimenti. Note: EVA di circa 5 ore effettuata l'ultimo giorno di missione da Runco e Harbaugh dentro il vano di carico per sperimentare il lavoro a gravita' zero.

 

sts56_patch.gif (10043 byte)STS-56 (54) - OV103 Discovery (16) - Equipaggio (5): com. Kenneth Cameron, pil. Stephen S. Oswald, sm. Kenneth D. Cockrell, Michael Foale e Ellen Ochoa – Lancio 8/4/1993 – Rientro KSC 17/4/1993 – Durata 9g.6h.8m.24s. – Orbite 148 – Carico utile: ATLAS 2 (serie di esperimenti sullo studio dell’energia solare in relazione all'atmosfera terrestre e dell’influenza sullo strato di ozono posti nel vano di carico spacelab) e SPARTAN 201 (piattaforma riutilizzabile per lo studio astronomico posta fuori del vano di carico con il Canadarm e recuperata dopo due giorni). Note: Lancio notturno. Lancio previsto originariamente per il 6 aprile bloccato a T-11s. per un computer che aveva rilevato una anomala pressione in una valvola di un motore principale. Rientro previsto il giorno 16 rimandato a causa delle cattive condizioni meteo al KSC. Altri esperimenti posti nel vano di carico e nel ponte mediano fra i quali AMOS.

 

sts55_patch.gif (12670 byte)STS-55 (55) – OV102 Columbia (14) – Equipaggio (7): com. Steven R. Nagel, pil. Terence T. Henricks, com. del carico utile Jerry L. Ross, sm. Charles J. Precourt, Beranrd A. Harris, specialisti del carico utile Ulrich Walter e Hans William Schlegel – Lancio 26/4/1993 – Rientro Edwards AFB 6/5/1993 – Durata 9g.23h.39m.59s. – Orbite 160 – Carico utile: SPACELAB D-2 (seconda missione diretta dalla Germania). Note: 88 esperimenti di varia natura, sui materiali, biologia, applicazioni tecnologiche, osservazioni della Terra, astronomia e fisica atmosferica. L’equipaggio diviso in due squadre per coprire tutte le 24 ore. Harris, un medico, eseguiva la prima intravenosa nello spazio iniettando una soluzione salina a Schlegel per dimostrare di poter eseguire queste piccole manovre madiche in assenza di gravità. Lancio inizialmente previsto per febbraio slittato a marzo per un problema alle turbine dei motori principali. Il 14 marzo nuovo rinvio per un problema idraulico. Il 21 marzo ancora un rinvio per un lancio concomitante di un Delta II. Il giorno seguente lancio abortito a T-3s. quando il computer rilevava una accensione irregolare di uno dei tre motori principali. Primo lancio abortito al momento dell’accensione motori dopo la ripresa dei voli nel 1988 e terzo nella storia dello shuttle (51-F e 41-D gli altri). Lancio riprogrammato per il 24 aprile di nuovo rinviato per letture errate di una delle tre unità inerziali (IMU). Concesse 48 ore per rimpiazzare l’unità a finalmente il 26 aprile il lancio. Missione estesa di un giorno viste le riserve in buono stato.

 

sts57_patch.gif (12024 byte)STS-57 (56) – OV105 Endeavour (4) – Equipaggio (6): com. Ronald J. Grabe, pil. Brian Duffy, com. del carico utile G. David Low, sm. Nancy Jane Sherlock, Janice E. Voss e Peter J. K. Wisoff – Lancio 21/6/1993 – Rientro KSC 1/7/1993 – Durata 9g.23h.44m.54s. – Orbite 155 – Carico utile: SPACEHAB 1 (modulo pressurizzato che raddoppia lo spazio utile per gli esperimenti), recupero di EURECA (satellite con decine di esperimenti a bordo lanciato da STS-46).Note: Lancio previsto per metà maggio poi spostato al 3 giugno per permettere lancio e rientro diurno, ma in quella data una verifica portò alla luce un problema alla turbopompa dell’idrogeno dei motori principali. Lancio rinviato al 20 giugno bloccato a T-5m. per nuvole basse e pioggia al KSC e condizioni meteo avverse in tutti i tre i siti transoceanici di emergenza. Rientro previsto il 29 e poi 30 giugno rinviati per il maltempo al KSC. Primo volo del modulo Spacehab nel vano di carico. Il 25 giugno EVA di Low e Wisoff che per prima cosa ritraggono manualmente l’antenna di EURECA, recuperato il giorno prima, che i controllori a Terra non riuscivano ad eseguire. Il resto dell’EVA, della durata complessiva di 5h.50m., i due astronauti effettuano gli esperimenti previsti.

 

sts51_patch.gif (9295 byte)STS-51 (57) – OV103 Discovery (17) – Equipaggio (5): com. Frank L. Culbertson Jr., pil. William F. Readdy, sm. James H. Newman, Daniel W. Bursch e Carl E. Walz – Lancio 12/9/1993 – Rientro KSC 22/9/1993 – Durata 9g.20h.11m.11s. – Orbite 157 – Carico utile: ACTS (satellite per tecnologia avanzata in telecomunicazioni e messo in orbita geosincrona grazie ad un motore TOS, Stadio per Trasferimento Orbitale) e ORFEUS-SPAS (piattaforma per ricerche astronomiche dell’ultravioletto deposto con il Canadarm fuori dalla stiva di carico e recuperato dopo sei giorni di volo libero). Note: primo tentativo di lancio il 17 luglio bloccato a T-20m. per un problema tecnico. Il 24 luglio di nuovo stop a T-19s. per un problema ad una turbina ausiliaria. Il terzo tentativo fissato per il 4 agosto venne poi spostato al 12 per non incorrere durante il picco delle Perseidi. A T-3s. nuovo aborto del lancio per un allarme di un sensore dei motori principali. Quarto aborto a pochi secondi dal lancio nella storia dello shuttle e il secondo nel 1993. Tutti e tre i motori sostituiti sulla rampa e lancio finalmente fissato per il 12 settembre. Il 16 EVA di Newman e Wals durata 6h.5m.28s. per sperimentare varie tecniche per l’imminente missione di servizio al Telescopio Spaziale Hubble. Anche in questa missione sono diversi gli esperimenti posti nel vano di carico fra i quali AMOS. Primo atterraggio notturno al Kennedy Space Center. Missione prolungata di un giorno per le condizioni meteo in Florida.

 

sts58_patch.gif (14317 byte)STS-58 (58) – OV102 Columbia (15) – Equipaggio (7): com. John E. Blaha, pil. Richard A. Searfoss, com. del carico utile M. Rhea Seddon, sm. William S. McArthur, David. A. Wolf e Shannon Lucid, specialista del carico utile Martin J. Fettman – Lancio 18/10/1993 – Rientro Edwards AFB 1/11/1993 – Durata 14g.12m.23s. – Orbite 225 – Carico utile: SLS 2 (seconda missione dedicata alla Medicina ospitata nel modulo Spacelab). Note: primo tentativo di lancio il 14 ottobre bloccato a T-31s. per un problema al computer, secondo tentativo il 15 ottobre fermato a T-9m. per il guasto della radio in banda S dell’orbiter. Il 18 ottobre piccolo rinvio di alcuni secondi per un aereo non autorizzato in zona di lancio. Missione shuttle più lunga nella storia. Decine di esperimenti medici che coinvolgono l’equipaggio ed anche varie specie animali ospitate a bordo. Durante la missione sei topolini cavie vennero uccisi e dissezionati raccogliendo così campioni di tessuti in assenza di gravità. Con questo volo Shannon Lucid compie il suo quarto volo nello spazio accumulando così ben 838 ore in orbita.

 

sts61_patch.gif (15706 byte)STS-61 (59) – OV105 Endeavour (5) – Equipaggio (7): com. Richard O. Covey, pil. Kenneth D. Bowersox, com. del carico utile F. Story Musgrave, sm. Jeffrey A. Hoffman, Kathryn C. Thornton, Tom Akers e Claude Nicollier (ESA, nazionalità svizzera) - Lancio 2/12/1993 – Rientro KSC 13/12/1993 – Durata 10g.19h.58m.37s. – Orbite 163 – Carico utile: Missione di Servizio del TELESCOPIO SPAZIALE HUBBLE. Note: primo tentativo di lancio il 1 dicembre bloccato per le condizioni meteo avverse sulla pista del Kennedy. Lancio e rientro notturni. Missione dedicata al sevizio del Telescopio Spaziale Hubble. Eseguite ben sei EVA da parte di due coppie di astronauti alternatesi al lavoro. Il terzo giorno di missione Nicollier aggancia Hubble con il Canadarm e lo depone nella baia di carico. Il giorno seguente prima EVA di Musgrave e Hoffman durata 7h.54m. durante i quali rimpiazzano i giroscopi. Solo un piccolo problema al momento della chiusura dei portelli del telescopio. La seconda EVA viene compiuta da Thronton e Akers che in 6h.35m. sostituiscono i pannelli solari. La terza EVA vede di nuovo impegnati Hoffman e Musgrave che sostituiscono diversi strumenti scientifici in 6h.48m. La quarta EVA di Thornton e Akers dura 6h.50m. ed è ancora focalizzata sull’aggiornamento di diversi strumenti. La quinta ed ultima EVA di Hoffman e Musgrave si protae per 7h.21m. e vengono installati altri strumenti. Prima del rilascio del telescopio lo shuttle alza la sua orbita a 595 chilometri. La missione è un vero successo e il Presidente Clinton e il vice Gore si collegano con l’equipaggio per le congratulazioni.

 

werhsepd.gif (1132 byte)

Ultima modifica 23/11/2000

WB01540_.gif (632 byte)  Torna alla Home Page

Sito curato da Massimo Martini