stspatch-small.gif (8401 byte)

Shuttle - 1997


werhsepd.gif (1132 byte)

Oltre allo stemma della missione abbiamo inserito numero STS, il numero progressivo del lancio fra parentesi, l'Orbiter ed il suo numero progressivo di volo, il numero di astronauti a bordo fra parentesi e abbreviato Comandante in com., il Pilota in pil., gli Specialisti di Missione in sm., il luogo del lancio è sempre la base del Kennedy Space Center in Florida abbreviata in KSC, AFB sta per Air Force Base di Edwards in California.

werhsepd.gif (1132 byte)

STS-81 (81) - OV-104 Atlantis (18) - Equipaggio (6 su - 6 giù): com. Michael A. Baker (4), pil. Brent W. Jett Jr. (2), sm. Peter J.K. "Jeff" Wisoff (3), John M. Grunsfeld (2) e Marsha S. Ivins (4), specialista di missione e cosmonauta ricercatore Jerry M. Lieneger (2 shuttle - 1 MIR) e rientro di John E. Blaha (5 shuttle - 1 MIR - 118g.)- Lancio: 12/1/1997 - Rientro: 22/1/1997 KSC - Durata 10g.4h.55m.21s. - Orbite 160 - Carico Utile: SPACEHAB DM, quinto attracco alla MIR. Note: Rientro alla seconda opportunità. Missione che ha portato il terzo astronauta americano sulla MIR ed ha riportato a Terra John Blaha che ha trascorso 118 giorni sulla stazione russa e 128 in orbita. Attracco avvenuto il 14 gennaio alle 10.55 p.m. est (le 5.55 del 15 gennaio ora italiana). Portati circa 2700 chilogrammi di rifornimenti alla stazione fra cui acqua, cibo ed attrezzature scientifiche USA e russe. Riportati a Terra circa 800 chilogrammi di materiali. L'equipaggio ha testato anche il sistema TVIS (Treadmill Vibration Isolation and Stabilization System - sistema stabilizzato di isolamento dalle vibrazioni) che verrà utilizzato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per evitare che il movimento degli astronauti danneggi gli esperimenti a bordo. Lo sgancio è avvenuto il 19 gennaio seguito da un sorvolo della navetta attorno alla stazione MIR.

 

STS-82 (82) - OV-103 Discovery (22) - Equipaggio (7): com. Kenneth D. Bowersox (4), pil. Scott J. "Doc" Horowitz (2), comandante del carico utile Mark C. Lee (4), sm. Steven A Hawley (4), Gregory J. Harbaugh (4). Steven L. Smith (2) e Joseph R. "Joe" Tanner (2). Lancio: 11/2/1997 Pad 39/A - Rientro: 21/2/1997 KSC pista 15 - Durata: 9g.23h.37m.9s. - Orbite: 150 - Carico Utile: Hubble Space Telescope missione di servizio. - Note: HST/SM2 (Seconda missione di servizio al Telescopio Spaziale Hubble). Lancio originariamente previsto per il 13 febbraio anticipato per avere migliori opportunità di lancio. Rientro alla seconda opportunità a causa delle nubi basse. Nono atterraggio notturno. Effettuate cinque EVA per completare l'aggiornamento delle apparecchiature a bordo del HST. Il telescopio venne agganciato dal Canadarm il 13/2 e posto nel vano di carico un'ora dopo. La prima EVA venne effettuata da Lee e Smith il 13/2 e durò 6h.42m. La seconda EVA venne effettuata da Harbaugh e Tanner il 14/2 e durò 7h.27m. La terza EVA venne effettuata il 15/2 ancora da Lee e Smith e durò 7h.11m. La quarta di Harbaugh e Tanner il 16/2 e durò 6h.34m e la quinta non programmata ancora da Lee e Smith che in 5h.17m. effettuarono una riparazione di emergenza sull'isolamento termico del telescopio. Il Discovery effettuò poi diverse accensioni dei piccoli motori di manovra per alzare l'orbita di HST di 14 chilometri. L'HST venne rilasciato nello spazio il 19 febbraio e da quel momento opera alla più alta orbita mai raggiunta in precedenza: 536x513 chilometri. Nelle settimane seguenti è stata effettuata la calibrazione dei nuovi strumenti e tutto ha funzionato perfettamente migliorando di molto le prestazioni del telescopio.

 

STS-83 (83) - OV-102 Columbia (22) - Equipaggio (7): com. James D. Halsell Jr. (3), pil. Susan L. Still (1), comandante del carico utile Janice Voss (3), sm. Michael L. Gernhardt (2), Donald Thomas (3), Roger K. Crouch (1) e Gregory T. Linteris (1). Lancio 4/4/1997 Pad 39/A - Rientro 8/4/1997 KSC pista 33 - Durata: 3g.23h.12m.39s. - Orbite 64 - Carico utile: Spacelab MSL-1 Laboratorio di Scienza della Microgravità. Note: lancio previsto inizialmente per il 3 aprile rinviato per permettere di incrementare l'isolamento di una tubatura dell'acqua nel vano di carico dell'orbiter. La prima missione del Laboratorio Scientifico di Microgravità venne accorciata quando una delle celle a combustibile che producono elettricità quando lo shuttle è in orbita iniziò a dare dei voltaggi differenti da quelli previsti. Nonostante i tentativi di farla funzionare regolarmente non si riuscì e quindi la cella a combustibile n.2 venne disattivata. A bordo vi sono tre celle a combustibile e anche una soltanto basterebbe a mantenere la missione ma le procedure di sicurezza della NASA non permettono di continuare quando anche una sola è fuori uso e quindi il 6 aprile il Centro Controllo Missione decise di far rientrare lo shuttle. Nonostante il rientro anticipato l'equipaggio riuscì a compiere alcuni esperimenti sulla microgravità nello Spacelab MSL-1. Una volta che il Columbia tornò sulla Terra venne deciso di compiere nuovamente la missione alcuni mesi dopo rinominandola STS-94.

 

STS-84 (84) - OV-104 Atlantis (19) - Equipaggio (7): com. Charles J. Precourt (3), pil. Eileen Collins (2), comandante del carico utile Jean-Francois Clervoy (Francia/ESA - 2), sm. Carlos I. Noriega (1), Edward T. Lu (1), Elena V. Kondakova (Russia - 2 - 1 shuttle), sm. E cosmonauta ricercatore Michael C. Foale (4 shuttle - 1 MIR) e rientro di Jerry M. Linenger (2 shuttle - 1 MIR - 123g.). - Lancio: 15/5/1997 Pad 39/A - Rientro: 24/5/1997 KSC pista 33 - Durata: 9g.5h.19m.56s. - Orbite: 144 - Carico utile: SPACEHAB DM, sesto attracco alla MIR. Note: atterraggio alla seconda occasione a causa di nubi basse sul Kennedy. Sesto attracco alla stazione spaziale MIR e quarto cambio successivo di astronauta americano a bordo raggiungendo il traguardo di un anno di presenza ininterrotta nello spazio di americani. Linenger rimase 123 giorni sulla MIR e 132 nello spazio. Durante la permanenza di Linenger è stata effettuata la prima EVA congiunta USA/Russia assieme al comandante MIR-23 Vasily Tsibliev durata 5h.. Il 23 febbraio un incendio scoppiò a bordo della MIR ma causò minimi danni anche se costrinse i cosmonauti a rimanere con la maschera ad ossigeno per 36 ore. L'aggancio dell'Atlantis venne effettuato il 16 maggio e dopo l'apertura dei portelli ed i saluti dei due equipaggi venne subito iniziato il trasferimento del materiale fra cui un nuovo generatore di ossigeno Elektron. In totale vennero trasferiti circa 2 tonnellate di rifornimenti. Per Foale erano previsti 35 esperimenti da effettuare e che spaziavano fra tutte le discipline. Lo sgancio avvenne il 21 maggio e vennero eseguiti dei test di sensori per un sistema europeo di aggancio per il futuro ATV (Veicolo di Trasferimento Automatico). Altri esperimenti vennero condotti all'interno dello SPACEHAB DM posto nella stiva della navetta.

 

STS-94 (85) - OV-102 Columbia (23) - Equipaggio (7): com. James D. Halsell Jr. (4), pil. Susan L. Still (2), comandante del carico utile Janice Voss (4), sm. Michael L. Gernhardt (3), Donald Thomas (4), Roger K. Crouch (2) e Gregory T. Linteris (2). Lancio: 1/7/1997 Pad 39/A - Rientro: 17/7/1997 KSC pista 33 - Durata: 15g.16h.44m.34s. - Orbite: 251 - Carico Utile: MSL-1 rivolo - Note: Lancio rinviato 12 minuti a causa delle condizioni meteo. Primo volo eseguito nuovamente con lo stesso orbiter, equipaggio e carico utile nel giro di pochi mesi per il problema alla cella a combustibile durante STS-83 in aprile. L'equipaggio ha mantenuto due turni in modo da poter lavorare all'interno dello Spacelab in modo continuativo e sperimentare alcune attrezzature e procedure che verranno utilizzate sulla Stazione Spaziale Internazionale. I 33 esperimenti a bordo di MSL-1 comprendevano la combustione in assenza di gravità, la biotecnologia e lo studio di nuovi materiali. Tutti gli esperimenti sono andati oltre le aspettative ed hanno contribuito in maniera incredibile alla comprensione di molti processi chimici e biologici. Anche la produzione di cristalli di varie proteine per combattere malattie quali il cancro, diabete ed AIDS è stata la più alta che in ogni missione precedente. Gli esperimenti erano seguiti dal Centro Controllo Spacelab di Houston con il contributo di NASA, ESA, Agenzia Spaziale Tedesca e NASDA giapponese.

 

STS-85 (86) - OV-103 Discovery (23) - Equipaggio (6): com. Curtis L. Brown Jr. (4), pil. Kent V. Rominger (3), comandante del carico utile Jan Davis (3), sm. Robert L. Curbean (1), Stephen K. Robinson (1) e Bjarni V. Tryggvason (Agenzia Spaziale Canadese - 1). Lancio: 7/8/1997 Pad 39/A - Rientro: 19/8/1997 KSC pista 33 - Durata: 11g.20h.26m.59s. - Orbite: 190 - Carico utile: CRISTA - SPAS-02, satellite per lo studio atmosferico rilasciato con il braccio Canadarm e poi recuperato e riportato a Terra. Note: Rientro con 24 ore di ritardo a causa della nebbia al KSC. Secondo volo del CRISTA-SPAS-02, un progetto congiunto NASA/DARA (Agenzia Spaziale Tedesca) di una piattaforma che viene rilasciata nello spazio e poi recuperata prima del rientro della navetta. Lo scopo di questa missione era lo studio dell'alta atmosfera grazie a tre telescopi spettrometri ad infrarossi posti sul CRISTA/SPAS 02. Prima di essere recuperato il 16 agosto è stato anche usato come allenamento alla missione STS-88 per l'aggancio del Nodo-1 al modulo FGB della costruenda Stazione Spaziale Internazionale. Altri esperimenti a bordo del vano di carico dello shuttle fra cui MDF giapponese per sperimentare il braccio robotizzato che verrà installato sul modulo giapponese della ISS, TAS-1 che comprendeva otto esperimenti dimostrativi su tecnologie da usare sulle navi spaziali e IEH-02 che investigava sulla emissione dell'estremo ultravioletto del Sole e l'emissione di plasma dal sistema gioviano. In cabina vari esperimenti biologici ed alcuni per facilitare la movimentazione di grossi carichi utili per la costruzione della ISS.

 

STS-86 (87) - OV-104 Atlantis (20) - Equipaggio (7): com. James D. Wetherbee (4), pil. Michael J. Bloomfield (1), sm. Jean-Loup J.M. Chretien (Francia - CNES - 1), Wendy B. Lawrence (2), Scott. E. Parazynski (2), Vladimir Georgievich Titov (Russia - shuttle 2 - 4), verso la MIR sm. e cosmonauta ricercatore David A. Wolf (shuttle 2 - MIR 1) e ritorna dalla MIR sm. e cosmonauta ricercatore C. Michael Foale (shuttle 5 - MIR 1 - 145g.). Lancio: 25/9/1997 Pad 39/A - Rientro 6/10/1997 KSC pista 15 - Durata: 10g.19h.20m.50s. - Orbite 170 - Carico Utile: SPACEHAB DM, settimo attracco alla MIR. Note: alla missione venne dato il via soltanto dopo che una commissione interna alla NASA aveva accertato che la sicurezza della MIR era ancora integra dopo l'incendio a bordo e la collisione del cargo Progress. L'astronauta Wolf diventa il sesto astronauta americano a soggiornare sulla MIR dando il cambio a Foale che rientrava a Terra dopo 145 giorni nello spazio dei quali 134 sulla stazione russa. Mentre Foale era a bordo, il 25 giugno, un cargo Progress, telecomandato dal comandante Tsibliev, andava in collisione con il modulo Spektr danneggiando i pannelli solari e creando una falla nello scafo. I cosmonauti erano costretti a sigillare il modulo che conteneva, fra l'altro, gli esperimenti USA. Una prevista EVA all'interno di Spektr per cercare di risistemare il modulo veniva cancellata perché al comandante Tsibliev veniva riscontrata un'anomalia cardiaca. L'EVA verrà in seguito eseguita dall'equipaggio di MIR-24 che arrivò alla stazione il 7 agosto. Il 5 settembre Foale e Solovyev condussero un'EVA all'esterno di Spektr per cercare la falla nello scafo ma senza risultato. Il 27 settembre l'Atlantis agganciò la MIR e Wolf prese il posto di Foale a bordo della MIR. Vennero trasferite più di quattro tonnellate di materiale dallo shuttle alla stazione spaziale e venne eseguita il 1° ottobre un'EVA congiunta USA/Russia (la prima in una missione shuttle) da parte di Titov e Parazynski della durata di 5h.1m. Il 3 ottobre lo shuttle si sganciò dalla MIR e, dopo un giro d'ispezione attorno alla stazione per verificare i danni al modulo Spektr, si allontanò. Altri esperimenti vennero condotti a bordo dell'Atlantis sulle proteine e culture di cellule.

 

STS-87 (88) - OV-102 Columbia (24) - Equipaggio (6): com. Kevin R. Kregel (3), pil. Steven W. Lindsey (1), sm. Kalpana Chawla (1), Takao Doi (Giappone - NASDA - 1), Winston E. Scott (2) e Leonid K. Kadenyuk (Ucraina - NSAU - 1) - Lancio: 19/11/1997 Pad 39/B - Rientro: 5/12/1997 KSC Pista 33 - Durata: 15g.16h.34m.04s. - Orbite 252 - Carico Utile: USMP-4, Spartan-201/4 Note: Primo utilizzo dal gennaio 1997 della rampa 39/B dopo sostanziali modifiche. Per la quarta volta ha volato come carico utile principale USMP (United States Microgravity Payload) con decine di esperimenti sulle condizioni in mocrogravità. A bordo anche Spartan-201 che però ebbe un problema durante il rilascio con il Canadarm ed entrò in rotazione impedendone l'utilizzo e rendendo difficile anche il recupero. Tre giorni dopo il rilascio venne effettuata una EVA da parte di Scott e Doi che manualmente dovettero recuperare la piattaforma Spartan. Il giapponese Doi è il primo del suo paese ad effettuare una EVA. Tutti gli esperimenti sui materiali, la combustione e la fisica fondamentale, svolti a bordo di USMP-4 funzionarono perfettamente. A bordo dello shuttle anche il primo astronauta Ucraino che accompagnava vari esperimenti di biologia. L'orbiter funzionò in modo egregio durante tutta la missione, l'ottava dell'anno.

 

werhsepd.gif (1132 byte)

Ultima modifica 5/4/2001

WB01540_.gif (632 byte)  Torna alla Home Page

Sito curato da Massimo Martini