Shuttle - STS 110

 

werhsepd.gif (1132 byte)

.............

Nella foto in alto a sinistra la navetta Atlantis mentre decolla dlla rampa di lancio 39/B, qui sopra lo stemma della missione e l'equipaggio: da sinistra in basso il pilota Stephen N. Frick, l'ingegnere di volo Ellen Ochoa e il Comandante della missione Michael J. Bloomfield, e da sinistra in piedi gli specilaisti di missione Steven L. Smith, Rex J. Walheim, Jerry L. Ross e Lee M.E. Morin


STS-110 (109) - OV-104 Atlantis (25)

Volo:  8/A - tredicesima missione shuttle dedicata alla costruzione della Stazione Spaziale Internazionale 

Carico Utile: Integrated Truss Structure S0 (traliccio S0 - S-zero) - Mobile Transporter MT-1

Equipaggio: Comandante Michael Bloomfield (3), pilota Stephen Frick (1) e specialisti di missione Jerry Ross (7), Steven Smith (4), Ellen Ochoa (4), Lee M.E. Morin (1) e Rex Walheim (1).

Lancio: 8 aprile 2002 alle 3.44 p.m. CDT (le 22.44 ora italiana) dal Kennedy Space Center, in Florida, Rampa 39/B

Rientro: 19 aprile 2002 alle 11.27 a.m. (le 18.27 ora italiana) al KSC, in Florida.

Durata missione: 10 giorni, 19 ore, 42 minuti

Orbite: 

Inclinazione: 51°60"

Obiettivi della missione: Installare il Traliccio S0 sulla ISS e per far questo saranno necessarie quattro passeggiate spaziali eseguite da due coppie di astronauti. Inoltre verrà installato il Mobile Transporter (MT-1), una specie di slitta che, scorrendo su rotaie poste sul traliccio S0, aiuterà gli astronauti a spostarsi lungo la stazione. In pratica MT-1 sarà il primo "vagone ferroviario" nello spazio.

 

 

werhsepd.gif (1132 byte)

 

Giorno 1 - 08/04/2002 - Oggi alle 4.44 p.m. CST (le 22.44 ora italiana) è stata lanciata con successo la centonovesima missione shuttle con la navetta Atlantis partita per la missione STS-110. Dopo un piccolo problema al software di lancio, avvenuto a T-5 minuti, ed alcuni piccoli aerei  che si trovavano nella zona off-limits del Centro Spaziale Kennedy in Florida è finalmente iniziata questa delicata missione di assemblaggio della Stazione Spaziale Internazionale. A bordo il comandante Michael Bloomfield il pilota Stephen Frick  e specialisti di missione Jerry Ross , Steven Smith , Ellen Ochoa , Lee M.E. Morin e Rex Walheim. Nove minuti dopo il lancio veniva confermata l'entrata in orbita e, dopo l'apertura del vano di carico, iniziava il lavoro a bordo. Con questa missione Jerry Ross compirà il suo settimo volo spaziale stabilendo il record dell'astronauta che è stato più volte nello spazio. In questo lancio sono stati usati anche i nuovi motori della navetta del tipo Block-2. Questo nuovo motore costruito dalla Boeing's Rocketdyne ha migliori performance ed un grado maggiore di affidabilità e sicurezza. A bordo della ISS intanto l'equipaggio di Spedizione Quattro, al quinto mese di permanenza nello spazio, ha assistito al lancio attraverso un collegamento video con il Centro Controllo di Houston, nel Texas. L'equipaggio di Atlantis inizierà il periodo di sonno alle 8.44 p.m. CET (le 3.44 ora italiana del 9 aprile) e si sveglierà alle 4.44 a.m. (le 11.44 ora italiana) di domani per iniziare il primo giorno completo in orbita nel quale verranno controllate le tute spaziali, il braccio robotico e compiute le manovre di avvicinamento alla stazione spaziale. L'attracco è previsto per mercoledì mattina. 

 

Cliccando sull'immagine qui accanto potete scaricare il filmato del lancio della  missione STS-110 - (Formato Quick Time - 1m29s - 1318 Kb) 
Giorno 2 - 09/04/2002 - Guadagnando sulla Stazione Spaziale più di 1.600 chilometri ad ogni orbita l'equipaggio dell'Atlantis si prepara per l'aggancio previsto per mercoledì con il laboratorio orbitante. L'equipaggio ha trascorso la giornata preparando l'equipaggiamento che verrà utilizzato per l'incontro con la ISS e l'installazione del primo pezzo del traliccio centrale portato su da Atlantis. L'equipaggio è stato svegliato alle 4.44 a.m. (le 11.44 ora italiana) con la canzone “The Best Years of Our Lives” eseguita da  Baha Menha ed ha acceso il braccio robotico, controllato le tute spaziali, sistemata una nuova telecamera digitale e preparato il meccanismo di aggancio per il randez-vous con la ISS previsto per mercoledì alle 11.06 a.m. (le 18.06 ora italiana). L'obiettivo principale della missione è l'installazione del segmento S-zero lungo ben 14 metri, uno dei più complessi pezzi mai lanciati della ISS. Il traliccio è pieno di cavi elettrici, computer, connessioni del sistema di raffreddamento, attrezzature per la navigazione ed equipaggiamento robotico, incluso la prima "ferrovia" dello spazio. Nel pomeriggio l'attività degli astronauti è stata interrotta per alcune interviste con TV e giornalisti a Terra. Intanto il comandante Mike Bloomfield e il pilota Steve Frick hanno eseguito una serie di accensioni dei motori orbitali per aggiustare la rotta verso la ISS. L'equipaggio della navetta si è infine recato a dormire alle 7.44 (le 2.44 ora italiana del 10 aprile) Nella foto il vano di carico della navetta Atlantis ripreso con la nuova attrezzatura video digitale.

 

Giorno 3 - 10/04/2002 - L'equipaggio di Atlantis è stato svegliato oggi alle 3.44 a.m. (le 10.44 ora italiana) con il brano “Rapunzel Got a Mohawk,” eseguita da  Joe Scruggs. Il brano è stato eseguito per l'astronauta Ochoa, come richiesta da parte della sua famiglia. Intanto anche a bordo della ISS l'equipaggio di Spedizione Quattro si svegliava alla stessa ora per sincronizzare gli orari. Ormai la distanza fra la stazione e la navetta diminuiva sempre di più e quando è arrivata a circa 200 metri il comandante di Atlantis, Bloomfield, ha preso il controllo manuale per la delicata fase finale di avvicinamento. Alle 12.05 p.m. EDT (le 18.05 ora italiana) è avvenuto l'aggancio con il portello del modulo Destiny mentre il complesso sorvolava a 390 chilometri di altezza la Cina, nei pressi della catena dell'Himalaya. Dopo che tutti i controlli sono stati effettuati il portello fra le due astronavi è stato aperto alle 20.07 ora italiana ed i due equipaggi hanno iniziato a scambiarsi i saluti. Subito dopo è stato effettuata una breve riunione per pianificare le fasi successive della missione. Domani il traliccio S-zero verrà estratto dal vano di carico di Atlantis e piazzato sul modulo laboratorio Destiny. I due equipaggi si sono recati a dormire alle 7.44 p.m. CET (le 2.44 ora italiana del 11 aprile). Nella foto il momento in cui il comandante della navetta attraversa il portello per entrare nella Stazione Spaziale.

 

Giorno 4 - 11/04/2002 - Questa indaffaratissima giornata per l'equipaggio di Atlantis e della ISS è iniziata alle 3.44 a.m. (le 10.44 ora italiana) con le note di “All Right Now" eseguita dalla banda dell'Università di Stanford e da un brano simile dell'Univesità di Berkeley richiesto da Ochoa per i suoi compagni Walheim e Smith che provengono da quelle scuole rivali. Alle 13.08 Ellen Ochoa, assistita dall'astronauta di Spedizione Quattro Dan Bursh e manovrando il braccio robotico della stazione ha agganciato il Traliccio S-zero (pesante 13 tonnellate e mezzo) e lo ha estratto dalla stiva della navetta (vedi foto a lato). Alle 15.47 il traliccio veniva fissato sull'apposito sostegno posto sopra il modulo laboratorio Destiny. Durante questa manovra il comandante Bloomfield ed il pilota Frick hanno utilizzato il braccio robotico della navetta per fornire ulteriori riprese televisive ad Ochoa e Bursch. Dopo questo è  toccato ai due astronauti Steve Smith e Rex Walheim uscire dal portello del modulo di decompressione della stazione Quest. L'EVA è iniziata alle 16.38 ed i due astronauti hanno completato l'aggancio del traliccio al supporto ed in seguito hanno iniziato il collegamento dei vari cavi elettrici, di dati e dei sistemi di raffreddamento. All'interno della navetta Jerry Ross e l'ingegnere di volo della  ISS  Carl Walz aiutavano i due colleghi all'esterno dirigendo la coreografia della passeggiata spaziale. Una volta completati i compiti principali i due astronauti sono rientrati nella ISS alle 0.24 completando un'EVA di ben 7h.48m. Iniziali controlli degli ingegneri a Terra mostrano che i sistemi del Traliccio S-0 sono in perfette condizioni. L'equipaggio si è recato a dormire alle 2.44 e domani eseguirà una giornata di riposo per poi effettuare la seconda EVA programmata per sabato.

 

Giorno 5 - 12/04/2002 - Al contrario di ieri questa giornata, per l'equipaggio di STS-110, è stata quasi di riposo. La sveglia è stata data alle 3.44 a.m. (le 10.44 ora italiana) con la canzone “Testify to Love,” di Wynonna Judd suonata per Bloomfield dalla sua famiglia. Invece per i tre membri dell'equipaggio di Spedizione Quattro la sveglia è arrivata trenta minuti dopo. Oggi tutti gli astronauti hanno partecipato alla movimentazione del materiale portato dalla navetta e destinato alla ISS. Morin e Ross hanno portato degli esperimenti di crescita di piante all'interno del modulo laboratorio Destiny. Questo esperimento sostituisce quello di crescita di proteine che tornerà sulla Terra a bordo di Atlantis. Walheim e Ochoa hanno installato un refrigeratore nel laboratorio per futuri campioni di cristalli.  Inoltre sono stati trasferiti Ossigeno e Azoto dall'Atlantis alla postazione di rifornimento del modulo di decompressione Quest. L'equipaggio ha anche iniziato a controllare l'equipaggiamento che dovrà essere utilizzato nella passeggiata spaziale di Ross a Morin di sabato. Durante un periodo di pausa gli astronauti sono stati anche intervistati da alcune radio USA. I controllori di volo della missione riferiscono che i quattro nuovi computer all'interno del Traliccio S0 sono stati testati con successo come anche il nuovo sistema di posizionamento satellitare GPS ed il sistema di controllo termico. Al termine della giornata i due equipaggi si sono riuniti per passare un pò del tempo libero rimasto assieme e si sono recati a dormire alle 7.44 p.m. (le 2.44 ora italiana del 13 aprile). Nella foto Ellen Ochoa e Jerry Ross rispondono alle domande dei giornalisti.

 

Giorno 6 - 13/04/2002 - Oggi la giornata è iniziata alle 10.44 ora italiana con la sveglia per l'equipaggio di Atlantis effettuato dal Centro Controllo Missione di Houston con il brano “Voodoo Chile,” di Jimi Hendrix suonata in onore di Morin da parte di sua moglie per la sua prima EVA. La seconda passeggiata spaziale di questa missione è iniziata alle 9.09 a.m. CET (le 16.09 ora italiana) quando Jerry Ross (54 anni - con la tuta bianca con strisce rosse) e Lee Morin (49 anni), entrambi nonni e per questo ribattezzati "Silver Team", sono usciti dal portello del modulo di decompressione Quest. Come primo compito hanno completato il fissaggio del Traliccio S0 al modulo Destiny. Intanto dall'interno della stazione Ellen Ochoa e l'ingegnere di volo della Stazione Carl Walz operavano con il Canadarm2 per aiutare i loro colleghi all'esterno. Smith, Walheim e l'ingegnere di volo di Spedizione Quattro Dan Bursch invece aiutavano, dall'interno del ponte di volo della navetta, a coordinare i movimenti. Nel frattempo il comandante di Atlantis Mike Bloomfield, il pilota Steve Frick e il comandante di Spedizione Quattro Yury Onufrienko eseguivano riprese televisive e fotografiche dell'EVA. Fra le operazioni eseguite da Ross e Morin sono state rimosse una serie di coperture del traliccio utilizzate per proteggere la struttura durante il lancio e sono stati installati nuovi cavi per il Mobile Trasporter. Al termine dell'EVA, durata 7h.30m., i due astronauti sono rientrati dal portello del modulo Quest alle 4.39 p.m. (le 23.39 ora italiana). Più tardi Frick ha compiuto un'accensione dei motori orbitali della navetta per alzare di circa 3500 metri la quota della stazione spaziale. Si è trattato della prima di tre accensioni previste durante questa missione per portare la quota ad un'altezza superiore di circa 11 chilometri. I dieci astronauti in orbita si sono recati a dormire alle 7.44 p.m. (le 2.44 ora italiana del 14 aprile). 

 

Giorno 7 - 14/04/2002 - Sveglia alle 3.52 a.m. (le 10.52 ora italiana) per l'equipaggio di Atlantis con il brano “All Star,” eseguito da Smash Mouth dalla colonna sonora del film Shrek da parte della famiglia di Walheim. Invece l'equipaggio di Spedizione Quattro della Stazione Spaziale Internazionale era stato svegliato alcuni minuti prima. Sono poi iniziate le operazioni per la terza passeggiata spaziale prevista ed alle 8.48 a.m. CET (le 14.48 ora italiana) Steve Smith (nella foto con la tuta bianca e strisce rosse) e Rex Walheim sono usciti dal modulo Quest. La prima operazione eseguita è stato il rilascio di una specie di artiglio posto sul modulo laboratorio Destiny e che era servito inizialmente a tenere in posizione il Traliccio S0 appena montato. Infatti dopo che i quattro grossi montanti sono stati assicurati a Destiny non c'èra più il bisogno dell'artiglio.  Poi Smith e Walheim hanno riconfigurato un certo numero di connettori che forniscono energia al braccio robotico della stazioneCanadarm2 che ora può essere alimentato e controllato dal Traliccio S0 piuttosto che da Destiny. Smith ha trascorso gran parte del tempo dell'EVA sulla parte terminale del braccio robotico della navetta, che veniva manovrato dal pilota Frick. Invece Walheim era il cosiddetto "libero galleggiatore" agganciato per un cavo alla stazione. Si è trattata della settima EVA nella carriera di Smith e della seconda di Walheim. Dall'interno di Atlantis Ross e Morin aiutavano i loro colleghi nella coreografia delle manovre. Il prossimo compito dei due astronauti all'esterno è stato lo sblocco del Mobile Transporter, una specie di vagoncino che deve scorrere su delle rotaie che attraversano tutto il Traliccio. MT verrà testato lunedì telecomandando da Terra un suo spostamento di alcuni metri lungo la rotaia. Nella prossima missione shuttle verrà installato sopra l'MT la cosiddetta Mobile Base Device (MBS) e che potrà trasportare il braccio robotico della stazione Canadarm 2 lungo tutto il traliccio. La sola operazione non completata oggi è stata l'installazione dell'Airlock Spur, un aiuto per gli astronauti che dovranno muoversi dal Traliccio al modulo di decompressione Quest e viceversa. Durante la passeggiata il resto degli equipaggi seguiva i loro colleghi dall'interno della stazione e della navetta. La passeggiata si è conclusa alle 3.15 p.m. CET (le 22.15 ora italiana) ed è durata 6h27m. Yury Onufrienko e l'ingegnere di volo Carl Walz hanno continuato a trasferire materiale per usi futuri sulla stazione mentre più tardi il pilota della navetta Frick ha eseguito la seconda accensione prevista per alzare l'orbita del complesso spaziale. I dieci astronauti si sono recati a dormire alle 2.44 ora italiana del 15 aprile. 

 

Giorno 8 - 15/04/2002 - Alle 3.48 a.m. (le 10.48 ora italiana) l'equipaggio di Atlantis è stato svegliato dal brano “Magic Carpet Ride” di Steppenwolf, dedicato a Smith mentre l'equipaggio della stazione è stato svegliato alle 11.14. La giornata di oggi è stata dedicata al test del Mobile Trasporter (nella foto lo possiamo vedere sopra la rotaia del traliccio) ed infatti alle 14.22 ora italiana l'ingegnere di volo di Spedizione Quatto Carl Walz ha inviato un comando da un computer portatile al MT di muoversi dalla sua posizione che aveva al lancio sul Traliccio S0 e di percorrere inizialmente un tratto di circa  5 metri. Il movimento è molto lento e ci sono voluti circa 30 minuti per percorrere la distanza ma al momento di fermarsi nel punto prefissato l'MT non ha eseguito l'ordine ed un segnale di errore ha fatto bloccare il sistema. Gli ingegneri di volo credono che il problema sia dovuto all'assenza di peso che ha fatto sollevare di pochissimo l'MT dalla rotaia impedendo ai sensori di rilevare la posizione esatta e comandare lo stop nel punto prefissato. E' stata eseguita una seconda prova ma il risultato è stato lo stesso e quindi il carrello è stato riportato in posizione iniziale alle 5.40 p.m. CET (le 0.40 ora italiana del 16 aprile). A parte questo piccolo problema, che i tecnici a Terra sperano di risolvere con minori modifiche al software, tutti gli altri sistemi hanno funzionato perfettamente durante questo primo test. L'equipaggio di Atlantis e della Stazione hanno trascorso il resto della giornata a scaricare materiale di rifornimento dalla navetta all'avamposto orbitale. Inoltre anche altro Ossigeno e Azoto sono stati trasferiti dallo shuttle ai serbatoi di Quest per supportare future passeggiate spaziali. I dieci astronauti hanno iniziato il loro periodo di sonno alle 7.44 p.m. CET (le 2.44 ora italiana del 16 aprile).  Domani è  prevista la quarta ed ultima passeggiata spaziale di questa missione. 

 

Giorno 9 - 16/04/2002 – Gli astronauti della navetta Jerry Ross e Lee Morin (nella foto al lavoro all'esterno della ISS) hanno completato oggi le rifiniture dell’installazione del nuovo Traliccio S-Zero (S0) sulla Stazione Spaziale Internazionale durante una passeggiata spaziale durata 6h.37m. installando dei passamano, testando gli allacci elettrici per le successive espansioni del traliccio ed agganciando delle luci esterne ed altri equipaggiamenti che verranno usati nei lavori di ampliamento futuri. L’equipaggio dell’Atlantis è stato svegliato alle 3.44 a.m. (le 10.44 ora italiana) con il brano "I Am an American," eseguita dalla Banda della Purdue University e dedicata al veterano astronauta Ross che si è laureato in quella università. Anche l’equipaggio di Spedizione Quattro della ISS è stato svegliato alla stessa ora. L’EVA di Ross e Morin è iniziata alle 9.29 a.m. CET (le 16.29 ora italiana) quando, dopo essere usciti dal portello del modulo di decompressione Quest, hanno installato una trave di oltre 4 metri di lunghezza e chiamata "Airlock Spur" che va dal Traliccio S-Zero al modulo di decompressione Quest per facilitare lo spostamento degli astronauti nei lavori futuri di assemblaggio del traliccio. Ross ha condotto test sugli attacchi alettrici ad entrambi i lati del traliccio, lungo oltre 14 metri, per assicurarsi che funzioneranno regolarmente durante quest’anno quando verranno allacciati al resto del traliccio che alla fine sarà lungo oltre 110 metri. Mentre i due astronauti eseguivano il lavoro all’esterno della stazione Ellen Ochoa e Dan Bursch operavano al braccio robotico canadese della stazione Canadarm2 spostando Ross attorno alla ISS mentre Morin era fissato con un cavo ed assisteva il suo compagno di passeggiata spaziale. Per Ross, con la maggior esperienza in attività extraveicolare, questa è la sua nona uscita nello spazio e soltanto il russo Anatoly Solovyev ha effettuato più EVA nella storia. Con questa EVA Ross porta a 58 ore e 18 minuti il tempo totale di permanenza all’esterno di una nave spaziale. Per Morin invece questa è soltanto la seconda uscita nello spazio. Rex Walheim e Carl Walz intanto aiutavano la coreografia della passeggiata di oggi dal ponte di volo della navetta. Nel frattempo il comandante dell’Altantis Mike Bloonfield e di Spedizione Quattro Yury Onufrienko, il pilota Steve Frick e Steve Smith hanno continuato a compiere il trasferimento del materiale dalla navetta alla ISS e compiuto riprese fotografiche e televisive della passeggiata. Tutti gli obiettivi della quarta ed ultima passeggiata sono stati completati e Ross e Morin sono rientrati nella stazione alle 4.06 p.m. CET (le 23.06 ora italiana). L’equipaggio della navetta si sono recati a dormire alle 7.14 p.m. CET (le 2.14 ora italiana del 17 aprile). Domani i due equipaggi si saluteranno prima della partenza della navetta prevista per giovedì.

 

Giorno 10 - 17/04/2002 – L’equipaggio della navetta Atlantis è stato svegliato alle 3.44 a.m. (le 10.44 ora italiana) con il brano "Noah" eseguito da Frick quando era ancora un ragazzo. Invece l’equipaggio della ISS è stato svegliato circa mezzora dopo. I due equipaggi hanno completato il trasferimento dei rifornimenti dalla navetta alla stazione e poi c’è stato il saluto finale fra i dieci astronauti. Il portello fra la navetta e la stazione è stato chiuso alle 11.04 a.m. CET (le 18.04 ora italiana) e, dopo i controlli finali l’Atlantis si è sganciata dal modulo Destiny alle 1.31 p.m. CET (le 20.31 ora italiana) mentre il complesso spaziale passava sopra l’Oceano Atlantico del Nord ad un’altezza di circa 395 chilometri di quota. Dopo una settimana di operazioni congiunte il pilota della navetta Frick ha portato lo shuttle a circa 120 metri dalla Stazione Spaziale ed ha iniziato un quarto di giro attorno ad essa permettendo di effettuare riprese della ISS (nella foto) con la nuova aggiunta del Traliccio centrale S0. Infine alle 3.15 p.m. (le 22.15 ora italiana) la navetta è passata direttamente sopra alla stazione e Frick ha azionato i getti ancora una volta allontanandosene  per l'ultima volta. Sulla ISS sono rimasti i tre uomini dell'equipaggio di Spedizione Quattro composti dal comandante russo Onufrienko e dalgi ingegneri di volo statunitensi Walz e Bursch al loro 133 giorno nello spazio, il 131 sulla stazione spaziale. Durante questa missione, oltre al Traliccio S0, sono stati portati alla ISS oltre una tonnellata di rifornimenti: ossigeno e azoto per il modulo decompressione Quest, acqua ed altri generi di necessità. L'equipaggio della navetta ha ora la sua attenzione focalizzata sul rientro previsto per domani, venerdì, al Kennedy Space Center. Sia l'Atlantis che la Stazione Spaziale Internazionale sono in ottime condizioni e l'equipaggio della navetta si è recato a dormire alle 6.44 p.m. CET (le 1.44 ora italiana del 18 aprile). 

 

Giorno 11 - 18/04/2002 - L'ultimo giorno completo in orbita per l'equipaggio della missione Atlantis STS-110 è iniziato alle 2.44 a.m. (le 9.44 ora italiana) con la canzone “Somewhere Over the Rainbow" eseguita dalla figlia del comandante Bloomfield. Gli astronauti hanno testato i sistemi di bordo ed impacchettato il materiale utilizzato durante la missione. Inoltre il comandante Bloomfield, il pilota Frick e l'ingegnere di volo Ochoa hanno attivato una delle tre Unità di Energia Idraulica (APU) che servono, durante la fase di rientro, a controllare le superfici aerodinamiche della navetta. Le previsioni meteorologiche per il rientro di domani al Centro Spaziale Kennedy, in Florida, sono buone e quindi per il momento il sito di rientro alternativo di Edwards, in California, non è stato attivato. Comunque a bordo della navetta ci sono abbastanza rifornimenti per permettere all'equipaggio di rimanere nello spazio fino a lunedì. Intanto a bordo della ISS l'equipaggio di Spedizione Quattro ha iniziato le procedure di disattivazione di alcuni sistemi di bordo in preparazione dello spostamento della capsula di emergenza Soyuz 3 previsto per sabato mattina. L'equipaggio prenderà posto sulla capsula che si staccherà dal portello del modulo Zarya per andare a riposizionarsi al portello del modulo Pirs. Questa manovra libererà il portello di Zarya all'arrivo della nuova Soyuz 4 prevista per il 27 aprile con a bordo un equipaggio cosiddetto "taxi" composto dal comandante russo Yuri Gidzenko, l'ingegnere di volo  Roberto Vittori dell'ESA e il miliardario Sudafricano Mark Shuttleworth. La loro partenza a bordo di un vettore Soyuz è previsto per il 25 aprile dal Cosmodromo di Baikonur, in Kazakhstan. Nella foto Ross (a destra) viene festeggiato dal comandante Bloomfield per le sue sette missioni nello spazio.

 

 

 

 

Giorno 12 -  La navetta spaziale Atlantis ed il suo equipaggio composto dal comandante Mike Bloomfield, il pilota Steve Frick e gli specialisti di missione Rex Walheim, Ellen Ochoa, Lee Morin, Jerry Ross e Steve Smith hanno effettuato un perfetto atterraggio al Centro Spaziale Kennedy sulla pista 33 alle 11.27 a.m. CET (le 18.27 ora italiana) sotto un cielo sereno e vento leggero. Le ultime ore dell'equipaggio di STS-110 erano iniziate alle 2.21 a.m. (le 9.21 ora italiana) con la sveglia eseguita con la canzone "Message in a Bottle," eseguita dai The Police. Poi erano state eseguite le manovre di rientro iniziando con la chiusura degli enormi portelli della stiva e l'accensione dei motori di frenata avvenuta alle 10.20 a.m. (le 17.20 ora italiana) per permettere il rientro nell'atmosfera terrestre. Circa un'ora dopo l'atterraggio l'equipaggio è sceso dalla navetta ed è stato portato al Centro Medico della base per essere sottoposto ad una serie di test medici di routine e poi incontrare le famiglie. Il benvenuto ufficiale all' Hangar 990 al Ellington Field in Houston vicino al Johnson Space Center. Si è conclusa così la missione shuttle STS-110, la tredicesima dedicata alla costruzione della Stazione Spaziale Internazionale. Nella foto il momento del contatto sulla pista della navetta Atlantis al termine della missione STS-110.

werhsepd.gif (1132 byte)

Questa è la Stazione Spaziale Internazionale come appare dopo la conclusione della missione STS-110/8A. In bianco il nuovo Traliccio S-Zero installato durante la missione.

 werhsepd.gif (1132 byte)

WB01540_.gif (632 byte)  Come funziona?

WB01540_.gif (632 byte)  Lista delle missioni

WB01540_.gif (632 byte)  Torna alla Home Page

Ultimo aggiornamento 21/4/2002

 Sito curato da Massimo Martini