STS-114 / LF 1

werhsepd.gif (1132 byte)

.............  

In alto a sinistra il Discovery al momento del lancio. Qui sopra lo stemma della missione e a destra l'equipaggio di STS-114: di fronte da destra Eileen M. Collins comandante della missione; Wendy B. Lawrence, specialista di missione e James M. Kelly, pilota. Nella fila dietro da sinistra Stephen K. Robinson , Andrew S. W. Thomas, Charles J. Camarda e Soichi Noguchi, tutti specialisti di missione. Noguchi rappresenta la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA).

STS-114 (114) - OV-103 Discovery (31)

Volo: STS-114 - LF-1 (diciassettesima missione di costruzione della Stazione Spaziale Internazionale - Logistic Flight 1)

Carico Utile: MPLM Raffaello - External Stowage Platform-2 - Control Moment Gyroscopes (CMGs) 

Equipaggio: (7) Comandante Eileen M. Collins (3), pilota James M. Kelly (1),  Wendy B. Lawrence (3),  Stephen K. Robinson (2), Andrew S. W. Thomas (3), Charles J. Camarda e Soichi Noguchi (Giappone), tutti specialisti di missione. Noguchi è giapponese e rappresenta la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA).

Lancio: KSC 26 luglio 2005 - ore 16.39.00 ora italiana (primo tentativo il 13 luglio 2005 abortito per guasto ad un sensore del carburante)

Attracco alla ISS: 28 luglio 2005 - ore 13.19 ora italiana

Distacco dalla ISS: 6 agosto 2005 - ore 9.24 ora italiana

Rientro: Edwards AFB 9 agosto 2005 - ore 14.11 ora italiana (sesto atterraggio notturno dei 50 eseguiti alla base di Edwards, in California)

Durata della missione: 13 giorni 21 ore 28 minuti

Orbite: 220 orbite

Inclinazione:  51°60'

Altezza: 220 chilometri

Obiettivi della missione: Ripresa dei voli dello shuttle dopo il tragico incidente del Columbia. Aggancio alla Stazione Spaziale Internazionale e trasporto del modulo italiano MPLM Raffaello carico di rifornimenti. Durante la permanenza alla stazione verranno eseguite tre attività extraveicolari (EVA): la prima per sperimentare le tecniche di ispezione e riparazione della navetta, la seconda per la sostituzione del giroscopio (CMGs) difettoso della ISS e la terza l'installazione della piattaforma esterna (ESP2). 

 

werhsepd.gif (1132 byte)

26 luglio 2005 - GIORNO DEL LANCIO - AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE !

Giorno 1 - 26/07/2005 - La navetta Discovery è stata lanciata regolarmente questa mattina alle 9.39 a.m. CTD (le ore 16.39 ora italiana) riportando la flotta degli shuttle nello spazio e per dare inizio alll'esplorazione della Luna, Marte ed oltre. Discovery è salito in orbita seguito con un'estensiva documentazione video e filmata che permetterà nei prossimi giorni di determinare lo stato di salute del rivestimento esterno della navetta prima del rientro previsto per il 7 agosto prossimo. Dopo nove minuti dal lancio l'equipaggio ha comandato l'apertura dei portelli del vano di carico e prima di andare a dormire darà energia al braccio robotico che domani servirà per effettuare l'ispezione esterna. Noguchi e Thomas hanno effettuato riprese video e foto digitali del serbatoio esterno poco dopo il suo distacco dalla navetta. L'equipaggio composto dal comandante Eileen Collins, il pilota Jim Kelly e gli specialisti di missione Soichi Noguchi (Agenzia di Esplorazione Spaziale Giapponese), Steve Robinson, Andy Thomas, Wendy Lawrence e Charlie Camarda inizierà il periodo di riposo alle 23.00 ora italiana. Gli astronauti verranno svegliati alle 6.39 di domani mattina per iniziare il loro primo giorno completo in orbita. Domani il braccio robotico verrà agganciato alla nuova prolunga di trenta metri al termine del quale si trovano una nuova serie di sensori laser che potranno scandagliare tutta la superficie della navetta. Poi l'equipaggio inizierà la preparazione per l'attracco con la ISS previsto per le 13.18 di giovedì. Nella foto (cortesia NASA) l'equipaggio della missione STS-114 mentre si avvia alla rampa di lancio. 

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 2 - 27/07/2005 - L'equipaggio a bordo dello space shuttle Discovery è stato svegliato per il primo giorno completo nello spazio alle 6.39 ora italiana con la musica del film "Groundhog Day". Thomas, Camarda e Kelly hanno lavorato assieme sul ponte di volo del Discovery utilizzando la nuova prolunga con il sistema di sensori che, agganciato al braccio robotico Canadarm permette di ispezione tutto l'esterno della navetta. Oggi si sono concentrati sul bordo di attacco delle ali, il muso e la cabina. Le immagini sono state immediatamente inviate a Terra per essere valutate dalle squadre di tecnici della NASA in cerca di possibili danni. Domani, prima della manovra di aggancio con la ISS verranno effettuate tutta una serie di foto ad alta risoluzione da parte dell'equipaggio della stazione sempre dello scafo della navetta.  L'equipaggio ha inoltre fatto fotografie dall'interno del ponte principale verso la parte di coda della navetta. Preparativi per l'attracco di domani sono stati eseguiti controllando il meccanismo di aggancio e sono stati effettuati anche i controlli delle tute spaziali che verranno utilizzate da Steve Robinson e Soichi Noguchi durante le tre EVA (attività extraveicolari) previste per la missione. L'equipaggio ha eseguito una manovra per continuare l'avvicinamento alla Stazione Spaziale che avverrà domani alle 13.18 ora italiana. Intanto durante una conferenza stampa avvenuta questa sera il responsabile NASA dei voli shuttle ha mostrato delle immagini del serbatoio esterno al momento in cui è stato sganciato e che mostrano chiaramente il punto in cui un pezzo di isolante si è staccato ed è stato poi ripreso nel video di ieri. Al momento questo è un problema per i voli futuri, infatti Atlantis dovrebbe partire il 9 settembre. Nella foto (cortesia NASA) l'ala della navetta ripresa durante l'ispezione di oggi. L'equipaggio è andato a riposare alle 21.40 ora italiana.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 3 - 28/07/2005 - Sveglia per l'equipaggio del Discovery alle 5.39 ora italiana con il brano “It’s a Wonderful World“ di Louis Armstrong in onore all'astronauta Camarda. La manovra di avvicinamento alla Stazione Spaziale Internazionale è avvenuta regolarmente e quando il Discovery si trovava a circa 200 metri dalla stazione il comandante Collins coadiuvata dal pilota Kelly ha effettuato una spettacolare rotazione di 360° dello shuttle permettendo così ai due astronauti a bordo della ISS di fotografare la parte inferiore dello scafo in cerca di danni al rivestimento esterno. L'attracco è avvenuto alle 13.19 ora italiana e verso le 15.50 i portelli si sono aperti ed i due equipaggi si sono salutati calorosamente. Krikalev e Philips, sulla ISS da aprile, hanno poi fatto una riunione programmata sulla sicurezza con l'equipaggio del Discovery. Robinson e Noguchi hanno passato circa un'ora e mezzo a preparare le tute spaziali per le loro tre EVA previste. Alle 21.40 entrambi gli equipaggi sono andati a dormire. Domani verrà effettuata una nuova ispezione della navetta con il nuovo braccio sensore e poi dovrebbe essere installato il modulo logistico di  rifornimento italiano Raffaello che trasporta viveri, materiali ed esperimenti per l'equipaggio di Spedizione Undici. Nella foto (cortesia NASA TV) la navetta mentre si avvicina alla ISS mostrando la parte inferiore per le foto di controllo.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 429/07/2005 - L'equipaggio della navetta spaziale Discovery è stata svegliato alle 5.39 ora italiana dal brano musicale "Vertigo" degli U2 trasmesso dal Centro Controllo di Huston in onore del pilota Kelly, recentemente promosso Colonnello dell'US Air Force. L'equipaggio della ISS è stato svegliato alcuni minuti più tardi, alle 6.09 ora italiana. La giornata, la prima completa di lavoro per i due equipaggi congiunti, è iniziata con l'estrarre, utilizzando il braccio robotico canadese Canadarm2 della ISS,  il modulo logistico multifunzionale (MPLM) Raffaello dal vano di carico della navetta. La manovra, compiuta dallo specialista di missione Lawrence e coadiuvata dal pilota Kelly è iniziata alle 8.00 ora italiana e Raffaello è stato agganciato al nodo Unity della stazione spaziale. Poco dopo le 17.00 ora italiana il portello del modulo italiano è stato aperto e gli equipaggi hanno iniziato il trasferimento del materiale verso la stazione. Dopo questa manovra l'astronauta di Spedizione Undici, Phillips, con l'iauto del pilota Kelly hanno manovrato nuovamente il Canadarm2 per fornire una nuova inquadratura della manovra seguente. Infatti lo specialista di missione Camarda ha manovrato il braccio robotico della navetta con la nuova prolunga fornita di sensori laser per ispezionare alcuni punti dello scudo termico che gli ingegneri a terra avevano ritenuto di dover controllare ulteriormente. Da questa nuova ispezione non sembra essere emerso niente di preoccupante comunque tutte le immagini riprese sono state inviate ai tecnici della NASA per ulteriori, dettagliate, immagini. Noguchi e Robinson hanno continuato a controllare le procedure e le attrezzature per la prima EVA prevista per domani. Collins e Thomas hanno parlato con i giornalisti della Associated Press, National Public Tadio e CBS in un collegamento iniziato poco dopo le 12.20 ora italiana. I portelli fra il Discovery e la ISS sono stati chiusi e la pressione della cabina della navetta ridotta a 10.2 psi per acclimatare gradualmente i due astronauti per l'EVA di domattina. L'eccesso di aria del Discovery è stato trasferito nella Stazione per aumentarne il suo scorta. Nella foto (cortesia NASA TV) il modulo Raffaello dopo essere stato agganciato alla ISS.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 530/07/2005 - L'equipaggio del Discovery è stato svegliato alle 5.43 ora italiana dalla canzone giapponese "Sampo" eseguita da un gruppo di bambini fra i quali il figlio dell'astronauta Nogochi. Krilalev e Phillips, i due residenti della stazione spaziale sono stati invece svegliati alcuni minuti dopo, alle 6.09 ora italiana. Noguchi e Robinson hanno iniziato la lunga preparazione per la prima attività extraveicolare (EVA) con respirazione di ossigeno puro ed esercizi per espellere l'azoto per prevenire possibili embolie quando indosseranno le tute spaziali con la loro bassa pressione. All'inciarca allo stesso momento Krikalev e Phillips manovravano il Canadarm2 posizionandolo in supporto della EVA. L'EVA è iniziata alle 11.46 ora italiana quando Noguchi e Robinson hanno attivato l'energia interna delle tute spaziale ed è terminata 6 ore e cinquanta minuti più tardi, alle 18.36 quando i due astronauti sono rientrati nella sala di decompressione della navetta. Si è trattato della 59° EVA dedicata all'asemblaggio della stazione spaziale portando il tempo totale a 355 ore e 5 minuti. Dopo questa EVA saranno stati 40 astronauti della NASA, 10 cosmonauti russi, un canadese, un francese ed ora un giapponese impegnati in questo compito. Il primo compito dei due astronauti è stato quello di testare alcune tecniche sperimentali per la riparazione di danni allo scudo isolante della navetta. Il lavoro è stata eseguito all'interno del vano di carico utilizzando alcuni kit predisposti dai tecnici della NASA su mattonelle del rivestimento appositamente danneggiate. In seguito Robinson ha compiuto una nuovo cablaggio di un cavo elettrico per rimettere in funzione CMG-2, uno dei quattro giroscopio della stazione, andato in avaria all'inizio dell'anno. CMG-1, andato in avaria nel 2002 verrà sostituito durante l'attività extraveicolare prevista per lunedì. I quattro giroscopi CMG servono ad orientare la stazione senza utilizzare carburante e sono quindi di primaria importanza. La stazione può orientarsi anche con soltanto due giroscopi ma anche il CGM-3 aveva già iniziato a mostrare piccoli problemi di funzionamento. Prima di rientrare i due astronauti hanno anche sostituito un'antenna GPS della stazione e, visto che erano in anticipo sul tempo previsto, Noguchi è andato a fotografare una copertura isolante vicina al finestrino sinistro del Discovery e che sembrava essersi staccata e Robinson ha prelevato due imballi di esperimenti dallo scafo della stazione e che avrebbero dovuto essere recuperati la prossima settimana. Il controllo missione si è complimento con i due astronauti per lo splendido lavoro svolto. Nella foto (cortesia NASA TV) Robinson mentre sta volteggiando nel vano di carico della navetta spaziale.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 6 - 31/07/2005 - La NASA ha deciso oggi di prolungare la missione della Discovery di un giorno permettendo così un maggiore numero di ore di lavoro per i due equipaggi e soprattutto un incremento dell'acqua per la ISS. La sveglia è avvenuta alle 06.11 ora italiana con la canzone “I’m Goin’ Up,“ di Claire Lynch e dedicata alla specialista di missione Wendy Lawrence. La giornata di oggi è trascorsa con il trasferimento del materiale di supporto dal Discovery alla ISS. Al termine dell'operazione circa sei tonnellate di materiale sarà stato trasferito sulla ISS. Intanto continua anche la preparazione degli astronauti Noguchi e Robinson per la seconda EVA prevista per domani e che li vedrà sostituire il giroscopio CGM-1 di circa 300 chilogrammi. Al termine della giornata tutto l'equipaggio sia del Discovery che della Stazione Spaziale Internazionale ha compiuto una riunione nella quale sono stati riepilogati le varie procedure per l'EVA di domani. Collins, Kelly e Camarda hanno poi compiuto alle 12.40 ora italiana un'intervista con ABC News, Fox News e NBC mentre i loro colleghi Collins, Noguchi, Robinson e Phillips alle 14.25 con CBS News, CNN e Discovery Channel. Gli esami compiuti allo scudo termico hanno permesso ai tecnici della NASA di affermare che è tutto a posto tranne due piccoli separatori delle piastrelle ventrali che sono leggermente fuoriusciti dalla sede. Si attende per domani una decisione se far intervenire gli astronauti durante la terza ed ultima EVA prevista. L'equipaggio è andato a dormire alle  21.09 ora italiana. Nella foto (cortesia NASA) il comandante di Spedizione Undici mentre scarica i rifornimenti dall'interno del modulo italiano Raffaello.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 7 - 01/08/2005 - L'equipaggio del Discovery è stato svegliato alle 05.09 con la canzone "Walk of Life," dei Dire Straits per l'astronauta Robinson. Noguchi e Robinson hanno indossato le tute spaziali aiutati dai loro colleghi di bordo e sono usciti dal portello di decompressione della navetta alle 10.42 ora italiana. Il Controllo Missione ha spento il giroscopio CGM-1 alle 11.09 e poi ha dato il via per la rimozione circa quindici minuti dopo. Lo specialista di missione Thomas coordinava l'attività extraveicolare da bordo della navetta. Noguchi e Robinson si sono mossi manualmente verso il Traliccio Z1, posto sopra il modulo Nodo Unity, che contiene i 4 giroscopi della stazione. A questo punto Noguchi si è fissato per i piedi all'estremità del braccio robotico Canadarm2 della ISS, e che veniva manovrato da Kelly e Lawrence, ed ha estratto il giroscopio che si era guastato nel giugno del 2002. Noguchi lo ha afferrato con le mani e lo ha posto, aiutato da Robinson, nel vano di carico della navetta per essere riportato a Terra e studiato. Poi hanno preso il nuovo giroscopio e Noguchi e Robinson lo hanno installato nel vano del traliccio Z1.  Dopo circa un'ora di controlli il giroscopio è stato rimesso in funzione con la sua velocità di rotazione di circa 6600 giri al minuto e così la ISS ha nuovamente tutti e quattro i giroscopi funzionanti. Noguchi e Robinson sono rientrati nella navetta dopo 7 ore e 14 minuti di attività extraveicolare. Intanto a bordo della ISS il comandante  Eileen Collins e lo specialista di missione Charlie Camarda, assieme al comandante della stazione Sergei Krikalev e l'ufficiale scientifico della NASA John Phillips, continuavano il lavoro di scarico dei rifornimenti del modulo Raffaello ed iniziavano il carico di rifiuti della stazione che torneranno sulla Terra. L'equipaggio è andato a riposare alle 21.09 ora italiana. Nella foto (cortesia NASA-TV) l'astronauta Noguchi mentre porta il giroscopio guasto verso la navetta.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 8 - 02/08/2005 - L'equipaggio del Discovery è stato svegliato alle 05.09 ora italiana con la canzone "Big Rock Candy Mountain," di Harry McClintock per lo specialista di missione Andy Thomas. La NASA ha intanto comunicato all'equipaggio che è stato decisa la rimozione dei due piccoli spessori posti fra le mattonelle della parte inferiore della navetta scoperti durante le foto effettuate il giorno dell'arrivo della navetta alla ISS. Le due piccole strisce potrebbero essere pericolose al momento del rientro perché potrebbero creare dei vortici di gas incandescente imprevisti per l'aerodinamica della navetta. La manovra mai tentata prima verrà eseguita all'inizio della terza ed ultima passeggiata spaziale prevista per domani e sarà l'astronauta Robinson a tentare, prima con le mani e poi con alcuni strumenti in caso di difficoltà, l'estrazione delle due piccole strisce di materiale ceramico. Oggi Noguchi, Robinson e Thomas rivedranno le nuove procedure dell'EVA e costruiranno uno speciale utensile per l'estrazione. Tutti i membri dell'equipaggio della navetta e della Stazione hanno partecipato ad una conferenza stampa alle 11.59 ora italiana. Alle 14.40 Lawrence e Kelly, utilizzando il Canadarm2, hanno estratto la External Stowage Platform 2 (ESP-2) dal vano di carico della navetta e lo agganceranno durante l'EVA di domani alla ISS. Dopo il pranzo Noguchi, Robinson e Thomas hanno lavorato nuovamente sull'attrezzatura che verrà utilizzata durante la passeggiata spaziale di domani.  Verso la fine della giornata tutti i membri dell'equipaggio a bordo della ISS, incluso il comandante Collins e i membri di Spedizione Undici Krikalev e Phillips hanno compiuto un ripasso delle procedure per l'EVA di domani. Alle 17.50 i due astronauti Noguchi e Robinson hanno iniziato a respirare una miscela di ossigeno puro in preparazione dell'attività extraveicolare. I portelli fra i due veicoli spaziali sono stati chiusi circa un'ora dopo per permettere di portare la pressione interna della navetta a 10.2 psi richiesti per ovviare alla possibilità di embolia per i due astronauti che dovranno eseguire l'EVA. Alla fine della giornata gli astronauti hanno ricevuto una telefonata dal Presidente degli Stati Uniti George W. Bush che ha ringraziato l'equipaggio per il coraggio ed ha fatto gli auguri per il proseguo della missione. L'equipaggio si è recato a dormire alle 21.09 ora italiana. Nella foto (cortesia NASA) tutti e nove gli astronauti in orbita dentro la Stazione Spaziale Internazionale.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 9 - 03/08/2005 - L'equipaggio del Discovery è stato svegliato alle 05.09 ora italiana con il brano "Where My Heart Will Take Me," il tema musicale di Star Trek: Enterprise. La canzone, composta da Dennis McCarthy, è stata scelta dall'equipaggio con una dedica a sorpresa per il Direttore del Programma Shuttle Wayne Hale. L'equipaggio della ISS è stato svegliato circa 30 minuti più tardi. Dopo la vestizione e la depressurizzazione Noguchi e Robinson hanno iniziato la terza EVA della missione alle 10.48 ora italiana. Per prima cosa, Kelly e Lawrence hanno manovrato il Canadarm2 al quale era appeso da ieri ESP-2 e lo hanno agganciato all'esterno della stazione. Una volta posizionato nel punto giusto Noguchi e Robinson lo hanno guidato ed assicurato. Dopo questo primo compito Kelly e Lawrence hanno spostato il Canadarm2 in una nuova posizione che sarebbe stata utile a Robinson in seguito. Noguchi ha poi installato l'esperimento MISSE-5 (Materials International Space Station Experiment-5) che studierà il degrado di campioni di celle solari esposti all'ambiente spaziale e poi ha rimosso un controllo del motore di rotazione del giunto del traliccio della stazione. Nello stesso momento Kelly, assieme a Camarda, utilizzando il nuovo braccio di sensori ha ispezionato le piastrelle dimostrative riparate durante la prima EVA e poste  nel vano di carico della navetta. Poi Kelly, Camarda, Krikalev e Phillips hanno continuato a spostare il materiale fra lo shuttle e la stazione. A questo punto è arrivato il momento più delicato dell'EVA, Robinson si è fissato per i piedi all'estremità del braccio robotico della stazione Canadarm2, manovrato da Kelly e Lawrence, ed è stato fatto lentamente avvicinare alla parte sottostante della navetta. Nel frattempo Noguchi assisteva il compagno rimanendo ancorato al traliccio principale della stazione e facendo da osservatore diretto della manovra comunicando con Thomas e con la comandate Collins che supervisionava tutta l'operazione. Robinson è stato portato a pochi centimetri dallo scafo e con le sue mani guantate ha preso fra le dita il piccolo pezzo sporgente di Nextel e lo ha estratto facilmente. Una volta eseguita questa prima manovra è stato spostato di pochi metri ed ha ripetuto l'operazione nel secondo punto e con la stessa facilità. In tutto ci sono voluti circa 10 minuti contro l'ora che era stata prevista e soprattutto senza utilizzare nessun utensile che avrebbe potuto essere pericoloso in prossimità delle fragili mattonelle protettive. Alle 16.49 la terza ed ultima delle previste passeggiate spaziali della missione si era conclusa nel migliore dei modi con una durata complessiva di 6 ore 1 minuto. Alla NASA la soddisfazione era evidente e Wayne Hale ha voluto lodare la professionalità dell'equipaggio e del team al suolo che hanno pianificato ed eseguito il compito. A questo punto l'unico dubbio permane sul brandello di copertura termica che sporge leggermente sotto il finestrino della cabina di comando del Discovery e che potrebbe essere un rischio per il rientro. La NASA deciderà domani, dopo varie simulazioni a Terra, se è necessario un nuovo intervento degli astronauti. L'equipaggio si è recato a dormire alle 21.09. Nella spettacolare sequenza in alto (cortesia NASA-TV) si vede Robinson che viene avvicinato alla parte inferiore dello scafo della navetta e poi il momento in cui afferra il piccolo pezzo sporgente di Nextel ed infine lo sfila via dallo spazio fra le due mattonelle dello scudo termico.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 10 - 04/08/2005 - La sveglia all'equipaggio del Discovery di oggi è stata alle 05.09 ora italiana con la famosa canzone country "Amarillo by Morning," eseguita da George Strait mentre l'equipaggio della ISS è stato svegliato circa mezzora dopo. La giornata di oggi è iniziata con la buona notizia che la NASA ha dichiarato sicuro tutto lo scudo termico della navetta ed ha quindi autorizzato il rientro fugando così il dubbio sul pezzo di rivestimento che sporge leggermente al di sotto del finestrino della cabina di comando. Tutte le simulazioni della NASA compiute nel tunnel del vento del Centro di Ricerca di Ames, in California, hanno mostrato che sono insignificanti le possibilità che detriti del rivestimento si stacchino a velocità supersonica e colpiscano l'orbiter. Visti i giorni scorsi quello di oggi è stato un tranquillo momento nello spazio. I membri dell'equipaggio del Discovery e della ISS hanno eseguito un tributo, in diretta sul NASA-TV, a tutti coloro che hanno perso la vita per l'esplorazione dello spazio: "All'equipaggio del Columbia ed a quello del Challeger, Apollo 1, Soyuz 1 e Soyuz 11 ed a tutti quelli che hanno dato coraggiosamente così tanto, noi ora offriamo i nostri perenni ringraziamenti." Ha detto l'ufficiale scientifico della NASA John Phillips al quale poi sono seguite le stesse parole in giapponese da parte di Soichi Noguchi ed in russo da parte di Sergei Krikalev. E' continuato il trasferimento del materiale usato dalla stazione a bordo del modulo Raffaello che verrà riportato nel vano di carico della navetta domani. Kelly e Lawrence hanno agganciato il Candarm2 al modulo MPLM Raffaello in preparazione per lo sgancio. Il comandante del Discovery Eileen Collins, e gli specialisti di missione Steve Robinson e Charlie Carmada hanno parlato con i giornalisti della  Associated Press e NBC. Poco più tardo Collins e Noguchi hanno parlato con il Primo Ministro giapponese Junichiro Koizumi, l'astronauta Mamoru Mohri ed altri, inclusi studenti giapponesi. I due equipaggi hanno poi fatto una merenda assieme e gli astronauti del Discovery hanno avuto il pomeriggio libero. Nella foto (cortesia NASA) due astronauti al lavoro dentro la ISS.

Fonte: NASA STS-114 Status Report


Giorno 11 - 05/08/2005 - L'ultimo giorno di operazioni congiunte fra l'equipaggio della navetta Discovery e l'equipaggio di Spedizione Undici della Stazione Spaziale Internazionale è iniziato con la sveglia alle 04.15 ora italiana con la canzone "Anchors Aweigh" dedicata alla specialista di missione Wendy Lawrence su richiesta del comandante Eileen Collins. L'operazione principale è stata eseguita con il Canadarm2 che, manovrato da Lawrence e Kelly, ha sganciato e riportato il modulo logistico Raffaello dal modulo Unity, dove era agganciato fin dal 29 luglio scorso, all'interno del vano di carico della navetta. A bordo di Raffaello oltre tre tonnellate di materiale comprendente esperimenti, equipaggiamenti e varie cose immagazzinate sulla stazione fin dal dicembre 2002, data dell'ultima visita di una navetta. Grazie a questo opera di "pulizia" l'interno della Stazione Spaziale Internazionale è tornato ad essere molto più ordinato e spazioso. L'operazione è terminata alle 16.03 ora italiana ed una volta che Raffaello era al sicuro nella navetta Camarda e Thomas hanno utilizzato il braccio robotico dello shuttle per rimettere in posizione di riposo la nuova prolunga di sensori del Canadarm (Orbiter Boom Sensor System - OBSS) e preparare così il vano di carico per il rientro. Intanto il resto dell'equipaggio completava tutte le operazioni in vista del distacco del Discovery dalla ISS previsto per domani. Entrambi gli equipaggi sono andati a riposare alle 20.09 ora italiana. Nella foto (cortesia NASA) ripresa dall'interno del modulo laboratorio Destiny si vede il braccio roborico della stazione Canadarm2 mentre aggancia il modulo logistico MPLM Raffaello per riporlo nella stiva del Discovery. 

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 12 - 06/08/2005 - Alle 4.09 la sveglia per l'equipaggio del Discovery è stata con "The Air Force Song" dedicata al pilota Jim Kelly su richiesta del comandante Collins mentre l'equipaggio della ISS è stato svegliato trenta minuti dopo. Alle 6.36 ora italiana è avvenuta una breve cerimonia di saluto fra i due equipaggi ed alle 7.14 i portelli fra le due astronavi sono stati chiusi. Alle 9.14, cin il pilota Kelly ai comandi del Discovery, la navetta si è sganciata e lentamente allontanata dalla Stazione Spaziale Internazionale mentre i due veicoli sorvolavano l'Oceano Pacifico ad ovest del Cile. Quando il Discovery è arrivato a circa 150 metri dalla stazione ha iniziato un lento giro attorno ad essa permettendo così ad entrambi gli equipaggi di effettuare foto e riprese uno dell'altro. Al termine del sorvolo della ISS Kelly ha eseguito la prima delle due accensioni dei motori di manovra per allontanarsi dalla stazione ed iniziare il rientro verso casa. L'intero equipaggio: il comandante Eileen Collins, il pilota Kelly, e gli specialisti di missione Andy Thomas, Wendy Lawrence, Steve Robinson, Charlie Camarda e Soichi Noguchi della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) passeranno un poco di tempo libero prima di recarsi a dormire alle 18.39 ora italiana. Il Discovery è rimasto attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale per un totale di 8 giorni, 19 ore e 54 minuti. Anche a bordo della ISS il comandante Sergei Krikalev e l'ufficiale scientifico della NASA John Phillips hanno passato una mezza giornata di riposo dopo lo sgancio della navetta prima di recarsi a dormire alle 20.39. Nella foto (cortesia NASA) la navetta Discovery in allontanamento dalla Stazione Spaziale Internazionale fotografata da uno dei due residenti della ISS.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

Giorno 13 - 07/08/2005 - Ormai da solo nello spazio l'equipaggio del Discovery è stato svegliato questa mattina alle 2.39 ora italiana con la canzone "The One and Only Flower in the World" eseguita dal gruppo giapponese SMAP e dedicata a Soichi Noguchi della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA). La navetta si trova adesso a circa 160 chilometri dalla stazione e la distanza si incrementa di circa 13 chilometri ogni orbita. In preparazione per l'atterraggio previsto domani alle 10.47 ora italiana al KSC (Kennedy Space Center), in Florida, il comandate Eileen Collins, il pilota Jim Kelly e lo specialista di missione Steve Robinson hanno attivato i tre sistemi idraulici del Discovery e testato tutte le superfici aerodinamiche (alettoni e flap). Il resto dell'equipaggio - Andy Thomas, Soichi Noguchi, Wendy Lawrence e Charlie Camarda - hanno completato lo stivaggio delle tute e delle attrezzature per il rientro. Tutti e sette i membri dell'equipaggio hanno poi avuto un momento questa mattina per rispondere alle domande dei giornalisti di CBS, CNN, Fox, NBC and ABC sulla missione e sul loro imminente ritorno sulla Terra. Per domani sono previste due opportunità di rientro al KSC, una alle 10.47 e la seconda alle 12.22 ora italiana. Le previsioni meteorologiche sono buone e per domani non è prevista l'attivazione del sito secondario di atterraggio, ovvero la Base Aerea di Edwards, in California.  Intanto sulla Stazione Spaziale Internazionale l'equipaggio di Spedizione Undici composto dal comandante Sergei Krikalev e dall'ufficiale scientifico NASA John Phillips hanno trascorso una giornata di lavoro leggero controllando il funzionamento dei giroscopi della ISS finalmente tornati tutti e 4 operativi. Nella foto (cortesia NASA) scattata ieri durante lo sgancio la ISS fotografata dal Discovery.

Fonte: NASA STS-114 Status Report


Giorno 14 - 08/08/2005 - Sveglia alle 2.39 ora italiana con la canzone "Come on Eileen" dei Dexy’s Midnight Runners ed eseguita per il comandante Eileen Collins dalla squadra del Controllo Missione. A causa però di un imprevisto peggioramento delle condizioni meteo in Florida la NASA ha deciso di rinunciare al rientro previsto per oggi. Per domani sono stati attivati tutti e tre i siti di rientro: Kennedy Space Center, in Florida, che però anche per domani non ha buone previsioni, La Base Aerea di Edwards, in California con due opportunità di rientro: una alle 13.09 e la seconda alle 15.47 e quella di White Sands, in New Mexico dove però le condizioni meteo prevedono possibilità di pioggia. L'equipaggio dello shuttle è stato informato del rinvio nel rientro ed ha eseguito quindi un'accensione dei motori di manovra alle 14.19 per aggiustare l'orbita ed ottimizzare le opportunità di rientro per domani. L'equipaggio si è recato a dormire alle 18.39 e verrà svegliato domani alle 2.39 per iniziare le operazioni di uscita dall'orbita. Nella foto (cortesia NASA) la coda della navetta fotografata dal ponte principale con la Terra sullo sfondo ed il Sole che sorge..

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

 

Giorno 15 - 09/08/2005 - Il Discovery ha eseguito un atterraggio poco prima dell'alba alla Base Aerea di Edwards, in California, alle 14.11 ora italiana concludendo così la sua missione. L'atterraggio segna il sesto atterraggio notturno ad Edwards e il cinquantesimo di una navetta nel deserto della California. La manovra di rientro era iniziata alle 13.06 quando il comandate Eileen Collins e il pilota Jim Kelly, assistiti dallo specialista di missione Steve Robinson hanno acceso i motori per due minuti e 42 secondi per frenare la velocità della navetta. A quel momento la navetta stava transitando sopra l'Oceano Indiano. I persistenti sistemi nuvolosi sopra il sito principale in Florida avevano cancellato le due occasioni di oggi. Una volta scesi dalla navetta i setti astronauti hanno voluto dare un'occhiata di persona alle condizioni dello scudo termico che è stato anche riparato in volo. Si conclude così felicemente la prima missione dopo il disastro del Columbia STS-107 avvenuto il 1° febbraio 2003 con la morte di tutti e sette gli astronauti a bordo. Purtroppo al momento la NASA ha sospeso tutti i prossimi voli a cominciare da quello della navetta Atlantis STS-121 che era previsto per il 9 settembre a causa del ripresentarsi del problema del distacco della schiuma isolante dal serbatoio esterno al momento del lancio. Nella foto (cortesia NASA TV) la navetta Discovery ripresa nell'infrarosso al momento dell'atterraggio a Edwards.

Fonte: NASA STS-114 Status Report

 

werhsepd.gif (1132 byte)

WB01540_.gif (632 byte)  Come funziona?

WB01540_.gif (632 byte)  Lista delle missioni

WB01540_.gif (632 byte)  Torna alla Home Page

Ultimo aggiornamento 15/08/2005

Torna alla Home page

 Sito curato da Massimo Martini