STS-121 / ULF 1.1

werhsepd.gif (1132 byte)

.............  

Qui sopra lo stemma della missione e a destra l'equipaggio di STS-121: da sinistra Stephanie D. Wilson, Michael E. Fossum, entrambi specialisti di missione; Steven W. Lindsey, comandante; Piers J. Sellers, specialista di missione; Mark E. Kelly, pilota; Thomas Reiter (Germania-ESA) e Lisa M. Nowak, specialista di missione. In alto a sinistra il momento del lancio con la bandiera che ricorda che il lancio è avvenuto il giorno della festa dell'Indipendenza degli Stati Uniti, il 4 luglio.

STS-121 (115) - OV-103 Discovery (32)

 

Volo: STS-121 - ULF-1.1 (diciottesima missione di costruzione della Stazione Spaziale Internazionale - seconda missione test Return to Flight)

Carico Utile: Leonardo MPLM (due tonnellate di rifornimenti)

Orbiter: OV-103 Discovery - Serbatoio esterno: ET-119 - Razzi ausiliari: 126-RSRM93 - Motori principali (SSME): 2052/2054/2045

Equipaggio: (6) Comandante Steven Lindsey (3) (Col., USAF), Pilota Mark Kelly (1) (Cmdr., U.S. Navy),  Michael Fossum (0), Piers Sellers (0), Lisa Nowak (0) (Cmdr., U.S. Navy), Thomas Reiter (1) (ESA-Germania) e Stephanie Wilson (0) tutti specialisti di missione. 

Lancio: 4 luglio 2006 - 2.38 p.m. EDT (le 20.38 ora italiana) terzo tentativo

Attracco alla ISS: 6 luglio 2006 - 10.52 a.m. (le 16.52 ora italiana)

Rientro : 17 luglio 2006 - 8.14 a.m. CDT (le 15.14 ora italiana) - pista n.15 KSC

Durata della missione : 12 giorni, 18 ore, 36 minuti e 48 secondi

Orbite: 202

Inclinazione :  51°60'

Altezza : 220 chilometri

Obiettivi della missione: Secondo volo degli shuttle dopo il tragico incidente del Columbia. Attracco alla Stazione Spaziale Internazionale e consegna rifornimenti. Test delle tecniche di riparazione dello scudo termico della navetta spaziale. Il 19 agosto 2005 è stato deciso di rimpiazzare l'Atlantis con il Discovery per questa missione. Il serbatoi esterno (ET-119) è il primo fornito con la rampa PAL rimossa per cercare di diminuire le fonti di detriti.

werhsepd.gif (1132 byte)

01/07/2006 - Discovery pronto al via - ore 19.25 TMEC - L'equipaggio, composto da sette astronauti, della navetta spaziale Discovery per la missione STS-121 sta salendo a bordo del veicolo spaziale in attesa del lancio previsto fra 2 ore e 20 minuti. Al momento le condizioni meteo sono considerate "no go", ovvero non ci sarebbero le condizioni di sicurezza per il lancio. Un altro piccolo problema riguardante un radiatore collegato a un propulsore di manovra, che entra in funzione quando la navetta è in orbita impedendo la formazione di ghiaccio, è al momento tenuto sotto osservazione.

ore 20.05 - Chiusura del portello della navetta. Il problema con il radiatore è stato risolto ma permane uno stato di "no go" per quanto riguarda le condizioni meteo e per l'esattezza le cariche elettriche fra le nubi che stazionano nelle vicinanze della rampa di lancio. 

ore 20.33 - Il conto alla rovescia è entrato in una delle pause previste. Siamo a -20 minuti dal lancio e questa sosta durerà 10 minuti. Le condizioni meteo sono ancora negative per il lancio.

ore 20.44 - Il conto alla rovescia è ripartito ed entrerà nella pausa finale a T-9.  Nubi temporalesche si stanno avvicinando al Kennedy Space Center. 

ore 20.54 - Il conto alla rovescia per il lancio della navetta spaziale Discovery è entrato nell'ultima pausa a T-9. Il conteggio riprenderà quindi fra 45 minuti. Soltanto le condizioni meteo al momento sono negative per il lancio. La finestra di lancio di oggi si apre alle 21.48 ora italiana. 

ore 21.35 - Mancano circa 12 minuti al lancio. Tutti i sistemi sono "go" tranne le condizioni meteo.

ore 21.41 - La NASA ha deciso di estendere di cinque minuti il periodo di pausa (hold) a T-9 nella speranza che le condizioni meteo migliorino all'ultimo minuto.

ore 21.43 - RINVIO! Il direttore di Lancio Mike Leinbach ha dichiarato ufficialmente il rinvio del lancio per oggi. Un secondo tentativo avverrà domani con il lancio previsto per le 21.26 ora italiana.

Fonte: NASA

 

02/07/2006 - ore 7.30 a.m. EDT (le ore 13.30 italiane) - Tutto procede senza imprevisti per il secondo tentativo di lancio per la navetta spaziale Discovery. In questo momento il rifornimento di ossigeno ed idrogeno liquido del serbatoio esterno è circa a due terzi dal completamento. Purtroppo le condizioni meteo sono ancora l'unica cosa che potrebbe impedire il lancio di oggi. Gli esperti della NASA danno una possibilità del 30% per il lancio mentre per domani le previsioni parlano di un 40%. 

ore 11.37 a.m. EDT (le 17.37 ora italiana) - L'equipaggio della missione STS-121, composto dai sette astronauti, è appena uscito dall'edificio Operation and Ceckout Buildings dove ha indossato le tute spaziali ed è salito sull'apposito pulmino chiamato Astrovan che al momento si sta dirigendo verso la rampa di lancio 39/B del Centro Spaziale Kennedy. Il conto alla rovescia è appena ripreso dopo la sosta programmata a T-3 ore. Al momento ci sono diverse violazioni dei criteri di lancio per motivi meteorologici. Nelle scorse ore si è avuto anche pioggia ma al momento il cielo si sta riaprendo. Permane comunque soltanto un 30% di possibilità di lancio oggi. 

ore 12.00 a.m. EDT (le 18.00 ora italiana) - L'equipaggio del Discovery è arrivato alla rampa di lancio ed al momento si trova nella "white room" da dove si accede al portello della navetta spaziale. Qui una apposita squadra di tecnici prepara gli astronauti prima di entrare nel Discovery. Le condizioni meteo sono ancora "no go" per il lancio previsto fra circa 3 ore e mezza.

ore 12.30 a.m. EDT (le 18.30 ora italiana) - L'equipaggio del Discovery si sta sistemando a bordo della navetta spaziale Discovery aiutato dal personale della squadra chiamata "close out". Sono stati testati i collegamenti radio fra la navetta ed il controllo missione del Johnson Space Center di Houston in Texas e il Controllo Lancio del Kennedy Space Center. Rimane l'incognita delle condizioni meteo che sono ancora "no go" per varie violazioni dei criteri di lancio.

ore 12.50 a.m. EDT (le 18.50 ora italiana) - Anche l'ultimo membro dell'equipaggio si è imbarcato sul Discovery. Purtroppo le condizioni meteo sono ancora "no go" con ben quattro violazioni di sicurezza (rispetto all'unica di ieri) e scuri nubi minacciose si stanno avvicinando al Kennedy Space Center.

ore 13.21 a.m. EDT (le 19.21 ora italiana) - RINVIO! Il direttore di Lancio Mike Leinbach ha deciso di interrompere le procedure di lancio per le pessime condizioni meteo al Kennedy Space Center. Prossimo tentativo previsto per martedì prossimo con lancio alle 2.38 p.m. EDT (le 20.38 ora italiana). La decisione di non tentare domani è dovuta alle previste condizioni meteo negative ed alla possibilità di rifornire di idrogeno le celle a combustibile della navetta spaziale.

Fonte: SpaceflightNow.com - NASA

 

Giorno 1 - 04/07/2006 - ore 1.22 a.m. EDT (le ore 19.22 italiane) - Al Centro Spaziale Kennedy, in Florida,  il conto alla rovescia per il lancio della navetta spaziale Discovery per la missione STS-121 sta procedendo regolarmente. L'equipaggio, composto dai sette astronauti, è a bordo ed il portello è stato chiuso circa 15 minuti fa. Al momento il conto alla rovescia si trova a T-20 minuti ed è in pausa. Questa pausa durerà circa 10 minuti durante i quali vengono eseguite tutta una serie di verifiche dei computer di bordo, delle comunicazioni con il Centro di Lancio e con il Centro Controllo Missione di Houston, in Texas. Dopo i dubbi di ieri con il distacco di un piccolo pezzo di schiuma isolante dal serbatoio esterno è stato deciso comunque dalla NASA di procedere con il lancio. Le condizioni meteo al momento sono "go" per il lancio anche se rimane qualche riserva sulla velocità del vento che non deve superare i 17 nodi. Nella foto l'equipaggio mentre si avvia verso la rampa di lancio (cortesia NASA).

ore 1.43 a.m. EDT (le ore 19.43 italiane) - Il conto alla rovescia si trova ora a T-9 minuti ed è nell'ultima pausa, della durata di 45 minuti, prevista prima del lancio che, ricordiamo, è fissato per le 20.37.55 ora italiana. La finestra di lancio è di soltanto 10 minuti a causa dell'inseguimento orbitale che la navetta deve effettuare per agganciarsi alla Stazione Spaziale Internazionale. Nessun problema tecnico viene riportato al momento ed anche le condizioni meteo rimangono favorevoli al lancio. 

ore 2.29 a.m. EDT (le ore 20.29 ora italiana) - Il conto alla rovescia è ripartito da T-9 minuti. Tutto procede regolarmente. Le tre celle a combustibile che alimentano la navetta sono state attivate. Ultimi controlli a bordo del Discovery. 

ore 2.31 a.m. EDT (le ore 20.31 ora italiana) - E' stata retratta la passerella della rampa di lancio. Mancano sei minuti al lancio.

ore 2.35 a.m. EDT (le ore 20.35 ora italiana) - Tre minuti al lancio per la navetta Discovery. Tutto procede regolarmente. 

ore 2.38 a.m. EDT (le ore 20.38 ora italiana) - LANCIO ! Lo Space Shuttle Discovery è decollato per la missione STS-121 che porterà rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale ed un nuovo membro dell'equipaggio, il tedesco dell'ESA Thomas Reiter. Nella foto lil Discovery nel primo minuto di lancio (cortesia NASA-TV).

ore 2.40 a.m. EDT (le ore 20.40 ora italiana) - I due razzi ausiliari laterali hanno terminato il loro lavoro e sono stati sganciati. Verranno recuperati più tardi da due speciali navi nell'Oceano Atlantico. 

ore 2.46 a.m. EDT (le ore 20.46 ora italiana) - MECO eseguito (Main Engine Cutoff - Spegnimento dei tre motori principali) e fra pochi secondi il serbatoio esterno verrà sganciato dalla navetta per ricadere bruciando sull'Oceano Indiano.

ore 3.15 p.m. EDT (le ore 21.15 ora italiana) - La navetta ora si prepara alla prima accensione dei motori orbitali per ottimizzare i parametri dell'orbita. La missione procede regolarmente.

ore 3.23 p.m. EDT (le ore 21.23 ora italiana) - Il Discovery ha raggiunto una prima orbita stabile di 143x97 miglia (230x156 chilometri). 

ore 4.09 p.m. EDT (le  22.09 italiane) - La NASA sta studiando le immagini del lancio per capire che pericolo possano aver recato i vari piccoli detriti visti staccarsi dal serbatoio esterno a circa 2 minuti e 47 secondi dal lancio. A quell'altezza comunque l'atmosfera è molto rarefatte e anche un detrito pone meno rischi. L'equipaggio, composto dal comandante Steven Lindsey, il Pilota Mark Kelly e gli specialisti di missione Michael Fossum, Piers Sellers, Stephanie Wilson, Lisa Nowak e Thomas Reiter ESA-Germania) si recherà a dormire alle 2.38 ora italiana. (Foto del lancio cortesia NASA-TV)

Fonte: SpaceflightNow - NASA

 

Giorno 2 - 05/07/2006 - Gli astronauti del Discovery sono stati svegliati alle 4.08 a.m. CDT (le 10.08 ora italiana) per il loro primo giorno completo nello spazio dalla canzone “Lift Every Voice and Sing” eseguita dal New Galveston Chorale. Quattro membri dell'equipaggio Lindsey, Kelly, Fossum e Nowak hanno utilizzato il OBSS (Orbiter Boom Sensor System), lungo 15 metri e collegato al braccio robotico Canadarm, per ispezionare le ali e il muso della navetta con una serie di sensori laser ed infrarossi alla ricerca di possibili danni. Questo lavoro ha richiesto circa 6 ore e mezza. Dopo il pranzo il OBSS è stato utilizzato per controllare l'esterno della cabina del Discovery ed il vano di carico (nella foto cortesia NASA-TV). Wilson ha effettuato anche delle fotografie con una macchina digitale del sistema di manovra orbitale e del timone di coda. Tutti questi dati verranno trasmessi a Terra dove verranno studiati attentamente per escludere qualsiasi danno al rivestimento termico della navetta. Ulteriori immagini saranno riprese durante l'avvicinamento alla ISS (Stazione Spaziale Internazionale) e dopo l'attracco. Più tardi WIlson e Reiter hanno preparato del materiale che verrà trasferito sulla Stazione mentre i due astronauti che dovranno eseguire le due previste attività extraveicolari (EVA) Fossum e Sellers hanno controllato le tute spaziali coadiuvati da Kelly. Intanto il Discovery sta seguendo la ISS nella sua orbita avvicinandosi ad essa di circa 1.000 chilometri ad ogni orbita della durata di circa 90 minuti. L'attracco è previsto per le 9.52 a.m. di martedì (le 16.52 ora italiana) al PMA2 (Pressurized Mating Adapter-2) posto sul modulo laboratorio Destiny. A bordo della ISS i due astronauti Vinogradov e Williams continuano a prepararsi per l'arrivo dell'equipaggio del Discovery ed hanno pronte le macchine fotografiche per effettuare riprese ravvicinate dello shuttle. 

Fonte: NASA - MCC Status Report #03

 

Giorno 3 - 06/07/2006 - L'equipaggio del Discovery è stato svegliato alle 2.38 a.m. (le 8.38 ora italiana) con il brano "Daniel" eseguito da Elton John e dedicato, dal Controllo Missione, all'astronauta europeo Reiter. L'equipaggio di Spedizione Tredici della ISS è stato svegliato alla stessa ora con un più normale trillo da radiosveglia. Il comandante Steve Lindsey ha pilotato il Discovery all'avvicinamento alla ISS, fermandosi a circa 200 metri da essa, direttamente sotto la stazione per effettuare una rotazione prima di eseguire il randez-vous. Lo shuttle ha effettuato una rivoluzione muso-coda in modo che il comandante della ISS Pavel Vinogradov e l'ingegnere di volo Jeff Williams potessero fotografare il sistema di protezione termico della pancia della navetta. Una volta che queste foto saranno inviate a Terra gli esperti della NASA potranno studiare le immagini ottenute ad alta risoluzione alla ricerca di possibili segni di danni sulle mattonelle isolanti. Alle 9.52 a.m. CDT (le 16.52 ora italiana) il Discovery ha attraccato perfettamente al portello del PMA-2 del modulo laboratorio Destiny. Alle 11.30 a.m. CDT (le ore 18.30 ora italiana) il portello che divideva le due astronavi è stato finalmente aperto ed i sette astronauti della missione STS-121 composto dal comandante Lindsey ed il suo equipaggio composto dal pilota Mark Kelly e dagli Specialisti di Missione Mike Fossum, Lisa Nowak, Stephanie Wilson, Piers Sellers e Thomas Reiter sono entrati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ricevendo il benvenuto dell'Equipaggio di Spedizione Tredici. Dopo una breve introduzione ai sistemi di sicurezza della Stazione eseguita dal comandante Vinogradov, egli stesso ha aiutato Reiter a installare il suo seggiolino sulla Soyuz ed ha controllato la pressurizzazione della tuta Sokol completando così il trasferimento del tedesco come terzo membro dell'equipaggio di Spedizione Tredici. Altri trasferimenti in questo primo giorno di lavori congiunti sono stati quelli delle tute spaziali che Sellers e Fossum indosseranno per eseguire le uscite extraveicolari dal boccaporto del modulo Quest nei giorni 5 e 7 di missione. In preparazione della prima EVA, Novak, Wilson e Williams hanno alzato il OBSS con il braccio robotico della Stazione e lo hanno agganciato al braccio robotico della navetta. Durante la prima passeggiata Sellers e Fossum simuleranno una riparazione alla navetta utilizzando la combinazione OBSS/Canadarm in una specie di gru lunga 30 metri da utilizzare come piattaforma di lavoro. Nella foto (cortesia NASA-TV) l'equipaggio di Spedizione Tredici composto da Williams, a sinistra e Vinogradov, a destra, si complimenta appena dopo l'aggancio della navetta Discovery alla ISS.

Fonte: NASA - MCC Status Report #05

 

Giorno 4 - 07/07/2006 - La terza giornata completa nello spazio è iniziata per l'equipaggio del Discovery alle 2.14 a.m. CDT (le 9.14 ora italiana) con il brano "Good Day Sunshine" dedicata ad una delle matricole di questo volo spaziale, Lisa Novak. L'equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale, ora composto nuovamente da tre membri con l'arrivo dell'astronauta tedesco dell'ESA Thomas Reiter, è stato svegliato mezzora più tardi. Intanto il Centro Controllo Missione (MCC - Mission Control Center) di Houston, Texas, ha deciso di estendere di un giorno la missione e quindi ora il rientro è previsto per il 17 luglio anziché il 16. Questa opportunità è stata resa possibile grazie alla buona performance delle tre celle a combustibile che forniscono energia alla navetta. Uno dei principali compiti di oggi per l'equipaggio del Discovery è stata lo spostamento del modulo logistico italiano MPLM Leonardo dal vano di carico della navetta all'agancio con uno dei portelli del modulo Unity. L'operazione è iniziata alle 4.45 a.m. (le 11.45 ora italiana) quando la Specialista di Missione Stephanie Wilson ha preso i comandi del braccio robotico della navetta ed ha agganciato il modulo Leonardo. Alle 7.15 a.m. (le 14.15 ora italiana) l'operazione era completata anche se alcuni dubbi sull'aggancio costringevano gli astronauti ad eseguire una serie di controlli prima di dichiarare definitiva l'unione fra i due moduli. Ora Leonardo è pronto per iniziare ad essere scaricato delle oltre due tonnellate e mezzo di rifornimenti per la ISS. Gli astronauti del Discovery sono andati a dormire dopo le 6.00 p.m. (le 1.00 ora italiana del 8 aprile) in preparazione per la prima EVA di Sellers e Fossum prevista per domani. Sempre venerdì i tecnici della NASA incaricati di controllare tutte le immagini giunte a Terra e che mostrano i vari punti dello scudo termico della navetta hanno ancora lasciato qualche punto da ricontrollare ulteriormente prima di dichiarare ufficialmente "sicuro" il rientro del Discovery. Nella foto il modulo MLPM Leonardo mentre viene issato verso la ISS (cortesia NASA-TV).

Fonte: NASA - MCC Status Report #07

 

Giorno 5 - 08/07/2006 - La sveglia all'equipaggio del Discovery per questa quarta giornata nello spazio è stata data alle 2.08 a.m. CDT (le 9.08 ora italiana) con la canzone “God of Wonders” di Marc Byrd and Steve Hindalong, dedicata all'astronauta Fossum dalla sua famiglia. Sellers e Fossum hanno iniziato subito la preparazione per la prima delle tre EVA previste in questa missione. Alle 8.17 a.m. CDT (le 15.17 ora italiana) l'attività extraveicolare aveva ufficilamente inizio quando i due astronauti attivavano l'energia interna delle loro tute spaziali EMU. Una volta usciti dal portello del modulo Quest si sono diretti verso il Traliccio S0 della ISS ed hanno installato uno speciale attrezzo che servirà, durante la prossima EVA, a facilitare la rimessa in funzione dello speciale vagoncino su rotaie posto sul traliccio principale della stazione spaziale. Il resto della EVA è stato utilizzato da Fossum e Sellers nel testare l'utilizzo del braccio robotico dello shuttle e delle sua estensione OBSS (Orbiter Boom Sensor System) come piattaforma dalla quale operare riparazioni al rivestimento dello shuttle. Sellers, che indossava la tuta spaziale con le striscie rosse, e Fossum quella tutta bianca sono rientrati dal portello del modulo Quest ed hanno dato inizio alla pressurizzazione alle 3.48 p.m. CDT (le 22.48 ora italiana) concludendo così la prima EVA della missione e durata 7 ore e 31 minuti. Per Fossum quela di oggi era la sua quarta attività extraveicolare mentre per Seller la prima della sua carriera. Durante l'EVA Il pilota Mark Kelly teneva i contatti con i due astronauti all'esterno mentre gli Specialisti di MIssione Lisa Novak e Stephanie Wilson e l'ingegnere di bordo di Spedizione Tredici Jeff Williams operavano il braccio robotico della navetta e il comandante del Discovery Steve Lindsey controllava le loro attività mentre trasferiva acqua alla ISS. Durante l'EVA il comandante di Spedizione Tredici Vinogradov e l'Ingegnere di volo Reiter scaricavano il modulo logistico Leonardo. Fra il materiale scaricato oggi un nuovo generatore di ossigeno che verrà installato nei prossimi mesi nel laboratorio Destiny ed uno speciale frigorifero per mantenere i campioni per gli esperimenti biologici prima del loro rientro sulla Terra. Domani tutta l'attività sarà incentrata sullo scarico del modulo logistico mentre lunedì avverrà la seconda EVA prevista. Intanto il Centro Controllo Missione di Houston ha confermato che l'ispezione esterna alla protezione termica dello shuttle ha dato un parere positivo anche se rimane da controllare ulteriormente uno dei piccoli pezzi sporgenti fra le mattonelle del rivestimento. Comunque John Shannon, il capo del Mission Management Team ha confermato che ha avuto lo scudo termico più "pulito" in termini di danni mai visto nelle precedenti missioni. Nella foto (cortesia NASA) i due astronauti al lavoro sulla parte finale del traliccio della ISS.

Fonte: NASA - STS-121 MCC Status Report #09

 

Giorno 6 - 09/07/2006 - L'equipaggio del Discovery è stato svegliato alle 2.08 a.m. CDT (le 9.08 ora italiana) con il brano “I Have a Dream,” degli ABBA dedicato al pilota MArk Kelly dai figli. Oggi ogni membro dei due equipaggi è stato coinvolto nelle attività di scarico del modulo cargo. La specialista di missione Stephanie Wilson è l'incaricata della gestione del trasferimento del materiale, circa 2.500 chilogrammi nel modulo logistico Leonardo e circa 600 chilogrammi dal ponte mediano dello shuttle. I controllori di volo hanno riportato che il 14% del materiale del MPLM è stato già stato trasferito, incluso il Minus Eight Lab Freezer (uno speciale frigorifero per campioni di esperimenti biologici) e l'Oxygen Generation System che permetterà di espandere il supporto della stazione a sei membri dell'equipaggio invece degli attuali tre. Anche il 6% dell'equipaggiamento dal ponte mediano dello shuttle è già stato trasferito. Tutti e nove gli astronauti hanno partecipato ieri ad una conferenza stampa andata in onda su NASA-TV alle 10.48 a.m. CDT (le 17.48 ora italiana). Le domande sono state rivolte all'equipaggi da giornalisti americani posti nei centri della NASA e da giornalisti europei all'European Astronaut Center di Colonia, in Germania. Durante la giornata gli specialisti di missione Mike Fossum e Piers Sellers hanno lavorato alle attività legate alle attività extraveicolari. I due hanno compiuto ieri la prima EVA prevista e si stanno preparando per la seconda prevista per domani. Anche il resto dell'equipaggio del Discovery ha partecipato alle procedure in preparazione dell'EVA di domani. Intanto John Shannon, uno dei responsabili del programma Shuttle e capo della STS-121 Mission Management Team, ha riportato che il Discovery è stato dichiarato "pulito" per il rientro sulla Terra. In pratica lo scudo termico della navetta è stato trovato privo da ogni danno che possa rendere pericoloso il rientro. L'equipaggio condurrà comunque una ulteriore ispezione prima del rientro per assicurarsi che nessun danno sia stato ricevuto durante la permanenza del Discovery alla ISS. L'equipaggio è andato a dormire alle 5 p.m. CDT (le 0.00 del 10 luglio ora italiana). Nella foto (cortesia NASA) i due equipaggi di Discovery ed ISS al completo.

Fonte: NASA - STS-121 MCC Status Report #11

 

Giorno 7 - 10/07/2006 - L'equipaggio dello shuttle è stato svegliato dal Centro Controllo Missione alle 1.08 a.m. CDT (le 8.08 ora italiana) con il brano "Clocks," eseguito dai Coldplay, e richiesto dalla famiglia dell'astronauta Sellers per il giorno della seconda attività extraveicolare. Piers Sellers e Mike Fossum hanno indossato le tute spaziali EMU e, dopo l'adeguata pressurizzazione, sono usciti dal portello del modulo Quest alle 7.14 a.m. (le 14.14 ora italiana). Il loro primo compito è stato quello di recarsi nel vano di carico dello shuttle dove hanno prelevato il Pump Module dalla sua piattaforma in modo che le specialiste di missione Lisa Novak e Stephanie Wilson lo potessero agganciare con il braccio robotico della stazione. Mentre il modulo veniva spostato verso la sua destinazione Sellers e Fossum si spostavano sul traliccio S0 per iniziare il lavoro principale della EVA di oggi, rimpiazzare il lato rivolto verso il basso del Trailing Umbilical System (TUS). Il TUS contiene cavi di alimentazione, trasmissione video e dati che sono utilizzati dal Mobile Transporter che si sposta lungo il traliccio. Il TUS posto nella parte inferiore del traliccio venne danneggiato inavvertitamente lo scorso anno e richiedeva la sostituzione. Come primo passo in questo processo Sellers ha rimpiazzato l'Interface Umbilical Assembly - il componente che serve per tagliare il cavo, con uno nuovo senza lama. Intanto il Canadarm2 raggiungeva la External Stowage Platform 2 dal lato opposto del modulo Quest con la Pump Module e Sellers e Fossum si spostavano alla piattaforma ESP-2 per ricevere il modulo dal braccio ed assicurarlo alla piattaforma. Dopo aver fatto questo i due astronauti tornavano al lavoro sul TUS. Sellers rimuoveva il TUS danneggiato e lo portava nel vano di carico dello shuttle facendosi portate dal braccio robotico. Una volta arrivato Sellers prelevava il nuovo TUS dalla piattaforma nel vano di carico assieme ai cavi da sostituire e riponeva il vecchio al suo posto. Intanto il braccio robotico con Fossum portava il nuovo TUS sul traliccio e con l'aiuto di Sellers veniva completato il lavoro ricollegando anche tutti i cavi attraverso 'IUA. In due momenti dell'EVA Fossum si è fermato ad assicurarsi che i connettori dei piccoli razzi dello zaino della tuta spaziale di Sellers fossero a posto. I due astronauti rientravano nella camera di equilibrio del modulo Quest, chiudevano il portello e cominciavano a pressurizzare alle 2.01 p.m. CDT (le 21.01 ora italiana) dopo 6 ore e 47 minuti di attività extraveicolare. Con la prima EVA il totale di ore passate all'esterno in questa missione assomma a 14 ore e 18 minuti. Una terza EVA, durante la quale verranno testate potenziali tecniche di riparazione allo scudo termico, verrà eseguita mercoledì. Durante l'attività extraveicolare il pilota Kelly teneva sotto controllo i tempi da rispettare per i due astronauti mentre il comandante Lindsey gestiva le telecamere e trasferiva due contenitori di acqua sulla ISS. L'equipaggio di Spedizione Tredici ha invece continuato il trasferimento dei rifornimenti e dell'equipaggiamento dal modulo logistico. Nella splendida foto (cortesia NASA) l'astronauta Sellers durante l'EVA di oggi.

Fonte : NASA - STS-121 MCC Status Report #13

 

Giorno 8 - 11/07/2006 - Oggi l'equipaggio dello shuttle Discovery è stato svegliato dal Centro Controllo Missione alle 1.08 a.m. CDT (le 8.08 ora italiana) con la canzone “All Star,” eseguita da Smashmouth, e dedicata alla specialista di missione Novak dalla sua famiglia. Come di prassi l'equipaggio della ISS è stato svegliato mezz'ora dopo. Fra le due attività extraveicolari gli equipaggi congiunti dello Space Shuttle Discovery e della Stazione Spaziale Internazionale hanno rivolto oggi la loro attenzione nel preparare il modulo logistico Leonardo per il suo rientro sulla Terra. Il comandante di Spedizione Tredici Pavel Vinogradov assieme all'ingegnere di volo Jeff Williams e Thomas Reiter hanno trascorso gran parte della giornata nel caricare il materiale non più utile alla stazione nel MPLM agganciato al modulo Unity. Prima di essere riportato venerdì nel vano di carico del Discovery, il modulo Italiano Leonardo verrà riempito di oltre una tonnellata e mezzo di campioni di esperimenti, attrezzature non più utilizzate e spazzatura varia. Fra le due tonnellate e mezzo di materiale consegnate alla stazione si trova anche una nuova finestra per il Microgravity Science Glovebox, una speciale attrezzatura dell'ESA che permette di svolgere, in un apposito spazio chiuso ermeticamente, esperimenti scientifici che coinvolgono i fluidi, fiamme, particelle o fumi. Reiter, l'astronauta europeo che si è unito all'equipaggio della stazione la scorsa settimana installerà la nuova finestra domani. Ulteriori lavoro sarà necessario dopo la partenza dello shuttle prima che il MSG possa tornare operativo. Gli specialisti di missione del Discovery Piers Sellers e Mike Fossum, che hanno già trascorso 14 ore e 18 minuti all'esterno del complesso Discovery/ISS in due attività extraveicolari, hanno trascorso parecchio del tempo di oggi alla preparazione le loro tute spaziali ed attrezzature per la terza EVA. La passeggiata spaziale di 6 ore e mezzo sarà utilizzata per testare uno speciale adesivo ed altro materiale per riparare i pannelli RCC che si trovano sul bordo di attacco alare dello shuttle ed useranno una telecamera infrarossa per evidenziare possibili danni invisibili ad occhio nudo. Alle 7.18 a.m. (le 14,18 ora italiana) i due astronauti si sono uniti al pilota Kelly ed alle specialiste di missione Novak e Wilson per discutere dei progressi del loro volo in una intervista alla Associated Press ed USA Today.

Fonte: NASA - STS-121 MCC Status Report #15
Giorno 9 - 12/07/2006 - Questa mattina l'equipaggio di STS-121 è stato svegliato alle 12.08 p.m. (le ore 6.08 ora italiana) con il brano “I Believe I Can Fly,” eseguito per Wilson mentre l'equipaggio di Spedizione Tredici è stato svegliato mezz'ora più tardi. Gli specialisti di missione Sellers e Fossum hanno iniziato la loro attività extraveicolare alle 6.20 a.m. CDT (le 13.20 ora italiana) preparando le apposite cinghie per contenere i piedi dell'astronauta sulla piccola pedana posta sulla parte finale del Canadarm2. Sellers è salito sul braccio robotico, comandato dalle specialiste di missione Novak e Stephanie ed è stato portato sopra l'ala destra del Discovery dove l'astronauta ha utilizzato una telecamera ad infrarossi riprendendo 20 secondi di video dei pannelli in Reinforced Carbon Carbon del bordo di attacco dell'ala. Le immagini ad infrarossi dovranno aiutare ad identificare possibili danni all'interno dei pannelli. Fossum si è portato nella parte posteriore del vano di carico dove si è unito a Sellers per aiutarlo a preparare l'esperimento di riparazione con 12 campioni di RCC. Per effettuare la riparazione viene utilizzato uno speciale composto chiamato NOAX (Non-oxide adhesive experimental). I dati ottenuti durante i test nella missione STS-114 dell'anno scorso indicano che i migliori effetti del NOAX si hanno applicandolo quando la temperatura del pannello scende dai 48 a 1 grado centigradi. Ecco che oggi i due astronauti applicheranno il NOAX su pannelli RCC precedentemente danneggiati basandosi sulla temperatura dei pannelli stessi. Nel corso di oltre due ore e mezza, Sellers e Fossum hanno completato tre test di riparazione di fori e due di crepature ed hanno provveduto ad un lungo dialogo descrivendo al Controllo MIssione (MCC) la loro attività di riparazione e come il NOAX si comportava. Al termine hanno ripreso quattro dei campioni con la telecamera ad infrarossi, la stessa che poi Fossun ha utilizzato per riprendere l'ala di sinistra mentre appeso al Canadarm2 ritornava verso la camera di equilibrio. Vicino alla conclusione della EVA il MCC ha assegnato un ulteriore compito ai due astronauti visto che erano in anticipo sui tempi previsti. Sellers ha preso un Pistol Grip Tool dall'ICC (integrated Cargo Carrier) nel vano di carico del Discovery ed ha rimosso lo speciale utensile utilizzato per spostare la Pump Module durante la seconda EVA. Lo ha portato sul Traliccio S1 dove Fossum lo ha aiutato ad installarlo sul serbatoio di Ammoniaca in modo che il serbatoio possa essere facilmente rimosso in una successiva missione di assemblaggio della stazione. La pressurizzazione del modulo Quest è iniziata alle 1.31 p.m. (le 20.31 ora italiana) completando l'attività extraveicolare di 7 ore e 11 minuti, la 68° in supporto alla costruzione e manutenzione della ISS. Il tempo cumulativo delle tre EVA di questa missione arriva quindi a 21 ore e 29 minuti. L'equipaggio di Spedizione Tredici si è invece anche oggi concentrato sul carico del modulo logistico con il materiale da riportare sulla Terra. Nella foto (cortesia NASA) una fase dell'EVA di oggi.


Fonte: NASA - STS-121 MCC Status Report #17

 

Giorno 10 - 13/07/2006 - La sveglia di oggi per l'equipaggio del Discovery è stato il brano "Charlie's Angels Theme Song", dedicato a tutti gli astronauti da parte della squadra di addestramento di Houston. Alcuni momenti più tardi l'astronauta Fossum ha ricevuto un saluto dalla Texas A&M University visto che si tratta del loro primo alunno a volare nello spazio. La giornata di oggi è trascorsa di riposo per gli equipaggi impegnati soltanto in alcune interviste . Fossum ha anche ricevuto un saluto da parte del Governatore del Texas, Rick Perry, alle 11.58 a.m. CDT (le ore 18.58 ora italiana) che si è detto orgoglioso di avere il primo laureato della Texas A&M University nello spazio, visto che anche il governatore stesso ha studiato li. Alle 12.44 p.m. (le 19.44 ora italiana) Fossum e Novak hanno partecipato ad una intervista con la MSNBC e la FOX News Live. Il membro dell'equipaggio di Spedizione Tredici Jeff Williams ha confermato i vari passi e le procedure finali per la chiusura. prevista per venerdì, del Modulo Logistico Multi-Funzionale che verrà riportato dalla ISS al vano di carico del Discovery sempre venerdì. La giornata è poi trascorsa con gran prte del tempo libero per Fossum, Nowak e il comandante dello shuttle Steven Lindsey, il pilota Mark Kelly e gli specialisti di missione Stephanie Wilson e Piers Sellers, che hanno dovuto soltanto svolgere piccoli compiti poco impegnativi. Domani l'equipaggio dovrà effettuare un ulteriore controllo dello scudo termico dando un'occhiata finale all'ala destra per essere sicuri che nessun detrito orbitale abbia colpito l'ala dalla prima ispezione compiuto all'inizio della missione. Nella foto (cortesia NASA) l'astronauta Sellers mostra l'apparecchiatura IUA (Interface Umbilical Assembly) sostituita durante la prima attività extraveicolare compiuta il giorno 5 di missione.

Fonte: NASA - STS-121 MCC Status Report #19

 

Giorno 11 - 14/07/2006 - L'equipaggio del Discovery è stato svegliato dal Centro Controllo Missione di Houston, nel Texas, alle 12.19 p.m. CDT (le 7.19 ora italiana) con il Aggie War Hymn eseguito dalla Fighting Texas Aggie Band in onore dello Specialista di Missione Mike Fossum, un laureato della Texas A&M University. Prima operazione della mattinata la disattivazione del modulo cargo effettuata dal comandante Lindsey e l'ingegnere di volo della ISS Reiter con la chiusura del portello e la preparazione per la rimozione dal nodo Unity. Appena dopo le 8.32 a.m. CDT (le 15.32 ora italiana) le specialiste di missione Novak e Wilson hanno utilizzato il braccio robotico della stazione per disinstallare Leonardo dalla ISS. Il MPLM è stato poi riportato nel vano di carico dello shuttle alle 10.00 a.m. CDT (le 17.00 ora italiana). Quasi tre tonnellate di rifornimenti sono stati portati alla ISS con il modulo cargo ed approssimativamente 1.800 chilogrammi di materiale, inclusi campioni di esperimenti, attrezzature guaste e spazzatura sono state impacchettate per il ritorno a Terra. Dopo che il MPLM è stato riportato sul Discovery, Novak e Wilson hanno utilizzato il braccio robotico canadese con il OBSS (Orbiter Boom Sensor System) per ispezionare l'ala destra dello shuttle. Un ispezione simile venne effettuata nel secondo giorno di missione e mentre quella era rivolta a cercare segni di danni avuti al lancio quella di oggi cerca danni avuti durante la permanenza in orbita. La ricerca non ha evidenziato nessun danno e l'ispezione all'ala sinistra ed al muso dello shuttle verrà effettuata domani dopo lo sgancio dalla ISS previsto per le 5.08 a.m. CDT (le 12.08 ora italiana). Sempre questa mattina, mentre Lindsey e Reiter lavoravano con il MPLM, Novak e Wilson si sono uniti agli Specialisti di Missione Fossum e Sellers, al Pilota Kelly ed al comadante della ISS Vinogradov e l'ingegnere di volo Williams per discutere della missione in interviste con la CNN, ABC, NBC e CBS. Nella foto (cortesia NASA) la Specialista di Missione Lisa Novak ai comandi del Canadarm 2 per riportare il modulo italiano Leonardo nella stiva di carico del Discovery.

Fonte: NASA - STS-121 MCC Status Report #21

 

Giorno 12 - 15/07/2006 - L'equipaggio del Discovery è stato svegliato dal MCC alle 7.08 ora italiana con il pezzo ""Beautiful Day" eseguito dagli U2 e dedicato al Pilota Mark Kelly per il giorno dello sgancio dalla ISS. Gli astronauti dello shuttle hanno salutato Thomas Reiter ed ai suoi compagni, il comandante della Stazione Pavel Vinogradov e l'ingegnere di volo Jef Williams. Il portello fra il Discovery e la ISS è stato chiuso dal comandante Lindsey e dal pilota Kelly alle 
3.15 a.m. CDT (le 10.15 ora italiana). Le astronaute Novak e Wilson completavano un controllo di perdite nel condotto di aggancio mentre Fossum e Sellers installavano una telecamera nel centro della finestra del portello. Con Kelly ai controlli il Discovery si è sganciato dalla stazione alle 5.08 a.m. CDT (le 12.08 ora italiana) e la navetta è stata portata a circa 150 metri di distanza utilizzando i piccoli razzi di manovra. Una seconda accensione, 50 minuti dopo il distacco, mentre la navetta si trovava più in basso e dietro la stazione spaziale ha immesso il Discovery in una rotta a circa 70 chilometri dalla ISS. Una volta che il Discovery ha lasciato la stazione l'equipaggio dello shuttle ha utilizzato il braccio robotico e la sua prolunga dotata di sensori per ispezionare l'ala sinistra e il muso per controllare se vi fossero danni causati da detriti spaziali. Una operazione simile era stata condotta ieri con l'ala destra. Dopo il controllo del muso il OBSS è stato riposto sul bordo del lato sinistro del vano di carico ed il braccio robotico disattivato. I responsabili della missione stanno controllando le ultime ispezioni allo scudo termico del Discovery ma al momento non hanno riscontrato nessun problema anche se le analisi continuano. E' previsto che il Discovery accenda i suoi motori per uscire dall'orbita alle 7.07 a.m. CDT (le 14.07 ora italiana) di lunedì. Questa è la prima opportunità di atterraggio al Centro Spaziale Kennedy per lunedì. La seconda opportunità inizierà con un'accensione dei motori per l'uscita dall'orbita alle 8.43 a.m. CDT (le 15.43 ora italiana) con un atterraggio alle 9.50 a.m. CDT (le 16.50 ora italiana). nella foto (cortesia NASA) la ISS ripresa dallo shuttle dopo lo sgancio.

Fonte: NASA - STS-121 MCC Status Report #23

 

Giorno 13 - 16/07/2006 - Giorno 13 - 16/07/2006 - L'ultimo giorno completo nello spazio per l'equipaggio del Discovery è iniziato alle 7.18 ora italiana con il brano “Just Like Heaven” dei Cure e dedicato allo Specialista di Missione Piers Sellers dalla sua famiglia. Le previsioni del tempo per domani nella zona del KSC prevedono possibilità di pioggia nelle vicinanze della pista di atterraggio che sarebbero incompatibili per la discesa del Discovery. Il comandante Lindsey e il pilota Kelly hanno controllato il sistema di atterraggio dello shuttle e i razzi di manovra. Una prova di funzionamento di una delle tre Unità Ausiliari di Energia (APU - Auxiliary Power Units) che forniscono l'energia idraulica al momento del lancio e dell'atterraggio, non ha mostrato problemi. Una piccola perdita di azoto, riscontrata nei giorni scorsi dai tecnici a Terra, nella APU n.1 è rimasta nei livelli accettabili e tutte e tre le unità saranno operative normalmente per il rientro. Gli 
astronauti hanno trascorso il resto di questa giornata di relativo riposo stivando il materiale per il rientro. Gli eventi principali per il primo tentativo di atterraggio lunedì sono i seguenti: 4.27 a.m. CDT (le 11.27 ora italiana) chiusura delle porte del vano di carico, 6.07 a.m. CDT (le 13.07 ora italiana) gli astronauti del Discovery iniziano la vestizione con le tute pressurizzate per il rientro, 6.48 a.m. CDT (le 13.48 ora italiana) il Centro Controllo Missione conferma il "go" o il "no-go" per l'accensione dei motori orbitali. Intanto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale l'equipaggio di Spedizione Tredici composto ora da tre astronauti: Vinogradov, Williams e l'europeo Reiter hanno usufruito di una giornata di riposo dopo l'intensa attività svolta con il Discovery. Nella foto (cortesia NASA) il vano di carico del Discovery ed al centro il modulo logistico Leonardo. 

Fonta: NASA - STS-121 MCC Status Report #25

 

Giorno 14 - 17/07/2006 - Giorno 14 - 17/07/2006 - L'ultima sveglia all'equipaggio del Discovery è stata data con la canzone “The Astronaut” dei Something Corporate, eseguita per il comandante Steve Lindsey qui alla sua quarta missione nello spazio. I dei motori orbitali del Discovery sono stati accesi alle 7.07 a.m. CDT (le 14.07 ora italiana) per tre minuti mentre la navetta sorvolava l'Oceano Pacifico ed iniziava così la discesa. Lo shuttle sorvolava quindi il Guatemala, il Messico, il Golfo del Messico ed il sud-ovest della costa della Florida per raggiungere la zona di atterraggio. Alle 8.15 a.m. CDT (le 15.15 ora italiana) la navetta Discovery, dopo essere sbucata da un banco di nubi basse, toccava con il suo carrello di atterraggio la pista n.15 del Centro Spaziale Kennedy, in Florida concludendo così felicemente la missione STS-121 durata 12 giorni, 18 ore, 38 minuti. Dopo le verifiche tecniche i sei astronauti scendevano dalla navetta spaziale ed a attenderli trovavano l'Amministratore della NASA, Mike Griffin che si complimentava con loro per la missione che riapre il via al completamento della Stazione Spaziale Internazionale ed offre maggiori sicurezze per quanto riguarda la possibilità di riparare in orbita eventuali danni allo scudo termico. Nella foto a fianco (cortesia NASA) la navetta spaziale Discovery conclude la sua missione sulla pista del Centro Spaziale Kennedy, in Florida. Nella foto in basso l'equipaggio del Discovery compie una breve intervista appena sceso dalla navetta spaziale.

Fonte: NASA - STS-121 MCC Status Report #26

 

werhsepd.gif (1132 byte)

 

WB01540_.gif (632 byte)  Come funziona?

WB01540_.gif (632 byte)  Lista delle missioni

 

Ultimo aggiornamento 21/07/2006

Torna alla Home page

 Sito curato da Massimo Martini