La navetta spaziale Endeavour al momento del lancio notturno per l'avvio della missione STS-126

STS-126 / ULF 2

werhsepd.gif (1132 byte)

.............  

Qui sopra lo stemma della missione e a destra l'equipaggio di STS-126 in un poster ideato dalla NASA: da sinistra gli Specialisti di Missione Stephen G. Bowen, Donald Pettit, il Pilota Eric A. Boe, Il Comandante Christopher Ferguson, gli Specialisti di Missione Heidemarie M. Stefanyshyn-Piper, Ingegnere di Volo di Spedizione 18 Sandra Magnus e lo Specialista di Missione R. Shane Kimbrough. In alto Endeavour al momento del lancio.  

STS-126 (124) - OV-105 Endeavour (22)

 

Tempo di missione
15 giorni, 20 ore, 29 minuti e 37 secondi

Volo: STS-126 - ULF 2 (ventisettesima missione dedicata alla Stazione Spaziale Internazionale). Inoltre la missione STS-126 sarebbe potuta diventare la missione di soccorso (LON-400 Launch on Need) per l'equipaggio di STS-125 in caso di gravi problemi allo scudo termico della navetta Atlantis durante la riparazione di Hubble. Questa possibilità è sfumata quando il lancio di STS-125 è stato rimandato a non prima di maggio 2009. 

Carico Utile: Leonardo Multi-Purpose Logistics Module (MPLM) - 

Orbiter: OV-105 - Serbatoio esterno: ET-129- Razzi ausiliari: Bi136-RSRM 104  - Motori principali (SSME): 2047 / 2052 / 2054

Equipaggio:  (7) Comandante Christopher Ferguson (2), Pilota Eric A. Boe (1) Specialisti di Missione Stephen G. Bowen (1) - Heidemarie M. Stefanyshyn-Piper (2), Donald Pettit (2), - R. Shane Kimbrough (1) e Ingegnere di Volo di Spedizione 18 Sandra Magnus (2) SU e l'Ingegnere di Volo di Spedizione 18 Gregory Chamitoff (1) GIU'

Lancio: 14 novembre 2008 - 7.55 p.m. EDT (le 1.55 ora italiana del 15 novembre) Kennedy Space Center (Florida) - Pad 39/A

Attracco alla ISS: 16 novembre 2008 - 05.01 p.m. EDT (le 23.01 ora italiana)

Rientro : 30 novembre 2008 - 4.25 p.m. EST (le 22.25 ora italiana)

Durata della missione : 15 giorni, 20 ore, 29 minuti e 37 secondi

Orbite : 250

Inclinazione: 51,6°

Altezza inserimento orbitale: 225 chilometri

Obiettivi della missione: Consegnare alla Stazione Spaziale Internazionale rifornimenti a bordo del Modulo Logistico Multi-Funzione MPLM Leonardo e sostituire l'ingegnere di Volo della NASA portando su l'astronauta Sandra Magnus e riportando sulla Terra Gregory Chamitoff. Verrà inoltre portato a bordo l'occorrente per poter portare l'equipaggio permanente da tre a sei. Durante quattro attività extraveicolari verrà iniziata la riparazione del SARJ (Solar Alpha Rotary Joints), il giunto di rotazione del traliccio sinistro che ha mostrato anomalie fin da STS-120. 

Statistiche: 

155° missione umana Americana nello spazio
124° missione Shuttle
4° Missione Shuttle delle cinque previste per il 2008
99° missione dopo il disastro del Challenger
11° missione dopo il disastro del Columbia
22° missione di Endeavour
27° missione dedicata alla ISS
71° lancio dal pad 39A

 

werhsepd.gif (1132 byte)

Cronologia pre-volo

L'arrivo della navetta Endeavour all'interno del VAB in preparazione di STS-12611/09/2008 - Endeavour portato nel VAB - La navetta spaziale Endeavour, l'astronave di salvataggio per la missione prevista ad ottobre per il Telescopio Spaziale Hubble, ha fatto un passo ulteriore per la rampa di lancio. L'Endeavour è stata portata fuori dall'hangar al Kennedy Space Center dove è stata preparata per la missione alle 7.01 a.m. EDT (le 13.01 ora italiana) ed ha compiuto in circa un'ora il breve percorso che l'ha condotta all'interno del gigantesco edificio di assemblaggio verticale (VAB). "Ora agganceremo l'orbiter al suo serbatoio esterno ed ai booster a combustibile solido sulla Piattaforma Mobile di Lancio (MPL)" ha affermato Candrea Thomas, portavoce del KSC. Gli ingegneri prevedono di portare il complesso STS-126/LON-400 alla rampa 39/B il prossimo 18 settembre. La navetta Atlantis si trova già sulla rampa gemella 39/A per il suo lancio previsto il mese prossimo. Endeavour dovrà portare rifornimenti ed attrezzature alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) con la missione STS-126 il cui lancio è previsto per il 12 novembre. Ma prima di questo la navetta Endeavour avrà il doppio compito di missione di salvataggio per la sua gemella Atlantis. A causa dell'orbita molto più elevata di Atlantis per poter agganciare Hubble la navetta non potrà utilizzare la ISS come rifugio in caso di gravi danni allo scudo termico. Proprio per questo è stata preparata la missione LON-400 con un equipaggio minimo di quattro astronauti che avrebbero il compito di salvare l'equipaggio di Atlantis e riportarlo sano e salvo sulla Terra. Mentre in Florida gli ingegneri preparano Atlantis ed Endeavour per i loro rispettivi lanci, la NASA ha ufficialmente chiuso il Johnson Space Center di Hoston, nel Texas, a causa del pericolo dell'uragano Ike, al momento di categoria 2, si trova vicino alle coste del Texas. Anche l'addestramento dell'equipaggio di STS-125 ed STS-126 è stato interrotto ed è stato allestito un Centro Controllo Missione provvisorio ad Austin, Texas, per mantenere i contatti con l'equipaggio di Spedizione 18 a bordo della ISS. Anche l'importante FRR (Flight Readiness Review), una riunione finale per la missione STS-125 è stata rinviata alla prossima settimana e l'equipaggio si recherà il 21 settembre al Kennedy Space Center per le ultime fasi di addestramento sulla rampa di lancio. "Non crediamo che questo problema (l'uragano ndt.) avrà impatto ed al momento siamo perfettamente in linea con il programma previsto" ha concluso Thomas. Nella foto (Credit: NASA) la navetta spaziale Endeavour appena giunta all'interno del VAB. 

Fonte: Space.com

 

19/09/2008 - Due shuttle in rampa per l'ultima volta! - Per la prima volta dal luglio 2001, due diversi shuttle si trovano sulle rispettive rampe di lancio nello stesso momento al Centro Spaziale Kennedy. La navetta spaziale Endeavour ha infatti completato il viaggio di circa 7 chilometri fino alla rampa 39/B oggi alle 6.59 am. EDT (le 11.59 ora italiana). Endeavour aveva lasciato il VAB (Vertical Assembly Building) alle 11.15 p.m. (le 4.15 ora italiana) viaggiando a meno di 2 chilometri orari sopra al gigantesco trattore da trasporto. Endeavour rimarrà in attesa alla rampa B nella sfortunata evenienza di una missione di recupero (LON-400) che si renda necessaria durante la missione di riparazione del Telescopio Spaziale Hubble STS-125 della navetta Atlantis, il cui lancio è  previsto per il 10 ottobre. Dopo che Endeavour sarà liberato dal compito della missione di recupero verrà spostato alla rampa 39/A in preparazione della missione STS-126 destinata alla Stazione Spaziale Internazionale il cui lancio è previsto per il 12 novembre. 

Fonte: NASA

 

24/09/2008 - Rinvio confermato per Atlantis e per Endeavour - La NASA ha deciso oggi di spostare la data di lancio della missione STS-125 Atlantis dal 10 al 14 ottobre alle ore 10:19 p.m. EDT (le 1.19 ora italiana del 15 ottobre). Una data ed un orario ufficiale verranno comunicati il prossimo 3 ottobre durante una conferenza stampa che seguirà la tre giorni di FRR. Questo slittamento avrà impatto anche sul lancio della missione successiva STS-126 Endeavour spostata ora dal 12 al 16 novembre.

Fonte: NASA

 

30/09/2008 - Endeavour partirà prima di Atlantis - A causa del grave guasto al Telescopio Spaziale Hubble la NASA ha deciso di posticipare il lancio di Atlantis STS-125 al 2009 in data ancora da destinarsi. In questo modo il prossimo lancio di una navetta spaziale è previsto per il prossimo 16 novembre con Endeavour STS-126 con una missione destinata alla Stazione Spaziale Internazionale. 

Fonte: NASA

 

23/10/2008 - Endeavour trasferito dalla rampa 39/B alla 39/A - La navetta spaziale Endeavour è stata spostata alla nuova rampa di lancio in preparazione della missione STS-126 di rifornimento per la Stazione Spaziale Internazionale il prossimo mese. Il lento movimento è iniziato alle 14.28 ora italiana al Kennedy Space Center di Cape Canaveral, in Florida, con gli ingegneri che hanno accompagnato Endeavour fuori dalla rampa 39/B grazie al gigantesco cingolato. La navetta è arrivata alla nuova rampa 39/A alle 22.40 ora italiana in preparazione per il lancio previsto per il 14 novembre. La NASA aveva previsto la manovra di scambio delle rampe "roll around" per sabato ma il rischio di fulmini hanno forzato i dirigenti della missione di anticipare la procedura. Questa è soltanto la terza volta che viene effettuato un "roll around" ed il viaggio è durato circa 8 ore alla velocità di circa 1,6 km/h. L'ultima volta che era avvenuto uno scambio di rampa era stato nel 1993, sempre la navetta Endeavour, per la missione STS-61. La NASA sta utilizzando la rampa 39/A come principale per i lanci dello Space Shuttle mentre la rampa gemella B ha già iniziato la conversione per le future missioni di Ares 1, il successore della navetta. Endeavour ha trascorso settimane alla rampa 39/B in attesa nel caso dovesse essere utilizzato  per una missione di soccorso per Atlantis STS-125. Ora il lancio per STS-126 è previsto per il 14 novembre alle ore 7.55 p.m. EDT (le 2.55 ora italiana del 15 novembre). 

Fonte: Space.com

 

L'equipaggio di STS-126 Endeavour in posa di fronte alla rampa 39A durante il TCDT26/10/2008 - L'equipaggio di Endeavour al Kennedy Space Center - Una simulazione di conto alla rovescia e delle procedure di emergenza è in corso questa settimana al Kennedy Space Center in preparazione della missione STS-126 della navetta Endeavour, il cui lancio è previsto per il 14 novembre, e che dovrà portare materiale alla Stazione Spaziale Internazionale. Assieme al Comandante Christopher Ferguson, il pilota Eric Boe e gli Specialisti di Missione Stephen Bowen, Shane Kimbrough, Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Don Pettit ed il nuovo residente della stazione Sandy Magnus sono giunti in volo da Houston domenica pomeriggio. Endeavour trasporterà il modulo logistico riutilizzabile, di costruzione italiana, stivato con materiale critico per ampliare l'equipaggio residente sulla stazione da tre a sei persone, incluso un alloggio addizionale, un secondo tapis-roulant ed attrezzature per il sistema rigenerativo del supporto vitale. Durante la missione, della durata prevista di 15 giorni, Magnus salirà a bordo della stazione per rimpiazzare l'Ingegnere di Volo Greg Chamitoff che tornerà sulla Terra a bordo di Endeavour dopo oltre cinque mesi di permanenza sulla stazione. L'equipaggio è arrivato in Florida per partecipare al TCDT (Terminal Countdown Demonstration Test). Ogni equipaggio di navetta spaziale si sottopone a questo addestramento di alcuni giorni nelle settimane finali prima di ogni lancio programmato. Gli astronauti trascorreranno questo tempo imparando come evacuare la rampa di lancio 39A in caso di emergenza, incluso le procedure per azionare le teleferiche nelle quali l'equipaggio dovrebbe fuggire verso un bunker posto ad ovest della rampa e un test di guida di un cingolato disponibile per gli astronauti per lasciare velocemente, ed al sicuro, l'area. Altre attività programmate in questa settimana includono voli di prova all'atterraggio utilizzando lo Shuttle Training Aircraft. provare le tute spaziali e chiacchiere informali con i media alla rampa. Il TCDT culminerà mercoledì con l'equipaggio che si imbarcherà su Endeavour per una simulazione completa del conto alla rovescia. Gli astronauti eseguiranno una normale mattina di routine per il lancio con la colazione, la riunione per le condizioni meteo al Cape e sui vari siti di atterraggio di emergenza, indosseranno le tute e partiranno dagli alloggi dell'equipaggio alle 7.45 a.m. per salire a bordo dell'Astrovan che li porterà alla rampa 39A. Arrivati alla rampa poco dopo le 8 a.m. tutti e sette gli astronauti saliranno all'interno della navetta e si siederanno ai loro posti per le ultime tre ore del conto alla rovescia. Verso le 11 a.m. gli orologi del conto alla rovescia si fermeranno a pochi secondi dal via per simulare uno spegnimento dei tre motori principali appena prima del decollo. A questo punto l'equipaggio uscirà dalla navetta e prenderà confidenza con il sistema di fuga dalla rampa, la teleferica. Per il TCDT la navetta non è caricata con il combustibile e l'equipaggio non lascerà la torre di lancio all'interno dei canestri della teleferica. Una volta completato il conteggio l'equipaggio tornerà ad Houston per le ultime settimane di addestramento. Nella foto (Credit: NASA) l'equipaggio della missione STS-126 Endeavour ripresa di fronte alla rampa 39A durante il TCDT.

Fonte: SpaceflightNow
30/10/2008 - Endeavour via il 14 novembre, Atlantis slitta a metà 2009 - I responsabili della NASA hanno dato oggi l'ok definitivo per il via al lancio di Endeavour il 14 novembre per la missione STS-126 di rifornimento alla stazione spaziale. Ma il lavoro richiesto per testare un componente vitale del Telescopio Spaziale Hubble non potrà essere completato in tempo per un lancio a bordo di Atlantis in febbraio. Quel volo, Missione di Servizio Hubble n.4, era originariamente prevista per il 14 ottobre scorso ma venne rinviata quando un componente elettronico critico per l'attività scientifica di Hubble si guastò in settembre. I dirigenti della NASA avevano deciso di rinviare il lancio di Atlantis a febbraio per dare tempo agli ingegneri di testare il componente elettronico di riserva, ma controlli più dettagliati e problemi con l'attrezzatura richiedono studi aggiuntivi ed il volo non potrà prendere il via almeno fino a maggio. Gli ingegneri ora prevedono di rimuovere Atlantis dal suo serbatoio esterno e dai razzi a combustibile solido ed avviare la preparazione per la navetta Discovery per il lancio previsto il 12 febbraio per la consegna dell'ultimo paio di pannelli solari alla ISS. Se tutto andrà bene la missione shuttle per Hubble, con Atlantis, potrebbe partire intorno al 12 maggio 2009, due settimane prima del lancio della capsula russa Soyuz (prevista per il 25) e che porterà tre membri dell'equipaggio alla stazione spaziale portando a 6 il numero di astronauti totali permanenti a bordo. Ma questo ruolino di marcia prevede che gli ingegneri del Goddard Space Center possano risolvere l'anomalia nel componente elettronico di rimpiazzo e completare tutta una serie di esaustivi test per verificare la sua resistenza al volo. Preston Burch, direttore del programma Hubble al Goddard, è confidente che l'attrezzatura sarà pronta al volo di maggio. 

Fonte: NASA
L'equipaggio di STS-126 Endeavour appena arrivato al KSC per il lancio  della navetta previsto per il 14 novembre.12/11/2008 - Tutto pronto per il via di Endeavour - Il conteggio alla rovescia per il lancio della navetta STS-126 Endeavour è iniziato regolarmente martedì notte ed al momento non vi sono problemi tecnici significativi. Il MMT (Mission Management Team) della NASA ha dichiarato oggi che la navetta è pronta per il lancio di venerdì per la sua critica missione di assemblaggio e manutenzione della Stazione Spaziale Internazionale. Il lancio è previsto per le 7.55.34 p.m. EST di venerdì (le 1.55 ora italiana di sabato). Le previsioni meteo continuano a fornire un 60 per cento di probabilità di condizioni meteo favorevoli al lancio. "Al termine della discussione abbiamo concluso che non ci sono problemi rimasti aperti, nessun lavoro da fare, nessuna condizione aperta," ha detto il capo del MMT LeRoy Cain. "Siamo pronti al via, il veicolo, l'equipaggio e le squadre di terra si sono preparate duramente per questa missione. Pensavamo di dover far volare una missione differente soltanto un mese fa. Ma questa missione era pianificata per questo autunno e così siamo pronti per andare ora." Il riferimento era per la prevista missione di metà ottobre per la navetta Atlantis per la manutenzione e l'aggiornamento del Telescopio Spaziale Hubble. A causa di un componente andato in avaria in orbita il volo è stato rinviato almeno fino a maggio prossimo per dare agli ingegneri il tempo di testare e preparare il componente di riserva. Endeavour, che sarebbe stato utilizzato come veicolo di recupero di emergenza per l'equipaggio di Atlantis, ora ha in agenda la stessa missione che avrebbe comunque compiuto dopo il volo ad Hubble. Una visita importante alla stazione spaziale per installare un'apparecchiatura di riciclo dell'acqua, un nuovo servizio igienico, una seconda dispensa e due nuove cuccette che preparano l'espansione dell'equipaggio permanente da tre a sei, previsto per il prossimo anno. L'equipaggio di Endeavour ha in programma l'esecuzione di quattro EVA (attività extraveicolari) per agganciare equipaggiamenti e parti di ricambio della stazione e pulire e lubrificare un giunto del pannello solare del traliccio di destra della stazione. Un giunto simile sul lato sinistro del traliccio principale della stazione funziona regolarmente ma gli astronauti gli applicheranno il lubrificante come misura preventiva. Inoltre l'astronauta Sandra Magnus, che salirà sulla stazione a bordo di Endeavour, rimpiazzerà l'Ingegnere di Volo Gregory Chamitoff, che era stato lanciato verso il complesso orbitale lo scorso giugno. Chamitoff tornerà sulla Terra a bordo di Endeavour. Assieme alla Magnus, il Comandante Chris Ferguson, il Pilota Eric Boe, lo Specialista di Missione Don Pettit e gli astronauti addetti alla passeggiata spaziale Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Stephen Bowen and Robert "Shane" Kimbrough, hanno volato martedì da Houston al Centro Spaziale Kennedy per effettuare i preparativi finali per il lancio. Nella foto (Credit: NASA) l'equipaggio di STS-126: da sinistra lo Specialista di Missione Donald Pettit, il Pilota Eric Boe, il Comandante Chris Ferguson, gli Specialisti di Missione Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Shane Kimbrough, Steve Bowen e Sandra Magnus.

Fonte: SpaceflightNow

La missione giorno per giorno

Il lancio di Endeavour ripreso dalla rampa di lancioL'equipaggio di STS-126 Endeavour mentre si avvia verso la rampa di lancio.14/08/2008 - Giorno 1 - La navetta spaziale Endeavour si è sollevata nella notte della Florida alle 6.55 p.m. CST (le 1.55 ora italiana del 15 novembre) per la missione STS-126 destinata alla costruzione e manutenzione della Stazione Spaziale Internazionale. Questa missione permetterà l'allargamento dell'equipaggio permanente da tre a sei e il miglioramento del funzionamento del giunto del sistema di rotazione del pannello solare. A bordo della navetta si trovano il Comandante Chris Ferguson, il Pilota Eric Boe e gli Specialisti di missione Don Pettit, Steve Bowen, Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Shane Kimbrough e Sandra Magnus. L'equipaggio della stazione, Comandante Mike Fincke e gli Ingegneri di Volo Yury Lonchakov e Greg Chamitoff, hanno potuto seguire il lancio dal Kennedy Space Center attraverso uno speciale canale messo a disposizione dal Controllo Missione. Appena dopo il lancio il Comandante Ferguson ha ringraziato le squadre che hanno reso possibile il lancio. "E' il nostro turno di portare la casa ad un nuovo livello dopo dieci anni dall'inizio della costruzione della stazione spaziale internazionale," ha detto, "Endeavour è pronto a farlo". La Magnus diventerà un membro dell'equipaggio della stazione ed inizierà il suo periodo di tre mesi di permanenza a bordo appena dopo l'aggancio con la ISS. Durante i 15 giorni di missione previsti l'equipaggio addetto alle attività extraveicolari composto da Piper, Bowen e Kimbrough, effettueranno a rotazione quattro EVA. La maggior parte del tempo che trascorreranno all'esterno della stazione sarà utilizzato per la sistemazione del giunto di rotazione del pannello solare del traliccio sinistro. Inoltre dovranno anche sostituire un serbatoio di azoto vuoto, rilocare il carrello manuale lungo le rotaie del traliccio principale della stazione e lubrificare la presa posta al termine del Canadarm2, il braccio robotico della stazione. Inoltre dovranno anche installare una nuova antenna GPS e una telecamera sul traliccio. Endeavour porterà anche rifornimenti alla stazione: un sistema per riciclare l'acqua, una seconda toilette, nuovi attrezzi per esercizi fisici, riscaldatori per il cibo, un frigorifero, un frezer per esperimenti ed un rack per esperimenti scientifici di combustione. Gran parte di questo materiale si trova all'interno del MPLM (Multi-purpose logistic module - modulo logistico multifunzionale) Leonardo, che verrà rimosso dal vano di carico della navetta lunedì e verrà agganciato alla stazione per essere svuotato. L'equipaggio di Endeavour inizierà il periodo di riposo sabato alle 1.55 a.m. (le 8.55 ora italiana) e verrà svegliato alle 9.55 a.m. (le 16.55 ora italiana). Nella foto a destra (Credit: NASA - KSC-08PD-3719) il momento del lancio ripreso dalla rampa. A sinistra (Credit: NASA - KSC-08PD-3685) l'equipaggio mentre si avvia per imbarcarsi sulla navetta. 

STS-126 MCC Status Report #01 - STS-126 Press Kit

 

Splendida immagine del vano di carico della navetta Endeavour con, sullo sfondo la Terra.15/11/2008 - Giorno 2 -  I sette membri dell'equipaggio della navetta spaziale Endeavour sono stati svegliati questa mattina alle 9.55 a.m. CST (16.55 ora italiana) per iniziare il primo loro giorno completo nello spazio con il brano musicale “Shelter” di Xavier Rudd ed eseguita per Ferguson. In seguito l'equipaggio dello Space Shuttle Endeavour hanno trascorso la giornata completando l'ispezione, della durata di cinque ore, dello scudo termico della navetta utilizzando il braccio robotico e la sua estensione OBSS. I controllori di volo utilizzeranno le immagini riprese dai sensori posti sull'OBSS e quelle effettuate durante il lancio per assicurarsi che lo scudo termico sia in buone condizioni per il rientro. Analisi preliminari mostrano che un piccolo pezzo di coperta termica sembra si sia staccato dalla porzione di poppa dell'orbiter durante il lancio di ieri. La zona non preoccupa in quanto non è fra quelle sottoposte a grande calore durante il rientro. L'equipaggio ha ripreso alcune immagini dell'area durante l'ispezione di oggi e questo permetterà ai controllori di terra di osservare più da vicino e confermare la perdita della copertura e la sua misura. L'equipaggio si è inoltre preparato per il randez-vous e l'aggancio di domani con la Stazione Spaziale Internazionale, Piper ha installato il mirino e la telecamera del Sistema di Aggancio dell'Orbiter (Orbiter Docking System) estendendo anche l'anello del sistema. Mentre Kimbrough lavorava all'ispezione, i suoi colleghi, Piper e Bowen, hanno controllato le tute spaziali ed in seguito le hanno preparate per trasferirle sulla stazione. Le tute spaziali infatti verranno utilizzate durante le quattro passeggiate previste per la missione.  La Magnus, che rimarrà a bordo della stazione per tre mesi, ha preparato il materiale che si trova nel ponte mediano di Endeavour, per trasferirlo nella sua nuova casa. Prima di completare le attività di oggi Boe e Pettit hanno controllato le attrezzature da utilizzare per il randez-vous di domani. Intanto a bordo della stazione il Comandante Mike Finke e l'Ingegnere di Volo Greg Chamitoff hanno discusso con i controllori di terra sulle procedure che verranno utilizzate domani per riprendere immagini di Endeavour mentre la navetta esegue la piroetta, o manovra di rotazione in randez-vous, appena prima dell'aggancio. Domani l'aggancio è previsto per le 4.04 p.m. CST (le 23.04 ora italiana). L'equipaggio si è recato a dormire alle 12.25 a.m. (le 7.25 ora italiana di domenica mattina) e verrà svegliato alle 8.25 a.m. (le 15.25 ora italiana). Nella foto (Credit: NASA - S126-E-006829) il modulo logistico Leonardo ripreso all'interno del vano di carico di Endeavour con, sullo sfondo, la Terra. 

STS-126 MCC Status Report #02 - STS-126 MCC Status Report #03

 

La navetta spaziale Endeavour ripresa dagli astronauti della ISS durante l'avvicinamento16/11/2008 - Giorno 3 - I sette membri dell'equipaggio di Endeavour, il Comandante Chris Ferguson, il Pilota Eric Boe e gli Specialisti di Missione Don Pettit, Steve Bowen, Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Shane Kimbrough e Sandra Magnus sono stati svegliati alle 8.25 a.m. CST (le 15.25 ora italiana) con il brano musicale “Start Me Up” dei Rolling Stones e dedicato alla Magnus. La navetta spaziale Endeavour ha attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale alle 4.01 p.m. CST (le 23.01 ora italiana), trasportando il modulo logistico italiano Leonardo con oltre 5.500 kg di materiale per il complesso orbitale. Il Comandante di Endeavour, Chris Ferguson, ha guidato la manovra di aggancio alla stazione mentre le due astronavi volavano a 340 km sopra il confine nord dell'India, vicino alla Cina. Prima degli ultimi 200 metri che lo separavano dalla stazione, Ferguson, ha comandato alla navetta una lenta capriola, permettendo così al Comandante di Spedizione 18 Mike Finke, che ha utilizzato una macchina fotografica digitale con un obiettivo di 800mm, e l'Ingegnere di Volo G reg Chamitoff una con obiettivo di 400mm. Dalle finestre del modulo di servizio Zvezda della stazione i due hanno eseguito circa 300 fotografie. Queste foto serviranno per gli esperti a terra, che le controlleranno per poter giudicare la salute dello scudo termico di Endeavour. Ferguson, con l'assistenza del resto dell'equipaggio, ha fatto poi volare Endeavour a circa 150 metri di fronte alla stazione. Qui è avvenuto l'avvicinamento finale alla velocità di circa 3 cm al secondo. E' stata mantenuta una tolleranza di solo cinque centimetri di allineamento del meccanismo di aggancio di Endeavour e il PMA-2 (Pressurized Mating Adaptor 2) posto all'estremitò del nodo Harmony della stazione. Gli equipaggi della navetta e della stazione hanno aperto i loro portelli e si sono salutati gli uni con gli altri alle 6.16 p.m. (le 1.16 ora italiana) dando inizio a più di una settimana di operazioni congiunte fra i due equipaggi. Gli equipaggi collaboreranno per installare sistemi chiave per il supporto vitale e l'abitabilità che permetteranno il sostentamento a lungo termine di un equipaggio residente di sei persone. Inoltre gli equipaggi condurranno quattro attività extraveicolari (EVA) per servire e lubrificare i due SARJ (Solar Alpha Rotary Joints - Giunti Ruotanti Solari Alfa) che permettono ai pannelli solari di essere sempre orientati verso il Sole. Il trasferimento di equipaggiamenti e rifornimenti fra il ponte mediano di Endeavour e la stazione inizieranno subito mentre il modulo cargo Leonardo verrà installato sulla stazione lunedì ed il suo contenuto potrà così essere scaricato. Inoltre Endeavour ha portato l'astronauta Sandra Magnus alla stazione che ha preso ufficialmente il posto di Chamitoff come membro dell'equipaggio della stazione questa notte appena il suo sedile su misura è stato installato all'interno del modulo di rientro della Soyuz. Chamitoff, che è diventato formalmente Specialista di Missione dello shuttle, rientrerà a casa dopo 167 giorni sulla stazione. Gli equipaggi utilizzeranno il braccio robotico della stazione, invece di quello della navetta per poter operare con l'OBSS in caso di ulteriori ispezioni allo scudo termico dello shuttle. L'equipaggio si recherà a dormire alle 12.25 a.m. (le 7.25 ora italiana di lunedì) e verrà svegliato alle 8.25 a.m. (le 15.25 ora italiana). A destra gli equipaggi appena dopo il loro incontro avvenuto dopo l'attracco. 

STS-126 MCC Status Report #04 - STS-126 MCC Status Report #05

 

Il modulo logistico Leonardo agganciato alla ISS17/11/2008 - Giorno 4 - Con un nuovo membro di equipaggio a bordo di ogni astronave, la navetta spaziale Endeavour e la Stazione Spaziale Internazionale hanno iniziato il loro primo giorno completo di operazioni congiunte. Endeavour aveva attraccato alla stazione poco prima delle 4 p.m. (le 23 ora italiana) di domenica. Meno di cinque ore più tardi, alle 8.50 p.m. (le 3.50 ora italiana di lunedì) il sedile su misura di Sandra Magnus è stato installato sulla Soyuz, attraccata alla stazione. In quel momento Greg Chamitoff è diventato membro ufficiale dell'equipaggio di Endeavour. Chamitoff rientrerà sulla Terra dopo sei mesi trascorsi nello spazio, la maggior parte con il ruolo di Ingegnere di Volo della stazione. L'equipaggio di Endeavour è stato svegliato questa mattina alle 8.35 a.m. CST (le 15.35 ora italiana) per una giornata che vedrà il Multi-Purpose Logistics Module Leonardo agganciato al boccaporto che guarda verso la Terra del nodo Harmony, con il brano musicale “London Calling,” eseguito dai The Clash e dedicato all'astronauta Bowen. Mentre la Magnus e Chamitoff conducevano le attività del passaggio di consegne il resto dell'equipaggio era concentrato nello spostamento di Leonardo nella sua temporanea locazione con oltre 5,5 tonnellate di materiale e rifornimenti da scaricare nella stazione per fare spazio a quello che verrà riportato sulla Terra. Il portello di Leonardo è stato aperto alle 5.43 p.m. (le 0.43 ora italiana di martedì). Mentre l'equipaggio era al lavoro, gli esperti delle immagini a terra spulciavano le foto riprese dall'equipaggio dello scudo termico di Endeavour. Durante la giornata l'equipaggio è stato informato che non era necessaria nessuna ispezione addizionale permettendo ai programmatori di riempire quel tempo con il trasferimento delle nuove attrezzature. Heide Stefanyshyn-Piper e Steve Bowen si sono poi preparati per la prima delle quattro EVA previste eseguendo il protocollo chiamato "campeggio", consistente nel dormire all'interno del modulo di decompressione Quest e che permette, facendo diminuire la pressione interna, di evitare problemi di embolia, al momento dell'uscita nello spazio.  L'inizio della prima attività extraveicolare è previsto per le 12.45 p.m. (le 7.45 ora italiana) di martedì. L'equipaggio si recherà a dormire alle 11.55 p.m. (le 6.55 ora italiana di martedì) e verrà svegliato alle 7.55 a.m. (le 14.55 ora italiana). Nella foto (Credit: NASA/TV) il modulo logistico italiano Leonardo agganciato alla ISS. 

STS-126 MCC Status Report #06 - STS-126 MCC Status Report #07

 

L'astronauta Bowen al lavoro all'esterno della stazione durante la prima EVA della missione18/11/2008 - Giorno 5 - La prima, delle quattro attività extraveicolari previste per l'equipaggio di Endeavour è stato il fulcro degli obiettivi di oggi in orbita. Buona parte del lavoro dell'equipaggio di Endeavour, il Comandante Chris Ferguson, il Pilota Eric Boe e gli Specialisti di Missione Don Pettit, Steve Bowen, Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Shane Kimbrough e Greg Chamitof è stato dedicato alla prima EVA ed al trasferimento di equipaggiamenti e rifornimenti fra Endeavour e la stazione. L'equipaggio ha ricevuto la sveglia alle 7.55 a.m. CST con il brano musicale “City of Blinding Lights,” degli U2 eseguito per Kimbrough. La Piper, con la tuta con la striscia rossa, e Bowen, con quella tutta bianca, hanno completato la prima delle quattro attività extraveicolari previste durante la missione di Endeavour alla Stazione Spaziale Internazionale. L'EVA eseguita è la 115° in supporto alla costruzione della ISS. Piper e Bowen hanno iniziato l'EVA alle 12.09 p.m. CST (le 19.09 ora italiana) e l'hanno conclusa alle 07.01 p.m. (le 2.01 ora italiana di martedì). I due hanno trascorso sei ore e 52 minuti fuori della stazione lavorando a diversi compiti, inclusa la rimozione di un serbatoio vuoto di azoto dalla piattaforma di stivaggio e la sua rilocazione all'interno del vano di carico di Endeavour. Poi hanno spostato un tubo flessibile del giunto rotante dalla stiva della navetta e posizionato sulla piattaforma esterna. Infine hanno rimosso alcune coperture termiche dal meccanismo di aggancio comune del laboratorio Kibo. La maggior parte dell'attività extraveicolare è trascorsa al lavoro su uno dei giunti SARJ della stazione. I giunti sono stati progettati per far ruotare i pannelli solari della stazione, lunghi 70 metri, in modo che presentino sempre la stessa faccia al Sole in modo da poter produrre il massimo dell'energia elettrica. Lo scorso anno i controllori di volo hanno notato un incremento nel consumo energetico del SARJ di destra, e ne hanno limitato l'uso. Il SARJ di sinistra invece funziona regolarmente, ma verrà comunque lubrificato durante la quarta passeggiata. Piper e Bowen hanno lavorato per ripulire e lubrificare parti del giunto e sostituire due, dei dodici, cuscinetti del meccanismo. Questo lavoro continuerà per il resto delle EVA previste durante la missione. Circa a metà della passeggiata una delle pistole con il grasso che la Piper stava preparando per utilizzarla sul SARJ ha rilasciato del lubrificante all'interno della sacca degli attrezzi. Mentre l'astronauta tentava di ripulire l'interno della sacca questa si è allontanata da lei ed ha fluttuato via verso la parte destra della Stazione Spaziale Internazionale. La Piper ha tentato di riprenderla al volo ma non ci è riuscita.Nella foto la sacca degli attrezzi mentre va alla deriva dopo che è sfuggita all'astronauta Piper. All'interno della sacca si trovavano due pistole per il grasso ed altri strumenti per le operazioni da eseguire. Piper e Bowen hanno trascorso il resto dell'EVA utilizzando gli attrezzi a turno fra quelli rimasti nell'altra sacca che avevano con loro. Kimbrough, che parteciperà alla seconda e quarta EVA, oggi è stato l'ufficiale intraveicolare, il coreografo della passeggiata. Pettit e la Magnus di Spedizione 18 hanno manovrato il braccio robotico Canadarm2 durante l'EVA mentre Boe ha fatto da supporto. Chamitoff e Ferguson hanno aiutato i due astronauti nella vestizione all'interno del modulo di decompressione, dove i due hanno trascorso la notte con una pressione atmosferica minore per rimuovere l'azoto dai loro corpi. La prossima attività extraveicolare della missione verrà eseguita giovedì, che sarà il decimo anniversario del lancio del primo elemento della stazione, il modulo Zarya. All'interno della stazione l'equipaggio di Endeavour e quello di Spedizione 18 proseguivano il lavoro di scaricare il modulo logistico Leonardo (MPLM) che ieri era stato agganciato alla stazione. L'equipaggio è in anticipo sulla tabella di marcia e si è concentrato sul trasferimento dei due armadi contenenti il WRS (water recovery system - sistema di recupero dell'acqua) e un rack con i nuovi posti letto per la ISS. Le attività di trasferimento proseguiranno durante tutta la permanenza di Endeavour alla stazione, fino a quando il MPLM non verrà sganciato e riposto nel vano di carico della navetta per il suo ritorno sulla Terra. L'equipaggio si è recato a dormire alle 11.55 p.m. (le 6.55 ora italiana di mercoledì) e verrà svegliato alle 7.55 a.m. (le 14.55 ora italiana) di domani. Nella foto in alto (Credit: NASA - S126-E-008048) l'astronauta Bowen durante la prima EVA della missione. Nella foto qui a destra (Credit: NASA - S126-E-008155) la borsa degli attrezzi persa dalla Piper si allontana dalla ISS.

STS-126 MCC Status Report #08 - STS-126 MCC Status Report #09

 

Astronaut Donald Pettit, STS-126 mission specialist, configures the Water Recovery System (WRS) rack in the Destiny laboratory of the International Space Station while Space Shuttle Endeavour is docked with the station.19/11/2008 - Giorno 6 - I membri dell'equipaggio di Endeavour sono stati svegliati questa mattina alle 7.55 a.m. (le 14.55 ora italiana) con il brano musicale “Fanfare for the Common Man” di Aaron Copeland e dedicata all'astronauta Boe. I miglioramenti del confort abitativo proseguono a bordo della Stazione Spaziale Internazionale con l'istallazione di due nuove camere da letto e la preparazione dell'attivazione per il dispositivo di riciclo dell'acqua. L'ingegnere di Volo della stazione, Sandra Magnus, ed il suo predecessore Greg Chamitoff hanno trasferito le due nuove cabine per l'equipaggio nel modulo nodo Harmony. Inoltre hanno installato all'interno del modulo logistico Leonardo un armadio con attrezzature che devono rientrare sulla Terra. Altri membri dell'equipaggio hanno proseguito nello spostamento dell'equipaggiamento e dei rifornimenti fra le due astronavi. Il trasferimento di tutti i rack, della dimensione di una cabina telefonica, previsti per la missione sono stati effettuati. Il lavoro totale di trasferimento è completato al 25 per cento. L'ex residente della stazione con Spedizione 6, lo Specialista di Missione di Endeavour Don Pettit ed il Comandante di Spedizione 18 Mike Finke hanno trascorso buona parte della giornata per configurare l'hardware del nuovo Water Recovery System, il complesso sistema di riciclo dell'acqua di bordo. L'impianto tratterà i liquidi di scarico e fornirà acqua pulita abbastanza da poter essere bevuta. Il sistema verrà attivato, per i controlli iniziali, questa notte. Saranno occorrenti circa due giorni di operazioni iniziali prima che il primo campione di acqua processato dalle urine sia disponibile per i test. La Piper e Bowen hanno rilasciato un'intervista di circa 20 minuti con i giornalisti della Associated Press, KSMP-TV di Minneapolis e WCVB-TV di Boston iniziata alle 2.50 p.m. (le 21.50 ora italiana). Più avanti nella giornata i membri dell'equipaggio si prepareranno per la seconda attività extraveicolare controllando gli arnesi e le procedure. Al termine di questi controlli gli astronauti Heidemarie Stefanyshyn-Piper e Shane Kimbrough inizieranno il "campeggio" preparatorio all'EVA all'interno del modulo di decompressione Quest. Il "campeggio" inizierà alle 10.20 p.m. (le 5.20 ora italiana di giovedì) e Piper e Kimbrough trascorreranno la notte all'interno di Quest con la pressione dell'atmosfera che scenderà fino al valore di 10,2 psi comparato con i 14,7 del resto della stazione. Questa riduzione della pressione aiuta a far diminuire nei corpi dei due astronauti l'azoto e sventare possibili embolie. L'equipaggio di Endeavour si recherà a dormire alle 11.55 p.m. (le 6.55 ora italiana di giovedì) e verrà svegliato alle 7.55 a.m. (le 14.55 ora italiana). L'inizio dell'attività extraveicolare è previsto per le 12.45 p.m. (le 19.45 ora italiana). Nella foto in alto (Credit: NASA - S126-E-008193) l'astronauta Pettit configura il WCS all'interno del modulo laboratorio Destiny.

STS-126 MCC Status Report #10 - STS-126 MCC Status Report #11

 

La Piper, a sinistra e Kimbrough durante la seconda EVA effettuata oggi.20/11/2008 - Giorno 7 - I membri dell'equipaggio di Endeavour sono stati svegliati questa mattina alle 7.55 a.m. CST (le 14.55 ora italiana) con il brano musicale “Summertime,” dedicato all'astronauta Don Pettit e registrato dal gruppo Bandella di cui fanno parte la cantante Michi Pettit, moglie di Don, e gli astronauti Steve Robinson, Chris Hadfield e Cady Coleman. Oggi l'attività principale era concentrata sulla seconda attività extraveicolare prevista. Heide Stefanyshyn-Piper e Shane Kimbrough sono usciti dal modulo di decompressione Quest della Stazione Spaziale Internazionale alle 11.58 a.m. (le 18.58 ora italiana) per proseguire l'operazione di rimozione dei detriti attorno al giunto SARJ di destra ed applicare il lubrificante nel tentativo di fargli recuperare la piena funzionalità. La Piper indossava la tuta spaziale con le strisce rosse continue mentre Kimbrough quella con le strisce rosse tratteggiate. L'EVA si è conclusa alle 6.43 p.m. (le 1.43 ora italiana di venerdì) per una durata complessiva di 6 ore e 45 minuti. L'astronauta Boe è stato l'ufficiale intraveicolare ovvero il coreografo della passeggiata mentre Pettit e l'Ingegnere di Volo di Spedizione 18, Sandra Magnus, comandavano il Canadarm2. Mentre i due astronauti erano quasi alla fine della loro attività i controllori di volo notavano che i livelli di biossido di carbonio all'interno della tuta di Kimbrough stavano salendo e così gli hanno ordinato di recarsi al boccaporto per rientrare alcuni minuti prima della Piper. La Piper e Kimbrough hanno iniziato la seconda passeggiata spaziale con il riposizionamento di due carrelli in preparazione dell'installazione finale, prevista per febbraio, dell'ultimo paio di pannelli solari. Una volta che questo compito è stato completato i due spacewalk hanno applicato del lubrificante ad un elemento finale (Latching End Effector - LEE) posto alla fine del braccio robotico Canadarm 2 della ISS e che aveva mostrato segni di resistenza nella sua apertura e chiusura prima di concentrarsi con la riparazione del giunto SARJ. Questo meccanismo permette ai pannelli solari di seguire automaticamente il Sole mentre la stazione orbita attorno alla Terra. I due astronauti hanno rimpiazzato altri quattro cuscinetti dei dodici che fanno parte dl TBA (trundle bearing assemblies). Uno di questi cuscinetti si è rovinato durante l'installazione e la Piper ne ha utilizzato uno, dei due, di scorta. La 116° Attività extraveicolare dedicata all'assemblaggio e manutenzione della Stazione Spaziale Internazionale è stata la seconda delle quattro previste durante la missione STS-126 della navetta spaziale Endeavour. Questa EVA ha preparato la terza escursione prevista per sabato che completerà il processo di pulizia e lubrificazione del giunto SARJ. I controllori di volo della stazione prevedono un breve test delle riparazioni effettuate la mattina di domenica comandando ai pannelli solari di attivarsi nel modo automatico per valutare le loro prestazioni. Nella ricorrenza del decimo anniversario fin dall'inizio della costruzione della ISS, avvenuto con il lancio del Modulo di Controllo Zarya a bordo di un razzo Proton dal Cosmodromo di Baikonur il 20 novembre 1998, astronauti e cosmonauti a bordo della stazione hanno lavorato assieme dentro e fuori per incrementare la capacità e le prestazioni dei sistemi per supportare il raddoppio dell'equipaggio da tre a sei. Il trasferimento di materiali dalla navetta alla ISS e l'istallazione delle attrezzature sono l'altro lavoro a cui partecipano tutti e 10 gli astronauti dei due equipaggi. Tutti i rack portati con Leonardo sono stati installati nella stazione sebbene rimanga ancora da trasferire una buona parte del materiale e dei rifornimenti. Venerdì alle 11.10 a.m. (le 18.10 ora italiana) il Comandante della navetta Chris Ferguson, il Pilota Eric Boe e l'Ingegnere di Volo Steve Bowen effettueranno una piccola accensione dei motori dello shuttle per alzare l'orbita della stazione utilizzando il propellente avanzato a bordo di Endeavour. Alle 2.05 p.m. (le 21.05 ora italiana) entrambi gli equipaggi effettueranno la tradizionale conferenza stampa prima di ricontrollare le procedure per la terza attività extraveicolare prevista per sabato pomeriggio. L'equipaggio di Endeavour si è recato a dormire alle 11.55 p.m. (le 6.55 ora italiana di venerdì). Nella foto (Credit: NASA - S126-E-008347) la Piper, a sinistra, e Kimrough durante l'attività extraveicolare di oggi alle prese con la sostituzione dei cuscinetti del SARJ destro. 

STS-126 MCC Status Report #12 - STS-126 MCC Status Report #13

 

21/11/2008 - Giorno 8 - Dopo aver completato la passeggiata di giovedì i membri dell'equipaggio di Endeavour e della Stazione Spaziale Internazionale hanno lavorato oggi per preparare la prossima attività extraveicolare di sabato e proseguendo il trasferimento di materiale fra stazione e shuttle ed altre attività. I membri dei due equipaggi sono stati svegliati alle 08.05 a.m. CST (le 15.05 ora italiana) con il brano musicale dedicato alla Piper. La canzone era in lingua Ucraina, che la Piper ha imparato quando era bambina. Il titolo del brano è “Unharness Your Horses, Boys,” una canzone tradizionale sui Cosacchi ed eseguita dai The Ukrainians.Il Comandante di Spedizione 18 Mike Finke e l'Ingegnere di Volo Sandra Magnus hanno testato i bloccaggi del Exposed Facility Berthing Mechanism del modulo laboratorio giapponese Kibo. Il meccanismo sarà utilizzato per installare la piattaforma scientifica esterna, fornita dall'Agenzia Esplorativa Aerospaziale Giapponese, che verrà aggiunta durante un volo di una navetta spaziale il prossimo anno. La Magnus ha proseguito con l'installazione di un componente per il sistema di supporto rigenerativo. Il Total Organic Carbon Analyzer sarà utilizzato per testare i campioni provenienti dal nuovo sistema di riciclo dell'acqua WRS. Gli ingegneri stanno continuando a controllare le indicazioni dei sensori posti all'interno del WRS e che hanno provocato lo spegnimento del processore di urine, durante i primi test operativi, giovedì e venerdì mattina. Il sistema utilizza un processo di distillazione per rotazione per separare l'acqua nelle urine per successivi trattamenti. I sensori associati con il motore della centrifuga all'interno del meccanismo hanno mostrato che la velocità del motore rallentava e che l'energia utilizzata variava. Il Comandante della navetta spaziale Ferguson ed il Pilota Boe hanno utilizzato i motori RCS (reaction control system) per rialzare l'altezza della stazione di circa 1.600 metri. Questa manovra aggiunge una velocità di circa 1 metro al secondo nella velocità della stazione. La nuova posizione serve per preparare l'aggancio del prossimo veicolo automatico cargo Progress previsto per la fine di novembre. Alle 2.05 p.m. (le 21.05 ora italiana) tutti e 10 i membri degli equipaggi hanno sostenuto una conferenza stampa, della durata di 40 minuti, all'interno del modulo Harmony, con giornalisti presenti nei vari centri NASA. I membri dell'equipaggio hanno anche preparato gli utensili per la terza passeggiata, ricontrollato le procedure ed i due astronauti previsti hanno iniziato il "campeggio" all'interno del modulo di decompressione Quest. L'equipaggio di Endeavour si è recato a dormire alle 11.55 p.m. (le 6.55 ora italiana di sabato). Nella foto (Credit: NASA - S126-E-008852) i due equipaggi durante la conferenza stampa di oggi. Da sinistra in alto Steve Bowen, Heidemarie Stefanyshin-Piper e Donald Pettit, da sinistra in mezzo Shane Kimbrough, Chris Ferguson ed Eric Boe ed infine l'ultima fila in basso Sandra Magnus, il cosmonauta Yury Lonchakov e gli astronauti Gregory Chamitoff e Michael Fincke.

STS-126 MCC Status Report #14 - STS-126 MCC Status Report #15

 

L'astronauta Steven Bowen durante la terza attività extraveicolare della missione STS-12622/11/2008 - Giorno 9 - L'astronauta Heidemarie Stefanyshyn-Piper e Steve Bowen hanno completato oggi la terza attività extraveicolare della missione di Endeavour alla Stazione Spaziale Internazionale. L'equipaggio di Endeavour era stato svegliato alle 7.55 a.m. CST (le 15.55 ora italiana) con il brano musicale “You Are Here,” del gruppo Dutton e dedicato all'astronauta Kimbrough. La Piper, a capo dell'EVA, indossava la tuta spaziale con le strisce rosse mentre Bowen quella tutta bianca. Kimbrough, che aveva partecipato all'attività extraveicolare di giovedì, oggi aveva il compito di ufficiale intraveicolare, il coreografo della passeggiata spaziale. La passeggiata spaziale è iniziata alle 12.01 p.m. CST (le 19.01 ora italiana) quando i due astronauti sono usciti dal modulo di decompressione Quest e si è conclusa alle 6.58 p.m. (le 1.58 ora italiana di domenica) per un tempo totale di 6 ore e 57 minuti. La Piper e Bowen hanno focalizzato i loro sforzi nell'operazione di pulizia del SARJ (solar alpha rotary joint) del traliccio sinistro e la rimozione dei cuscinetti rimanenti nel TBA (trundle bearing assemblies). Oggi la Piper ha rimpiazzato tre TBA e Bowen due. Cinque cuscinetti erano stati sostituiti durante le due passeggiate precedenti ed uno era stato scambiato durante la missione STS-124 la passata estate. I due astronauti inoltre hanno pulito la zona attorno alla frizione del SARJ, che permette al giunto di ruotare e di rimanere bloccato nel punto voluto. Un ultimo cuscinetto verrà sostituito durante la quarta ed ultima EVA della missione, prevista per lunedì. Quella passeggiata spaziale verrà condotta da Kimbrough e Bowen e sarà incentrata nella lubrificazione del SARJ sinistro. Intanto all'interno della stazione i lavori proseguono con il trasferimento di merce e rifornimeni dal Modulo Logistico Multifunzionale Leonardo (MPLM). Inoltre gli equipaggi della navetta e della stazione hanno lavorato alla sistemazione del nuovo sistema di riciclo dell'acqua WRS (Water Recovery System) con l'Ingegnere di Volo di Spedizione 18 Sandy Magnus che ha preso i primi campioni dal sistema di processione dell'acqua (WPA). I controllori di Terra ad Houston contiuano ad esaminare i dati provenienti dall'apparecchiatura di processamento delle urine (UPA - Urine Processor Assembly) che fa sempre parte del WRS, per determinare perchè fornisca dati errati. Gli ingegneri stanno esplorando la possibilità che vi sia un sensore che tocca parte del sistema di centrifuga mentre questa ruota e che potrebbe causare il suo rallentamento. L'equipaggio di Endeavour si è recato a dormire alle 11.55 p.m. (le 6.55 ora italiana di domenica). Nella foto (Credit: NASA - ISS018-E-009339) l'astronauta Bowen durante l'EVA di oggi.

STS-126 MCC Status Report #16 - STS-126 MCC Status Report #17

L'astroanuta Piper mentre si sceglie il pranzo nella dispensa della navetta Endeavour23/11/2008 - Giorno 10 - L'equipaggio di Endeavour, composto dal Comandante Chris Ferguson, il Pilota Eric Boe e gli Specialisti di Missione Don Pettit, Steve Bowen, Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Shane Kimbrough e Greg Chamitoff, assieme ai loro colleghi di Spedizione 18, Comandante Mike Finke e gli Ingegneri di Volo Yury Lonchakov e Sandra Magnus sono stati svegliati con la consueta musica. Questa volta il brano musicale era “Can’t Take My Eyes Off of You,” eseguita da Frankie Valli e dedicata a Ferguson che festeggiava il suo ventitreesimo anniversario di matrimonio. L'equipaggio di Endeavour ha avuto circa 4 ore di tempo libero prima di iniziare con i compiti odierni. Il Comandante di Spedizione 18 Mike Finke e lo Specialista di Missione di Endeavour Don Pettit avevano già dato prova in passato della loro capacità nei lavori di riparazione a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e di nuovo hanno utilizzato questa loro conoscenza. Il meccanismo per processare le urine (UPA) posto all'interno del Sistema di Recupero dell'Acqua (WRS)E e che ricicla la condensa e le urine a bordo della stazione ha sperimentato diversi spegnimenti automatici durante i test. Gli ingegneri credono che il movimento della centrifuga causi interferenze fisiche con la UPA portando ad un incremento del consumo energetico e delle temperature. Finke e Pettit hanno rimosso i piedini dalla UPA e lo hanno montato senza di essi nell'armadio del WRS. I piedini in gomma dovevano servire come isolanti dalle vibrazioni della centrifuga ma forse trasferivano troppo movimento e causavano interferenze. Il Controllo Missione ha monitorato il funzionamento della UPA che ha girato normalmente per due ore senza nessuno spegnimento prematuro. Pettit ha scelto di unirsi a Finke durante questo suo tempo libero per lavorare alla UPA. Intanto sono proseguite le attività di trasferimento ora arrivate al 76 per cento del lavoro completato e pure i preparativi per l'attività extraveicolare di lunedì. Alle 3.05 p.m. (le 22.05 ora italiana) Ferguson, Boe, Fincke e Magnus hanno partecipato, all'interno del modulo Harmony, ad una sessione di interviste con tre grandi catene televisive: ABC News, CBS News e NBC News. I preparativi odierni per la quarta ed ultima attività extraveicolare della missione hanno incluso il montaggio degli attrezzi e un controllo, durato oltre un'ora, delle procedure per l'EVA. Bowen e Kimbrough si sono poi recati all'interno del modulo Quest per iniziare la procedura di "campeggio". L'equipaggio di Endeavour si è recato a dormire alle 11.55 p.m. CST (le 6.55 ora italiana di lunedì). Nella foto (Credit: NASA - S126-E-009140) l'astronauta Heidemarie Stefanyshyn-Piper mentre sceglie il pranzo nella dispensa del ponte inferiore della navetta Endeavour attraccata alla ISS. 

STS-126 MCC Status Report #18 - STS-126 MCC Status Report #19
L'astronauta Bowen al lavoro all'esterno della stazione nei pressi del modulo giapponese Kibo24/11/2008 - Giorno 11 - Oggi l'equipaggio di Endeavour e quello della ISS è stato svegliato alle 7.55 a.m. CST (le 14.55 ora italiana) con il brano musicale “Can’t Stop Loving You,” dei Van Halen e dedicato alla Piper. La quarta attività extraveicolare degli astronauti di Endeavour all'esterno della Stazione Spaziale Internazionale è stata la principale attività di oggi della missione. Bowen indossava la tuta spaziale tutta bianca mentre Kmbrough quella con le strisce rosse spezzate mentre lo Specialista di Missione Boe aveva il compito di ufficiale intraveicolare, il coreografo della passeggiata. L'uscita dei due astronauti dal modulo di decompressione Quest è avvenuta alle 12.24 p.m. (le 19.24 ora italiana) ed ha avuto una durata di sei ore e sette minuti concludendosi alle 6.31 p.m. (le 1.31 ora italiana di martedì). Bowen e Kimbrough hanno iniziato l'EVA spostandosi sul traliccio sinistro e completando la lubrificazione del giunto SARJ. La lubrificazione di questo giunto viene fatta per prevenire possibili degradazioni nonostante l'unità, al momento, lavori regolarmente. Bowen è poi tornato al giunto di destra per sostituire l'ultimo cuscinetto rimasto. Ora tutti e dodici i cuscinetti del giunto SARJ sono stati sostituiti ed alle 4.30 a.m. di domattina il Controllo Missione prevede di iniziare un inseguimento automatico del Sole da parte del ripulito e lubrificato SARJ di destra per controllare la sua operatività e le condizioni di funzionamento. Sempre Bowen si è poi spostato sul laboratorio giapponese Kibo per ritrarre il sistema di aggancio e reinstallare la copertura termica. Infine gli astronauti hanno installato una telecamera sul traliccio di sinistra P1 ed agganciato un'antenna GPS sul modulo giapponese JEM-PS. Intanto la NASA ha deciso di prolungare di un giorno la missione di Endeavour ed ora l'atterraggio della navetta è previsto per domenica alle 12.18 p.m. (le 19.18 ora italiana). Il giorno in più è stato approvato per fornire agli equipaggi più tempo possibile per risolvere il problema con in nuovo sistema di riciclo dell'acqua WRS. Il Comandante di Spedizione 18 Mike Finke ha continuato a lavorare sull'unità di distillazione delle urine (Urine Processor Assembly’s - UPA) installando altri due bulloni sul telaio dove poggia l'UPA. Secondo gli ingegneri, questa modifica dovrebbe ridurre ulteriormente le vibrazioni che causano lo spegnimento prematuro dell'unità. Una volta completata la modifica è stata inserita l'urina all'interno della UPA ed è stato fatto partire nuovamente il ciclo alle 7.06 p.m. (le 2.06 ora italiana). Gli ingegneri sperano che la manutenzione eseguita permetta di completare il processo completo della durata di quattro ore. Gli astronauti hanno anche installato una strumentazione senza fili per monitorare le vibrazioni dell'unità UPA quando questa è in funzione. Il trasferimento di equipaggiamenti e rifornimenti ora è per la maggior parte fra la stazione ed Endeavour e il modulo cargo Leonardo, che verrà riportato a Terra. Quello di oggi è stato l'ultimo giorno di trasferimento di materiale che verrà chiuso martedì, prima di essere riposto nella stiva della navetta. L'equipaggio si è recato a dormire alle 11.55 p.m. CST (le 6.55 ora italiana). Nella immagine (Credit: NASA/TV) l'astronauta Bowen mentre rimette le coperture termiche sul SARJ di sinistra dopo averlo lubrificato. Nella foto (Credit: NASA - S126-E-009727) l'astronauta Bowen al lavoro sul modulo giapponese Kibo.

STS-126 MCC Status Report #20 - STS-126 MCC Status Report #21

 

Gli astronauti Astronauts Eric Boe, in primo piano, Shane Kimbrough e Heidemarie Stefanyshyn-Piper all'interno di Unity mentre movimentano il materiale da riportare sulla Terra25/11/2008 - Giorno 12 - L'equipaggio di Endeavour è stato svegliato questa mattina alle 8.25 a.m. CST (le 15.25 ora italiana), mezzora prima del previsto, con il brano musicale "Fever" eseguito dai Bandella. La canzone era dedicata all'astronauta Pettit e la solista era sua moglie. Questo gruppo musicale include anche l'astronauta Steve Robinson. L'estensione della missione di un giorno ha pagato non solo per l'equipaggio in orbita ma anche per le squadre al suolo. Infatti, non solo l'equipaggio è in anticipo sul programma delle attività di trasferimento del materiale ma ha anche potuto lavorare duramente sull'unità di riciclo dell'acqua e sul giunto dei pannelli solari che mostrano segni di miglioramento. L'unità di processamento delle urine (UPA) ha effettuato tre cicli completi da quando è stata modificata domenica e lunedì. Basandosi su questo successo i responsabili del programma hanno deciso di lasciare l'unità di riciclo in orbita. Grazie a questo successo ora possono essere prelevati i campioni di acqua riciclata dall'apposito dispenser di acqua potabile e riportati sulla Terra a bordo di Endeavour per essere analizzati. Altri campioni di acqua riciclata saranno prelevati nei prossimi mesi per assicurarsi che l'unità funzioni regolarmente prima di poter permettere all'equipaggio di utilizzarla. Il giunto solare di destra, SARJ, è stato messo in modo operativo ridotto, dopo aver effettuato due orbite complete di prova con successo nell'inseguire il Sole. I dati preliminari mostrano una riduzione dell'energia consumata dal SARJ da 17 a 9 ampere, un'indicazione che il giunto si muove più liberamente di prima. Gli ingegneri prevedono di continuare il monitoraggio delle prestazioni del SARJ destro. Dopo la lubrificazione preventiva del SARJ di sinistra sono state notate riduzioni nel consumo della corrente anche su questo giunto. Gli ultimi trasferimenti di materiale all'interno del modulo logistico Leonardo, in questo suo quinto volo, sono state le attività principali di oggi per l'equipaggio di Endeavour e quello di Spedizione 18 della Stazione Spaziale Internazionale. Inoltre è stata completata l'installazione del sistema di controllo del meccanismo comune di aggancio del modulo HArmony, uno dei passi finali prima di chiudere il cargo pressurizzato Leonardo e riporlo nel vano di carico di Endeavour, manovra prevista per mercoledì. Ferguson, Pettit, Bowen, Boe, e la Piper hanno inoltre partecipato ad interviste con i media. L'equipaggio di Endeavour si è recato a dormire alle 10.55 p.m. (le 5.55 ora italiana). Nella foto (Credit: NASA - S126-E-009200) Gli astronauti Astronauts Eric Boe, in primo piano, Shane Kimbrough e Heidemarie Stefanyshyn-Piper all'interno di Unity mentre movimentano il materiale da riportare sulla Terra.

STS-126 MCC Status Report #22 - STS-126 MCC Status Report #23

 

Il modulo logistico italiano Leonardo mentre viene nuovamente riposto all'interno del vano di carico dello shuttle.26/11/ 2008 - Giorno 13 - L'equipaggio di Endeavour è stato svegliato questa mattina alle 6.55 a.m. (le 13.55 ora italiana) con il brano musicale “North Sea Oil,” dei Jethro Tull, dedicato all'astronauta Bowen. Il modulo logistico Leonardo è tornato oggi all'interno del vano di carico della navetta Endeavour ed è pronto per riportare materiali della Stazione Spaziale Internazionale sulla Terra. L'equipaggio ha lasciato Leonardo poco prima delle 10 a.m. (le 17 ora italiana) e gli Specialisti di Missione Don Pettit e Shane Kimbrough, utilizzando il braccio robotico della stazione Canadarm 2 hanno preso il modulo pressurizzato dal nodo Harmony alle 5.50 p.m. (le 0.50 ora italiana di giovedì mattina) e lo hanno riposto all'interno del vano di carico della navetta Endeavour. Fra Leonardo ed il ponte mediano dello shuttle sono stati consegnati circa 6.556 kg di equipaggiamenti alla stazione, molti dei quali destinati al futuro ampliamento del suo equipaggio. Invece gli equipaggi di Endeavour e della ISS hanno impacchettato circa 1.500 kg di materiale che deve tornare sulla Terra. L'astronauta Piper, a capo delle attività extraveicolari della missione, ha impacchettato tutto l'equipaggiamento utilizzato per le quattro passeggiate spaziali e riposto all'interno di Endeavour per essere riportato sulla Terra. L'ingegnere di Volo di Spedizione 18 della stazione spaziale, Sandra Magnus, ha proseguito il lavoro sul nuovo sistema rigenerativo di supporto vitale. Sandra ha raccolto una tanica di condensa per creare il mix ideale con l'urina processata nell'unità UPA ed avere così ulteriori campioni di acqua riciclata per i test. L'unità di riciclo delle urine (UPA) ha completato ieri tre cicli completi dopo le azioni intraprese dall'equipaggio per risolvere i problemi iniziali. Al momento non sono programmati ulteriori cicli di funzionamento durante il proseguo della missione di Endeavour ma tutti i campioni raccolti sono sufficienti per un primo esame a Terra. Il Comandante della stazione Mike Finke ed il cosmonauta Yury Lonchakov hanno effettuato delle simulazioni con il sistema automatico di attracco che fanno parte delle preparazioni di routine per l'arrivo del veicolo cargo automatico Progress 31 alla ISS. Il veicolo è stato lanciato verso la stazione nelle prime ore di oggi ed il suo arrivo è previsto per domenica. Una delle diverse antenne del sistema automatico di avvicinamento Kurs non si era aperta in modo automatico ma ad un successivo comando manuale dal Controllo Missione di Mosca si è dispiegata regolarmente. Tutti e dieci i membri dell'equipaggio avranno una giornata leggera nella mattinata del Giorno del Ringraziamento. Gli astronauti hanno deciso assieme per un pranzo a base di tacchino affumicato, canditi, patate, fagioli verdi e funghi, pane, dolce di mele e tè con zucchero. Gli equipaggi della navetta e della stazione si prepareranno poi per la chiusura dei portelli nel pomeriggio di domani mentre lo sgancio dalla ISS è previsto per venerdì. L'equipaggio di Endeavour si è recato a dormire alle 9.55 p.m. (le 4.55 ora italiana di giovedì mattina). Nell'immagine (Credit: NASA/TV) il momento dello spostamento del modulo logistico Leonardo nuovamente all'interno del vano di carico della navetta per il suo ritorno a Terra.

STS-126 MCC Status Report #24 - STS-126 MCC Status Report #25

 

Gli equipaggi di Endeavour e ISS si salutano per l'ultima volta27/11/2008 - Giorno 14 - L'equipaggio di Endeavour, composto dal Comandante Chris Ferguson, il Pilota Eric Boe e gli Specialisti di Missione Don Pettit, Steve Bowen, Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Shane Kimbrough e Greg Chamitoff, sono stati svegliati alle 6 a.m. CST (le 13 ora italiana) con la canzone “Hold On Tight” degli Electric Light Orchestra e dedicata alla Piper. La mattinata è stata lasciata in gran parte libera per la festa del Giorno del Ringraziamento. L'unica incombenza per l'equipaggio è stata una serie di interviste con i giornalisti di Space.com e le emittenti televisive locali KYW-TV di Philadelphia e KOIN-TV di Portland, Oregon. L'equipaggio di Endeavour e della Stazione Spaziale Internazionale si sono salutati il giorno del Ringraziamento. La chiusura dei portelli delle astronavi è stato chiuso alle 6.31 p.m. CST (le 1.31 ora italiana di venerdì). I due equipaggi hanno condotto operazioni congiunte per 11 giorni e 15 minuti. L'equipaggio di Endeavour ha consumato il pranzo del Giorno del Ringraziamento assieme a l'equipaggio di Spedizione 18 all'interno del modulo di servizio Zvezda prima dei saluti finali. Dopo la chiusura dei portelli l'equipaggio della navetta ha iniziato i preparativi per il rientro, previsto per domenica, controllando tutte le attrezzature occorrenti, installando la telecamera di puntamento nel sistema di aggancio dello shuttle per migliorare la visuale dopo lo sgancio dalla ISS ed ha completato l'impacchettamento delle ultime cose prima del rientro a Terra. L'equipaggio della navetta si è recato a dormire alle 9 p.m. (le 4 ora italiana di venerdì). Nell'immagine (Credit: NASA/TV) gli equipaggi di Endeavour e della Stazione Spaziale Internazionale si salutano per l'ultima volta prima di chiudere i portelli fra le due astronavi. 

STS-126 MCC Status Report #26 - STS-126 MCC Status Report #27

 

La ISS ripresa dalla navetta Endeavour appena dopo lo sgancio di oggi28/11/2008 - Giorno 15 - L'equipaggio di Endeavour è stato svegliato questa mattina alle 4.55 a.m. (le 11.55 ora italiana) con il brano musicale “In the Meantime,” degli  Spacehog e dedicata all'astronauta Boe. La navetta spaziale Endeavour e la Stazione Spaziale Internazionale si sono separate alle 8.47 a.m. CST (le 15.47 ora italiana). Le operazioni di sgancio erano iniziate circa un'ora prima. I fermi che tenevano agganciata la navetta sono stati rilasciati e le molle hanno spinto lentamente lo shuttle a circa 60 cm dalla stazione. A questo punto il Pilota di Endeavour, Eric Boe, ha utilizzato i piccoli razzi di manovra ed ha portato la navetta a circa 150 metri dalla ISS e poi, alle 9.15 a.m. (le 16.15 ora italiana) ha iniziato la manovra di "flyaround". Questa particolare manovra consiste nel far compiere alla navetta un giro attorno alla ISS con il vano di carico aperto rivolto verso di essa in modo che le macchine fotografiche possano documentare le condizioni esterne della stazione spaziale. Dopo di questo Boe, con l'aiuto del Comandante Ferguson ed altri membri dell'equipaggio, ha portato lentamente la navetta più lontano dalla stazione. La manovra di separazione finale è stata rinviata di alcuni minuti per impedire che lo shuttle intersecasse l'orbita di alcuni detriti spaziali. La manovra è stata eseguita alle 5.23 p.m. (le 0.23 ora italiana di sabato). In seguito Boe, Don Pettit e Shane Kimbrough hanno completato l'ispezione standard del sistema di protezione termico di Endeavour. E' stato utilizzato il braccio robotico della navetta Canadarm e la sua prolunga con gli speciali sensori OBSS (Orbiter Boom Sensor System) con la quale sono stati scansionati il bordo di attacco delle ali ed il muso. Esperti a Terra controlleranno i dati e riporteranno i loro dati sabato al Mission Management Team. La squadra di controllo del volo di rientro ad Houston sta valutando le condizioni meteo al Centro Spaziale Kennedy prima di dare il via libera per il rientro. Domenica le opportunità di atterraggio al KSC sono alle 12.19 p.m. (le 19.19 ora italiana) e le 1.54 p.m. (le 20.54 ora italiana). Il sito secondario di atterraggio, la Base dell'Aviazione Militare di Edwards, in California, verrà attivato domenica in caso ve ne fosse bisogno. Le opportunità di atterraggio ad Edwards sono alle 3.24 p.m. (le 22.24 ora italiana) ed alle 4.59 p.m. (le 23.29 ora italiana). Il Comandante della stazione Mike Finke e gli ingegneri di Volo Yury Lonchakov e Sandra Magnus hanno un paio di giornate di riposo prima di prepararsi all'arrivo del veicolo automatico Progress  previsto per domenica. L'equipaggio di Endeavour si è recato a dormire alle 7.55 p.m. (le 2.55 ora italiana). Nella immagine (Credit: NASA/TV) la Stazione Spaziale Internazionale ripresa dall'equipaggio di Endeavour appena dopo l'inizio della manovra di flyaround. 

STS-126 MCC Status Report #28 - STS-126 MCC Status Report #29

 

Il piccolo satellite Picosat rilasciato oggi dalla stiva della navetta spaziale Endeavour.29/11/2008 - Giorno 16 - L'equipaggio di Endeavour è stato svegliato questa mattina alle 3.55 a.m. (le 10.55 ora italiana), l'ultimo giorno completo in orbita per la navetta, con il brano musicale “Twinkle, Twinkle, Little Star.” e dedicato all'astronauta Chamitoff. Il Mission Management Team ha oggi dichiarato che lo scudo termico della navetta Endeavour è in ottime condizioni e sicuro per il rientro. Il rapporto segue il controllo delle immagini ottenute con l'OBSS venerdì dopo che la navetta si era sganciata dalla ISS. L'equipaggio ha iniziato i preparativi per l'atterraggio ed i responsabili della missione stanno seguendo con preoccupazione un fronte freddo che si sta avvicinando a che potrebbe essere sopra il Kennedy Space Center per il periodo del rientro. Il fronte freddo potrebbe portare pioggia, temporali e forti venti che violerebbero le regole di atterraggio della navetta nella zona dello spazioporto della Florida. Se i controllori di missione decidessero di non atterrare in Florida si aprono due opzioni di atterraggio ad Edwards in California. Intanto in preparazione all'atterraggio l'equipaggio di Endeavour ha testato le superfici di controllo della navetta ed i sistemi di controllo a reazione (RCS). Entrambii sistemi hanno funzionato regolarmente e sono pronti per supportare le attività di rientro. Dopo il controllo lo Specialista di Missione Don Pettit ha riportato di aver notato un oggetto volare via dall'orbiter ma il Direttore di Volo Bryan Lunney ha detto che l'oggetto pareva essere una etichetta di temperatura/pressione volata via dal vano di carico e che non rappresenta rischi per il velivolo. L'equipaggio ha inoltre rilasciato un piccolo satellite ideato per testare gli effetti dell'ambiente spaziale su nuove tecnologie per pannelli solari. Il satellite Picosat è stato rilasciato alle 2.43 p.m. (le 21.43 ora italiana) mentre lo shuttle era sopra il sud dell'oceano Pacifico e rimarrà in orbita per diversi mesi. Domani l'equipaggio inizierà le preparazioni alle 7.15 a.m. (le 14.15 ora italiana) ed i portelli del vano di carico verranno chiusi alle 8.34 a.m. (le 15.34 ora italiana). Quelle che seguono sono i tempi previsti per l'atterraggio di domani (orari in italiano):
Orbita      Sito           Accensione di uscita dall'orbita Atterraggio
248 Kennedy 18.14 19.19
249 Kennedy 19.50 20.54
250 Edwards 21.20 22.25
251 Edwards 22.57 00.00

Intanto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale i tre membri dell'equipaggio di Spedizione 18 attendono l'arrivo del veicolo cargo automatico Progress 31 (M-01M) previsto per domani alle 13.25 ora italiana. L'equipaggio di Endeavour si è recato a dormire alle 7.55 p.m. (le 2.55 ora italiana di domenica). Nella immagine in alto (Credit: NASA/TV) il piccolo satellite Picosat rilasciato oggi dalla stiva della navetta spaziale Endeavour.

STS-126 MCC Status Report #30 - STS-126 MCC Status Report #31

 

La navetta Endeavour a pochi secondi dall'arrivo sulla pista di Edwards30/11/2008 - Giorno 16 - L'equipaggio di Endeavour è stato svegliato alle 3.55 a.m. CST (le 10.55 ora italiana) con il brano musicale “Gonna Fly Now,” eseguito da Bill Conti, tratto dal film Rocky e dedicato al Comandante Ferguson. L'equipaggio ha iniziato i preparativi per il rientro sulla Terra. La prima e la seconda opportunità di rientro al Centro Spaziale Kennedy venivano annullate a causa delle condizioni meteo negative in Florida. A questo punto i responsabili della missione approvavano la decisione di rientro alla terza opportunità della giornata, la prima per Edwards, in California, durante l'orbita 250. Alle 18.27 ora italiana venivano chiusi i portelloni del vano di carico della navetta. L'equipaggio indossava le tute di rientro e seguiva la procedura di "protocollo fluidi" che consiste nell'assumere liquidi e sali per facilitare il riadattamento alla gravità terrestre. Il via per la manovra di accensione dei motori orbitali per far uscire la navetta dall'orbita veniva dato alle 20.57 ora italiana ed eseguito alle 21.19. Per tre minuti i motori orbitali hanno frenato lo shuttle facendolo scendere velocemente di quota. Alle 21.53 la navetta ha toccato i primi strati più densi dell'atmosfera ed ha iniziato a riscaldare il suo scudo termico. Finalmente alle 22.20 un doppio bang sonico ha preannunciato l'arrivo di Endeavour nel cielo terso della California. Alle 22.25 le ruote del carrello principale hanno toccato la pista n.04L di Edwards e la navetta si è fermata dopo circa un minuto. La missione è durata ufficialmente 15 giorni, 20 ore, 29 minuti e 37 secondi.
Durante la missione Endeavour ha trascorso oltre 11 giorni alla Stazione Spaziale Internazionale. Ha consegnato materiale per ampliare l'equipaggio permanente da tre a sei membri. Durante quattro attività extraveicolari gli astronauti di Endeavour hanno ripulito, lubrificato ed installato nuovi cuscinetti nel giunto di rotazione alfa del traliccio destro. Inoltre la missione ha portato l'Ingegnere di Volo di Spedizione 18 Sandra Magnus sulla stazione a sostituire Chamitoff che si trovava sulla ISS da sei mesi. Nell'immagine (Credit: NASA/TV) la navetta Endeavour mentre plana verso la pista di Edwards a conclusione della missione STS-126.

STS-126 MCC Status Report #32 - STS-126 MCC Status Report #33

werhsepd.gif (1132 byte)

Nella foto parte dell'equipaggio di STS-126 dopo il rientro. Da sinistra Eric Boe, Chris Ferguson, Robert Kimbrough e Stephen Bowen. Foto (Credit: NASA/Tony Landis
ED08-0306-20)

Come era la configurazione della Stazione Spaziale Internazionale dopo la missione STS-126. (Credit: NASA)

werhsepd.gif (1132 byte)

Puoi ascoltare e scaricare i report giornalieri della missione in audio mp3 sul sito:

http://astronauticast.forumastronautico.it/

 

WB01540_.gif (632 byte)  Come funziona?

WB01540_.gif (632 byte)  Lista delle missioni

 

Ultimo aggiornamento 03/12/2008

Torna alla Home page

 Sito curato da Massimo Martini