Il momento del decollo notturno della navetta spaziale Endeavour

STS-130 / 20.A

werhsepd.gif (1132 byte)

.............  

Il distintivo della missione STS-130 e a destra l'equipaggio in un momento dell'addestramento. Da sinistra Terry Virts Jr., Pilota; Nicholas Patrick e Robert Behnken, entrambi Specialisti di Missione; George Zamka, Comandante; Stephen Robinson e Kathryn Hire anche loro Specialsti di Missione. Nella foto in alto la navetta Endeavour al momento del decollo. Tutte le foto (Credit: NASA).

vai in fondo alla pagina

STS-130 (130) - OV-105 Endeavour (24)

 

Tempo di Missione Totale
13 giorni, 18 ore, 6 minuti e 24 secondi

Volo: STS-130/20.A (trentaduesima missione USA di assemblaggio dedicata alla Stazione Spaziale Internazionale )

Carico Utile: Nodo 3 "Tranquillity" e Cupola. 

Orbiter: OV-105 - Serbatoio esterno: ET-134 - Razzi ausiliari: BI-141/RSRM 109 - Motori principali (SSME): 2059 - 2061 - 2057

Equipaggio:  6 astronauti: Comadante George D. Zamka (2), Pilota Terry Virtis (1), Specialisti di Missione Robert L. Behnken MS-1 (2), Kathryn P. Hire MS-2/FE (2), Nicholas Patrick MS-3 (2) e Stephen Robinson MS-4 (4). I numeri fra parentesi indicano il numero di voli spaziali effettuati dall'astronauta in questione compreso questo. MS sta per Mission Specialist ed FE per Flight Engineer. 

Lancio: 8 febbraio 2010 ore 4.14.08 a.m. EST (le 10.14.08 ora italiana) - primo tentativo il 7 febbraio 2010 ore 4.39.50 a.m. EST (le 10.39.50 ora italiana) rinviato per le condizioni meteo - rampa di lancio 39A/MLP 2 al Kennedy Space Center, Florida.

Attracco alla ISS: 11 febbraio 2010 ore 12.06 a.m.. EST (le 06.06 ora italiana) 

Distacco dalla ISS: 19 febbraio 2010 ore 7.54 p.m. EST (le 1.54 ora italiana del 20 febbraio)

Rientro: 21 febbraio 2010 ore 10.20 p.m. EST (le 4.20 ora italiana del 22 febbraio) - pista SLC del Kennedy Space Center, Florida.

Durata della missione: 13 giorni, 18 ore, 16 minuti e 24 secondi

Orbite: 217

Inclinazione: 51,6°

Altezza all'inserzione orbitale: 122 miglia nautiche (220 km)

Obiettivi della missione: Endeavour consegnerà il terzo nodo di connessione alla stazione ."Tranquillity" con la cupola, fornita di ben sette finestre, che sarà utilizzata come sala di controllo per le attività robotiche. Inoltre Tranquillity ospiterà anche una parte delle risorse vitali per la ISS. Durante la missione sono previste 3 attività extraveicolari (EVA) per l'installazione del modulo.

Statistiche: 

161° missione umana Americana nello spazio
130° missione Shuttle
1° Missione Shuttle delle cinque previste per il 2010
105° missione dopo il disastro del Challenger
17° missione dopo il disastro del Columbia
24° missione di Endeavour
77° lancio dal pad 39A

 

werhsepd.gif (1132 byte)

Cronologia pre-volo

Il serbatoio ET-134 è arrivato al KSC per l'integrazione con il resto dell'hardware di STS-13024/10/2009 - ET-134 arriva al KSC - Il gigantesco serbatoio esterno ET-134 è arrivato al Kennedy Space Center, in Florida, dopo il suo viaggio via mare iniziato alcuni giorni prima dalla fabbrica del Michoud Assembly Facility che si trova vicino a New Orleans. Il serbatoio era stato caricato sulla chiatta chiamata Pegasus e, trainato da un rimorchiatore, aveva attraversato il Golfo del Messico e l'Oceano Atlantico fino a Port Canaveral, in Florida. Una volta giunto al porto è stato scaricato dalla chiatta, montato sopra uno speciale rimorchio e trasportato via terra fino al VAB (Vehicle Assembly Building). All'interno del VAB il serbatoio esterno attenderà di essere assemblato assieme ai due booster ed alla navetta Endeavour. Il lancio della missione STS-130 è previsto per il 4 febbraio 2010. Durante i 12 giorni nello spazio la navetta spaziale consegnerà alla Stazione Spaziale Internazionale il terzo nodo: "Tranquillity", e la Cupola. Questi saranno gli ultimi moduli abitati della NASA ad essere consegnati alla ISS. Nella foto (Credit: NASA - KSC-2009-5824) l'ET-134 mentre viene trasportato verso il VAB. 

Fonte: NASA image

 

 

23/11/2009 - ET-134 accoppiato ai booster - All'interno del VAB (Vehicle Assembly Building) della NASA al Kennedy Space Center in Florida, il serbatoio esterno destinato alla missione STS-130 della navetta spaziale Endeavour, l'ET-134, è stato accoppiato ai due booster a combustibile solido già montati sulla piattaforma mobile di lancio nella High Bay-1. Endeavour verrà spostato (il cosiddetto "rollover") dalla OPF-2 (Orbiter Processing Facility-2), l'hangar dove gli orbiter vengono preparati per il lancio, nel VAB il prossimo 12 dicembre. Il modulo Tranquillity, il carico utile della missione STS-130 destinata alla Stazione Spaziale Internazionale, verrà installato nel vano di carico dopo che lo shuttle avrò raggiunto il pad di lancio.

Fonte: NASA image

 

La navetta spaziale Endeavour è stata trasportata all'interno del VAB.12/12/2009 - Endeavour nel VAB - Al Kennedy Space Center della NASA in Florida i tecnici (nella foto Credit: NASA - KSC-2009-6751) si preparano a sistemare l'imbragatura di sollevamento della navetta spaziale Endeavour a seguito del suo arrivo nel VAB (Vehicle Assembly Building) dopo il trasferimento dall'OPF-2. Il rollover (questo il nome della procedura) di Endeavour è iniziato alle 12.53 a.m. EST (le 18.53 ora italiana) e si è completato in circa 15 minuti. Dopo essere stato agganciato all'apposita gru la navetta verrà sollevata all'interno del VAB e trasferita nella High Bay 1 dove verrà accoppiata al suo serbatoio esterno ed ai booster a propellente solido. Il trasferimento dell'intero complesso (rollout) alla rampa di lancio 39A del Kennedy Space Center, un passo decisivo nelle attivitò di lancio della missione STS-130, è previsto per i primi di gennaio. Il modulo Tranquillity, costruito dall'Italia, e principale carico utile della missione STS-130 di Endeavour, verrà installato all'interno del vano di carico della navetta dopo il suo arrivo in rampa. Lo scorso 20 novembre all'interno della Space Station Processing Facility al KSC era stata eseguita la consegna ufficiale del nodo 3 Tranquillity dall'ESA alla NASA. Alla cerimonia erano presenti rappresentanti della Thales Alenia Space di Torino, costruttrice del nodo, dell'ESA e della NASA. Una volta installato sulla ISS il nodo Tranquillity (così chiamato in onore del sito di allunaggio di Apollo 11) fornirà ulteriori sistemi di supporto vitale per la stazione, spazio utile e la Cupola di cui è fornito una vista unica dello spazio. La Cupola è posta sopra il nodo ed è fornita di postazioni di computer per due astronauti con i quali possono essere seguite le fasi di aggancio di altre astronavi e le operazioni con i bracci robotici.  

Fonte: NASA image

 

La navetta Endeavour mentre viene trasportata verso la rampa 39A06/01/2010 - Endeavour sulla rampa per STS-130 - Al Kennedy Space Center in Florida la navetta spaziale Endeavour, posta sulla piattaforma di lancio mobile numero 2 (MLP2), ha iniziato il suo viaggio dal VAB (Vehicle Assembly Building) alla rampa di lancio 39A alle 4.13 a.m. EST (le 10.13 ora italiana). Dopo circa sei ore, alle 10.37 a.m. EST (le 16.37 ora italiana), ed aver percorso circa 5.5 km è stata assicurata alla rampa. Il viaggio è stato effettuato sopra l'enorme cingolato (crawler) che ha sopportato il peso di tutta la piattaforma mobile di lancio e dell'intero complesso Shuttle composto dall'orbiter Endeavour, il gigantesco serbatoio esterno ed i due booster a combustibile solido. Quello di oggi, il rollout alla rampa di lancio, è uno dei passi decisivi per l'imminente missione STS-130 che dovrà consegnare il nodo "Tranquillity" e la Cupola alla Stazione Spaziale Internazionale. A metà gennaio verranno installati questi importanti carichi all'interno del vano di carico dello shuttle. La riunione finale (FRR - light Readiness Review) per decidere la data di lancio verrà effettuata il 27 gennaio. Il lancio di Endeavour è previsto al momento per il prossimo 7 febbraio alle 4.39 a.m. (le 10.39 ora italiana). Nella foto (Credit: NASA) la navetta Endeavour in viaggio verso la rampa 39A.

Fonte: NASA


Il modulo Tranquillity nell'hangar dove è stato preparato per l'imbarco sulla navetta Endeavour.09/01/2010 - Proseguono i preparativi di Endeavour ma sorge un problema con Tranquillity - Al Centro Spaziale Kennedy in Florida i tecnici proseguono le attività di pre-lancio della navetta spaziale Endeavour con l'inizio del carico dei propellenti alla rampa 39A. Lo shuttle è ancora riparato dalle inusuali caratteristiche di freddo della costa della Florida con speciali riscaldatori e soffi di aria calda. Queste procedure permettono ai sistemi del veicolo spaziale di rimanere alla temperatura appropriata. Mentre la Stazione Spaziale Internazionale e le squadre dello shuttle si preparano al lancio di febbraio un connettore ad alta pressione di ammoniaca della linea di raffreddamento si è guastata durante un test eseguito giovedì. Quattro di questi tubi saranno utilizzati per connettere il nuovo nodo Tranquillity al sistema di raffreddamento della stazione e verranno installati ed attivati dagli spacewalker durante la missione STS-130. Le squadre proseguono il lavoro con l'obiettivo del lancio il 7 febbraio sebbene gli ingegneri stanno ricontrollando i dati del test e valutando se questo possa o meno avere conseguenze sulla missione dello shuttle. Le analisi proseguiranno per diversi giorni prima di sapere le decisioni dei responsabili della NASA e che potrebbero vedere, nella peggiore delle ipotesi, il rinvio del lancio di Endeavour. Nella foto (Credit: NASA - KSC-2010-1094) il modulo Nodo 3 "Tranquillity" e la Cupola agganciata anteriormente nell'hangar del KSC dove è stato preparato e testato prima di essere imbarcato nella stiva della navetta spaziale Endeavour per la missione STS-130.

Fonte: NASA

 

12/01/2010 - Ultime opzioni per STS-130 Endeavour - Sulla rampa di lancio 39A al Kennedy Space Center in Florida, i tecnici proseguono nei preparativi pre-lancio con il carico dei propellenti alla navetta spaziale Endeavour. Il carico utile della missione STS-130, incluso il nodo costruito dall'Italia Tranquillity e la Cupola, la quale verrà attaccata ad uno dei portelli del nodo, verranno trasportati sulla rampa venerdì. Intanto gli ingegneri hanno fatto significativi progressi verso una soluzione del problema con uno delle quattro tubazioni di ammoniaca ad alta pressione che non hanno superato un test il 7 gennaio. Le quattro tubazioni verranno utilizzate per connettere Tranquillity al sistema di raffreddamento della Stazione Spaziale Internazionale dopo l'installazione effettuata dai membri dell'equipaggio di Endeavour. I manager della NASA e della Boeing, il primo appaltatore della stazione, stanno lavorando simultaneamente su tre opzioni, una delle quali permetterebbe il lancio alla data prevista del 7 febbraio. Le opzioni includono la modifica dei tubi che non hanno superato i test creandone un secondo set utilizzando parti di ricambio che si trovano a Terra e destinate alla stazione, eseguendo una minima attività di Tranquillity senza l'attivazione del raffreddamento, che richiederebbe l'installazione dei tubi in un volo successivo oppure il rinvio dell'attivazione completa del nodo. I dirigenti della NASA stanno esaminando queste opzioni e la decisione verrà presa in questa settimana. Intanto al Johnson Space Center della NASA a Houston, in Texas, gli astronauti di STS-130 proseguono nelle simulazioni di attività extraveicolare nella piscina del Neutral Buoyancy Lab.

Fonte: NASA

 

18/01/2010 - Gli astronauti di STS-130 arrivano al KSC - Il nodo Tranquillity è stato trasferito alla rampa di lancio 39A del Kennedy Space Center durante la notte arrivando alle 3.00 a.m. EST (le 9 ora italiana). I tecnici oggi hanno installato uno degli ultimi moduli destinati alla Stazione Spaziale Internazionale nel vano di carico della navetta Endeavour in preparazione per il lancio della missione STS-130. Intanto i sei astronauti della missione STS-130 sono volati al KSC per il loro TCDT (Terminal Countdown Demonstration Test) e il relativo addestramento. Gli Specialisti di Missione Behnken e Patrick sono già arrivati sulla pista Shuttle Landing Facility del Kennedy. Il resto dell'equipaggio di STS-130 giungeranno al KSC verso le 5.30 p.m. EST (le 23.30 ora italiana) dopo aver fatto una breve sosta a Mobile, Alabama.

Fonte: NASA

L'equipaggio di Endeavour fotografato sulla rampa di lancio 39A durante la recente simulazione TCDT27/01/2010 - E' ufficiale: STS-130 verrà lanciato il 7 febbraio - Durante la riunione FRR (Flight Readiness Review) svoltasi oggi al Kennedy Space Center, in Florida, i responsabili della NASA, assieme all'equipaggio ed alle squadre di supporto hanno confermato che è tutto pronto per la consegna del nodo Tranquillity e della Cupola alla Stazione Spaziale Internazionale. Il lancio della navetta Endeavour è stato fissato quindi per le 4.39 a.m. EST (le 10.39 ora italiana) del 7 febbraio. "Abbiamo rivisto tutti gli aspetti della navetta e della stazione spaziale... la preparazione in Florida si è svolta eccezionalmente bene," ha dichiarato Bill Gerstenmaier, amministratore associato per le Operazioni Spaziali, durante una conferenza stampa a seguito della FRR. "Questa è veramente una missione complessa... se date un'occhiata al press kit potrete apprezzare quello che verrà fatto sulla stazione." Anche il Program Manager della Stazione Spaziale Internazionale, Mike Suffredini si è detto d'accordo, "Questo è il principale obiettivo della missione - l'installazione e l'attivazione di questo modulo." Suffredini ha affrontato poi l'argomento del problema dei tubi per l'ammoniaca e di come i pezzi di ricambio sono stati ricostruiti e testati riuscendo a mantenere la data di lancio prevista. "La squadra ha avuto il grande merito di riuscire con questa soluzione ed averla attuata nel più breve tempo possibile." Mike Leinbach, direttore di lancio, ha aggiunto che, "Siamo in perfetta forma." ed ha aggiunto che i portelli di Endeavour verranno chiusi con otto/nove giorni di anticipo sul previsto e che le squadre stanno seguendo il programma standard. "Non ci sono problemi e siamo in grande forma." ha concluso Leinbach. Intanto sulla rampa 39A i tecnici hanno completato tutte le connessioni in preparazione del lancio di Endeavour mentre al Johnson Space Center della NASA a Houston il Comandante di STS-130, George Zamka ed il Pilota Terry Virtis hanno condotto una serie di voli con i loro jet T-38. Nella foto (Credit: NASA) l'equipaggio di Endeavour fotografato sulla cima della rampa 39A durante la recente simulazione di lancio TCDT.

Fonte: NASA

03/02/2010 - L'equipaggio di STS-130 arriva al KSC per il lancio - Sulla rampa di lancio 39A al Kennedy Space Center della NASA in Florida la pressurizzazione dei serbatoi di azoto ed elio gassoso della navetta spaziale Endeavour è stata completata in nottata. Le squadre di tecnici stanno preparando la rampa per l'avvio del conteggio alla rovescia che inizierà alle 2 a.m. EST di giovedì (le 8 ora italiana di giovedì). I sei astronauti della missione STS-130 sono arrivati al Kennedy Shuttle Landing Facility circa alle 10.10 p.m. (le 4 ora italiana). Dopo essersi sistemati negli alloggi equipaggi posto nel Operations and Checkout Building gli astronauti hanno lavorato nella notte per ricontrollar i dati e le attrezzature, comprese le procedure per sostituire le condutture di ammoniaca che verranno utilizzate per raffreddare il nodo Tranquillity. L'equipaggio ora aggiusterà i periodi di sonno per farli combaciare con le ore di lavoro che verranno effettuate durante la missione. Una riunione prima del lancio verrà eseguita questa mattina alle 10 a.m. (le 16 ora italiana) e verrà messa in onda sul NASA Tv all'indirizzo http://www.nasa.gov/ntv. I partecipanti saranno il Direttore Test della NASA Jeremy Graeber, il Payload Manager di STS-130 Joe Delai e la Shuttle Weather Officer Kathy Winters.

Fonte: NASA

 

04/02/2010 - Partito il conto alla rovescia per il lancio di STS-130 - "Tutto procede molto bene... siamo esattamente entro i tempi previsti e siamo sicuri che continueremo così per tutto il giorno rimanente di preparazione," ha dichiarato Jeff Spaulding, Test Director della NASA durante la riunione L-3 Countdown Status Briefing svoltasi questa mattina al Kennedy Space Center in Florida. I preparativi e controlli alla rampa di lancio 39A proseguiranno con le ultime fasi di imbarco ed i test di comunicazione che si svolgeranno sabato. La struttura ruotante di servizio che protegge lo shuttle dal tempo inclemente prima del lancio verrà portata lontana dal veicolo sabato alle 8 a.m. (le 14 ora italiana). Il Payload Manager NASA Joe Delai ha descritto i preparativi del nodo Tranquillity come uno dei più complessi moduli ai quali abbia avuto il privilegio di lavorare. "Dobbiamo essere tutti orgogliosi di quello che abbiamo fatto... ed io sono molto orgoglioso del lavoro di questo team." ha concluso Delai. Lo Shuttle Weather Officer Kathy Winters ha dichiarato che le condizioni meteo sono buone per il lancio con un 70 percento di probabilità che il tempo collabori per il lancio. I venti continuano ad essere tenuti sotto controllo, ma la Winters ha dichiarato che dovrebbero essere abbastanza deboli per il lancio. Le condizioni meteo sembrano anche molto buone per l'operazione di carico dei propellenti nel serbatoio esterno della navetta spaziale Endeavour il cui inizio è previsto per le 7.15 p.m. EST di sabato (le 1.15 ora italiana)- Il decollo della missione di 13 giorni di Endeavour per STS-130 è previsto per le 4.39 a.m. di domenica (le 10.39 ora italiana di domenica mattina).

Fonte: NASA

 

La navetta Endeavour sulla rampa all'inizio del rifornimento.07/02/2010 - ore 7.47 p.m. EST (1.47 ora italiana) - E' iniziato il rifornimento del serbatoio esterno della navetta Endeavour. L'inizio dell'operazione ha avuto un ritardo di circa 30 minuti a causa di un problema con un regolatore dell'aria della navetta. Il problema è stato sistemato da una squadra di tecnici e non avrà nessun impatto sul conteggio alla rovescia che ha sufficienti momenti di pausa per poter riassorbire il ritardo. Nella foto (Credit: NASA/TV) la navetta sulla rampa al momento dell'inizio del rifornimento del serbatoio esterno.

ore 10.48 p.m. EST (4.48 ora italiana) - Sia il serbatoio di idrogeno che quello di ossigeno liquidi sono stati riempiti completamente. I vari test dei sensori all'interno del serbatoio sono stati tutti positivi. Intanto l'equipaggio di STS-130 è stato svegliato e sta facendo colazione. Il software dei motori principali della navetta è stato controllato ed è tutto regolare. Le condizioni meteo continuano ad essere buone anche se un fronte di nubi basse si sta avvicinando da nord del Kennedy Space Center.

T-3 ore - 12.44 a.m. EST (6.44 ora italiana) - Durante l'ultima ora del conteggio alla rovescia sono state eseguite tutta una serie di operazioni che vanno dalla calibrazione del sistema inerziale di guida della navetta, l'accensione del sistema di navigazione, l'allineamento delle antenne poste a terra ed il relativo test di comunicazione. L'equipaggio ha iniziato la vestizione con le tute spaziale per il lancio.

L'equipaggio di STS-130 prima di imbarcarsi sul pulmino che lo porterà alla rampa di lancio.ore 1.07 a.m. EST (le 7.07 ora italiana) - L'equipaggio di STS-130 ha raggiunto la rampa 39A a bordo dello speciale pulmino chiamato AstroVan (nella foto Credit: NASA/TV appena prima di imbarcarsi). Appena raggiunta la piattaforma della rampa che conduce al portello della navetta verranno aiutati, uno alla volta, ad entrare ed a sistemarsi all'interno della cabina dalla squadra di tecnici appositamente addestrati.

ore 2.23 a.m. EST (le 8.23 ora italiana) - Tutti e sei i membri dell'equipaggio di STS-130 sono a bordo della navetta spaziale. Le condizioni meteo invece sono peggiorate in questa ultima ora e le nubi basse potrebbero impedire il lancio di Endeavour. Al momento vi sono soltanto il 30% di condizioni favorevoli previste per le 4.39. Per lunedì le condizioni potrebbero migliorare ma di poco. 

ore 3.09 a.m. EST (le 9.09 ora italiana) - Al momento le condizioni meteo sono passate al "rosso", ovvero non ci sono più le condizioni che possano permettere il lancio della missione STS-130. L'equipaggio si trova ai propri posti all'interno della navetta ed il team di tecnici della white room che li ha aiutati ad entrare e sistemarsi nella navetta hanno chiuso il portello, effettuato un controllo di tenuta ed hanno pressurizzato l'abitacolo (nella foto sotto Credit: NASA/TV). Il Ground Launch Sequencer è stato attivato, si tratta del computer che controlla gli ultimi nove minuti del conteggio alla rovescia. 

La squadra di tecnici si appresta a sigillare il portello della navetta.T-20 minuti - ore 3.36 a.m. EST (le 9.36 ora italiana) - La squadra di tecnici "close out crew" ha lasciato la rampa di lancio. I computer di bordo di Endeavour sono ora stati impostati sul modo 101 che è quello che viene utilizzato per l'ascesa verso l'orbita. Manca circa un'ora al lancio. 

T-9 minuti e pausa - ore 3.45 a.m. EST (le 9.45 ora italiana) - Il conteggio alla rovescia è entrato nell'ultima delle pause previste prima del lancio. Questa pausa durerà 45 minuti e 50 secondi e permette di effettuare tutta un'ultima serie di controlli all'intero sistema prima di procedere per l'ultima parte del conteggio alla rovescia. Al momento le condizioni meteo sono ancora "no go" per il lancio.

ore 4.09 a.m. EST (le 10.09 ora italiana) - L'astronauta Chris Ferguson sta volando con un'aereo sopra il Kennedy Space Center in ricognizione per controllare le condizioni meteo e se le nubi possono oscurare alla vista la pista di atterraggio nel caso di un rientro di emergenza di Endeavour. Inoltre la coltre di nubi potrebbe porre anche problemi di inseguimento visivo della navetta nelle prime fasi del volo. Al momento le condizioni meteo sono tornate "verdi".

ore 4.15 (le 10.15 ora italiana) - Al momento le condizioni meteo sono tornate "rosse". Come si può notare le condizioni meteo sono molto variabili da un momento e l'altro.

Il Direttore di lancio Mike Leinbach mentre annuncia all'equipaggio il rinvio del lancio.ore 4.31 (le 10.31 ora italiana) - SCRUB! Il lancio per oggi viene rinviato a causa della coltre di nubi basse sopra il Kennedy Space Center. Il direttore di lancio Mike Linbach (nella foto Credit: NASA/TV in piedi dietro la consolle) ha appena informato il Comandante Zamka della decisione di rinviare di almeno 24 ore. Per domani l'ora di lancio sarà le 4.14 a.m. EST (le 10.14 ora italiana) e le condizioni meteo previste al momento danno un 60% di possibilità di lancio. Ora inizieranno le procedure per far uscire l'equipaggio dalla navetta spaziale e, più tardi, verrà svuotato il serbatoio esterno dall'ossigeno ed idrogeno liquidi.

Fonti: NASA launch blogs - SpaceflightNow

La missione giorno per giorno

L'equipaggio di STS-130 mentre saluta i giornalisti prima di salire sull'AstroVan che lo portarà alla rampa di lancio.08/02/2010 - 2.18 a.m. EST (le 8.18 ora italiana) - L'equipaggio di STS-130 si trova già ai loro posti all'interno della cabina di Endeavour. La squadra di tecnici sta concludendo la chiusura del portello della navetta e la pressurizzazione. Al momento le condizioni meteo sono "no-go" a causa di uno strato di nubi a circa 1.200 metri, la visibilità è di 11 km., il vento da 340° con velocità fra 8 e 12 nodi e temperatura di 9 gradi centigradi. Nella foto a destra (Credit: NASA - ) l'equipaggio di STS-130 mentre saluta i giornalisti prima di salire sull'AstroVan che lo portarà alla rampa di lancio.

2.41 a.m. EST (le 8.41 ora italiana) - Il computer GLS (Ground Launch Sequencer) è stato settato per gestire gli ultimi nove minuti del conteggio alla rovescia. i PIC (pyrotechnic initiator controllers) sono stati preparati. Questi apparati servono a far saltare i bulloni che tengono bloccati i due booster a propellente solido alla rampa, sganciare le strutture di servizio ed attivare il sistema che permette di bruciare il gas al di sotto dei motori principali della navetta appena prima della loro accensione. Intanto i tecnici del  "crew close out" hanno completato la chiusura e pressurizzazione e stanno lasciando la rampa di lancio.

T-20 e pausa - ore 2.59 a.m. EST (le 8.59 ora italiana) - Il conteggio alla rovescio è appena entrato nella pausa prevista a -20 minuti (nella foto Credit: NASA/TV la rampa illuminata e l'orologio del conteggio alla rovescia). Questa pausa si protrarrà per circa 10 minuti e poi andremo fino all'ultima pausa che si trova a -9 minuti dal lancio. Il Comandante George Zamka ha attivato la pressurizzazione dell'azoto gassoso nel sistema dei motori di manovra orbitale mentre il Pilota Terry Virtis ha attivato l'azoto di pressurizzazione per le unità ausiliarie di potenza (APU -  Auxiliary Power Units). Durante questa pausa tutti i computer nella Firing Room 4 (la sala di lancio) del Centro di Controllo di Lancio del complesso 39 vengono verificati che tutti i programmi siano disponibili per il conteggio alla rovescia, viene verificato che il convoglio di veicoli al sito di atterraggio sia pronto per un atterraggio di emergenza, le IMU (Inertial Measurement Unit) vengono verificate che siano perfettamente allineate e vengono preparati i computer di bordo della navetta per passare al sistema 101 (quello attivato durante le fasi di lancio fino all'inserimento in orbita).L'orologio del conteggio alla rovescia fermo a -20 minuti mentre sullo sfondo la rampa di lancio illuminata

T-20 e counting - 3.09 a.m. EST (le 9.09 ora italiana) - Il conteggio alla rovescia è appena ripreso mentre, al momento, tutti e tre i siti di atterraggio di emergenza (TAL - Transatlantic Abort Landing) oltre Atlantico sono "red", ovvero le condizioni meteo impedirebbero un atterraggio. Questi tre siti, per il lancio di oggi, sono i seguenti: Istres in Francia, Saragoza e Moron in Spagna. Se almeno uno di questi tre siti europei non diventa "green" il lancio, per questioni di sicurezza, non potrà essere effettuato.

3.21 a.m. EST (le 9.21 ora italiana) - Al momento l'ufficio meteo  ha appena comunicato che le condizioni meteo al Kennedy Space Center sono passate al "go". Nessun problema tecnico al momento. Le condizioni invece nei siti di Francia e Spagna sono ancora sotto controllo.

3.24 a.m. EST (le 9.24 ora italiana) - Il sito di Saragoza in Spagna in questo momento è sotto la pioggia, quello di Istres in Francia ha una copertura nuvolosa sfavorevole mentre quello di Moron, sempre in Spagna, ha diversi contrattempi meteorologici. Le procedure di sicurezza della NASA richiedono che almeno uno dei tre siti abbia condizioni meteo accettabili prima di poter far decollare la navetta spaziale (nella foto Credit: NASA/TV).. Il complesso STS-130 sulla rampa di lancio.

T-9 minuti e pausa - 3.40 a.m. EST (le 9.40 ora italiana)  - E' in corso l'ultima pausa prevista prima del lancio. Questa pausa durerà 45 minuti. Le condizioni meteo al KSC continuano a migliorare e sono, al momento, "go" per il lancio. Ancora problemi permangono per i siti Europei per il TAL di emergenza.

3.56 a.m. EST (le 9.56 ora italiana) - Le condizioni meteo sui siti europei continuano a dare problemi. Saragoza, in Spagna, è stato scelto come sito primario per un TAL al posto di Istres in Francia ma, al momento, le condizioni meteo non sono ancora accettabili. Verrà presto presa una decisione se proseguire il conto alla rovescia o meno.

4.00 a.m. EST (le 10.00 ora italiana) - Appena dato il "go" da tutte le postazioni del Centro Controllo. Anche il sito TAL di Saragoza è al momento "go". Non ci sono altri impedimenti per il lancio al momento! 

T-9 minuti e counting - 4.05 a.m. EST (le 10.05 ora italiana) - Il conteggio alla rovescia è appena ripartito per gli ultimi nove minuti prima del lancio. 

4.06 a.m. EST (le 10.06 ora italiana) - Il GLS (Ground Launch Sequencer) è stato attivato. Questo computer posto nella Sala di Lancio sovraintende a tutte le fasi di lancio durante gli ultimi nove minuti. A T-31 secondi passerà il controllo ai computer di bordo della navetta spaziale Endeavour per la sequenza automatica di lancio. 

Il momento dell'accensione dei motori dello space shuttle Endeavour4.14.07 a.m. EST (le 10.14.07 ora italiana) - LIFTOFF! - decollo della navetta spaziale Endeavour per la missione STS-130 (foto Credit: NASA/TV).

4.16 a.m. EST (le 10.16 ora italiana) - Separazione regolare dei due booster a combustibile solido. STS-130 prosegue il suo volo con i tre motori a combustibile liquido alimentati dall'idrogeno ed ossigeno liquidi contenuti all'interno del serbatoio esterno.

T+8 min.31 sec. - Spegnimento dei motori principali e separazione del serbatoio esterno che ricadrà nell'atmosfera terrestre bruciando sopra l'Oceano Atlantico.

T+15 min. - Le tre APU (Auxiliary Power Units) che forniscono l'energia necessaria per muovere gli ugelli della navetta durante il lancio sono state spente e verranno riavviate soltanto per le fasi di rientro dato che vengono utilizzate anche per alimentare i motori che muovono gli alettoni e gli elevoni. Il MECO (Main Engine Cut Off) ovvero lo spegnimento dei motori principali è stato nominale e quindi non sono richieste ulteriori accensioni dei motori orbitali per raggiungere l'orbita preliminare. 

T+17 min. - Endeavour ora sta volando verso il sorgere del Sole e si avvicina all'Europa. La prevista accensione dei motori orbitali OMS-2 verrà eseguita a T+37 minuti e 30 secondi. 

T+39 min. - I due motori orbitali OMS sono stati accesi regolarmente ed hanno piazzato Endeavour nell'orbita definitiva dalla quale inizierà l'inseguimento della ISS per l'attracco previsto per il 10 febbraio alle 12.53 a.m. (le 6.53 ora italiana). Si conclude la diretta del lancio della missione STS-130 Endeavour.

Fonti: NASA launch blogs - SpaceflightNow

Il vano di carico della navetta Endeavour dopo l'apertura dei portelli. Si vede bene a destra Tranquillity e la Cupola.Giorno 1 - Dopo un giorno di rinvio a causa delle nuvole, la navetta spaziale Endeavour è stato lanciato alle 3.14 a.m. CST di lunedì (le 10.14 ora italiana) dal Kennedy Space Center in Florida con un nuovo modulo ed una cupola che verranno agganciati alla Stazione Spaziale Internazionale e che incrementa le conoscenze umane del nostro pianeta madre. Si è trattato dell'ultimo lancio notturno previsto nella storia del programma shuttle. Il Comandante George Zamka, il Pilota Terry Virts e gli Specialisti di Missione Kay Hire, Stephen Robinson, Nicholas Patrick e Robert Behnken hanno iniziato la loro missione di 13 giorni con otto minuti e mezzo di volo verso l'orbita ed hanno iniziato così l'inseguimento dell'avamposto orbitale. Il lancio ha illuminato la costa centrale della Florida mentre Endeavour si inarcava verso nordest in rotta verso lo spazio. Mentre Endeavour decollava la stazione stava viaggiando a circa 28.000 km/h a circa 340 km di altezza sopra la Romania. E' previsto che Endeavour attracchi alla stazione alle 11.09 p.m. di martedì (le 6.09 ora italiana di mercoledì mattina) mentre sorvoleranno la costa nord della Spagna. A bordo della stazione in attesa di Endeavour si trova l'equipaggio di Spedizione 22 con il Comandante Jeff Williams, i cosmonauti ed ingegneri di volo Max Suraev e Oleg Kotov, l'astronauta Giapponese Soichi Nogichi e l'astronauta della NASA T.J. Creamer. Appena dopo aver raggiunto l'orbita l'equipaggio di Endeavour ha iniziato a convertire la navetta da veicolo di lancio a veicolo spaziale orbitante. I portelli del vano di carico saranno aperti circa un'ora e mezzo dopo il lancio. Prima di iniziare il loro primo periodo di riposto previsto alle 9.14 a.m. (le 16.15 ora italiana) l'equipaggio effettuerà un controllo del braccio robotico  ed effettuerà un controllo visivo del nodo 3 Tranquillity e della Cupola agganciata che verranno installati sulla stazione questa settimana. L'equipaggio verrà svegliato alle 5.15 p.m. CST (le 0.15 ora italiana di martedì) per il primo giorno completo in orbita che prevede l'utilizzo del braccio robotico e della sua estensione OBSS (Orbital Boom Sensor System) per controllare le protezioni termiche rinforzate sul bordo di attacco alare della ali e del muso di Endeavour alla ricerca di danni che potrebbero essere avvenuti durante il lancio. Inoltre gli astronauti si prepareranno per il randezvous e l'attracco e controlleranno le tute spaziali che Patrick e Behnken indosseranno nelle tre passeggiate spaziali, dedicate principalmente per l'istallazione di Tranquillity e la sistemazione del nuovo modulo, la Cupola ed un boccaporto di attracco che verrà spostato durante le operazioni congiunte shuttle-ISS. Il volo di Endeavour è il 130esimo del programma Shuttle ed il 32esimo dedicato all'assemblaggio della stazione, rifornimento e manutenzione. La missione inoltre consegnerà attrezzature, rifornimenti ed esperimenti scientifici alla stazione. Nella foto in alto (Credit: NASA - S130-E-005295) il vano di carico della navetta esposto allo spazio con la Terra sullo sfondo.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #01

 

Una bella immagine della navetta ripresa all'inizio dell'ispezione dello scudo termico09/02/2010 - Giorno 2 - Gli astronauti a bordo della navetta spaziale Endeavour sono nel loro primo giorno completo nello spazio e sono sulla strada per installare i componenti finali del segmento USA della Stazione Spaziale Internazionale. La sveglia è arrivata alle 5.14 p.m. CST (le 0.14 ora italiana) con il brano musicale “Give Me Your Eyes” di Brandon Heath e dedicato al Pilota Terry Virts, l'unico dell'equipaggio di Endeavour al primo volo nello spazio. Uno dei suoi primi compiti è stato quello di assistere il Comandante George Zamka con la manovra di accensione dei razzi di manovra della navetta per aggiustare la traiettoria di avvicinamento alla Stazione Spaziale Internazionale il cui attracco è previsto per martedì notte. Gli Specialisti di Missione Kay Hire e Nick Patrick hanno poi preso i controlli del braccio robotico della navetta e gli hanno agganciato l'OBSS, che si trovava parcheggiato sul lato destro del vano di carico, per iniziare la procedura di ispezione post-lancio del sistema di protezione termico dello shuttle, le mattonelle e i pannelli rinforzati in carbonio del bordo di attacco delle ali e del muso. L'ispezione, coordinata a turno da Zamka, Virtis, Hire, Patrick e lo Specialista di Missione Steve Robinson, ha utilizzato le telecamere ed i laser di cui è equipaggiata la parte terminale dell'OBSS per fornire immagini 3D dell'orbiter. I dati ottenuti sono stati poi trasmessi agli esperti sulla Terra che li analizzeranno alla ricerca di ogni possibile danno sostenuto durante il lancio. Più avanti nella giornata Patrick e Bob Behnken hanno condotto un controllo delle tute spaziali che indosseranno durante le tre attività extraveicolari che effettueranno per completare l'installazione, sulla stazione, dei moduli nodo Tranquillity e della Cupola. Inoltre oggi è stata installata la telecamera di mira nel Il Comandante Zamka mentre, nel ponte inferiore di Endeavour, preleva un contenitore per il pranzo. Orbiter Docking System (il boccaporto di attracco) di Endeavour. Questa telecamera guarda esattamente al centro dell'anello di aggancio ed aiuterà Zamka  e gli altri membri dell'equipaggio a guidare Endeavour verso il boccaporto di attracco PMA-2 della stazione. L'anello è la prima parte della navetta a toccare la stazione ed è fornito di bulloni che aiutano a tenere serrata la presa fra la navetta e la stazione. Intanto Hire e Robinson hanno completato un controllo delle apparecchiature occorrenti per il rendez-vous di martedì notte alla stazione. Contemporaneamente sulla stazione  il Comandante di Spedizione 22 Jeff Williams e gli Ingegneri di Volo Max Suraev, Oleg Kotov, Soichi Noguchi e T.J. Creamer sono al lavoro per preparare la ISS ed i suoi sistemi ai quasi nove giorni di operazioni congiunte con l'equipaggio dello shuttle. L'equipaggio della stazione inoltre si è preparato per la ripresa fotografica dello scudo termico della navetta mentre questa effettuerà la manovra di rotazione prima dell'attracco. L'equipaggio dello shuttle si è recato a dormire alle 8.14 a.m. CST (le 15.14 ora italiana) e verrà svegliato alle 4.14 p.m. CST (le 23.14 ora italiana) per l'inizio del giorno dedicato all'attracco. Nella foto in alto (Credit: NASA/TV) una bella immagine della navetta mentre inizia l'ispezione dello scudo termico con il braccio robotico e la sua estensione OBSS (a destra). Nella foto a destra (Credit: NASA - S130-E-006306) Il Comandante delle missione STS-130 Zamka mentre preleva un contenitore con il pranzo nel ponte inferiore di Endeavour.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #02 - STS-130 MCC Status Report #03

 

La navetta Endeavour ripresa dagli astronauti a bordo della stazione mentre si avvicina per l'attracco. 10/02/2010 - Giorno 3 - La navetta spaziale Endeavour ha attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale alle 11.06 p.m. CST (le 6.06 ora italiana) consegnando il nodo Tranquillity e la sua nuova camera con vista, la Cupola. Il Comandante di Endeavour George Zamka ha guidato l'orbiter all'attracco con il Pressurized Mating Adapter-2 mentre i due veicoli spaziali volavano a circa 387 km sopra la Terra di fronte alle coste del Portogallo. All'inizio del pomeriggio Zamka ed il Pilota Terry Virtis avevano acceso i motori di manovra per definire l'approccio dell'orbiter alla stazione con gli Specialisti di Missione Kay Hire, Steve Robinson, Nicholas Patrick e Bob Behnken che li hanno assistiti sul ponte principale. Quando la navetta è arrivata a circa 200 metri dalla stazione, Endeavour ha compiuto la manovra chiamata Rendezvous Pitch Maneuver, o "rovesciamento". Zamka ha ruotato l'orbiter sotto sopra permettendo al Comandante della stazione spaziale Jeff Williams e l'Ingegnere di Volo Oleg Kotov di prendere immagini ad alta risoluzione dello shuttle. Le immagini verranno analizzate dagli esperti a terra per stabilire la salute dello scudo termico. Dopo che questa manovra di rotazione è terminata Zamka ha spostato la nave spaziale direttamente di fronte alla stazione prima di iniziare lentamente la fase finale di aggancio. Gli equipaggi della navetta e della stazione hanno aperto i portelli di comunicazione fra i due veicoli spaziali alle 1.16 a.m. (le 8.16 ora italiana) quando Endeavour e l'avamposto si trovavano a sorvolare la costa a nord-est dell'Australia. Con l'arrivo dei sei astronauti di Endeavour la popolazione della stazione cresce ad 11 persone e laGli equipaggi della navetta e della stazione fotografati tutti assieme dopo l'apertura dei portelli fra le due astronavi. massa complessiva raggiunge oltre 453 tonnellate. Dopo un breve briefing sulle procedure di sicurezza della stazione tenuto agli ospiti, lo Specialista di Missione Nicholas Patrick e l'Ingegnere di Volo T.J. Creamer hanno comandato il braccio robotico della stazione per rimuovere dal vano di carico di Endeavour l'OBSS (Orbiter Boom Sensor System), la speciale prolunga. Il Pilota dello shuttle Terry Virtis e la Specialista di Missione Kay Hire hanno utilizzato il braccio robotico della navetta per effettuare lo scambio.  Zamka ha poi trasferito parti di ricambio per il sistema di riciclo dell'acqua della stazione in modo che Williams possa sostituirli e riattivare l'attrezzatura che processa le urine e le trasforma in acqua da bere per l'equipaggio, Gli Specialisti di Missione Bob Behnken e Patrick hanno trasferito le tute spaziali che indosseranno durante le loro tre passeggiate spaziali all'interno del modulo di decompressione Quest. L'equipaggio di Endeavour ha iniziato il periodo di sonno alle 7.14 a.m. (le 14.14 ora italiana) e verrà svegliato alle 3.14 p.m. (le 22.14 ora italiana) di mercoledì ed i loro compiti saranno focalizzati sul trasferimento di materiali, la preparazione per l'EVA e la riparazione del Water Recovery System (il sistema di riciclo dell'acqua). Giovedì invece le operazioni principali saranno l'installazione del nuovo modulo Tranquillity sul modulo Unity e la prima attività extraveicolare della missione. Nella foto in alto (Credit: NASA - ISS022-E-059303) la navetta spaziale Endeavour fotografata dagli astronauti a bordo della stazione durante la manovra di avvicinamento. Nella foto a destra (Credit: NASA - S130-E-006657) gli equipaggi della navetta e della stazione fotografati tutti assieme dopo l'apertura dei portelli fra le due astronavi.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #04 - STS-130 MCC Status Report #05

 

Gli astronauti Hire e Creamer di fronte alla postazione di comando del braccio robotico della ISS, all'interno del modulo Destiny11/02/2010 - Giorno 4 - I preparativi per la passeggiata spaziale e la manutenzione del sistema di recupero dell'acqua sono stati i due punti principali per il primo giorno completo di operazioni congiunte fra gli astronauti dalla navetta spaziale Endeavour e la Stazione Spaziale Internazionale. L'equipaggio dello shuttle è stato svegliato con una musica alle 3.19 p.m. CST (le 22.19 ora italiana) "“Also sprach Zarathustra” di Richard Strauss dedicata allo Specialista di Missione  Nicholas Patrick. Il brano è conosciuto dappertutto come il tema del film "2001: Odissea nello Spazio". Per prima cosa Patrick e lo Specialista di Missione Bob Behnken hanno iniziato a configurare gli attrezzi che dovranno utilizzare per la prima EVA (attività extraveicolare) della missione. Il Comandante dello Shuttle George Zamka e l'Ingegnere di Volo Soichi Noguchi hanno utilizzato il torso di una tuta spaziale di riserva per Behnken dopo che un pezzo originale della sua tuta si era guastato. Il pezzo guasto doveva permettere la trasmissione senza fili del sistema video ed il funzionamento dei riscaldatori dei guanti. Il Comandante della stazione Jeff Williams ha dedicato la sua giornata con l'inizio dell'installazione del nuovo Distillation Assembly e Flow Control Pump Assembly nel sistema di recupero dell'acqua come parte del piano di riattivazione dell'equipaggiamento che processa le urine e le trasforma in acqua da bere per l'equipaggio della stazione. L'Ingegnere di Volo Max Suraev e Oleg Kotov hanno proseguito ad impacchettare materiale all'interno di un cargo automatico Progress e T.J. Creamer ha controllato diversi carichi scientifici. Il Pilota dello Shuttle Terry Virtis e gli Specialisti KayIl Comandante della Stazione Spaziale Internazionale Jeff Williams alle prese con la riparazione dell'attrezzatura per il riciclo dell'acqua. Hire e Steve Robinson hanno invece proseguito a spostare equipaggiamenti e rifornimenti dall'Endeavour verso la stazione. Alle 10.19 p.m. (le 5.19 ora italiana), dopo che entrambi gli equipaggi avevano fatto una sosta per il pranzo, Williams e Creamer si sono uniti all'equipaggio dei sei dello shuttle per discutere della missione durante un'intervista con la KXTV-TV di Sacramento, California (città dove è nato Robinson), la WKRG-TV di Mobile, Alabama. (città dove è nato Hire) e la KMOX Radio di St. Louis, Mo. (città dove è nato Behnken). Nell'ultima parte della giornata tutti ed 11 i membri dell'equipaggio hanno usufruito di alcuni momenti di riposo appena prima della revisione delle procedure avvenuta alle 3.09 a.m. (le 10.09 ora italiana) di giovedì. Durante questo riposo è stato comunicato all'equipaggio della navetta spaziale che non vi è bisogno di un'ispezione aggiuntiva allo scudo termico. Behnken e Patrick hanno completato la loro giornata preparatoria alla passeggiata spaziale iniziando alle 7 a.m. (le 14 ora italiana) il campeggio notturno all'interno del modulo di decompressione Quest con una pressione atmosferica ridotta a 10.2 psi. Questa procedura servirà per facilitare a far uscire l'azoto dal sangue dei due astronauti come misura contro la possibilità di embolia durante la passeggiata spaziale, il cui inizio è previsto per le 8.09 p.m. di giovedì (le 3.09 ora italiana) e che dovrebbe durare circa 6,5 ore. La prima EVA prevede la preparazione di Tranquillity per il suo spostamento dal vano di carico. Dopo la sua installazione al nodo Unity della stazione per mezzo del braccio robotico della stazione manovrato da Virts e Hire gli spacewalker inizieranno a lavorare sulle infrastrutture della stazione. Inoltre i due astronauti sposteranno una piattaforma temporanea dal DEXTRE (Special Purpose Dexterous Manipulator) al traliccio di sinistra ed installeranno due maniglie sul robot. Nella foto in alto gli Specialisti di Missione Creamer e Hire di fronte alla postazione di controllo del braccio robotico della ISS nel modulo Destiny. Nella foto a destra (Credit: NASA - S130-E-006844) Il Comandante della Stazione Spaziale Internazionale Jeff Williams alle prese con la riparazione dell'attrezzatura per il riciclo dell'acqua.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #06 - STS-130 MCC Status Report #07

 

Il nuovo modulo Tranquillity mentre viene spostato dal vano di carico della navetta per esser posizionato sulla ISS.12/02/2010 - Giorno 5 - La chiamata per la sveglia  degli astronauti a bordo di Endeavour è avvenuta alle 3.14 p.m. (le 22.14 ora italiana) con il brano musicale “Beautiful Day” degli U2 e dedicato alla Specialista di Missione Kay Hire, che più tardi nella notte avrebbe lavorato assieme al Pilota Terry Virtis per manovrare il braccio robotico canadese Canardam2 per installare il modulo Tranquillity durante l'EVA degli Specialisti di Missione Bob Behnken e Nicholas Patrick. Gli astronauti hanno installato oltre 70 metri cubi addizionali di spazio disponibile alla Stazione Spaziale Internazionale venerdì mattina presto combinando il talento di operatori ai bracci robotici e spacewalker che hanno connesso il modulo Tranquillity, costruito in Italia. Tranquillity è stato installato alle 12.20 a.m. di venerdì (le 7.20 ora italiana) mentre il complesso orbitale sorvolava l'Oceano Indiano a ovest di Singapore. Gli Specialisti di Missione Kay Hire ed il Pilota Terry Virtis hanno utilizzato il Canadarm2 della stazione per estrarre Tranquillity dal vano di carico della navetta spaziale Endeavour e posizionarlo sul lato sinistro del modulo Unity, già vecchio di 10 anni. Tranquillity è stato poi fissato al suo posto con 16 bulloni controllati a distanza. Gli spacewalker Bob Behnken e Nick Patrick sono usciti fuori dal boccaporto del modulo Quest alle 8.17 p.m. CST di giovedì (le 3.17 ora italiana di venerdì) ed hanno immediatamente iniziato a preparare il nuovo modulo per il suo viaggio dal vano di carico alla stazione. Lo Specialista di Missione Steve Robinson ha aiutato i due astronauti all'esterno, coordinando la passeggiata spaziale della durata di 6 ore e 32 minuti e che si è conclusa alle 2.49 a.m. di venerdì (le 9.49 ora italiana). Durante l'attesa che gli operatori del braccio robotico manovrassero lentamente Tranquillity nella sua posizione Behnken e Patrick hanno spostato una piattaforma temporanea dallo Special Purpose Dexterous Manipulator, (DEXTRE) alla struttura del traliccio ed installato due maniglie sul robot. Una volta che Tranquillity era strutturalmente accoppiato ad Unity i due astronauti hanno connesso i cavi di trasmissione dati e quelli del riscaldamento che integreranno ilL'astronauta Behnken mentre è al lavoro fuori della stazione spaziale durante l'EVA n.1 nuovo modulo con il resto dei sistemi della stazione. Inoltre i due hanno anche pre-posizionato delle coperture termiche ed i tubi flessibili per l'ammoniaca che verranno utilizzati per connettere Tranquillity al sistema di raffreddamento della stazione durante la seconda EVA che inizierà sabato notte. La nuova camera con vista della stazione, la Cupola, verrà spostata domenica dalla parte terminale di Tranquillity, dove si trovava per il viaggio, verso uno dei boccaporti che guardano verso Terra. Quando l'attività extraveicolare era quasi al termine il Controllo Missione ha informato che tutte le connessioni dei dati e dei riscaldatori funzionavano regolarmente e che il vestibolo che separava Tranquillity da Unity aveva superato i controlli di tenuta iniziali. Intanto la squadra del controllo di volo della stazione spaziale sta tenendo sotto controllo le operazioni del sistema di purificazione dell'acqua dopo che il Comandante Jeff Williams ha installato ieri il nuovo Distillation Assembly and Fluids Control Pump Assembly. Al sistema che trasforma l'urina in acqua pura da bere verrà fatto eseguire un ciclo completo per generare campioni di acqua che verranno testati una volta riportati sulla Terra, prima che i componenti siano trasferiti nel nuovo modulo. Gli astronauti inizieranno il loro periodo di riposo alle 7.14 a.m. (le 14.14 ora italiana) e verranno svegliati alle 3.14 p.m. (le 22.14 ora italiana). Nella bellissima foto in alto (Credit: NASA - ISS022-E-062774) il nuovo modulo Tranquillity mentre viene spostato dal vano di carico della navetta per esser posizionato sulla ISS. Nella foto a destra (Credit: NASA - ISS022-E-062916) l'astronauta Behnken mentre si trova al lavoro al di fuori della stazione durante la prima EVA della missione STS-130.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #08 - STS-130 MCC Status Report #09

 

L'equipaggio della stazione è entrato all'interno di Tranquillity per la prima volta.13/02/2010 - Giorno 6 - La sveglia per l'equipaggio di Endeavour è arrivato questa mattina alle 3.14 p.m. CST di venerdì (le 22.14 ora italiana) con il tema musicale di "Firefly", “The Ballad of Serenity” di Sonny Rhodes e dedicato allo Specialista di Missione Bob Behnken. I membri degli equipaggi della navetta spaziale Endeavour e della Stazione Spaziale Internazionale hanno dato una prima occhiata all'interno del nuovo modulo e della camera con vista dell'avamposto orbitale venerdì pomeriggio ma le persiane erano ancora chiuse e così per la spettacolare vista dovranno ancora attendere un poco. Il Pilota Virts e la Specialista di Missione Hire hanno preso i controlli del braccio robotico della stazione alle 6.24 p.m. (le 1.24 ora italiana di sabato) per spostarlo dalla sua base su Harmony a quella del laboratorio Destiny. Gli astronauti sono entrati nel modulo inizialmente indossando occhiali e mascherina per proteggersi contro possibili detriti fluttuanti. Il Comandante dello shuttle, Zamka, e gli Specialisti di Missione Stephen Robinson e Kathryn Hire hanno lavorato con il Comandante della stazione Jeff Williams per sistemare il vestibolo di collegamento fra Unity e Tranquillity dopo che alle 8.17 p.m. (le 3.17 ora italiana di sabato) il portello era stato aperto. Mentre il lavoro prosegue, il Pilota di Endeavour, Terry Virts e l'Ingegnere di Volo della stazione Soichi Noguchi hanno trasferito parte del Advanced Resistive Exercise Device e dell'armadio con il sistema di riciclo dell'aria all'interno di Tranquillity. Il portello fra Tranquillity e la Cupola è stato aperto alle 10.32 p.m. (le 5.32 ora italiana di sabato) ma le finestre erano ancora bloccate con le loro coperture e dal rivestimento isolante. Gli Specialisti di Missione Robert Behnken e Nicholas Patrick connetteranno le tubature dei fluidi esterni ed altri lavori su Tranquillity durante la seconda passeggiata spaziale del volo, il cui inizio è previsto circa alle 8.10 p.m. I due spacewalker hanno configurato gli attrezzi e lavorato su un'altra tuta spaziale per Patrick da utilizzare durante l'EVA n.2. Infatti durante la prima attività extraveicolare era stato scoperto che la tuta di Patrick aveva temporaneamenteLo Specialista di Missione Behnken all'interno del modulo di decompressione Quest mentre controlla le attrezzature per la seconda EVA della missione. leggermente diminuito la velocità della ventola del sistema di raffreddamento. Quindi i due astronauti hanno risistemato la tuta originaria di Behnken per Patrick e completato la manutenzione del sistema di distribuzione energetico della EMU che non dava corrente alla telecamera dell'elmetto ed ai riscaldatori dei guanti e che era stata controllata prima della EVA n.1. L'equipaggio ha poi iniziato alle 3.10 a.m. (le 10.10 ora italiana) una riunione di un'ora nella quale sono state ripassate le procedure della passeggiata spaziale. I due spacewalker hanno poi iniziato il loro campeggio notturno all'interno del modulo di decompressione Quest circa alle 5.40 a.m. (le 12.40 ora italiana). Dopo la passeggiata spaziale Hire e Virts agganceranno la Cupola con il Canadarm2 della stazione in preparazione del suo spostamento sul lato di Tranquillity che guarda la Terra, previsto per domenica. Le coperture isolanti verranno rimosse durante la EVA n.3  che inizierà all'incirca alle 8.10 p.m. di martedì (le 3.10 ora italiana di mercoledì) e questo permetterà alle persiane di poter essere aperte per la prima vista esterna da parte degli astronauti. Circa alle 1.30 a.m. (le 8.30 ora italiana) Behnken e Patrick hanno risposto alle domande poste dagli appassionati per mezzo di Twitter, trasmesse dal Controllo Missione dal comunicatore Michael Massimino. Si è trattato del primo evento di questo tipo e le domande sono state scelte da Massimino tra le milioni inviate tramite Twett. Circa tre ore dopo Virts e Hire hanno risposto alle domande dei giornalisti della Associated Press, CBS News e Reuters. Nella immagine in alto (Credit: NASA - S130-E-007594) l'equipaggio, fornito di occhiali protettivi e mascherine entra per la prima volta nel nuovo modulo nodo 3 Tranquillity. Nella foto a destra (Credit: NASA - S130-E-007625) lo Specialista di Missione Behnken all'interno del modulo di decompressione Quest mentre controlla le attrezzature per la seconda EVA della missione.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #10 - STS-130 MCC Status Report #11

 

Gli astronauti Virts, Robinson e Noguchi all'interno del nuovo modulo Tranquillity.14/02/2010 - Giorno 7 - L'equipaggio della navetta spaziale Endeavour è stato svegliato alle 3.15 p.m. CST (le 22.15 ora italiana di sabato) con il brano musicale “Too Much Stuff” di Delbert McClinton e dedicata allo Specialista di Missione Stephen Robinson, che oggi servirà come ausilio intraveicolare durante la passeggiata spaziale di oggi. La giornata di oggi è stata principalmente dedicata alla seconda EVA prevista della missione. I due spacewalker Robert Behnken e Nicholas Patrick hanno iniziato l'attività extraveicolare alle 8.09 p.m. CST (le 3.09 ora italiana di domenica) e per prima cosa si sono dedicati alla connessione dei due linee di ammoniaca, ognuna a sua volta fornita di due circuiti, dal modulo Destiny al Tranquillity, permettendo così al nuovo modulo di poter usufruire del sistema di raffreddamento della stazione. Una delle due linee è stata subito aperta per permettere l'inizio del raffreddamento del modulo mentre l'altra verrà attivata durante la terza passeggiata spaziale prevista per mercoledì. Un controllo iniziale ha confermato che il circuito di raffreddamento di Tranquillity è operativo. Poi i due spacewalker hanno installato delle coperture termiche sui perni ed sugli altri meccanismi esterni per prevenire la condensazione all'interno del modulo, fra le attività svolte oggi vi è stata anche l'apertura dei petali del boccaporto di nadir di Tranquillity che ospiterà la Cupola una volta spostata dalla sua posizione attuale a quella definitiva.  Come ultima operazione sono stati installati otto corrimano. L'attività extraveicolare è terminata dopo 5 ore e 54 minuti per dare a Behnken e Patrick tempo ulteriore nel boccaporto per poter procedere ad unaLo Specialista di Missione Patrick all'interno della camera di equilibrio del modulo Quest appena prima di iniziare la EVA n.2. operazione di pulizia da una possibile contaminazione. Infatti, mentre i due astronauti eseguivano una disconnessione di una valvola, una piccola quantità di ammoniaca era sfuggita fuori dal connettore. Le procedure, chiamate "bake-out" sono state eseguite mentre Patrick lavorava durante la fase illuminata dal Sole dell'orbita e comprendevano anche un test di contaminazione da effettuarsi nella camera di equilibrio. All'interno della stazione il Comandante di Spedizione 22 Jeff Williams e gli Ingegneri di Volo Soichi Noguchi e T-J- Creamer, assieme al Pilota di Endeavour e la Specialista di Missione Kathryn Hire, hanno lavorato per allestire l'interno di Tranquillity. Le varia attività comprendevano anche la sistemazione del sistema di ventilazione, la connessione dei vari cavi dei computer e dell'alimentazione elettrica e la configurazione dei rack. L'equipaggio ha inoltre confermato che le luci ed il sistema di computer all'interno di Tranquillity funziona regolarmente. Al momento Endeavour ha l'atterraggio previsto al Kennedy Space Center alle 9.16 p.m. CST della prossima domenica (le 4.16 ora italiana di lunedì) 21 febbraio dopo essersi sganciato dalla stazione alle 6.54 p.m. di venerdì (le 1.54 ora italiana di sabato). Intanto i responsabili della missione hanno approvato un ulteriore giorno di volo. Quel giorno, il nuovo Giorno 11, inizierà mercoledì pomeriggio.  Durante questo nuovo giorno di missione è stato previsto lo spostamento all'interno di Tranquillity di due rack del sistema di recupero dell'acqua (WRS - Water Recovery System), i servizi igenici (Waste Hygiene Compartment) ed il sistema di generazione dell'ossigeno (Oxygen Generation System). Questa operazione era rimasta bloccata per le riparazioni e le prove di funzionamento e permetterà di avere ulteriore tempo per condurre un ciclo dei sistemi e generare abbastanza campioni da riportare sulla Terra per le analisi. L'equipaggio dello shuttle si è recato a dormire alle 7.14 a.m. (le 14.14 ora italiana) e verrà svegliato alle 3.14 p.m. (le 22.14 ora italiana). Nella foto in alto (Credit: NASA - S130-E-007783) gli astronauti Virts, Robinson e Noguchi all'interno del nuovo modulo Tranquillity. Nella foto a destra (Credit: NASA - ) lo Specialista di Missione Patrick all'interno della camera di equilibrio del modulo Quest appena prima di iniziare la EVA n.2.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #12 - STS-130 MCC Status Report #13

 

Al centro dell'immagine la Cupola, agganciata al braccio robotico, mentre viene spostata da un boccaporta all'altro di Tranquillity.15/02/2010 - Giorno 8 - La sveglia per l'ottavo giorno di missione dell'equipaggio di Endeavour è arrivata alle 3.14 p.m. CST (le 22.14 ora italiana) con la canzone “Forty Years On,” della Harrow School e dedicata ad un alunno della Harrow, lo Specialista di Missione Nicholas Patrick che ha poi trascorso le prime tre ore della giornata lavorativa assieme al suo compagno spacewalker Robert Behnken alla preparazione delle attrezzature e della camera di equilibrio della stazione per l'ultima passeggiata spaziale prevista per martedì. Durante questa attività è stata risistemata un'altra tuta per Behnken, infatti quella indossata durante le prime due EVA aveva mostrato alcuni problemi alle comunicazioni. Il Pilota Terry Virts e la Specialista di Missione Kathryn Hire hanno invece iniziato con il controllo della depressurizzazione del modulo Cupola. Nel pomeriggio gli stessi due astronauti, coadiuvati dal Comandante di Spedizione 22 Jeff Williams hanno manovrato il braccio robotico della stazione dalla postazione di controllo nel modulo laboratorio USA Destiny. Una volta che la cupola è stata agganciata dal Canadarm2 sono stati rilasciati i bulloni motorizzati che la tenevano bloccata a Tranquillity per la fase di lancio. C'è stato un piccolo ritardo nel rilascio della Cupola a causa dei bulloni che, stretti a gravità terrestre, si sono dimostrati un poco più duri da allentare in orbita. Ma i controllori di volo hanno leggermente aumentato la forza necessaria ed i bulloni si sono infine allentati risolvendo il problema. La Cupola è stata quindi spostata al boccaporto di Tranquillity che guarda verso la Terra ed agganciata saldamente con i bulloni automatici. La rilocazione della Cupola si è conclusa alle 12.31 a.m. CST (le 7.15 ora italiana). A questo punto la Cupola è stata nuovamente pressurizzata ed i controllori di volo di Houston hanno iniziato un monitoraggio sulla tenuta dell'aria. Nello stesso tempo il Comandante della navetta George Zamka, lo Specialista di Missione Stephen Robinson e gliLa Specialista di Missione Katy Hire mentre fluttua all'interno del nuovo modulo Tranquillity. Ingegneri di Volo della stazione Max Suraev e T.J. Creamer hanno ripreso l'allestimento interno e l'attivazione di Tranquillity.In seguito è proseguita anche l'operazione di allestimento dell'interno della Cupola con la connessione delle tubature dell'acqua e l'installazione delle postazioni di comando robotiche. Sarà infatti dalla Cupola che potrà essere manovrato il braccio robotico Canadarm2 e seguite le fasi di avvicinamento e di attracco delle astronavi in arrivo alla stazione. L'equipaggio attende con ansia di poter dare un'occhiata dalle finestre della Cupola dopo la terza ed ultima attività extraveicolare durante la permanenza di Endeavour prevista per venerdì. Il sistema di riciclo delle urine (Urine Processing Assembly) ha continuato a funzionare come previsto ed i controllori di volo si aspettano che vengano processati oltre 11 litri di urina durante tutta la giornata. Nella mattinata Virts e Hire hanno risposto alle domande degli studenti del NASA Explorer Schools. Prima della fine della giornata invece Virts e Behnken avranno un colloquio con i giornalisti della emittente radio WOR Radio New York e delle stazioni televisive KTVI-TV di St. Louis e WREG-TV di Memphis. L'equipaggio si è recato a dormire alle 7.14 a.m. (le 14.14 ora italiana) e verrà svegliato alle 3.14 p.m. (le 22.14 ora italiana) per iniziare il nono giorno di missione. Nella foto in alto (Credit: NASA - S130-E-008168) al centro dell'immagine la Cupola, agganciata al braccio robotico, mentre viene spostata da un boccaporto all'altro di Tranquillity. Nella foto a destra (Credit: NASA - S130-E-008080) la Specialista di Missione Katy Hire mentre fluttua all'interno del nuovo modulo Tranquillity.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #14 - STS-130 MCC Status Report #15 - Video su Youtube dello spostamento della Cupola

 

Il PMA-3 mentre viene riposizionato su Tranquillity16/02/2010 - Giorno 9 - Gli equipaggi della Stazione Spaziale Internazionale e della navetta spaziale Endeavour proseguono oggi con attività di riposizionamento utilizzando la robotica di bordo. Inoltre si prepareranno anche alla terza ed ultima attività extraveicolare prevista per la missione STS-130. La sveglia è arrivata alle 3.15 p.m. CST (le 22.15 ora italiana di lunedì sera) con il brano musicale “Parabola” eseguita da Tool per lo Specialista di Missione Robert Behnken. Gli Specialisti di Missione Nicholas Patrick e Robert Behnken assieme al Comandante di Spedizione 22 Jeff Williams e l'Ingegnere di Volo Soichi Noguchi manovreranno il braccio robotico per spostare il PMA-3 (Pressurized Mating Adapter - l'adattatore di attracco pressurizzato) dalla sua posizione sul modulo Harmony al boccaporto assiale, ora lasciato libero dalla Cupola, di Tranquillity. Utilizzando il Canadarm2 l'equipaggio ha sganciato il PMA dalla stazione alle 5.59 p.m. (le 0.59 ora italiana di martedì) e lo ha installato su Tranquillity appena dopo le 7.30 p.m. (le 2.30 ora italiana). Questo spostamento fornisce un boccaporto aggiuntivo per veicoli spaziali in arrivo e fornisce un ulteriore schermo per i detriti a Tranquillity. Intanto il Pilota dello shuttle Terry Virts e la Specialista di Missione Kathyrn Hire si sono occupati della sistemazione dell'interno della Cupola, ora che si trova nella sua posizione definitiva. Lo Specialista di Missione Stephen Robinson ha rimosso le sicurezze installate per il lancio per sistemare i Low Temperature Loop (LTL) Pump Package Assembly (PPA) ed il Common Cabin Air Assembly (CCAA) di Tranquillity. Il Comandante George Zamka ha tenuto sotto controllo le attività robotiche e ripreso con la telecamera le operazioni. Dopo il pranzo di metà giornata entrambi gli equipaggi hanno avuto a disposizione un poco di tempo libero ed hanno eseguito degli esercizi fisici. L'installazione del nuovo attrezzo per esercizi fisici (Advanced Resistive Exercise Device) è stato testato da Williams e sembra funzionare bene anche se gli esperti a terra proseguono con le analisi dei risultati. Alla fine della giornata di lavoro una buona parte dell'equipaggio si è occupato di ripassare le procedure per la prossima passeggiata spaziale. Patrick e Behnken lavoreranno alla connessione dei cavi dei dati e del riscaldamento fra il PMA-3 e Tranquillity durante l'EVA n.3  che inizierà martedì pomeriggio. Oggi iGli Specialisti di Missione Behnken e Patrick ai comandi del braccio robotico Canadese durante lo spostamento di PMA-3. due spacewalker hanno rivisto i piani per l'ultima passeggiata spaziale prevista per la missione assieme allo Specialista di Missione Stephen Robinson, ufficiale intraveicolare, ed al Comandante della navetta spaziale Endeavour George Zamka, il Polita Terry Virts e l'ingegnere di Volo della stazione T.J.Creamer. Behnken e Patrick hanno iniziato il loro "campeggio" all'interno del modulo di decompressione Quest alle 5.40 a.m. (le 12.40 ora italiana). La procedura, con la pressione all'interno del modulo, ridotta a 10.2 psi, permette di abbassare la quantità di azoto presente nel sangue e minimizzare così la possibilità di una malattia da decompressione. L'inizio della prevista EVA di 6,5 ore è fissato alle 8.09 p.m. (le 3.09 ora italiana di mercoledì). I due spacewalker apriranno il secondo dei due circuiti di ammoniaca permettendo il raffreddamento di Tranquillity e disconnettendo i cavi temporanei. Verranno rimosse le protezioni termiche dalle sette finestre della Cupola e verranno tolti i bulloni che servivano a tenerli bloccati durante il lancio permettendo così agli astronauti l'apertura degli "scuri" dall'interno. L'equipaggio della stazione si recherà a dormire alle 6.44 a.m. (le 13.44 ora italiana) e quello della navetta seguirà mezzora più tardi. L'equipaggio di Endeavour verrà svegliato alle 3.14 p.m. (le 22.14 ora italiana) per iniziare il decimo giorno di missione. Nell'immagine in alto (Credit: NASA/TV) il PMA-3 mentre viene riposizionato su Tranquillity con l'ausilio del Canadarm2. Nella foto a destra (Credit: NASA - ISS022-E-066396) gli Specialisti di Missione Behnken e Patrick ai comandi del braccio robotico Canadese durante lo spostamento di PMA-3.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #16 - STS-130 MCC Status Report #17

 

Lo Specialista di Missione Nicholas Patrick durante la rimozione delle coperture protettive della Cupola durante l'attività extraveicolare compiuta oggi17/02/2010 - Giorno 10 - La terza delle tre attività extraveicolari previste per gli astronauti della navetta spaziale Endeavour è l'attività principale con il completamento dell'installazione del modulo Tranquillity sulla Stazione Spaziale Internazionale e lo sblocco delle coperture del nuovo ponte di osservazione della stazione. La sveglia per gli astronauti di Endeavour è avvenuta alle 3.14 p.m. CST (le 22.14 ora italiana di martedì sera) con il brano “Window on the World” di Jimmy Buffett e dedicata alla Specialista di Missione Kathryn Hire. Gli spacewalker Robert Behnken e Nicholas Patrick hanno iniziato la loro terza EVA alle 8.09 p.m. (le 3.09 ora italiana di mercoledì). Il Pilota di Endeavour Terry Virts ha aperto gli "scuri" delle finestre dall'interno del modulo uno alla volta nelle prime ore di mercoledì dando agli spacewalker Robert Behnken e Nicholas Patrick una prima occhiata alla "camera con vista" della Stazione Spaziale Internazionale che hanno aiutato ad installare. Behnken e Patrick hanno completato la terza e finale passeggiata spaziale programmata con una escursione della durata di 5 ore e 48 minuti, alle 2.03 a.m. CST (le 9.03 ora italiana). I due hanno completato tutti i compiti assegnati, hanno rimosso le coperture e i ganci di tenuta per il lancio da un'ognuna delle sette finestre della Cupola. All'interno della Cupola, Virts ha aperto e richiuso ogni finestra a turno, iniziando alle 11.25 p.m. (le 6.25 ora italiana di mercoledì) con la finestra circolare centrale del diametro di 80 cm. Si è trattato della prima occhiata attraverso la più grande finestra di cui è dotata la stazione, sul boccaporto di Tranquillity che guarda verso la Terra, e che offre una vista senza pari della Terra ed una buona visuale per le operazioni con il braccio robotico della stazione. Verso la fine dell'attività extraveicolare tutte le finestre sono state aperte simultaneamente. La Specialista di Missione Kathryn Hire si è congratulata con i due spacewalker per "aver alzato il sipario su una vetrata sul mondo." All'inizio dell'EVA Behnken aveva aperto il secondo circuito di ammoniaca, permettendo al sistema di raffreddamento di attraversare Tranquillity, e fornendo così la ridondanza, e poi disconnettendo cavi energetici temporanei. Patrick aveva installato dei cavi per il trasporto dei dati connettendo Tranquillity al Pressurized Mating Adapter 3 che era stato spostato sul boccaporto assiale del nuovo nodo martedì. I due spacewalker hanno poi installato dei corrimano su Tranquillity, riposizionato dei fermi per i piedi e chiuso iGli astronauti della NASA Terry Virtis, Pilota di STS-130, e Jeff Williams, Comandante di Spedizione 22 posano di fronte alle finestre della cupola. petali del boccaporto superiore di Harmony, dove si trovava PMA-3. I due astronauti hanno poi cambiato il percorso dei cavi del segnale video dal "nido dei topi" così viene chiamato scherzosamente il complesso di connessioni dei cavi sul traliccio S0, al modulo Zarya. Questo permetterà al braccio robotico Canadarm2 della stazione di essere manovrato anche dalla porzione Russa della stazione. Intanto la sistemazione interna di Tranquillity e della Cupola è proseguita con gli astronauti che hanno preparato sezioni del sistema di controllo rigenerativo ambientale per il trasferimento nel modulo prima che gli ultimi quattro rack del sistema vengano riposizionati all'interno del nodo 3 durante il Giorno di Volo 11.. L'Ingegnere di Volo di Spedizione 22 Soichi Noguchi ha sostituito il Recycle Filter Tank Assembly che fa parte del sistema di riciclo dell'acqua prima di riempire la tanica in sostituzione. La tanica sostituita verrà riportata sulla Terra con Endeavour. Nelle prime ore di domattina l'Ingegnere di Volo Oleg Kotov sostituirà una valvola guasta nell'unità Russa di rimozione dell'anidride carbonica.  Nell'immagine in alto (Credit: NASA/TV) lo Specialista di Missione Nicholas Patrick durante la rimozione delle coperture protettive della Cupola durante l'attività extraveicolare compiuta oggi. Nella foto a destra (Credit: NASA - ) gli astronauti della NASA Terry Virtis, Pilota di STS-130, e Jeff Williams, Comandante di Spedizione 22 posano di fronte alle finestre della cupola. Nella sequenza in basso (Credit: NASA/TV) la Cupola con le protezioni aperte vista dall'esterno e dall'interno. Nel secondo riquadro il Comandante di Spedizione 22 Williams effettua foto della Terra con un teleobiettivo.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #18 - STS-130 MCC Status Report #19

Una sequanza della Cupola con le protezioni aperte dall'esterno e dall'interno.

 

Il Presidente Barack Obama mentre parla al telefono con l'equipaggio congiunto di Endeavour e della ISS.18/02/2010 - Giorno 11 - La sveglia delle 3.17 p.m. (le 22.17 ora italiana) di mercoledì dell'equipaggio dello shuttle è arrivata con il brano musicale “Oh Yeah” di Johnny A. e dedicato allo Specialista di Missione Stephen Robinson. Circa un'ora dopo tutti ed 11 gli astronauti e cosmonauti dei due veicoli attraccati hanno ricevuto le congratulazioni telefoniche del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che era accompagnato alla Casa Bianca ad una dozzina di studenti delle medie provenienti da tutto il Paese e che si trovavano a Washington D.C. per una gara nazionale di ingegneria. Sono state fatte anche domande agli astronauti da parte sia del Presidente che dagli studenti. La sistemazione degli interni dei nuovi moduli della stazione hanno riempito la maggior parte del tempo di questo giorno aggiunto alla missione orbitale proprio per permettere queste attività. I membri dell'equipaggio hanno trasferito ed installato i rack (così si chiamano gli speciali "armadi" che contengono varia apparecchiature) nel nuovo nodo della stazione Tranquillity, hanno ridato una spinta alla stazione utilizzando i motori di Endeavour, riconfigurato le tute spaziali e superato il 75% del materiale trasferito fra le due astronavi. Tutto questoL'equipaggio alle prese con il trasferimento dentro Tranquillity di uno dei quattro rack. lavoro, durante il giorno ulteriore aggiunto per il trasferimento dei rack, è trascorso generalmente senza problemi. In pantaloncini corti o pantaloni e calzini, i membri dell'equipaggio hanno galleggiato all'interno della stazione intenti nelle varie attività. Gli astronauti hanno spostato quattro rack all'interno di Tranquillity - l'Oxygen Generation System, il Water Recovery System, l'Urine Processing Assembly ed il Waste and Hygiene Compartment. Inoltre l'equipaggio ha proseguito anche la sistemazione della Cupola di Tranquillity, installando un pannello e trasferendo componenti della postazione di lavoro robotica (Robotics Work Station) che verranno installati dopo la partenza di Endeavour. Appena dopo le 1.30 a.m. CST (le 8.30 ora italiana) di giovedì il Comandante di Endeavour George Zamka ed il Pilota Terry Virts hanno iniziato una manovra di spinta alla stazione, della durata di 33 minuti, utilizzando i motori di controllo di assetto della navetta (RCS - Reaction Control System). Una volta completata l'altezza della stazione è risultata di circa 2 km. più alta con un'orbita di 350x332 km. Nella camera di equilibrio Quest gli Specialisti di Missione Robert Behnken e Nicholas Patrick hanno riconfigurato le tute spaziali che i due hanno utilizzato durante le tre attività extraveicolari, preparando solo alcune parti per il ritorno sulla Terra e stivando gli attrezzi utilizzati. L'equipaggio ha iniziato il periodo di riposo alle 6.44 a.m. (le 13.44 ora italiana) e verrà svegliato alle 2.44 p.m. (le 21.44 ora italiana) per l'inizio del 12esimo giorno di missione. Nella foto in alto (Credit: NASA/Bill Ingalls e NASA/TV) il Presidente Barack Obama mentre parla al telefono con l'equipaggio congiunto di Endeavour e della ISS. Nella foto a destra (Credit: NASA/TV) l'equipaggio alle prese con il trasferimento dentro Tranquillity di uno dei quattro rack, per l'esattezza il sistema di riciclo dell'acqua n.1.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #20 - STS-130 MCC Status Report #21

 

Una bella vista della porzione della stazione spaziale con la navetta attraccata.19/02/2010 - Giorno 12 - La sveglia oggi per gli astronauti di Endeavour è stata data con la canzone “I’m Gonna Be (500 Miles)” di Steven Curtis Chapman e dedicata al Pilota Terry Virts. I portelli fra la navetta spaziale Endeavour e la Stazione Spaziale Internazionale sono stati chiusi alle 2.08 a.m. CST (le 9.08 ora italiana). Durante i 9 giorni e 52 minuti di operazioni congiunte la stazione ha ricevuto un nuovo modulo ed un boccaporto con vista che offre evidenti vantaggi. La chiusura dei portelli è avvenuta dopo una cerimonia di saluti fra i due equipaggi. Il Comandante di Endeavour George Zamka, il Pilota Terry Virts e gli Specialisti di Missione Kathryn Hire, Stephen Robinson, Nicholas Patrick e Robert Behnken hanno detto arrivederci all'interno del modulo Harmony al Comandante della stazione Jeff Williams e gli Ingegneri di Volo Maxim Suraev, Oleg Kotov, Soichi Noguchi e T.J. Creamer. Quando gli astronauti di Endeavour sono usciti da Harmony Williams ha fatto suonare la campana della stazione per segnalare la loro partenza. E' previsto che Endeavour si sganci dalla ISS alle 6.54 p.m. di oggi (le 1.54 ora italiana di sabato) ed atterri in Florida al Kennedy Space Center alle 9.16 p.m. di domenica (le 4.16 ora italiana di lunedì). Durante la visita di Endeavour Behnken e Patrick hanno completato tre attività extraveicolari dedicate soprattutto all'installazione del nuovo modulo Tranquillity e agganciando e sistemando la Cupola con le sette finestre. L'intero equipaggio ha poi allestito l'interno del nuovo modulo con attrezzi ginnici e sistemi per il supporto vitale per l'equipaggio della stazione. Dopo l'ultimo pranzo tutti assieme, Zamka e Williams hanno effettuato, alle 10.40 p.m. (le 5.40 ora italiana), la cerimonia del taglio del nastro della Cupola dedicandola all'astronauta Charles Lacy Veach, che ha collaborato alle fasi iniziali di sviluppo della cupola. Veach ha anche volato in due missioni shuttle, STS-39 nel 1991 e STS-52 nel 1992, ed è morto di cancro nel 1995.Il Comandante Williams ed il Comandante Zamka mentre inaugurano ufficialmente la Cupola. Nella Cupola è stata piazzata una roccia lunare riportata dagli astronauti di Apollo 11 e che, poco tempo fa, venne portata anche sulla cima del monte Everest dall'astronauta Scott Parazynski, assieme ad alcune scheggie dell'Everest. Zamka ha detto che questa (la roccia lunare) proseguirà il suo viaggio per altre milioni di miglia e servirà a ricordare cosa l'uomo possa raggiungere volendo e che gli esseri umani proseguiranno nell'esplorazione. L'equipaggio ha tenuto all'inizio della giornata una conferenza stampa congiunta alle 8.40 p.m. (le 3.40 ora italiana) rispondendo a domande dei giornalisti dei centri NASA ed in Giappone. Quando le ultime attrezzature e rifornimenti sono stati spostati fra le due astronavi il totale risultante è stato di oltre 500 kg. Gli ultimi trasferimenti hanno compreso esperimenti medici da riportare sulla Terra con Endeavour e che richiedevano di essere tenuti refrigerati. Il periodo di sonno per gli astronauti di Endeavour inizierà alle 6.14 a.m. (le 13.14 ora italiana) e la loro sveglia per il giorno del distacco dalla ISS è previsto per le 2.14 p.m. (le 21.14 ora italiana). Nella immagine in alto (Credit: NASA/TV) una bella vista della porzione della stazione spaziale con la navetta attraccata. Nell'immagine a destra (Credit: NASA/TV) il Comandante Williams (a destra con in mano la roccia lunare di Apollo 11 ed il Comandante Zamka mentre inaugurano ufficialmente la Cupola.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #22 - STS-130 MCC Status Report #23

 

Una bellissima immagine della ISS ripresa dall'equipaggio di Endeavour dopo lo sgancio. 20/02/2010 - Giorno 13 - La missione congiunta fra gli equipaggi della Stazione Spaziale Internazionale e la navetta spaziale Endeavour è giunta al termine questo pomeriggio quando lo shuttle si è sganciato dalla stazione alle 6.54 p.m. (le 1.54 ora italiana di sabato) iniziando il viaggio di ritorno verso la Terra e che si concluderà con un atterraggio notturno domenica al Kennedy Space Center in Florida. La sveglia era arrivata alle 2.14 p.m. (le 21.14 ora italiana) per gli astronauti di Endeavour con il brano musicale “In Wonder” dei Newsboys e dedicata al Pilota Terry Virts. Endeavour ha consegnato l'ultimo elemento USA della stazione, il nodo Tranquillity, assieme alla Cupola, un modulo osservatorio che verrà utilizzato per osservazioni scientifiche della Terra e dei corpi celesti e come sala controllo robotica. La stazione è ora completa al 98 percento del volume e per il 90 percento della massa. Dopo lo sgancio il Pilota dello shuttle Virts ha manovrato la navetta a circa 150 metri di fronte alla stazione e da quel punto ha iniziato un lento giro attorno  ad essa mentre l'equipaggio, fornito di macchine fotografiche e da ripresa, documentava lo stato complessivo della stazione ed in particolare di Tranquillity e della Cupola. Dopo aver completato il giro attorno alla stazione Virts ha eseguito due accensioni dei motori di manovra portando lo shuttle dietro la ISS ed allontanandosi sempre di più dall'area. Più tardi l'equipaggio di Endeavour ha iniziato l'ispezione finale del suo sistema di protezione termico utilizzando l'Orbiter Boom Sensor System. Il Comandante GeorgeLa navetta spaziale Endeavour in allontanamento dalla ISS ripresa dalle telecamere della stazione spaziale. Zamka, gli Specialisti di Missione Kathryn Hire, Stephen Robinson e Nicholas Patrick assieme al Pilota Virts hanno lavorato a turno per esaminare i pannelli di carbonio rinforzato e le mattonelle dello scudo termico dei bordi di attacco alare destro, sinistro e del muso. Domani sarà l'ultimo giorno completo in orbita per le attività dell'equipaggio di STS-130 che si concentreranno nei preparativo per l'atterraggio. Zamka, Virts e Robinson controlleranno i sistemi di controllo di volo di Endeavour ed i razzi controllo per essere sicuri che siano pronti per il rientro. L'atterraggio di Endeavour è previsto per le 9.16 p.m. di domenica (le 4.16 ora italiana di lunedì) al Kennedy Space Center, tempo permettendo. Il periodo di riposo per l'equipaggio di Endeavour è iniziato alle 6.14 a.m. (le 13.14 ora italiana) ed inizierà un aggiustamento per il rientro di domenica. La sveglia è prevista per le 2.14 p.m. (le 21.14 ora italiana). Nella immagine in alto (Credit: NASA/TV) una bellissima immagine della ISS ripresa dall'equipaggio di Endeavour dopo lo sgancio. Nella immagine a destra (Credit: NASA/TV) la navetta spaziale Endeavour in allontanamento dalla ISS ripresa dalle telecamere della stazione spaziale.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #24 - STS-130 MCC Status Report #25

 

L'equipaggio di Endeavour ripreso durante la serie di interviste con alcune emittenti televisive americane.21/02/2010 - Giorno 14 - La sveglia di oggi, alle 2.15 p.m. CST (le 21.15 ora italiana), è avvenuta con il brano musicale “The Distance” dei Cake e dedicata a tutti e sei gli astronauti dalla loro squadra di controllo del Mission Control Center in Houston. Il Pilota Terry Virts e lo Specialista di Missione Stephen Robinson hanno utilizzato il braccio robotico della navetta prima di riunirsi assieme al Comandante George Zamka per il controllo pre-atterraggio di routine sui sistema di controllo di volo e sul sistema di controllo a reazione. Gli astronauti hanno manovrato tutte le superfici di controllo del volo e testato l'accensione di ognuno dei jet del sistema di controllo a reazione per essere sicuri che entrambi i sistemi siano in buone condizioni per affrontare il rientro e l'atterraggio. L'equipaggio ha poi trascorso la giornata ad effettuare i controlli ai sistemi di rientro ed atterraggio per il previsto ritorno sulla Terra di domenica. Le condizioni meteo sono variabili sia ai siti di atterraggio in Florida che in California ed i controllori di volo hanno deciso di far effettuare un'accensione di aggiustamento orbitale che permetta diverse opzioni di rientro anche per i prossimi giorni. Le squadre di supporto a terra sono pronte sia al Kennedy Space Center, in Florida che alla Air Force Base di Edwards in California. La prima opportunità di rientro prevede una manovra di uscita dall'orbita alle 8.14 p.m. CST (le 3.14 ora italiana di lunedì) con atterraggio alle 9.20 a.m. La seconda chiamata prevede invece una accensione dei motori orbitali per uscire dall'orbita alle 9.50 p.m. (le 4.50 ora italiana) con atterraggio alle 10.55 p.m. La prima opportunità di rientro in California invece inizierebbe con una manovra di uscita dall'orbita alle 11.20 p.m. (le 6.20 ora italiana) con atterraggio alle 12.25 a.m. di lunedì. L'ultima opportunità per domani con accensione dei motori orbitali alle 12.56 a.m. e finirebbe con un atterraggio alle 2 a.m. di lunedì (le 9 ora italiana) in California. I metereologi prevedono una possibilità di pioggia entro trenta migliaGli orari e la traiettoria di rientro per la prima opportunitò di atterraggio di Endavour in Florida. dalla pista Shuttle Landing Facility del Kennedy ed con possibile copertura nuvolosa. Anche le previsioni a Edwards includono la possibilità di scrosci di pioggia e di basse nubi. Durante la domenica pomeriggio i sei astronauti di Endeavour hanno parlato della loro missione durante un'intervista con la CNN, CNN Espagnol ed Univision. Due delle interviste sono state condotte in spagnolo e dedicate soprattutto sul Comandante Zamka  che ha origini colombiane. Gli astronauti di Endeavour hanno inoltre completato il controllo standard del giorno prima del rientro dei sistemi di controllo di volo della navetta e dei sistemi di reazione. Gli specialisti di immagini hanno completato le loro analisi sull'ispezione finale condotta sul muso della navetta e sul bordo di attacco alare condotta nelle prime ore di domenica. L'equipaggio verrò svegliato alle 1.14 p.m. (le 20.14 ora italiana) per iniziare i preparativi finali per l'atterraggio. Nella foto in alto (Credit: NASA/TV) l'equipaggio di Endeavour ripreso durante la serie di interviste con alcune emittenti televisive americane. Nell'immagine a destra (Credit: NASA/TV) gli orari e la traiettoria di rientro per la prima opportunità di atterraggio di Endavour in Florida.

Fonte: STS-130 MCC Status Report #26 - STS-130 MCC Status Report #27

 

Il momento dell'atterraggio notturno della navetta spaziale Endeavour al termine della missione STS-130.22/02/2010 - Giorno 15 - La sveglia per l'equipaggio è arrivata alle 1.14 p.m. (le 20.14 ora italiana) con il brano musicale “The Marines’ Hymn,” dedicata al Comandante George Zamka, che ha il grado di Colonnello dei Marines. I team di supporto a terra sono stati allertati sia al KSC che alla Edwards Air Force Base della California. Lo speciale corpo Spaceflight Meteorology Group aveva previsto un banco di nubi con possibilità di pioggia entro 30 miglia nautiche (54 km.) su entrambe le piste di atterraggio primaria e secondaria per tutti e quattro i tentativi di oggi. Il Direttore di Rientro del Volo, Norm Knight, aveva inoltre indicato che la decisione di rientrare o meno sarebbe stata presa all'ultimo momento possibile, proprio per la grande variabilità meteo. Intanto sono state ripristinate le normali comunicazioni con la Stazione Spaziale Internazionale dopo una serie di problemi dovuti ai computer di bordo. I Controllori di Volo di Houston stanno ancora indagando sul problema avuto questa mattina che ha trasferito i comandi di controllo fra i tre computer nel segmento USA della stazione ma i sospetti si sono focalizzati sul sistema del modulo Columbus che invia i dati della telemetria al Columbus Control Center vicino a Monaco, in Germana. Tutti e tre i computer sono funzionanti ed il problema non ha mai avuto effetti sulle operazioni della stazione e sul sistema del supporto vitale. Il Centro Controllo Missione di Houston ha poi dato il "via libera" all'equipaggio per il rientro dopo un miglioramento delle condizioni meteo al Kennedy Space Center. Il Comandante Zamka ha attivato i motori orbitali alle 8.14 p.m. CST (le 3.14 ora italiana e questa manovra ha permesso un atterraggio notturno alle 9.20 p.m. (le 4.20 ora italiana) e la conclusione della missione STS-130. Si è trattato del 24esimo volo della navetta Endeavour, la 32esima missione shuttle dedicata all'assemblaggio ed alla manutenzione della ISS e la 130esima missione di una navetta spaziale. Si è inoltre trattato delLa navetta Endeavour ripresa da dietro mentre sta per toccare la pista del Kennedy Space Center in Florida. 23esimo atterraggio notturno nella storia del programma shuttle ed il 17esimo nello spazioporto della Florida. Endeavour ora verrà subito portato all'interno dell'hangar di allestimento in preparazione per la sua prossima missione, prevista per luglio. Zamka, il Pilota Terry Virts e gli Specialisti di Missione Kathryn Hire, Stephen Robinson, Nicholas Patrick e Robert Behnken hanno lasciato dietro di loro oltre 15 tonnellate di materiale che includono il nodo 3 Tranquillity e la sua unica Cupola che fornisce una vista a 360° attraverso le sue sette finestre. Behnken e Patrick hanno condotto tre attività extraveicolari durante la missione totalizzando 18 ore e 14 minuti. Questo ha portato il totale a 140 EVA per l'assemblaggio della stazione per oltre 873 ore. L'equipaggio ora trascorrerà la notte negli alloggi al Kennedy prima di rientrare a Houston per la cerimonia ufficiale di benvenuto che si terrà alle ore 4 p.m. (le 23 ora italiana) di lunedì all'hangar 990 di Ellington Field, vicino al Johnson Space Center. La prossima missione è STS-131 con la navetta Discovery prevista per il 5 aprile con un equipaggio di sette astronauti che consegneranno diverse tonnellate di rifornimenti alla stazione spaziale e condurrà diverse attività di assemblaggio e di manutenzione. Nella foto in alto (Credit: NASA - STS130-S-091) il momento dell'atterraggio notturno della navetta spaziale Endeavour al termine della missione STS-130. Nella foto a destra (Credit: NASA - ) la navetta Endeavour ripresa da dietro mentre sta per toccare la pista del Kennedy Space Center in Florida. 

Fonte: STS-130 MCC Status Report #28 - STS-130 MCC Status Report #29

 

werhsepd.gif (1132 byte)

L'equipaggio di STS-130 dopo l'atterraggio notturno al Kennedy Space Center rivolge alcune parole ai cronisti in attesa.

La ISS dopo la missione STS-130 anche se in questa immagine il nodo 3 Tranquillity è posizionato sul boccaporto di nadir anzichè su quello destro come avvenuto in realtà.

L'equipaggio di STS-130 dopo l'atterraggio notturno al Kennedy Space Center rivolge alcune parole ai cronisti in attesa. Credit: NASA/Kim Shiflett

La ISS dopo la missione STS-130 (anche se in questa immagine del 2006 il nodo 3 Tranquillity è posizionato sul boccaporto di nadir anziché su quello destro di Unity) come avvenuto in realtà. Credit: NASA - JSC2006-E-43516

 

 

WB01540_.gif (632 byte)  Come funziona?

WB01540_.gif (632 byte)  Lista delle missioni

 

Ultimo aggiornamento 22/02/2010

Torna alla Home page

 Sito curato da Massimo Martini