Il lancio di Atlantis per STS-132

STS-132 / ULF-4

werhsepd.gif (1132 byte)

L'equipaggio della missione STS-130 nella foto ufficiale

.............  

Qui sopra il patch della missione (Credit: NASA) e a destra l'equipaggio di STS-132 nella foto uffiiciale della missione, in basso il Comandante Ken Ham, in senso orario gli Specialisti di Missione Garrett Reisman e Michael Good, il Pilota Tony Antonelli, Piers Sellers e Steve Bowen entrambi Specialisti di Missione. In alto il complesso STS-132 al momento del lancio. (Credit: NASA)

STS-132 (132) - OV-104 Atlantis (32)

 

Tempo di Missione Totale
11 giorni, 18 ore, 29 minuti 9 secondi

Volo: STS-132/ULF-4 (trentaquattresima missione shuttle dedicata all'assemblaggio o manutenzione della Stazione Spaziale Internazionale)

Carico Utile: Integrated Cargo Carrier (ICC) - Mini Research Module 1 (MRM1) "Rassvet"

Orbiter: OV-104 - Serbatoio esterno: ET-136 - Razzi ausiliari: Bi143/RSRM 111  - Motori principali (SSME): 2052 - 2051 - 2047

Equipaggio:  6 astronauti - Comandante Ken Ham (2), Pilota Tony Antonelli (2), Specialisti di Missione Mike T. Good (MS1) (2), Garrett Reisman (MS4) (2), Stephen G. Bowen (MS1) (2) e Piers Sellers (MS-3) (3) - - I numeri fra parentesi indicano il numero di voli spaziali effettuati dall'astronauta in questione compreso questo. MS sta per Mission Specialist. 

Lancio: 14 maggio 2010 ore 2.20 p.m. EDT (le 20.20 ora italiana) dalla rampa 39A/MLP-3 del Kennedy Space Center.

Finestra di lancio: 10 minuti

Attracco alla ISS: 16 maggio 2010 ore 9.27 a.m. CDT (le 16.27 ora italiana).

Rientro : 26 maggio 2010 ore 8.48.11 a.m. EDT (le 14.48 ora italiana) Shuttle Landing Facility n.33 Kennedy Space Center

Durata della missione prevista: 11 giorni

Orbite: 186

Inclinazione: 51,6°

Altezza all'inserimento orbitale: 225 km

Obiettivi della missione: Consegna alla Stazione Spaziale Internazionale del modulo di ricerca Russo MRM1 e della piattaforma ICC. Previste tre EVA da parte dell'equipaggio per l'assemblaggio dei vari elementi. Ultima missione prevista della navetta spaziale Atlantis.

Statistiche: 

163° missione umana Americana nello spazio
132° missione Shuttle
3° Missione Shuttle delle cinque previste per il 2010
107° missione dopo il disastro del Challenger
19° missione dopo il disastro del Columbia
32° missione di Atlantis
79° lancio dal pad 39A
Ultima missione prevista per l'orbiter Atlantis OV-104

 

werhsepd.gif (1132 byte)

Cronologia pre-volo

L'arrivo del modulo Russo MRM1 al Kennedy Space Center a bordo del gigantesco aereo da trasporto Volga-Dnepr Antonov AN-124-10017/12/2009 - Arrivato il modulo Russo al KSC - Sulla pista SLF (Shuttle Landing Facility) del Kennedy Space Center in Florida una cassa protettiva contenente il modulo Russo MRM1 (Mini Research Module1) sta per essere sbarcata dal gigantesco aereo Russo/Ucraino Volga-Dnepr Antonov AN-124-100 arrivato oggi in America. Il modulo, il secondo di una serie di nuovi componenti pressurizzati della Russia, chiamato Rassvet, verrà permanentemente agganciato al modulo Zarya della Stazione Spaziale Internazionale durante la missione shuttle STS-132. Assieme al MRM1 verrà consegnato anche un ICC (Integrated Cargo Carrier), una piattaforma contenente diversi pezzi di ricambio per la stazione spaziale. Sono previste tre attività extraveicolari durante la missione per installare i vari moduli. La missione STS-132 è prevista per il prossimo 14 maggio 2010, avrà un equipaggio di sei astronauti e sarà l'ultimo volo previsto nel programma shuttle per l'orbiter Atlantis. Nella foto (Credit: NASA - KSC-2009-6856) l'arrivo del modulo Russo MRM1 al Kennedy Space Center a bordo del gigantesco aereo da trasporto Volga-Dnepr Antonov AN-124-100.

Fonte: NASA

 

Il serbatoio esterno ET-136 mentre viene portato verso il VAB.01/03/2010 - Arriva al Kennedy il serbatoio esterno per l'ultimo volo di Atlantis - Il serbatoio esterno per il volo finale della navetta spaziale Atlantis è arrivato lunedì al Kennedy Space Center in preparazione del lancio previsto per maggio. Il serbatoio ET-136 a forma di proiettile è stato costruito dalla Lockheed Martin nel suo stabilimento di Michoud ad Now Orleans e poi imbarcato su una chiatta per il suo viaggio verso la Florida. Il viaggio di 1.440 km è iniziato la notte del 24 febbraio con la nave "Liberty Star", che di solito si occupa del recupero dei booster a combustibile solido dello shuttle, che trainava la chiatta chiamata "Pegasus". Dopo aver attraccato al molo vicino al sito stampa del KSC il serbatoio è stato scaricato dalla chiatta e guidato fin dentro il VAB (Vehicle Assembly Building). Il serbatoio verrà posto in una zona di controllo all'interno del gigantesco edificio di 52 piani per alcune settimane di allestimento finale. L'aggancio del serbatoio con i due booster a propellente solido è previsto per il 29 marzo. L'orbiter Atlantis è in preparazione pre-volo nel suo hangar adiacente all'edificio di assemblaggio. L'orbiter verrà portato nel VAB il 13 aprile per essere connesso con il serbatoio ed i due booster sopra la piattaforma mobile di lancio. Lo spostamento alla rampa 39A è previsto per il 20 aprile. Lo shuttle Atlantis porterà un modulo di attracco di costruzione Russa verso la Stazione Spaziale Internazionale durante la sua 32esima ed ultima missione. Il lancio della missione STS-132 è previsto per il 14 maggio alle 3 p.m. EDT (le 21.00 ora italiana). Nella foto (Credit: NASA - KSC-2010-1970) il serbatoio esterno ET-136 mentre viene trasportato verso il VAB.

Fonte: SpaceflightNow

 

01/04/2010 - Preparato il modulo Russo per l'imbarco sulla navetta - All'interno dell'edificio di preparazione della Astrotech, a Cape Canaveral, in Florida, il modulo di costruzione Russa Mini-Research Module-1, o MRM-1, è stato inserito nello speciale contenitore da trasporto con il quale verrà portato nell'hangar dello Space Station Processing Facility al Centro Spaziale Kennedy. Qui Rassvet (il nome Russo del modulo MRM-1) verrà preparato per la missione a bordo della navetta spaziale Atlantis STS-132, prevista per il prossimo 14 maggio 2010. Intanto nel VAB (Vehicle Assembly Building) il serbatoio esterno ET-136 è stato accoppiato ai due booster a combustibile solido sulla piattaforma mobile di lancio. 

Fonte: NASA multimedia

 

La navetta Atlantis mentre viene sollevata dall'apposita gru all'interno del VAB.13/04/2010 - Atlantis nel VAB - La navetta spaziale Atlantis è stata trasferita oggi dall'hangar, dove è stata preparata per la missione STS-132, al VAB (Vehicle Assembly Building). Domani lo space shuttle verrà accoppiato al serbatoio esterno ed ai due booster a combustibile solido già assemblati sulla piattaforma di lancio mobile posta nella zona del VAB chiamata High-Bay 1. Il complesso verrà trasferito alla rampa di lancio La missione STS-132, l'ultimo volo previsto per l'orbiter Atlantis prima del pensionamento, è prevista per il 14 maggio con un equipaggio di sei astronauti che consegneranno un apposito pianale carico di pezzi di ricambio per la stazione ed il modulo Russo Mini-Research Module-1 (MRM-1) "Rassvet". Nella foto (Credit: NASA KSC-2010-2674) la navetta spaziale Atlantis mentre viene sollevata dall'apposita gru all'interno del VAB.

Fonte: NASA Multimedia

 

L'equipaggio di STS-132 con sullo sfondo la rampa di lancio con la navetta Atlantis pronta per la sua ultima missione.22/04/2010 - Atlantis in rampa ed equipaggio al KSC - Gli astronauti che voleranno sulla navetta spaziale Atlantis in orbita il prossimo mese hanno avuto una rara occasione giovedì mattina di seguire il lento viaggio del loro veicolo spaziale dal VAB (Vehicle Assembly Building) alla rampa di lancio del Kennedy Space Center in Florida. "Viaggiare sul crawler (lo speciale veicolo cingolato che trasporta il veicolo spaziale alla rampa di lancio. ndt) questa notte è stato fantastico." Ha dichiarato il Comandante di STS-132 Ken Ham. Ham ha inoltre detto che il crawler, che è spinto da motori navali, gli ha ricordato una nave della U.S. Navy anche se si sposta sulla ghiaia invece che solcare le onde. "E' incredibile vedere una nave da battaglia al suolo." A causa delle limitazioni nei tempi pochi equipaggio arrivano al Kennedy in tempo per vedere il rollout dello shuttle, ma in questo caso il rollout è stato rinviato di alcune notti a causa del brutto tempo al Kennedy. Gli astronauti di STS-132 sono al KSC per il TCDT (Terminal Countdown Demonstration Test), una serie di esercizi che offrono all'equipaggio ed alle squadre di lancio una completa simulazione di un giorno di lancio reale. "Non credo che affronteremo troppe cose nuove ma è sempre meglio dare una rinfrescata," ha detto il Pilota Tony Antonelli. Lo Specialista di Missione Michael Good, il cui nomignolo è "Bueno", ha dichiarato che il TCDT da all'equipaggio l'opportunità di apprezzare quanto ci sia di più vicino ad un decollo. "Ritorni a casa pensando che sarai nello spazio fra un paio di settimane," ha concluso Good. L'equipaggio rientrerà al Johnson Space Center della NASA ad Houston dopo la simulazione di lancio prevista per sabato. Il vero decollo è previsto per il 14 maggio alle 2.19 p.m. EDT (le 20.19 ora italiana). Nella foto (Credit: NASA) l'equipaggio di STS-132 con sullo sfondo la rampa di lancio con la navetta Atlantis pronta per la sua ultima missione. 

Fonte: NASA

 

27/04/2010 - Rinviato a novembre il lancio di STS-134 - La NASA sta prendendo in considerazione di fare alcuni cambiamenti per le date di lancio degli ultimi due voli dello Space Shuttle. Gli scienziati dell'Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) hanno deciso di sostituire il magnete all'interno del modulo sperimentale di fisica delle particelle. Questa sostituzione permetterà un funzionamento di AMS più prolungato e questo sarà un vantaggio visto il prolungamento dell'operatività della Stazione Spaziale Internazionale almeno fino al 2020. Ma a causa della sostituzione del magnete la missione STS-134 di Endeavour, che dovrebbe trasportate AMS alla stazione e che era prevista per il 29 luglio ora non potrà essere effettuata prima di metà novembre 2010. Al momento una data esatta per il lancio non è ancora stata determinata. AMS è stato ideato per aiutare nello studio della formazione dell'Universoe per la ricerca della materia oscura, dell'antimateria e per la misurazione dei raggi cosmici. La missione STS-133 della navetta spaziale Discovery rimane al momento in linea per il lancio il 16 settembre ma i responsabili proseguiranno a valutare lo stato di avanzamento verso il volo e potranno apportare delle modifiche. Intanto i preparativi alla rampa 39A del Kennedy Space Center proseguono in preparazione dell'imminente missione STS-132 della navetta Atlantis. Durante la missione della durata di 12 giorni Atlantis ed il suo equipaggio consegneranno alla stazione spaziale l'Integrated Cargo Carrier (una specie di piattaforma carica di pezzi di ricambio per la ISS) ed il Mini modulo di Ricerca Russo "Rassvet". Al momento il carico è stato installato nella stiva della navetta ed oggi i tecnici provvederanno alla chiusura della parte finale dei razzi a combustibile solido. I sei astronauti di Atlantis, capeggiati dal Comandante Ken Ham, sono rientrati al Johnson Space Center della NASA a Houston, Texas, dopo aver partecipato la scorsa settimana al TCDT (Terminal Countdown Demonstration Test) svoltosi al Kennedy. Oggi i membri dell'equipaggio hanno preparato la terza attività extraveicolare della missione facendo pratica delle procedure all'interno della piscina del Neutral Buoyancy Lab del Johnson. Il lancio della missione STS-132 è previsto per il 14 maggio alle 2.20 p.m. EDT (le 20.20 ora italiana).

Fonte: NASA

 

09/05/2010 - Cinque giorni al lancio di STS-132 - A solo cinque giorni dal lancio della navetta spaziale Atlantis per la sua missione STS-132 alla Stazione Spaziale Internazionale i preparativi finali sono in corso. Il lancio è stato ufficialmente fissato per il 14 maggio alle 2.20 p.m. EDT (le 20.20 ora italiana). Alla rampa 39A del Kennedy Space Center della NASA i tecnici sono pronti a chiudere i portelli della stiva di Atlantis a supporto delle operazioni di carico. Il Comandante Ken Ham guiderà i sei membri dell'equipaggio durante il volo della durata di 12 giorni. Gli astronauti si sono presi un secondo giorno di riposo prima di entrare nel periodo di quarantena venerdì in preparazione per l'imminente missione. L'equipaggio è previsto che arriverà al Kennedy lunedì 10 maggio nel pomeriggio. Atlantis ed il suo equipaggio consegneranno un Integrated Cargo Carrier ed il modulo Russo Mini Research Module alla Stazione Spaziale Internazionale. Il conteggio alla rovescia partirà l'11 maggio alle 4 p.m. (le 22 ora italiana) quando l'orologio posto al complesso di lancio che si affaccia sul mara inizierà a scorrere all'indietro da T-43 ore.

Fonte: NASA

 

L'equipaggio di Atlantis appena arrivato al KSC11/05/2010 - L'equipaggio di Atlantis arriva al KSC - Il conto alla rovescia per il lancio della navetta spaziale Atlantis per la sua missione STS-132 è ufficialmente partito. L'orologio del countdown al Kennedy Space Center della NASA in Florida è stato attivato alle 4 p.m. EDT (le 22 ora italiana) ed ha iniziato a scorrere all'indietro partendo da T-43 ore. "Le squadre al Kennedy Space Center e negli altri centri sparsi nel Paese hanno lavorato duramente per preparare il veicolo per il volo, ed io sono felice di confermare che tutto sta proseguendo senza problemi alla rampa 39A," ha dichiarato questa mattina Steve Payne, Test Director della NASA. "Atlantis, equipaggio e team di lancio sono pronti per il via e guardano con fiducia verso un bellissimo lancio venerdì pomeriggio." Durante la missione di 12 giorni, Atlantis ed i sei astronauti consegneranno un Integrated cargo Carrier ed il Mini Research Module Russo alla Stazione Spaziale Internazionale. I tecnici chiuderanno i portelloni della stiva oggi sebbene alcuni esperimenti verranno aggiunti nel ponte mediano di Atlantis circa 28 ore prima del lancio. Gli astronauti di Atlantis sono arrivati al Kennedy lunedì sera, atterrando nella Shuttle Landing Facility a bordo di quattro jet T-38 alle 6.49 p.m. (le 1.49 ora italiana di martedì). Oggi i membri dell'equipaggio ripasseranno il materiale dei giorni di volo e prenderanno parte ad un controllo delle loro tute aranciani che saranno utilizzate durante il lancio ed il rientro. Il decollo è previsto per il 14 maggio alle 2.20 p.m. (le 20.20 ora italiana). Secondo l'ufficiale meterologico della NASA che si occupa dei lanci shuttle, Kathy Winters, il tempo dovrebbe essere favorevole, con un 70 per cento di probabilità di buone condizioni. La preoccupazione primaria per venerdì riguarda la possibilità di uno strato di nubi basse. Parzialmente nuvoloso e generalmente condizioni di secco domineranno le ore pomeridiane durante tutto il fine settimana. La missione STS-132 sarà la 34esima missione dello Space Shuttle in supporto all'assemblaggio e manutenzione della Stazione Spaziale Internazionale e la terzultima di tutto il Programma Space Transportation System. Nella foto (Credit: NASA/Kim Shiflett) l'equipaggio di Atlantis appena dopo l'arrivo al KSC. Da sinistra gli Specialisti di Missione Michael Good e Garrett Reisman, il Pilota Tony Antonelli, il Commandante Ken Ham e gli Specialisti di Missione Steve Bowen e Piers Sellers.

Fonte: NASA

 

La missione giorno per giorno

Navetta sulla rampa a meno di un'ora dal lancio.14/05/2010 - Poche ore al lancio di Atlantis - Il Mission Management Team del Programma Space Shuttle si è riunito alle 4.15 a.m. EDT (le 10.15 ora italiana) ed ha deciso di procedere con il riempimento del serbatoio esterno con l'idrogeno e l'ossigeno liquidi della navetta spaziale Atlantis per la sua missione STS-132, l'ultima prima del pensionamento. L'operazione è iniziata regolarmente quaranta minuti più tardi e si è completata alle 7.56 a.m. EDT (le 13.56 ora italiana). Al momento il conteggio alla rovescia è entrato in una pausa prevista della durata di due ore e mezzo a T-3 ore dal lancio che è previsto per le 2.20 p.m. EDT (le 20.20 ora italiana). Le condizioni meteo danno una percentuale del 70% di condizioni favorevoli al momento del decollo. Nella foto (Credit: NASA/TV) la navetta Atlantis a poche ore dal lancio. 

Fonte: NASA

Ore 1.26 p.m. EDT (le 19.26 ora italiana) - Il conteggio alla rovescia per il lancio della navetta spaziale Atlantis per la missione STS-132 dedicata all'assemblaggio della Stazione Spaziale Internazionale è appena entrato nell'ultima pausa a T-9 minuti. Questa pausa durerà 45 minuti. L'equipaggio, composto dai sei astronauti della NASA, gli Specialisti di Missione Michael Good e Garrett Reisman, il Pilota Tony Antonelli, il Comandante Ken Ham e gli Specialisti di Missione Steve Bowen e Piers Sellers, hanno completato l'imbarco circa due ore fa.

Ore 1.38 p.m. EDT (le 19.38 ora italiana) - Un problema tecnico sta impegnando la squadra di lancio al momento. Si tratta di un cuscinetto di una telecamera del quale i tecnici erano a conoscenza da alcuni giorni. Al momento il problema è stato catalogato come possibile impedimento al lancio di Atlantis oggi. Le condizioni meteo invece sono migliorate al 90%.

Ore 1.53 p.m. EDT (le 19.53 ora italiana) - La squadra di ingegneri aveva trovato questo cuscinetto all'interno del vano di carico della navetta prima della chiusura dei portelloni ed aveva pensato che non provenisse da nessuna attrezzatura impiegata nella missione. Invece in seguito si è scoperto che questo cuscinetto proviene da una delle telecamere poste nella stiva. Comunque al momento i tecnici sono sicuri che la navetta potrà volare anche così.

Ripreso il conteggio alla rovescia da T-9 minutiOre 2.11 p.m. EDT (le 20.11 ora italiana) - Dopo un ultimo controllo positivo di tutte le postazioni il Direttore di Volo Mike Leinbach ha dato l'ok al Comandante Ham per il decollo. Il conteggio alla rovescia per il lancio della navetta Atlantis è quindi ripartito da T-9 minuti. Tutto procede regolarmente per il decollo previsto alle 20.20 ora italiana.

Ore 2.13 p.m. EDT (le 20.13 ora italiana) - Iniziata la ritrazione del braccio che conduce l'equipaggio al portello della navetta, la cosiddetta White Room.

Ore 2.16 p.m. EDT (le 20.16 ora italiana) - Attivazione delle APU (Ausiliary Power Unit) che permettono di muovere le superfici alari ed i motori della navetta. 

Ore 2.17 p.m. EDT (le 20.17 ora italiana) - Iniziato il controllo della manovrabilità dei tre motori principali della navetta.Il momento del decollo di Atlantis

Ore 2.20 p.m. EDT (le 20.20 ora italiana) - Liftoff! Decollo della navetta spaziale Atlantis per il suo ultimo viaggio nello spazio.

Ore 2.22 p.m. EDT (le 20.22 ora italiana) - Perfetto decollo e distacco previsto dei due booster a propellente solido dopo 2 minuti dal decollo. I tre motori della navetta proseguono regolarmente.

Ore 2.29 p.m. EDT (le 20.29 ora italiana) - MECO (Main Engine Cut-Off), lo spegnimento dei motori principali, regolare e sgancio del serbatoio esterno. Ora Atlantis è su un'orbita temporanea che verrà rifinita fra mezzora con una accensione dei motori orbitali OMS. 

Ore 2.59 p.m. EDT (le 20.59 ora italiana) - Eseguita regolarmente l'accensione dei due motori orbitali che hanno inserito Atlantis su un'orbita di 258x176 chilometri. 

Le foto in alto (Credit: NASA/TV) due momenti prima del decollo mentre a destra (Credit: NASA) la navetta spaziale Atlantis mentre sono passati sei secondi dal momento del decollo.

L'equipaggio di STS-132 ripreso al momento dell'imbarco sul pulmino che lo porterà alla rampa di lancio.14/05/2010 - Giorno 1 - Con uno stemma di missione che mostra un tramonto ed un nuovo modulo per la Stazione Spaziale Internazionale chiamato Alba nella sua stiva, Atlantis è stato lanciato nei cieli chiari della Florida questo pomeriggio per la sua prevista ultima missione. La navetta ed il suo equipaggio di sei astronauti sono stati lanciati dal Kennedy Space Center alle 1.20 p.m. CDT (le 20.20 ora italiana) con un carico di batterie di ricambio ed il piccolo modulo Russo assieme a diversi equipaggiamenti ed altri rifornimenti per la stazione. Il Comandante Ken Ham, il Pilota Tony Antonelli e gli Specialisti di Missione Garrett Reisman, Michael Good, Steve Bowen e Piers Sellers trascorreranno più di sette giorni alla stazione. Durante questo periodo Reisman, Bowen e Good eseguiranno un totale di tre passeggiate spaziali. La prima delle tre EVA (Extravehicular Activity - attività extraveicolari), della durata prevista di 6.5 ore, ed eseguita da Reisman e Bowen sarà incentrata sull'installazione di un'antenna di ricambio per le comunicazioni con la Terra e pezzi di ricambio per Dextre, il robot Special Purpose Dexterous Manipulator. Inoltre i due astronauti allenteranno i bulloni delle batterie della sezione di traliccio P6 in preparazione di altre EVA. La seconda passeggiata, eseguita da Good e Bowen sarà focalizzata alla sostituzione di tre delle sei batterie del traliccio di sinistra con quelle nuove portate da Altantis. La terza passeggiata infine, eseguita da Reisman e Good completerà la sostituzione delle altre tre batterie. Il componente Russo della stazione, il Mini-Research Module-1 (chiamato Rassvet, la parola Russa per alba) verrà installato sul boccaporto che guarda verso Terra del modulo Zarya da Reisman e Sellers utilizzando il braccio robotico Canadarm2 della stazione. A bordo della stazione attendono l'arrivo di Atlantis, previsto per le 9.27 a.m. CDT (le 16.27 ora italiana) di domenica, il Comandante di Spedizione 23 Oleg Kotov, gli Ingegneri di Volo Russi Alexander Skvortsov e Mikhail Kornienko, Soichi Noguchi della Japan Aerospace Exploration Agency, e gli Ingegneri di Volo NASA T.J. Creamer e Tracy Caldwell Dyson.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #01

 

Il mini modulo Russo Rassvet ripreso all'interno del vano di carico di Atlantis15/05/2010 - Giorno 2 - L'equipaggio di sei dello Space Shuttle Atlantis è sveglio e pronto per iniziare il loro primo giorno completo di missione nello spazio. Oggi l'equipaggio è stato occupato prevalentemente con l'ispezione di routine dell'orbiter e per la preparazione all'attracco con la Stazione Spaziale Internazionale. L'equipaggio è stato svegliato alle 3.20 a.m. CDT (le 10.20 ora italiana) con il brano musicale “You’re My Home” eseguito da Billy Joel e dedicato al Comandante Ken Ham, che si trova al suo secondo volo spaziale. L'ispezione dei bordi di attacco alari e del muso di Atlantis, della durata di sei ore e mezzo, sono stati il compito principale della giornata. Ham, il Pilota Tony Antonelli e gli Specialisti di Missione Garrett Reisman e Piers Sellers hanno utilizzato il braccio robotico della navetta e telecamere speciali per trasmettere le riprese dettagliate del sistema di protezione termica che verranno analizzate dagli specialisti sulla Terra. Purtroppo, prima dell'inizio dell'operazione l'equipaggio si è accorto che un cavo teneva bloccato un movimento l'unità che, alla fine della prolunga dei sensori (OBSS - orbiter boom sensor system) ospita il Laser Dinamic Range Imager ed una telecamera con intensificazione di luce. A causa di questo il Controllo Missione decideva di utilizzare un'altra attrezzatura fornita di una telecamera laser ed una telecamera digitale montata vicino all'apparecchiatura bloccata. Questo sistema, che richiede l'illuminazione solare o qualche altra illuminazione ha una risoluzione di alcuni millimetri e può scansionare circa 6 centimetri al secondo. Questa modifica non avrà nessun effetto sul randez-vous e l'attracco o qualsiasi altro impatto sulla missione. Intanto Michael Good e Steve Bowen si sono occupati dello spacchettamento e della preparazione delle tute spaziali che verranno trasferite nel modulo di decompressione Quest ed utilizzate nelle tre passeggiate spaziali previste. Più avanti nelle giornata Bowen, assieme aIl gruppo di sensori bloccato da un cavo attorcigliato sulla cima dell'OBSS. Reisman hanno effettuato un controllo delle attrezzature necessarie per il randez-vous e l'attracco alla stazione, previsto per le 9.27 a.m. (le 16.27 ora italiana) di domenica. Il Comandante di Spedizione 23 Oleg Kotov e gli Ingegneri di Volo Russi Alexander Skvortsov e Mikhail Kornienko, l'Ingegnere di Volo Soichi Noguchi della Japan Aerospace Exploration Agency e gli Ingegneri di Volo della NASA T.J. Creamer e Tracy Caldwell Dyson stanno anche loro preparandosi per l'arrivo dell'equipaggio della navetta. Come parte della prevista Conferenza Giornaliera, l'equipaggio è stato informato di una possibile manovra per evitare un detrito spaziale. Il team ha poi deciso che la manovra non dovrà essere effettuata. Se la manovra avesse dovuto essere eseguita sarebbe stata effettuata un'accensione di 0.5 metri al secondo retrograda alle 8.08 p.m. (le 3.08 ora italiana di domenica mattina) che comunque non avrebbe avuto effetti sull'avvicinamento di Atlantis alla ISS di domenica. Nella foto in alto (Credit: NASA/TV) il Mini Modulo Russo Rassvet ripreso all'interno della stiva della navetta spaziale Atlantis. Nella foto a destra (Credit: NASA - S132-E-005132) Il gruppo di sensori bloccato da un cavo attorcigliato sulla cima dell'OBSS. 

Fonte: STS-132 MCC Status Report #02 - STS-132 MCC Status Report #03

 

la navetta Atlantis in avvicinamento ripresa dagli astronauti della stazione 16/07/2010 - Giorno 3 - L'equipaggio di Atlantis composto dal Comandante Ken Ham, il Pilota Tony Antonelli e gli Specialisti di Missione Garrett Reisman, Michael Good, Steve Bowen e Piers Sellers sono stati svegliati alle 2.20 a.m. CDT (le 9.20 ora italiana) con il brano musicale “Sweet Home Alabama” eseguita da  Lynyrd Skynyrd e dedicata ad Antonelli. Circa 4 ore dopo la sveglia Ham ha compiuto l'accensione finale dei motori, chiamata TI (terminal initiation) che ha inserito Atlantis in traiettoria diretta per incontrare il complesso orbitale. Una volta a circa 200 metri dalla stazione il Comandante Ham ha fatto eseguire alla navetta la consueta rotazione completa in modo da mostrare la parte inferiore dello scudo termico ai membri dell'equipaggio della stazione che, dall'interno del modulo Zvezda, hanno effettuato 398 fotografie. Gli 'Ingegneri di Volo Tracy Caldwell Dyson, T.J. Creamer, entrambi astronauti americani, ed il Comandante della stazione Oleg Kotov hanno utilizzato obiettivi da 400 ed 800mm per le loro macchine fotografiche digitali. La sessione di fotografie è stata più intensa del solito a causa di un malfunzionamento di un'attrezzatura che ha alterato l'ispezione standard di sabato. E' stata utilizzata una procedure di riserva ma la mancanza di tempo ha impedito il completamento dell'ispezione dell'ala sinistra. Sono stati anche considerate ulteriori ispezioni. Ham, aiutato dal Pilota Antonelli e dagli altri membri dell'equipaggio ha infine manovrato Atlantis fino ad allinearla con il boccaporto di attracco. L'aggancio fra i due veicoli spaziali è avvenuto alle 9.28 a.m. (le 16.28 ora italiana) mentre sorvolavano a 395 km di altezza il Sud dell'Oceano Pacifico. I portelli fra le due astronavi sono stati aperti alle 11.18 a.m. (le 18.18 ora italiana) e dopo una breve cerimonia di benvenuto da parte dell'equipaggio della stazione gli astronauti di Atlantis hanno compiuto la riunione di sicurezza standard. In seguito l'equipaggio, Ham, Antonelli e gli Specialisti di Missione Garrett Reisman,I due equipaggi si salutano appena dopo l'apertura dei portelli fra la navetta e la stazione. Michael Good, Steve Bowen e Piers Sellers ha iniziato le fasi iniziali di trasferimento delle attrezzature e dei rifornimenti. Le tute spaziali sono state fra le prime cose ad essere trasferite sulla stazione. Lunedì Reisman e Bowen effettueranno la prima, delle tre previste durante la settimana, attività extraveicolare (EVA) della durata prevista di 6,5 ore. In preparazione tutti i membri dell'equipaggio hanno fatto un ripasso delle procedure dell'EVA della durata di circa un'ora prima di recarsi a dormire. Reisman e Bowen trascorreranno la notte "campeggiando" all'interno del modulo di decompressione Quest con una pressione dell'aria ridotta a 10.5 psi per prevenire la formazione di bolle di azoto nel sangue una volta nel vuoto dello spazio. Durante la passeggiata spaziale i due astronauti installeranno una seconda antenna Ku spazio-Terra e parti di ricambio per Dextre (Special Purpose Dexterous Manipulator), il robot fornito di due braccia agganciato alla stazione. Inoltre i due alleneranno i bulloni che bloccano le batterie del traliccio sinistro P6 in preparazione della seconda e terza EVA. Sellers e Caldwell Dyson utilizzeranno il braccio robotico per trasferire la piattaforma di carico da Atlantis al sistema di mobile in preparazione delle passeggiate spaziali. Un pezzo di detrito orbitale, che era stato seguito con attenzione dai Controllori di Volo, è passato alla distanza di circa 16 chilometri dalla stazione appena un'ora dopo l'attracco. L'equipaggio della stazione è andato a dormire alle 5.50 p.m. (le 0.50 ora italiana del 17 maggio) mentre l'equipaggio della navetta trenta minuti più tardi. Nella foto in alto (Credit: NASA - ISS023-E-044604) la navetta Atlantis in avvicinamento ripresa dagli astronauti della stazione. Nella foto a destra (Credit: NASA/TV) I due equipaggi si salutano appena dopo l'apertura dei portelli fra la navetta e la stazione.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #04 - STS-132 MCC Status Report #05

 

L'antenna in banda Ku di ricambio mentre viene spostata dall'astronauta Reisman verso il traliccio Z1 della ISS.17/05/2010 - Giorno 4 - Gli equipaggi della stazione e della navetta sono stati svegliati alle 2.20 a.m. CDT (le 9.20 ora italiana) con il brano musicale "Alive Again" di Matt Maher e dedicato a Mike Good. Gli Specialisti di Missione Garrett Reisman e Stephen Bowen hanno trascorso la notte nel modulo di decompressione Quest in preparazione delle prevista passeggiata di sei ore e mezzo. L'avvio della prima attività extraveicolare (EVA) della missione ha avuto inizio alle 6.54 a.m. CDT (le 13.54 ora italiana) quando Reisman e Boewn sono passati all'alimentazione interna delle loro tute spaziali. Il primo compito dei due spacewalker è stato quello di rimuovere il palo dell'antenna di ricambio lungo quasi 2,70 metri dal pallet integrato e Reisman, posto al termine del braccio robotico Canadarm2 della stazione, lo ha portato sopra la ISS e poi sul traliccio Z1. L'addetto interno all'EVA e coordinatore dell'intera operazione era il Pilota Antonelli mentre lo Specialista di Missione Piers Sellers e l'Ingegnere di Volo della stazione Tracy Caldwell Dyson manovravano il braccio robotico.  Dopo che i due astronauti agganciavano e connettevano il palo, Reisman ha fatto ritorno al pallet posto al termine del braccio ed haL'astronauta Bowen mentre effettua la prima attività extraveicolare della missione. rimosso il disco dell'antenna di circa 2 metri di diametro e, aiutato dal braccio robotico, ha fatto ritorno sul traliccio Z1. Qui, Reisman, con l'aiuto di Bowen, hanno installato e poi riavvitato i bulloni e le relative connessioni. A causa dello spazio rimasto fra il disco ed il palo, i due spacewalker non hanno potuto rimuovere le sicure di lancio del disco dell'antenna, che impediscono la rotazione. Inoltre i due astronauti hanno utilizzato un cavo per tenere ferme l'antenna ed il relativo palo fermi assieme. Mentre Bowen ricaricava le suo bombole di ossigeno della tuta, Reisman rimuoveva i vari pezzi di ricambio dalla piattaforma di carico, li portava a Dextre, posto sopra il laboratorio USA Destiny ed installava due estensione per le braccia. A più di sei ore dall'inizio dell'EVA Reisman e Bowen assicuravano che potevano proseguire il loro lavoro oltre le 6,5 ore e mezzo programmate per l'attività. Bowen quindi tornava alla piattaforma di carico per allentare i bulloni che tenevano bloccate le sei batterie del peso di circa 170 chilogrammi mentre Reisman risistemava il Canadarm2 rimuovendo il blocco per i piedi e recuperando un adattatore da un gancio del braccio. Mentre i due spacewalker eseguivano il loro lavoro il Controllo Missione riportava che il braccio robotico della navetta aveva agganciato con successo il Mini-Research Module-1 Russo dalla stiva di Atlantis. Il modulo della lunghezza di quasi sei metri, ribattezzato Rassvet, sarà installato martedì sul modulo di servizio Zvezda. Dopo 7 ore e 25 minuti l'EVA n.1 della missione si è conclusa e Reisman e Bowen sono rientrati all'interno del modulo Quest. La passeggiata spaziale di oggi era la seconda per Reisman e la quarta per Bowen. Si è trattato della 144esima attività extraveicolare per l'assemblaggio e la manutenzione della stazione. In totale il tempo delle EVA compiute sale a 900 ore e 58 minuti. All'interno della stazione proseguiva  l'attiivtà di trasferimento di materiale dalla navetta alla ISS eseguito dal Comandante Oleg Kotov e dagli Ingegneri di Volo Alexander Skvortsov e Mikhail Kornienko con il supporto di Soichi Noguchi. L'equipaggio della stazione si è recato a dormire alle 5.50 p.m. (le 0.50 ora italiana di martedì) mentre quello della navetta trenta minuti dopo. Nella foto (Credit: NASA/TV) l'antenna in banda Ku di ricambio mentre viene spostata dall'astronauta Reisman verso il traliccio Z1 della ISS. Nella foto a destra (Credit: NASA - ISS023-E-044899) L'astronauta Bowen mentre effettua la prima attività extraveicolare della missione.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #06 - STS-132 MCC Status Report #07

 

Il nuovo modulo Rassvet mentre viene portato in posizione dal braccio robotico della stazione.18/05/2010 - Giorno 5 - La Stazione Spaziale Internazionale ha un nuovo modulo chiamato Rassvet, la parola Russa per alba. Gli astronauti di Atlantis hanno utilizzato il braccio robotico della stazione Canadarm2 per connettere il modulo appena dopo il sorgere del Sole mentre sorvolavano l'Argentina. I membri dell'equipaggio sono stati svegliati alle 1.50 a.m. CDT (le 8.50 ora italiana) con le note di “Macho Man” dei Village People e dedicata allo Specialista di Missione Garrett Reisman. Reisman ha guidato la sonda di attracco di Rassvet, posta alla fine del braccio lungo quasi 20 metri, fino al ricettacolo del boccaporto che guarda verso Terra del modulo Zarya. Lo spazio disponibile da ogni lato della sonda era di circa 1 millimetro ed il Capcom (colui che tiene i collegamenti radio con la stazione) Steve Swanson della sala di Controllo del Volo della stazione ha trasmesso via radio a Reisman che aveva fatto veramente un "centro al primo colpo". Lo Specialista di Missione Pier Sellers operava ad un computer connesso con il modulo, conosciuto anche come Mini-Research Module-1, e la parte Russa della stazione. L'interfaccio fra il modulo Rassvet (lungo circa sei metri e pesante 8.015 chilogrammi) e Zarya è stata sigillata alle 7.50 a.m. CDT (le 14.50 ora italiana), circa tre ore dopo che il modulo era stato sollevato dalla stiva di Atlantis. Il Comandante di Atlantis Ken Ham ed il Pilota Tony Antonelli hanno utilizzato il braccio robotico della navetta per sollevare Rassvet dal vano di carico e poi passarlo al braccio della stazione. Poi i due astronauti hanno spostato il braccio in una posizione che permettesse alle sue telecamere di monitorare la movimentazione. Il nuovo modulo ospita una varietà di esperimenti scientifici di biotecnologia e biologia, fisica dei fluidi e ricerca educativa. Rassvet contiene un compartimento pressurizzato con otto postazioni di lavoro incluso un contenitore dotato di guanti isolati per tenere gli esperimenti isolati dall'ambiente, due incubatrici per ospitare esperimenti con basse ed alte temperature ed una speciale piattaforma per proteggere gli esperimenti dalle vibrazioni di bordo. Agganciato all'esterno del nuovo modulo si trova anche un boccaporto che verràParte dell'equipaggio durante un colloquio in diretta con i giornalisti televisivi USA. utilizzato da un altro modulo laboratorio Russo che è previsto venga consegnato nel 2011. Dopo il pranzo Reisman e Sellers hanno utilizzato il Canadarm2 per staccare l'OBSS (orbiter boom sensor system) dalla sua locazione nella stiva di Atlantis. I due astronauti hanno poi passato l'OBSS al braccio robotico della navetta, che veniva ancora manovrato da Ham ed Antonelli, per venire utilizzato, grazie alla sua lunghezza, durante la seconda EVA della missione prevista per mercoledì. Gli spacewalker, Specialisti di Missione Michael Good e Steve Bowen, hanno configurato gli attrezzi e preparato le tute spaziali per l'attività extraveicolare. Durante la seconda EVA è prevista la sostituzione di tre delle sei batterie del segmento di traliccio sinistro della stazione con tre nuove portate su da Atlantis. Le rimanenti tre batterie del peso di circa 175 kg verranno sostituite durante la passeggiata spaziale di venerdì e che verrà effettuata da Reisman e Good. Good e Bowen trascorreranno la notte nel modulo di decompressione Quest con una pressione dell'aria ridotta a 10.2 psi e che riduce così la possibilità di malesseri nella tuta con una pressione più bassa, sotto i 5 psi. Al termine della giornata di lavoro l'equipaggio di Atlantis, assieme a tre membri dell'equipaggio della stazione hanno avuto una riunione di circa un'ora per ripassare le procedure della passeggiata spaziale. Durante la riunione i membri dell'equipaggio hanno anche parlato della possibilità di aggiungere, durante l'EVA, il compito di risolvere il problema incontrato durante il controllo dello scudo termico il giorno dopo il lancio. I due spacewalker metteranno una fascetta sui due cavi per prevenire l'intoppo e l'utilizzo completo di un laser e di una telecamera video ad intensificazione d'immagine poste sul complesso. Il compito verrà eseguito all'inizio della passeggiata. Come risultato della decisione il periodo di riposo dell'equipaggio è stato spostato di 30 minuti. Inoltre l'equipaggio subirà un risveglio anticipato ed un inizio anticipato dell'EVA, il cui inizio è ora previsto per le 6.15 a.m. (le 13.15 ora italiana). Alle 1.20 p.m. (le 20.20 ora italiana) Ham, Reisman, Sellers, il Comandante della Stazione Oleg Kotov, e gli Ingegneri di Volo Alexander Skvortsov e Tracy Caldwell Dyson hanno poi preso una breve pausa per rispondere alle domande dei giornalisti di MSNBC, FOX News e CNN. Nella foto in alto (NASA/TV) il nuovo modulo Rassvet mentre viene portato in posizione dal braccio robotico della stazione. Nella foto a sinistra (Credit: NASA) parte dell'equipaggio durante un colloquio in diretta con i giornalisti televisivi USA.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #08 - STS-132 MCC Status Report #09

 

Uno dei due astronauti al lavoro oggi con la sostizione delle batterie. 19/05/2010 - Giorno 6 - L'equipaggio della navetta Atlantis è stato svegliato dal Controllo Missione questa mattina alle 1.20 a.m. CDT (le 8.20 ora italiana) con il brano musicale “Start Me Up” dei Rolling Stones e dedicato all'astronauta Piers Sellers al suo terzo volo spaziale. La passeggiata spaziale prevista per oggi, la quinta per Steve Boven e la terza per Michael Good, è iniziata alle 5.38 a.m. CDT (le 13.38 ora italiana), più di 25 minuti in anticipo su quanto previsto e che già era stata anticipata di 30 minuti. Una ragione per l'inizio anticipato è stata l'aggiunta del compito di rimuovere l'intoppo nel meccanismo di rotazione dei sensori principali dell'OBSS (orbiter boom sensor system), la prolunga del braccio robotico che viene utilizzata l'ispezione dello scudo termico della navetta. Bowen ha compiuto l'operazione in meno di 30 minuti utilizzando un fermaglio di plastica mentre Good iniziava il lavoro alle batterie da sostituire. Dopo un test il Controllo Missione ha dichiarato che il meccanismo di ispezione per lo scudo termico era di nuovo pienamente operativo. Il Pilota di Atlantis, Tony Antonelli, oggi fungeva da ufficiale intraveicolare, fornendo da guida e supervisore  per i due spacewalker. Gli Specialisti di Missione Reisman e Sellers manovravano invece il Canadarm2 della stazione mentre il Comandante Ham forniva il supporto scattando foto e facendo riprese video dell'operazione. Anche l'Ingegnere di Volo di Spedizione 23, Tracy Caldwell Dyson aveva fornito assistenza ai preparativi della passeggiata. I due astronauti prelevavano una batteria ognuno dalla piattaforma posta sul braccio della stazione, la installavano nello spazio dal quale avevano rimosso la vecchia batteria e poi assicuravano con dei bulloni la vecchia batteria sulla piattaforma per il ritorno sulla Terra. La quarta vecchia batteria èEcco dove sono posizionate le due antenne in banda Ku per le trasmissioni fra la ISS e la Terra. stata invece temporaneamente posizionata sul traliccio e verrà recuperata e messa sulla piattaforma di carico durante l'attività extraveicolare di venerdì. Dopo il lavoro con le batterie e la pulizia dell'area i due spacewalker si sono spostati verso la nuova antenna SGANT in banda Ku posta sul traliccio Z1. I due astronauti hanno avvitato i bulloni che assicurano il disco al suo palo, chiudendo il gap che avevano lasciato durante la passeggiata di lunedì. Inoltre venivano rimossi i fermi di lancio lasciando così l'antenna di riserva libera di operare. Fatta questa operazione Bowen e Good hanno ripulito l'area e sono tornati verso il modulo di decompressione Quest. La EVA n.2 si è conclusa ufficialmente alle 12.47 p.m. (le 19.47 ora italiana) quando la ri-pressurizzazione di Quest è iniziata con una durata complessiva di 7 ore e 9 minuti. La passeggiata spaziale di oggi è stata la 145esima per l'assemblaggio e la manutenzione della stazione portando il totale a 908 ore e 7 minuti. Intanto il Comandante di Spedizione 23 Oleg Kotov e gli Ingegneri di Volo Alexander Skvortsov, Mikhail Kornienko, Soichi Noguchi e T.J. Creamer proseguivano le varie attività a bordo della ISS incluso l'impacchettamento del materiali non più utilizzabile all'interno dei veicolo spaziali Progress e Soyuz. Nella foto in alto (Credit: NASA/TV) uno dei due astronauti al lavoro oggi con la sostituzione delle batterie. Nella illustrazione a destra (Credit: NASA/TV) ecco dove sono posizionate le due antenne SGANT (Space to Ground Antenna) in banda Ku per le trasmissioni fra la ISS e la Terra.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #10 - STS-132 MCC Status Report #11

 

L'astronauta Sellers all'interno della Cupola della ISS.20/05/2010 - Giorno 7 - L'equipaggio della navetta spaziale si è preso oggi un piccolo periodo di riposo dopo gli ultimi giorni molto indaffarati. L'equipaggio è stato svegliato dal brano di Elvis Costello “Welcome to the Working Week” alle 12:59 a.m. CDT (le 7.59 ora italiana) dedicato allo Specialista di Missione Stephen Bowen. I portelli fra la Stazione Spaziale Internazionale ed il nuovo modulo Russo Rassvet sono stati aperti per la prima volta alle 5.52 a.m. di oggi (le 12.52 ora italiana). Prima di poter aprire i portelli sono stati eseguiti dal Comandante di Spedizione 23 Oleg Kotov e dall'Ingegnere di Volo Alexander Skvortsov tutta una serie di controlli di tenuta che hanno avuto esito positivo. Anche conosciuto come Mini-Research Module 1, Rassvet è stato trasportato sulla stazione da Atlantis ed installato dagli Specialisti di Missione Garrett Reisman e Piers Sellers utilizzando il Canadarm2 della stazione. Il modulo è lungo quasi 6 metri, largo 2 metri e mezzo e pesante otto tonnellate. Rassvet trasportava inoltre circa 3 tonnellate di carico posto sia all'interno che all'esterno ed è fornito di otto postazioni di lavoro scientifiche e può essere utilizzato sia come compartimento di attracco che di ripostiglio. I membri dell'equipaggio hanno seguito la procedura standard utilizzata per entrare nei nuovi moduli indossando delle protezioni per gli occhi e per la respirazione. Il Comandante della stazione Oleg Kotov ha inizialmente confermato che l'interno del modulo sembrava in ordine ma un imballo interno si era aperto e del materiale metallico galleggiava nel modulo. I Controllori di Volo di Houston e Mosca stanno lavorando con l'equipaggio per sviluppare una tecnica per rimuovere in sicurezza i detriti fluttuanti. Il Comandante di Atlantis Ken Ham, il Pilota Tony Antonelli e Sellers hanno trasferito attrezzature, rifornimenti ed esperimenti fra lo shuttle e la stazione. Mike Good e Reisman si sono invece preparati per la loro passeggiataIl nuovo mini modulo Russo Rassvet al suo posto sulla stazione spaziale. spaziale prevista per venerdì preparando gli attrezzi e le tute spaziali e, assieme all'ufficiale intraveicolare Antonelli, che ha svolto il compito di coordinatore durante le prime due attività extraveicolari, e Steve Bowen, che ha partecipato alla seconda EVA, hanno ricontrollato le procedure. Il compito principale della terza passeggiata è la sostituzione delle ultime due batterie, delle sei che dovevano essere sostituite sul traliccio Port 6. Le prime quattro batterie erano state sostituite mercoledì. Inoltre i due spacewalker dovranno installare un cavo di accoppiamento dell'ammoniaca e prelevare un connettore di energia e dati dalla stiva di Atlantis e portarlo alla stazione.  Questo speciale attrezzo verrà in seguito installato sul modulo Zarya e fornirà il punto di ancoraggio per il braccio robotico per poter lavorare in quell'area. Ham, Antonelli, Sellers e l'Ingegnere di Volo della stazione  Tracy Caldwell Dyson hanno poi risposto alle domande dei rappresentanti della Associated Press, FOX News Radio e CBS News. Appena dopo il lancio l'equipaggio aveva discusso con gli esperti di passeggiate spaziali sulla Terra. L'equipaggio ha circa quattro ore di tempo libero nel pomeriggio, fino alla revisione della procedura della passeggiata spaziale che è fissata verso la fine della loro giornata lavorativa. I due spacewalker trascorreranno la notte (il "campeggio" così viene chiamata in gerco questa procedura) nel modulo di decompressione Quest con la sua pressione atmosferica ridotta a 10,2 psi. Nella foto in alto (Credit: NASA - ) l'astronauta Sellers all'interno della Cupola della ISS. Nella foto a destra (Credit: NASA/TV) Il nuovo mini modulo Russo Rassvet al suo posto sulla stazione spaziale.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #12 - STS-132 MCC Status Report #13

 

Lo Specialista di Missione Good al lavoro durante la terza EVA della missione STS-132.21/05/2010 - Giorno 8 - Oggi l'equipaggio della navetta e della stazione spaziale si sono concentrati nella terza attività extraveicolare della missione. La sveglia è arrivata alle 12.50 a.m. CDT (le 7.50 ora italiana) con il brano musicale “Traveling Light” eseguita da JJ Cale e dedicata allo Specialista di Missione Piers Sellers. Mike Good e Garrett Reisman hanno cominciato la terza passeggiata spaziale della missione alle 5.33 a.m. CDT (le 12.33 ora italiana) con l'installazione di un tubo di connessione di riserva nel sistema di circolazione dell'ammoniaca fra il segmento 4 e 5 del traliccio di sinistra. Questo ponticello fornirà la possibilità, se c'è ne fosse il bisogno, di poter ricaricare l'ammoniaca nel sistema. Una volta eseguita questa operazione i due astronauti si sono portati all'estremità del traliccio sinistro e sono passati alla sostituzione delle restanti due batterie (delle sei previste in totale) sul traliccio di sinistra P6. Le vecchie batterie sono state riposte sulla piattaforma di carico situata alla fine del braccio robotico. Come parte finale di questa operazione Good e Reisman hanno prelevato le ultime batterie rimosse mercoledì dalla posizione temporanea sul traliccio e le hanno riposte, assieme alle altre, sulla piattaforma di carico. Il braccio robotico della stazione ha poi spostato la piattaforma di carico in una posizione temporanea in attesa di essere riportato sabato nella stiva di carico di Atlantis. Le batterie del traliccio P6 immagazzinano l'energia fornita dai pannelli solari della stazione per poi utilizzarla durante le 16 notti che la stazione sperimenta ogni 24 ore.  Infine i due spacewalker sono andati nella stiva di carico della navetta dove hanno prelevato un punto di aggancio dati ed energia. Una volta liberata l'attrezzatura i due astronauti l'hanno portata vicino al boccaporto dove è stata posizionata. Questa attrezzatura fornirà una base di aggancio per il Canadarm2 della stazione sul modulo Zarya e verrà qui installata durante una passeggiata spaziale prevista per ilI due spacewalker Reisman e Good fotografati all'interno del modulo di decompressione Quest, ai lati le tute che utilizzaranno durante la terza EVA. prossimo luglio. Questa ultima operazione era stata aggiunta dopo che Good e lo Specialista di Missione Steve Bowen avevano sostituito quattro batterie, una in più del previsto, durante l'escursione di mercoledì, ed in questo modo avevano fatto avanzare del tempo utile. A questo punto i due spacewalker hanno rimesso a posto nella scatola degli attrezzi, posta sul traliccio Z1, i vari utensili utilizzati nelle tre attività extraveicolari, in pratica una pulizia finale del luogo di lavoro, e finalmente sono tornati al portello per concludere l'EVA. La terza attività extraveicolare si è conclusa alle 12.13 p.m. CDT (le 19.13 ora italiana) dopo ben 6 ore e 45 minuti. Come nelle precedenti EVA il Pilota di Atlantis Tony Antonelli ha ricoperto il ruolo di ufficiale intraveicolare, il coreografo dell'operazione, gli Specialisti di Missione Sellers e l'Ingegnere di Volo della stazione Tracy Caldwell Dyson hanno manovrato il braccio robotico della stazione Canadarm2 mentre Bowen, che aveva partecipato alle escursioni di lunedì e mercoledì, eseguiva riprese video e fotografie di tutta l'operazione. Quella di oggi è stata la quarta EVA per Good e la terza per Reisman portando al numero di 146 attività extraveicolari dedicate all'assemblaggio e manutenzione della Stazione Spaziale Internazionale per un totale di 914 ore e 53 minuti. Nel frattempo all'interno del nuovo modulo Russo Rassvet, installato ieri, durante la notte sono stati attivati altri filtri e ventole ed i membri dell'equipaggio hanno confermate che i piccoli pezzi di metallo fluttuante osservati ieri sono significativamente diminuiti. Nella foto in alto (Credit: NASA - ISS023-E-047827) lo Specialista di Missione Good al lavoro durante la terza EVA della missione STS-132. Nella foto a destra (Credit: NASA - S132-E-008656) i due spacewalker Reisman e Good fotografati all'interno del modulo di decompressione Quest, ai lati le tute che utilizzeranno durante la terza EVA.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #14 - STS-132 MCC Status Report #15

 

L'equipaggio di Atlantis durante il tempo libero a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.22/05/2010 - Giorno 9 - L'equipaggio della navetta spaziale Atlantis è stato svegliato dal brano musicale “Lord We Have Seen the Rising Sun” di Matt Redman alle 12.20 a.m. CDT (le 7.20 ora italiana) e dedicata allo Specialista di Missione Mike Good, che ha completato la sua quarta passeggiata spaziale venerdì. Gli astronauti di Atlantis hanno trasferito gli equipaggiamenti ed i rifornimenti fra la navetta e la Stazione Spaziale Internazionale in preparazione per la loro partenza prevista per domenica, dopo più di sette giorni di operazioni congiunte. La piattaforma di carico che ha trasportato le sei nuove batterie, del peso di 170 kg., alla stazione è stato riportato nella navetta carico delle vecchie batterie sostituite. Le batterie sono state sostituite durante la seconda e la terza EVA della missione, effettuate mercoledì e venerdì. I ganci che bloccano la piattaforma alla stiva sono stati attivati alle 4.50 a.m. CDT (le 11.50 ora italiana). Alcuni momenti più tardi gli Specialisti di Missione Piers Sellers e Garrett Reisman, ai comandi del Canadarm2 posti nella nuova Cupola, hanno rilasciato la presa dalla piattaforma ed hanno sistemato il braccio robotico in posizione di parcheggio, completando così il loro lavoro della missione STS-132 di Atlantis. Iniziando all'incirca alle 6.40 a.m. CDT (le 13.40 ora italiana) l'equipaggio di Atlantis e l'Ingegnere di Volo della stazione Tracy Caldwell Dyson hanno trascorso 20 minuti rispondendo a domande video registrate dagli studenti del 12 NASA Explorer Schools di tutti gli Stati Uniti. I tre anni di collaborazione della NASA con le scuole sono volti ad incrementare l'interesse degli studenti nel campo della scienza, della tecnologia e della matematica. Le loro controparti della stazione, gli Ingegneri di Volo Tracy Caldwell Dyson, Mikhail Kornienko, Soichi Noguchi e T.J. Creamer hanno proseguito nelle loro attività scientifiche, di manutenzione e gli esercizi fisici. I preparativi per la partenza e le attività di trasferimento hanno occupato buona parte della mattinata dell'equipaggio. Molto del lavoro di trasferimento si è focalizzato sullo spostamento di materiale fra la stazione ed il ponte mediano di Atlantis. Dopo un'ora di sosta per il pranzo ed un paio di ore di lavoro nel primo pomeriggio l'equipaggio ha potuto usufruire di quasi tre ore di tempo libero. Domenica l'equipaggio saluterà i residenti della stazione ed il portello verrà chiuso poco dopo le 7 a.m. (le 14 ora italiana) e lo sgancio è previsto per le 10.22 a.m. (le 17.22 ora italiana). Nella foto (Credit: NASA - S132-E-009105) l'equipaggio di Atlantis durante il tempo libero a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #16 - STS-132 MCC Status Report #17

 

Gli equipaggi congiunti di Atlantis e della ISS.23/05/2010 - Giorno 10 - Dopo oltre sette giorni di lavoro compiuto assieme, comprese tre passeggiate spaziali e l'installazione di un nuovo modulo, gli equipaggi della Stazione Spaziale Internazionale e della navetta si sono separati oggi. L'equipaggio di Atlantis è stato svegliato alle 11.50 p.m. CDT di sabato (le 6.50 ora italiana di domenica) con il brano musicale “These Are Days” eseguita dai 10,000 Maniacs e dedicata al Pilota Tony Antonelli. Prima della partenza della navetta l'equipaggio di Atlantis, Il Comandante Ken Ham, Antonelli e gli Specialisti di Missione Michael Good, Steve Bowen e Sellers hanno trascorso la mattinata trasferendo gli ultimi materiali dalla stazione e preparando le attrezzature per il randez-vous ed altre cose per la partenza. Gli equipaggi si sono poi riuniti per una sessione fotografica poco dopo le 5 a.m. (le 12 ora italiana) e conseguentemente hanno risposto alle domande dei rappresentanti dei media nei centri NASA ed a Tokio. Infine gli equipaggi uniti hanno consumato un ultimo pranzo assieme. La cerimonia dei saluti e la conseguente partenza dell'equipaggio di Atlantis è seguita subito dopo. I portelli fra le due astronavi sono stati chiusi alle 7.43 a.m. (le 14.43 ora italiana) mettendo fine a 6 giorni, 20 ore, 25 minuti di operazioni congiunte fra gli equipaggi. Atlantis si è staccata dalla ISS alle 10.22 a.m. CDT di domenica (le 17.22 ora italiana). Al momento del distacco le due astronavi erano state connesse per 7 giorni e 54 minuti. Dopo il distacco il Pilota Tony Antonelli ha manovrato Atlantis a fare un giro attorno alla stazione ad una distanza variabile fra i 120 ed i 200 metri. Membri dell'equipaggio hanno preso fotografie e video della stazione con il suo nuovo modulo agganciato per documentare le sue condizioni. Atlantis ha compiuto poi la prima accensione dei motori per allontanarsi alle 11.37 a.m. (le 18.37 ora italiana). Le operazioni congiunte sono un buon esempio di amicizia e professionalità, ha dichiarato il Comandante di Spedizione 23 Oleg Kotov, dopo un riepilogo del lavoro compiuto nella settimana trascorsa durante la cerimonia dei saluti. Il Comandante di Atlantis  Ken Ham ha risposto: "Siamo un equipaggio felice di una navetta... felice anche di tutti i nostri compiti svolti. Siamo un equipaggio di 12 persone che hanno lavorato assieme." Lunedì l'equipaggio dello space shuttle effettuerà la consueta ispezione finale alle superfici resistenti al calore in carbonio rinforzato utilizzando il braccio robotico e la sua estensione di circa 15 metri OBSS (orbiter boom sensorBella immagine della Stazione Spaziale Internazionale ripresa dalla navetta Atlantis durante l'allontanamento. system). Un cavo avvolto alla fine dell'OBSS aveva impedito una completa ispezione dopo il lancio. I due spacewalker avevano rimesso a posto il cavo in modo che il braccio potesse essere pienamente operativo lunedì. Altre immagini e dati ingegneristici saranno utilizzate per colmare il divario con l'ispezione post-lancio. Martedì l'equipaggio sarà occupato con la sistemazione della cabina ed il controllo delle superfici di controllo del volo e del sistema di controllo a reazione (RCS). L'atterraggio al Kennedy Space Center è previsto per le 7.48 a.m. CDT di mercoledì (le 14.48 ora italiana). Durante le tre attività extraveicolari effettuate gli astronauti hanno installato un'antenna di riserva ad alta velocità ed una piattaforma di attrezzi per Dextre, il manipolatore somigliante ad un robot umanoide. Inoltre gli astronauti avevano rimosso e sostituito sei batterie del peso complessivo di 170 kg. sul segmento del traliccio sinistro p6. Le sei vecchie batterie saranno riportate sulla Terra all'interno della stiva di Atlantis. Rassvet, il Mini-Modulo di Ricerca Russo n.1 è stato portato alla stazione da Atlantis ed è stato installato sul modulo Zarya dagli Specialisti di Missione Piers Sellers e Garrett Reisman. La delicata installazione ha compreso il lavoro di un computer russo connesso con Rassvet e con il segmento Russo della stazione e l'esatto controllo del Canadarm2 della lunghezza di circa 17 metri. Entrambi gli astronauti si trovavano all'interno della nuova Cupola godendo della lussuosa vista dalle finestre per aiutare nell'operazione da lì per la prima volta. Nella foto (Credit: NASA - ISS023-E-050819) i due equipaggi della navetta e della ISS riuniti per una foto ricordo appena prima di salutarsi. Nella immagine a destra (Credit: NASA/TV) la Stazione Spaziale Internazionale ripresa dall'equipaggio di Atlantis mentre si allontana.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #18 - STS-132 MCC Status Report #19

 

La Terra sullo sfondo ripresa da una delle telecamere poste nella stiva di Atlantis.24/05/2010 - Giorno 11 - Oggi l'equipaggio dello shuttle ha eseguito l'ispezione finale dello scudo termico di Atlantis. L'equipaggio di sei astronauti ha inoltre impacchettato le tute spaziali e trascorso un poco di tempo libero. L'equipaggio è stato svegliato alle 11.50 p.m. CDT (le 6.50 ora italiana) con il tema musicale di “Wallace and Gromit” dedicata allo Specialista di Missione Steve Bowen. Il Comandante Ken Ham, il Pilota Tony Antonelli e gli Specialisti di Missione Garrett Reisman e Piers Sellers hanno iniziato l'ispezione molto in anticipo rispetto a quanto previsto. Alle 4.50 a.m. (le 11.50 ora italiana) gli astronauti avevano già completato l'ispezione dell'ala destra, per le 5.52 a.m. avevano completato la sorveglianza del muso e l'ala sinistra, che conclude l'ispezione, era finita alle 7.17 a.m. (le 14.17 ora italiana), circa due ore e mezzo prima di quanto previsto. L'ispezione è stata eseguita utilizzando il braccio robotico della navetta e la sua estensione di 15 metri di lunghezza, l'OBSS (orbiter boom sensor system). All'inizio della missione un problema con una piattaforma dei sensori posti alla fine del braccio e forniti di un laser a raggio dinamico ed una telecamera intensificatrice d'immagine erano stati parzialmente disabilitati a causa di un cavo aggrovigliato. Un sistema secondario posto sulla prolunga era stata utilizzata per l'ispezione che viene compiuta il giorno seguente il lancio e, successivamente, i due spacewalker avevano liberato il cavo durante una EVA della missione. La piattaforma ha funzionato bene oggi ed i risultati ottenuti dagli strumenti verranno analizzati a Terra prima che Atlantis sia formalmente dichiarato idoneo per l'atterraggio. Gli astronauti Mike Good e Steve Bowen hanno completo il lavoro con le tute spaziali e le hanno riposte mentre era in corso l'ispezione. Dopo questa operazione la prolunga ed il braccio sono stati stivati ai lati opposti del vano di carico e, per la missione, il loro lavoro era completato. L'equipaggio ha inoltre svolto delle sessioni di esercizi fisici per poterlo aiutare a prepararli per il ritorno alla gravità terrestre. Martedì l'equipaggio stiverà le varie cose nella cabina e verrà effettuato un controllo del sistema di controllo di reazione di Atlantis e le superfici di controllo di volo. L'atterraggio al Kennedy Space Center è previsto per mercoledì alle 7.48 a.m. (le 14.48 ora italiana). Nella foto (Credit: NASA/TV) la Terra sullo sfondo ripresa da una delle telecamere poste nella stiva di Atlantis. 

Fonte: STS-132 MCC Status Report #20 - STS-132 MCC Status Report #21

 

L'equipaggio di Atlantis riunito per rispondere alle domande dei giornalisti.25/05/2010 - Giorno 12 - L'equipaggio è stato svegliato oggi, l'ultimo giorno completo da trascorrere nello spazio, alle 11.20 p.m. CDT di lunedì (le 6.20 ora italiana di martedì) con il brano musicale “Empire State of Mind” eseguita da Jay Z e Alicia Keys e dedicata allo Specialista di Missione Garrett Reisman. L'equipaggio, il Comandante Ken Ham, il Pilota Tony Antonelli e gli Specialisti di Missione Garrett Reisman, Michael Good, Steve Bowen e Piers Sellers hanno iniziato le procedure standard del giorno prima dell'atterraggio nel loro giorno lavorativo. Ham, Antonelli e Good hanno iniziato il controllo del sistema di volo all'incirca alle 2.40 a.m. (le 9.40 ora italiana) facendo funzionare il timone ed i flap che controlleranno il volo di Atlantis attraverso l'atmosfera fino alla pista della Florida. Una volta completata questa operazione Ham ed Antonelli hanno acceso ognuno dei 44 razzetti di spinta che permettono di orientare Atlantis nello spazio per la sua discesa dall'orbita e fino agli strati esterni dell'atmosfera. Entrambi questi test sono stati completati con successo. Tutti i membri dell'equipaggio hanno lavorato diverse volte durante la giornata a stivare il materiale nella cabina ed a prepararsi per l'atterraggio. L'equipaggio si è poi riunito alle 6.40 a.m. (le 13.40 ora italiana) per una riunione di trenta minuti incentrata sulla fase di uscita dall'orbita. Immediatamente dopo hanno parlato con i vari giornalisti di The Colbert Report, ABC Radio Network e WEWS-TV di Cleveland. Più avanti nella giornata Reisman e Sellers hanno riposto l'antenna in banda Ku all'interno della stiva di Atlantis. Questa antenna ad alto flusso di dati trasmette, fra le altre cose anche le immagini televisive dallo shuttle. Le condizioni meteo previste per mercoledì al Kennedy Space Center sono generalmente favorevoli sebbene vi siano possibilità di pioggia entro trenta miglia (48 km.) dalla pista di atterraggio. La seconda opportunità di atterraggio al KSC è prevista per le 9.23 a.m. (le16.23 ora italiana). Giovedì invece vi sono due opportunità di atterraggio al KSC, alle 8.13 a.m. ed alle 9.48 a.m. Intanto lo scudo termico di Atlantis è stato dichiarato sicuro per il rientro di martedì. Nella immagine (Credit: NASA/TV) l'equipaggio di Atlantis riunito per rispondere alle domande dei giornalisti.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #22 - STS-132 MCC Status Report #23

 

La navetta Atlantis mentre atterra al KSC e sullo sfondo il VAB.26/05/2010 - Giorno 13 - L'equipaggio oggi è stato svegliato alle 11.20 p.m. CDT di martedì (le 6.20 ora italiana di mercoledì) con il brano musicale “Supermassive Black Hole” eseguito da Muse e dedicato al Comandante Ken Ham. Ham, il Pilota Tony Antonelli e gli Specialisti di Missione Mike Good, Garrett Reisman, Steve Bowen e Piers Sellers hanno iniziato la giornata con le ultime attività di stivaggio del materiale e con la preparazione per l'uscita dall'orbita. La prima opportunità di rientro in Florida, delle due previste per oggi, è stata colta immediatamente grazie alle condizioni meteo favorevoli. Così, alle 6.41 a.m. CDT (le 13.41 ora italiana), durante l'orbita 186 è avvenuta l'accensione dei motori orbitali  a cui ha fatto seguito un perfetto atterraggio sulla Shuttle Landing Facility n. 33 del Kennedy Space Center alle 7.48 a.m. (le 14.48 ora italiana). Concludendo un volo durato 11 giorni, 18 ore e 28 minuti Atlantis ha compiuto la sua ultima missione prevista. Nella sua lunga carriera la navetta spaziale Atlantis ha volato in 32 missioni e viaggiato per oltre 192 milioni di km. "Siamo lieti di avervi di nuovo con noi", ha esclamato il Capcom Charlie Hobaugh all'equipaggio appena dopo che le ruote si erano fermate. "Voi ragazzi avete eseguito la missione senza problemi ed avete avuto un gran momento per farlo". Il Comandante Ham, il Pilota Antonelli e gli Specialisti di Missione Reisman, Good, Bowen e Sellers hanno trascorso appena sette giorni sulla stazione e durante questo tempo Reisman, Bowen e Good hanno compiuto ognuno due delle tre attività extraveicolari. La prima delle tre EVA ha incluso l'installazione di un'antenna di riserva e vari pezzi di ricambio per Dextre, il monipolatore esterno a forma di robot. La seconda e la terza attività extraveicolare sono state dedicate principalmente alla sostituzione delle sei batterie di 170 kg. del traliccio di sinistra P6. Le vecchie batterie sono state riposte nella stiva di Atlantis, per il previsto ritorno sulla Terra, sulla stessa piattaforma utilizzata per portare quelle nuove nello spazio. Il Mini-Modulo di Ricerca Russo n.1 Rassvet è stato installato al boccaporto che guarda la Terra del modulo Zarya. Per la delicata e complessa operazione Reisman e Sellers hanno utlizzato i l braccio robotico della stazione, il Canadarm2, della lunghezza di quasi 18 metri e di un computer con il linguaggio in Russo. Atlantis ha anche consegnato equipaggiamenti, rifornimenti ed esperimenti per la stazione, e fra i rifornimenti vi erano anche acqua, ossigeno ed azoto. L'equipaggio è atteso ad Houston per una cerimonia ufficiale di benvenuto presso l'Hangar 276 di Ellington Field alle 4 p.m. (le 23 ora italiana) di giovedì al quale anche il pubblico è invitato. Nella foto (Credit: NASA - NASA/Sandra Joseph) la navetta Atlantis mentre atterra per l'ultima volta al KSC e sullo sfondo il VAB.

Fonte: STS-132 MCC Status Report #24 - STS-132 MCC Status Report #25

 

werhsepd.gif (1132 byte)

L'equipaggio di Atlantis dopo il rientro sulla Terra.

L'equipaggio di STS-132 in posa dopo l'atterraggio: da sinistra gli Specialisti di Missione Piers Sellers e Steve Bowen; il Pilota Tony Antonelli; il Commandante Ken Ham e gli Specialisti di Missione Garrett Reisman e Michael Good.

 

werhsepd.gif (1132 byte)

 

WB01540_.gif (632 byte)  Come funziona?

WB01540_.gif (632 byte)  Lista delle missioni

 

Ultimo aggiornamento 26/05/2010

Torna alla Home page

 Sito curato da Massimo Martini