La navetta Endeavour decolla dalla rampa 39A

STS-134 / ULF-6

werhsepd.gif (1132 byte)

La foto ufficiale dell'equipaggio di STS-134.

.............  

Qui sopra lo stemma della missione e a destra l'equipaggio di STS-134 nella foto ufficiale della missione: seduto al centro il Comandante Kelly e da sinistra il Pilota Gregory H. Johnson e gli Specialisti di Missione Michael Fincke, Greg Chamitoff, Andrew Feustel e l'astronauta Italiano dell'European Space Agency e Specialista di Missione Roberto Vittori. Nella foto in alto a sinistra la navetta Endeavour mentre decolla dalla rampa di lancio 39A (Credit: NASA)

STS-134 (134) - OV-105 Endeavour (25)

 

Durata finale della Missione
15 giorni, 17 ore, 39 minuti e 8 secondi

Volo: STS-134/ULF-6 (trentaseiesima ed ultima missione shuttle dedicata all'assemblaggio o manutenzione della Stazione Spaziale Internazionale)

Carico Utile: EXPRESS Logistics Carrier 3 (ELC3), Alpha Magnetic Spectrometer (AMS)

Orbiter: OV-105 - Serbatoio esterno: ET-122 (originariamente era ET-138) - Razzi ausiliari: Bi144/RSRM 112 - Motori principali (SSME): 2048-2044-2058

Equipaggio:  6 astronauti - Comandante Mark E. Kelly (4), Pilota Gregory H. Johnson (2), Specialisti di Missione Gregory Chamitoff (MS4) (2), Michael Fincke (MS1) (3) , l'astronauta dell'ESA, l'italiano Roberto Vittori (MS2) (3)  e Andrew J. Feustel (MS3) (2) - I numeri fra parentesi indicano il numero di voli spaziali effettuati dall'astronauta in questione compreso questo. MS sta per Mission Specialist. 

Lancio : 16 maggio 2011 ore 8:56:28 a.m. EDT (le 14:56:28 ora italiana) - primo tentativo era il 29 aprile 2011 - ore 3.47 p.m. EDT (le 21.47 ora italiana) ma è stato rinviato per un problema tecnico - finestra di lancio 10 minuti dalla rampa 39B del Kennedy Space Center in Florida.

Attracco alla ISS: 18 maggio 2011 alle ore 5:14 a.m. EDT (le 12:14 ora italiana)

Rientro : 1° giugno 2011 alle ore 1:35 a.m. CDT (le 8:35 ora italiana) sulla SLF del Kennedy Space Center in Florida

Durata della missione: 15 giorni 17 ore 38 minuti e 8 secondi

Orbite : 248

Inclinazione : 51,6°

Altezza al momento dell'inserimento in orbita: 225 km

Obiettivi della missione: Consegna alla Stazione Spaziale Internazionale dell'esperimento scientifico AMS che verrà installato all'esterno dell'avamposto orbitale e di un pallet contenente pezzi di ricambio (ELC3). Durante la missione verranno effettuate 4 attività extraveicolari (EVA).

Statistiche: 

165° missione umana Americana nello spazio
134° missione Shuttle
2° Missione Shuttle delle 3 previste per il 2011
109° missione dopo il disastro del Challenger
21° missione dopo il disastro del Columbia
25° missione di Endeavour
Ultima missione per l'orbiter Endeavour
penultima missione programmata del programma STS
81° lancio dal pad 39A

 

werhsepd.gif (1132 byte)

Cronologia pre-volo

I tecnici all'interno del OPF-2 mentre prelevano dal vano di carico di Endeavour l'OBSS.05/03/2010 - Partono i preparativi per STS-134 - All'interno dell'OPF-2 (Orbiter Processing Facility-2) al Kennedy Space Center in Florida, una gru è stata utilizzata per sollevare l'OBSS (Orbiter Boom Sensor System), la speciale prolunga del braccio robotico canadese che viene utilizzata per ispezionare lo scudo termico della navetta durante la missione spaziale, dal vano di carico della navetta spaziale Endeavour. L'OBSS verrà trasportata nel VAB (Vehicle Assembly Building) per essere revisionata. Una volta risistemato l'OBSS verrà reinstallato sulla navetta Endeavour per essere utilizzata durante la missione STS-134, al momento prevista per il prossimo luglio. L'orbiter Endeavour era giunto all'interno dell'OPF-2 al termine della missione spaziale precedente, la STS-130, lo scorso 22 febbraio. Intanto l'equipaggio di sei astronauti, compreso l'Italiano Roberto Vittori, prosegue l'addestramento alla missione al Johnson Space Center della NASA di Houston, nel Texas. Intanto il 16 febbraio scorso l'Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) era arrivato presso l'ESTEC (il centro tecnologico di ricerca dell'ESA) di Noordwijk, in Olanda, per essere sottoposto agli ultimi test prima di essere inviato in Florida per essere integrato per la missione STS-134. L'esperimento AMS ha lo scopo di far meglio comprendere agli scienziati le origini e le strutture dell'Universo osservando l'antimateria e la materia oscura. l'AMS è stato costruito per la maggior parte in Europa da parte di Italia, Francia, Germania, Portogallo, Spagna e Svizzera con una partecipazione di Cina, Russia, Taiwan e gli Stati Uniti. L'AMS è stato poi integrato al CERN di Ginevra. L'invio di AMS al Kennedy Space Center, in Florida, è previsto per la fine di maggio a bordo di uno speciale volo aereo della US Air Force. "L'Europa ha contribuito in larga misura per la progettazione e lo sviluppo di AMS e la missione sarà ancora più speciale per i cittadini europei, con un astronauta dell'ESA, Roberto Vittori, sarà un'opportunità di volo di ASI con l'AMS", specifica Simonetta  Di Pippo, la direttrice del volo umano dell'ESA. "Stiamo vivendo momenti emozionanti e ci spostiamo da una realizzazione all'altra. Il modo migliore per aprire la strada verso l'estensione delle operazioni sulla ISS fino al 2020 e oltre". Nella foto (Credit: NASA - KSC-2010-2199) il momento in cui i tecnici della NASA agganciano alla gru l'OBSS per essere estratto dal vano di carico di Endeavour.

Fonte: MediaArchive KSC NASA - ESA

 

27/04/2010 - Rinviato a novembre il lancio di STS-134 - La NASA sta prendendo in considerazione di fare alcuni cambiamenti per le date di lancio degli ultimi due voli dello Space Shuttle. Gli scienziati dell'Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) hanno deciso di sostituire il magnete all'interno del modulo sperimentale di fisica delle particelle. Questa sostituzione permetterà un funzionamento di AMS più prolungato e questo sarà un vantaggio visto il prolungamento dell'operatività della Stazione Spaziale Internazionale almeno fino al 2020. Ma a causa della sostituzione del magnete la missione STS-134 di Endeavour, che dovrebbe trasportare AMS alla stazione e che era prevista per il 29 luglio ora non potrà essere effettuata prima di metà novembre 2010. Al momento una data esatta per il lancio non è ancora stata determinata. AMS è stato ideato per aiutare nello studio della formazione dell'Universo e per la ricerca della materia oscura, dell'antimateria e per la misurazione dei raggi cosmici. La missione STS-133 della navetta spaziale Discovery rimane al momento in linea per il lancio il 16 settembre ma i responsabili proseguiranno a valutare lo stato di avanzamento verso il volo e potranno apportare delle modifiche. 

Fonte: NASA

 

01/07/2010 - Ufficializzate le nuove date di lancio per gli ultimi due Space Shuttle - La missione STS-133 della navetta spaziale Discovery è ora prevista ufficialmente per il lancio il primo novembre 2010 alle 4.33 p.m. EDT (le 22.33 ora italiana) mentre la missione STS-134 dell'orbiter Endeavour è prevista al decollo per il 26 febbraio 2011 alle 4.19 p.m. EST (le 22.19 ora italiana). Le date previste sono state modificate a causa del carico utile critico della missione STS-133 che non sarà pronto in tempo per la prevista data di lancio. Con lo spostamento della data del Discovery anche Endeavour ha visto modificata la sua finestra di lancio che ora è fissata per febbraio. 

Fonte: NASA

 

Il serbatoio esterno ET-138 durante la cerimonia di consegna alla NASA08/07/2010 - Pronto l'ultimo serbatoio esterno del Programma Shuttle - Per commemorare i 37 anni di successo nella produzione dei serbatoi, la NASA e la Lockheed Martin Space Systems Company hanno effettuato una cerimonia l'8 luglio nel complesso del Michoud Assembly Facility di New Orleans per l'uscita dell'ultimo serbatoio esterno per l'ultima missione dello Space Shuttle. L'ultimo serbatoio esterno a volare con una missione shuttle è stato completato il 25 giugno dai lavoratori della Lockheed Martin di Michoud. Il serbatoio, designato ET-138 verrà trasportato con un veicolo ruotato per circa 1,6 km. fino al molo di Michoud. Qui verrà accompagnato dalla banda tradizionale degli Storyville Stompers e da centinaia di impiegati che sventoleranno i fazzoletti nello stile tipico di New Orleans. L'ET-138 viaggerà poi per circa 1.500 km verso il Kennedy Space Center in Florida dove supporterà il lancio della navetta Endeavour per la missione STS-134. Il serbatoio esterno, il "serbatoio di carburante" dell'orbiter contiene il propellente per i motori principali dello Space Shuttle. Inoltre il serbatoio esterno funge anche da "ossatura" dello shuttle durante il lancio, fornendo supporto strutturale dove agganciare i booster a combustile solido e l'orbiter. Si tratta anche del solo componente dello Space Shuttle che non viene riutilizzato. A circa 8,5 minuti di volo, quando il propellente è stato consumato, il serbatoio viene sganciato nell'oceano. Più alto di un palazzo di quindici piani e con più di 8 metri di diametro, il serbatoio esterno assorbe la spinta di circa 3.900 tonnellate dei tre motori principali dello shuttle e dei due razzi a propellente solido durante il decollo. L'ET fornisce circa 549.000 litri di ossigeno liquido e circa 1.476.000 di litri di idrogeno liquido ai motori principali. I tre maggiori componenti del serbatoio esterno includono il serbatoio per l'ossigeno liquido, quello dell'idrogeno liquido ed un intertank che, come un collare, connette i due serbatoi. Inoltre l'intertank ospita la strumentazione e le apparecchiature e fornisce la struttura di attacco per i due booster a combustibile solido. Quando l'ET-138 arriverà al Kennedy Space Center, inizierà la fase di installazione per agganciare la navetta Endeavour ed i booster a combustibile solido per la missione STS-134, prevista non prima di metà novembre. La missione consegnerà l'Express Logistic Carrier 3 e l'Alpha Magnetic Spectrometer alla Stazione Spaziale Internazionale. Si tratterà della 36esima missione shuttle alla stazione spaziale ed il 134esimo ed ultimo volo di una navetta spaziale. I lavoratori del Michoud Space Systems e della Lockheed Martin Corporation, di Littleton, Colorado hanno consegnato 135 serbatoi alla NASA durante i quasi 30 anni di missioni della navetta spaziale. Il lavoro verrà completato con un ulteriore serbatoio esterno, ET-122, che si trovava a Michoud durante l'uragano Katrina nell'agosto del 2005 e venne danneggiato dalla caduta di detriti. Questo serbatoio è stato ripristinato in configurazione di volo e verrà inviato al KSC nel tardo settembre per fungere da serbatoio per il "Launch on Need", se necessario, di STS-134. Nella foto (Credit: NASA) il serbatoio esterno ET-138 durante la cerimonia di oggi.

Fonte: NASA

 

Nella foto a sinsitra il serbatoio esterno 138 vicino al VAB e sulla destra la chiatta che lo ha trasportato dalla Luisiana. 15/07/2010 - ET-138 arrivato al Kennedy Space Center - Il serbatoio esterno destinato all'ultimo lancio programmato di uno Space Shuttle è arrivato al Kennedy Space Center dopo un viaggio di cinque giorni, 1.440 km. dei quali su una chiatta dalla Luisiana a Cape Canaveral. Costruito dalla Lockheed Martin presso lo stabilimento di Michoud vicino a New Orleans, il serbatoio esterno 138 ha raggiunto giovedì il molo di scarico presso il sito della stampa della rampa 39. Il serbatoio a forma di proiettile, caricato su un rimorchio all'interno della chiatta coperta, ha toccato il suolo della Florida alle 9.20 a.m. EDT (le 15.20 ora italiana). Un breve viaggio ha portato il serbatoio lungo una strada fino al gigantesco Vehicle Assembly Building (VAB) dove il serbatoio verrà ospitato all'interno di un apposito vano dove verranno effettuate le ispezioni e le operazioni di preparazione finale. ET-138 verrà utilizzato dalla navetta Endeavour per il suo decollo previsto il 26 febbraio per consegnare l'esperimento di fisica delle particelle Alpha Magnetic Spectrometer ed una piattaforma di pezzi di ricambio per la Stazione Spaziale Internazionale. Il montaggio dei due booster a propellente solido per la missione STS-134 inizieranno la prossima settimana all'interno del VAB. I segmenti dei motori verranno posti uno sopra l'altro sulla piattaforma mobile di lancio all'interno della High Bay n.1. L'accoppiamento del serbatoio con i booster è previsto verso il 1° settembre. Endeavour si trova occupata con le attività di pre-volo all'interno di un hangar che si trova adiacente al VAB e la previsione di spostarla all'interno dell'Edificio di Assemblaggio Veicoli è previsto per il 5 gennaio con successivo accoppiamento con il serbatoio ed i booster. Il veicolo di lancio completo (il cosiddetto "stack") verrà portato alla rampa di lancio 39A il 18 gennaio 2011. L'equipaggio di sei astronauti include il Comandante Mark Kelly, il Pilota Greg H. Johnson e gli Specialisti di Missione Greg Chamitoff, Mike Fincke, Roberto Vittori e Drew Feustel. Una splendida serie di foto dell'arrivo del serbatoio al KSC si possono vedere alla pagina di SpaceflightNow sotto linkata. Nella foto a sinistra (Credit: Justin Ray/Spaceflight Now) il serbatoio esterno 138 vicino al VAB e sulla destra la chiatta che lo ha trasportato dalla Luisiana. 

Fonte: SpaceflightNow

 

21/07/2010 - Iniziato il montaggio dei booster per l'ultima missione Shuttle - Questa settimana sono iniziati i lavori per il montaggio della coppia di razzi a propellente solido che aiuteranno l'Endeavour a raggiungere l'orbita il prossimo febbraio per l'ultimo lancio previsto nel programma Space Shuttle. Una possente gru ha sollevato lunedì il segmento iniziale (quello con l'ugello di scarico) del booster sinistro della navetta e lo ha posizionato sopra la piattaforma mobile di lancio. I booster che verranno utilizzati per la missione STS-134 di Endeavour saranno montati all'interno della High Bay n.1 all'interno del Vehicle Assembly Building del Kennedy Space Center. I tecnici hanno ripetuto la procedura martedì sollevando il segmento della parte iniziale del booster di destra e trasferendolo nella High Bay n.1 del VAB. Ci vorranno circa tre settimane per montare i booster. Ogni motore è composto di quattro segmenti già carichi del propellente solido. I booster a combustibili solido della navetta sono alti circa 50 metri e di 4 metri di diametro pesante ognuno circa 589 tonnellate, compreso il combustibile. Il serbatoio esterno di Endeavour verrà agganciato ai booster ai primi di settembre. Il serbatoio a forma di proiettile è arrivato al KSC lo scorso 13 luglio e spostato all'interno del VAB il 14 luglio. Il serbatoio è stato poi alzato nella zona di controllo per essere testato prima di essere collegato ai due booster. La missione STS-134 è, al momento, l'ultimo volo previsto del Programma Shuttle anche se i dirigenti della NASA sperano di poter aggiungere un altro volo se l'agenzia raggiungerà un accordo con il Congresso e la Casa Bianca. La partenza di Endeavour è prevista per le 4.19 p.m. EDT (le 22.19 ora italiana) del 26 febbraio 2011 con un equipaggio di sei astronauti diretti dal veterano Comandante Mark Kelly, il Pilota Gregory H. Johnson e gli Specialisti di Missione Andrew Feustel, Michael Fincke, Gregory Chamitoff e Roberto Vittori.

Fonte: SpaceflightNow

 

22/08/2010 - AMS-02 pronto a partire - Per vederlo effettivamente all’opera bisogna ancora aspettare qualche mese: il lancio dello Shuttle Endeavour STS-134 che porterà in orbita l’AMS-02 (Alpha Magnetic Spectromer) è previsto per il 26 febbraio 2011. Intanto lui, l’”Hubble dei raggi cosmici” come è stato soprannominato per la sua straordinaria sensibilità cento volte superiore a qualsiasi altro strumento, è pronto. Giovedì 26 agosto, dopo essere stato impacchettato in un contenitore di alluminio e policarbonato, lascerà il CERN di Ginevra a bordo del gigantesco cargo C-5M SuperGalaxy dell’Aeronautica militare USA, il celebre “Tir con le ali”. Per atterrare intorno alle 12:30 (ora locale) al Kennedy’s Space Center della Florida, sulla SLF (Shuttle Landing Facility), esattamente la stessa pista dove atterra lo Shuttle. Sul C-5M statunitense, oltre all’AMS e a 40 tonnellate di materiali tecnici e di supporto necessari per tutti i test in programma, viaggeranno anche 65 degli oltre 500 tecnici di 16 paesi diversi che hanno lavorato al progetto. Tra di loro c’è naturalmente Roberto Battiston, responsabile italiano dell’Alpha Magnetic Spectromer per INFN e ASI. “E come potevamo mancare? – sottolinea Battiston – ”E’ 15 anni che ci lavoriamo”. L’ambizioso laboratorio orbitante europeo per la fisica delle particelle (ribattezzato il “Cacciatore di antimateria”) è stato realizzato – attraverso l’ASI e l’INFN - con un determinante contributo italiano: il nostro paese risulta il primo contributore del progetto con il 25% dei finanziamenti. Una volta agganciato alla Stazione Spaziale Internazionale, per almeno 10 anni (che non è escluso diventino 18) AMS-02 cercherà di rivelare antiprotoni, antideutoni e anti-nuclei di elio determinandone la traiettoria e l’energia grazie a un potente magnete superconduttore, il più grande che sia mai stato usato in orbita.

Fonte: ASI

 

22/08/2010 - Consegnato l'ultimo serbatoio esterno del programma Shuttle - Il serbatoio esterno ET-122 per la missione STS-134 della navetta spaziale Endeavour è stato scaricato questa mattina dalla chiatta Pegasus e trasportato all’interno del Vehicle Assembly Building. Questo serbatoio era stato danneggiato quando il capannone dove veniva costruito era crollato durante l'uragano Katrina del 2005. Ma le maestranze avevano riparato l'hardware e restituito la possibilità di volare ancora nello spazio. Il piano originale prevedeva poi che questo serbatoio venisse utilizzato per la missione di soccorso STS-335, una missione che la NASA non avrebbe mai voluto fare. Ma la rinnovata speranza di aggiungere una ulteriore missione di rifornimento per la Stazione Spaziale Internazionale ha permesso ai responsabili della NASA di scambiare questo serbatoio e far volare ET-122 con la missione STS-134 di Endeavour. In ogni caso tutto l'hardware per i rimanenti lanci è già stato consegnato al Kennedy Space Center. I tecnici ora inizieranno le procedure per la preparazione del serbatoio per il lancio del prossimo anno. Il serbatoio è stato rimorchiato appena prima delle 9.30 a.m. (le 15.30 ora italiana) al Kennedy Space Center in Florida. Intanto la preparazione della missione STS-133 prosegue. I tecnici hanno condotto un controllo di tenuta sui connettori rapidi per il sistema anteriore di manovra e le unità ausiliarie di potenza della navetta spaziale Discovery. Lo shuttle si trova sulla rampa 39A al Kennedy Space Center in Florida, il sito di lancio di tutte le missioni shuttle. Intanto, al Johnson Space Center di Houston, luogo di addestramento per gli astronauti della NASA, l’equipaggio di STS-133 effettuerà delle simulazioni all’interno della piscina del Neutral Buoyancy Laboratory (laboratorio di galleggiamento neutro) per la prima attività extraveicolare della missione.

Fonte: NASA

 

Il Comandante Mark Kelly assieme alla moglie, la Deputata Gabrielle Giffords 09/01/2011 - Attentato al Deputato Repubblicano USA, Giffords, moglie del Comandante NASA Kelly - L'Amministratore della NASA Charles Bolden ha fatto una dichiarazione sabato sull'attentato avvenuto a Tucson , in Arizona, dove sono rimasti colpiti il Deputato Repubblicano Gabrielle Giffords ed altre persone: "Qui tutti alla NASA siamo rimasti tutti profondamente scioccati ed addolorati per la sparatoria senza senso che ha colpito il rappresentante Giffords e gli altri durante una manifestazione pubblica sabato a Tucson. Come sostenitore di lunga data della NASA, il Rappresentante Giffords non solo ha dato un contributo duraturo al nostro paese, ma è un forte sostenitore del programma spaziale della Nazione e di un membro della famiglia NASA. Lei è anche un'amica personale con la quale ho avuto il grande onore di lavorare. Siamo alla NASA in lutto per questa tragedia e il nostro pensiero e le preghiere vanno alla deputata Giffords, a suo marito Mark Kelly, la loro famiglia, e le famiglie e gli amici di tutti coloro che sono morti o sono stati feriti in questa terribile tragedia." Nella foto (Credit: Giffords Flickr photostream) il Comandante Mark Kelly assieme alla moglie, la Deputata Gabrielle Giffords, 40 anni, sposati dal 2007 e con due figli. Mark Kelly è il fratello gemello di Scott Kelly che svolge attualmente il ruolo di Comandante di Spedizione 26 a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Mark è il Comandante designato per la missione Shuttle Endeavour STS-134 il cui lancio è previsto in aprile. L'attentato è avvenuto durante un comizio che si svolgeva a Tucson di fronte ad un supermercato. L'attentatore, di 22 anni ha sparato da breve distanza alla testa della Giffords e poi ha colpito fra la folla uccidendo sei persone e ferendone undici. La Giffords è in gravissime condizioni, è stata sottoposta ad un'operazione alla testa ed al momento i medici sono cautamente ottimisti. L'attentatore, Jared Laughner, ha sparato con una pistola nascosta sotto un giornale. La polizia sta cercando dei possibili complici.

Fonte: Spaceref

Fonte: SpaceflightNow

13/01/2011 - La NASA aggiorna le date di lancio dei due ultimi Shuttle - La NASA ha fissato alle 4.50 p.m. EST (le 21.50 ora italiana) di giovedì 24 febbraio il lancio della navetta spaziale Discovery per la missione STS-133 diretta alla Stazione Spaziale Internazionale. Il decollo della navetta Endeavour per la missione STS-134 è invece slittato per le 7.48 p.m. EDT del 19 aprile (le 1.48 ora italiana del 20 aprile) dal Kennedy Space Center della NASA, in Florida. Le nuove date sono state selezionate giovedì durante l'incontro settimanale del Program Requirements Control Board del Programma Space Shuttle. La NASA deciderà la data ufficiale di lancio per ogni missione della navetta dopo il Flight Readiness Requirements, la riunione dei responsabili e degli ingegneri che avviene di solito due settimane prima del lancio e dove viene sottoposta a revisione la preparazione alla missione. Tutte le date di lancio sono quindi ancora soggette a cambiamento.

Fonte: Spaceref

L'astronauta NASA Rick Sturckow che è stato nominato risercva del Comandante Kelly per la missione STS-134 13/01/2011 - La NASA annuncia un Comandante di riserva per la missione STS-134 - La NASA ha annunciato giovedì che l'astronauta Rick Sturckow fungerà da Comandante di riserva per la missione dello space shuttle STS-134 per facilitare la prosecuzione dell'addestramento dell'equipaggio e delle squadre di supporto durante l'assenza del Comandante di STS-134 Mark Kelly. La moglie di Kelly, la Congressista Gabrielle Giffords, è in condizioni critiche dopo l'attentato che ha subito lo scorso 8 gennaio a Tucson, in Arizona. Kelly rimane comandante della missione, il cui inizio è previsto per il 19 aprile dal Kennedy Space Center della NASA, in Florida. "Ho raccomandanto io stesso alla dirigenza di intraprendere i passi per poter completare la missione in mia assenza, se necessario," Ha dichiarato Kelly. "Spero di essere nella posizione di tornare presto assieme ai miei colleghi d'equipaggio di STS-134 per completare l'addestramento. Il Capo dell'Ufficio Astronauti NASA, Peggy Whitson, ha detto, "Mark è ancora il Comandante di STS-134. Egli si trova adesso di fronte a molte incertezze per aiutare Gabrielle ed il nostro obiettivo è quello di permettergli di non distrarre la sua attenzione per la famiglia mentre i preparativi per la missione proseguono. Indicare una riserva permette all'equipaggio ed ai team di supporto di proseguire l'addestramento e permette a Mark di seguire con cura le condizioni della moglie." Sturckow inizierà l'addestramento la prossima settimana al Johnson Space Center di Houston assieme al resto dell'equipaggio di STS-134 che include il Pilota Greg H. Johnson, Michael Fincke, Roberto Vittori, Andrew Feustel e Greg Chamitoff. La missione di 14 giorni alla Stazione Spaziale Internazionale prevede la consegna dell'Alpha Magnetic Spectrometer e parti di ricambio che includono due antenne per comunicazioni in banda S, un serbatoio ad alta pressione, parti di ricambio per il robot Dextre e scudi per detriti meteorici. Per ulteriori informazioni sulla missione STS-134 (in inglese) visita: http://www.nasa.gov/mission_pages/shuttle/shuttlemissions/sts134/index.html. Per una biografia completa dell'equipaggio di STS-134 (in inglese) visita: http://www.jsc.nasa.gov/Bios/ Nella foto (Credit: NASA) l'astronauta NASA Rick Sturckow che è stato nominato riserva del Comandante Kelly per la missione STS-134.

Fonte: Spaceref

31/01/2011 - Discovery pronto al ritorno sulla rampa - Al Kennedy Space Center della NASA in Florida i preparativi per il rollout della navetta spaziale Discovery per la missione STS-133 dal VAB (Vehicle Assembly Building) alla rampa di lancio 39A sono in corso. Le squadre non hanno al momento nessun problema che possa rinviare lo spostamento dello shuttle. Il primo movimento verso la rampa è previsto per le 8 p.m. EST (le 2 ora italiana del 1° febbraio) e verrà trasmesso in diretta dalla NASA Television www.nasa.gov/ntv. Intanto i responsabili della NASA hanno deciso di applicare anche al serbatoio ET-122, destinato alla navetta Endeavour per la missione STS-134, le stesse modifiche alle traverse dell'intertank eseguite sul serbatoio ET-137 della navetta Discovery. I lavori di modifica al serbatoio ET-122 verranno effettuati all'interno del VAB dove si trova al momento il serbatoio agganciato ai due booster a propellente solido. Questa modifica non interferirà con la data di lancio di Endeavour prevista per il 19 aprile.

Fonte: NASA

Fonte: NasaSpaceflight.com

04/02/2011 - Mark Kelly riprende l'addestramento per STS-134 - L'astronauta Mark Kelly della NASA riprenderà l'addestramento come Comandante della missione STS-134 della navetta spaziale Endeavour il prossimo 7 febbraio. Ad eccezione di alcune fasi di addestramento, Kelly è stato in congedo personale fin dall'8 gennaio per prendersi cura della moglie, la congressista Gabrielle Giffords, che è stata ferita in modo grave a Tucson, in Arizona, durante un'attentato. "Non vedo l'ora di ricongiungermi con i membri del mio equipaggio della missione STS-134 e di completare la nostra formazione per la missione," ha detto Kelly. "Ci siamo preparati per più di 18 mesi, e saremo pronti a consegnare l'Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) alla Stazione Spaziale Internazionale e completare gli altri obiettivi del volo. Apprezzo la fiducia che la dirigenza NASA ha in me e nel resto del mio equipaggio dello Space Shuttle." Peggy Whitson, capo dell'Ufficio Astronuti della NASA al Johnson Space Center di Houston, ha dichiarato: "Siamo felici di avere di nuovo Mark con noi. Lui è un Comandante veterano dello Shuttle e conosce bene le esigenze del lavoro. Siamo fiduciosi nella sua capacità di condurre con successo questa missione, e so di parlare a nome di tutta la NASA nel dire 'bentornato'.

Fonte: NASA

La navetta spaziale Endeavour appena giunta all'interno del VAB 28/02/2011 - Endeavour per l'ultima volta nel VAB - Questa mattina la navetta Endeavour ha compiuto uno dei passi principali che lo avvicina al suo volo spaziale conclusivo prima del ritiro dal servizio, effettuando il breve viaggio fra il suo hangar ed il Vehicle Assembly Building al Kennedy Space Center. L'orbiter si trovava fin dal febbraio 2010, l'ultimo volo effettuato, nell'hangar OPF per la preparazione alla missione. Endeavour è stato portato all'interno del cavernoso edificio dove verrà accoppiato, nei prossimi giorni, al suo serbatoio esterno ed alla coppia di razzi a combustibile solido. Il trasporto è stato effettuato con l'orbiter appoggiato su uno speciale veicolo dotato di 76 ruote costruito in Italia. Nel pomeriggio una speciale imbracatura solleverà la navetta in verticale e la porterà nella zona del VAB dove lo attende il serbatoio esterno. Una volta che i due componenti saranno accoppiati verrà eseguita un controllo delle connessioni elettriche e meccaniche fra l'orbiter, il serbatoio ed i booster. Il rollout di Endeavour verso la rampa di lancio 39A è prevista per il 10 marzo. Il 22 marzo verrà eseguito un test di riempimento del serbatoio esterno e poi verrà consegnato, il 24 marzo, il carico utile da inserire nella stiva di carico della navetta. Una simulazione del conto alla rovescia con gli astronauti a bordo dell'orbiter è prevista per il 1° aprile ed in questa occasione verranno testate le ultime tre ore prima del lancio vero e proprio. Il veterano dello shuttle, il Comandante Mark Kelly guiderà l'equipaggio di STS-134 che comprende il Pilota Greg Johnson e gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Roberto Vittori, Drew Feustel e Greg Chamitoff. La missione di Endeavour trasporterà l'esperimento di astrofisica Alpha Magnetic Spectrometer ed altre piattaforme esterne che andranno collocate sulla stazione. Il countdown inizierà il 16 aprile ed il lancio è previsto per il 19 aprile alle 7.48 p.m. EDT (le 0.48 ora italiana). Il rientro al Kennedy Space Center, dopo 14 giorni di missione, è previsto per il 3 maggio verso le 2.38 p.m. EDT (le 20.38 ora italiana). Nella foto (Credit:NASA) la navetta spaziale Endeavour appena giunta all'interno del VAB.

Fonte: SpaceflightNow

La navetta spaziale Endeavour mentre viene portato nella notte verso la rampa di lancio 11/03/2011 - Endeavour sulla rampa per l'ultima missione - Il giorno dopo che il Discovery è stato messo forzatamente in pensione, la navetta gemella Endeavour è uscita dal Vehicle Assembly Building (VAB) ed è stata portata sulla rampa del Kennedy Space Center per il suo 25esimo ed ultimo volo. Agganciata al gigantesco serbatoio esterno ed alla coppia di razzi a propellente solido e posta sulla piattaforma mobile di trasporto l'Endeavour ha iniziato il suo percorso lungo 5,6 km alle 7.55 p.m. EST (le 1.55 ora italiana). Centinaia di dipendenti hanno portato le loro famiglie per essere testimoni da vicino del rollout del veicolo spaziale illuminato dalle potenti luci mentre lentamente si muoveva lungo la strada. Questa sera era presente anche il Pilota della missione STS-134 di Endeavour, Greg Johnson, che è volato a Cape per osservare il rollout e fare visita alla forza lavoro. "Queste sono persone che hanno dato il sudore su Endeavour per l'ultimo ventennio e ci sono le persone che hanno permesso a noi di essere qui questa sera. Ecco perchè sono contento di parlare con loro e di condividere la mia esperienza con loro," ha detto Johnson. "Un sacco di mamme, tanti bambini... è un'ispirazione per me vedere i ragazzi qui." Dopo aver parlato con i giornalisti presenti Johnson è salito a bordo del cingolato che trasporta la navetta ed ha compiuto un pezzo del percorso. Il viaggio verso la rampa in riva all'Oceano Atlantico è durata tutta la notte e la navetta è stata assicurata all'installazione alle 3.49 a.m. EST (le 9.49 ora italiana). Il lancio è previsto per il 19 aprile alle 7.48 p.m. EDT (le 1.48 ora italiana) per una missione della durata di due settimane nelle quali Endeavour consegnerà un esotico esperimento di fisica chiamato Alpha Magnetic Spectrometer alla Stazione Spaziale Internazionale. L'AMS verrà estratto dal vano di carico della navetta e roboticamente agganciato sopra il traliccio principale della stazione. Fra i suoi scopi quello di sondare le origini della materia oscura, rispondere dove si trova l'antimateria e cercare nuova materia nell'Universo. "Quello di interessante a proposito di AMS non sono le cose che ci aspettiamo di imparare, ma quelle incognite sconosciute, quelle cose che si scoprono e che non sapevamo esistessero. Penso che probabilmente scopriremo una nuova particella o due ", ha detto Johnson. Questo sarà il secondo volo sullo shuttle per Johnson, entrambi su Endeavour, dopo aver prestato servizio come Pilota nella missione STS-123 del 2008. Lui ed i suoi compagni di equipaggio di STS-134, il Comandante Mark Kelly e gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Roberto Vittori, Drew Feustel e Greg Chamitoff sono stati in addestramento per questa missione negli ultimi 18 mesi. "Ogni singola missione della navetta spaziale è una benedizione," ci dice. "Non ho parole per descrivere quanto sono emozionato per essere in questo volo." Il rollout di oggi segna la 26esima volta che Endeavour viene portato alla rampa di lancio. Nelle prossime ore e giorni avverrà il metodico processo di sistemare il suo interno per l'equipaggio, e verrà esteso il sistema di ventilazione dell'idrogeno dalla torre di lancio ed inizierà l'installazione di tutti i vari cavi elettrici, tubi del propellente, sistemi di comunicazione fra il sistema di terra e la piattaforma mobile di lancio (MLP). Un test delle tre unità di energia ausiliaria per i sistemi idraulici verrà condotta prima che la struttura ruotante di servizio sia sistemata attorno all'Endeavour. Nella foto (Credit: Ben Cooper/Spaceflight Now) la navetta spaziale Endeavour mentre viene portato nella notte verso la rampa di lancio in preprazione di STS-134, il suo ultimo volo nello spazio.

Fonte: SpaceflightNow

22/03/2011 - Arrivato in rampa il carico utile per STS-134 - Al Kennedy Space Center della NASA, in Florida, il carico utile per la missione STS-134 della navetta spaziale Endeavour è arrivato questa notte alla rampa di lancio 39A. Le squadre sposteranno il carico utile nel meccanismo PGHM (Payload Ground Handling Mechanism) oggi. La struttura ruotante di servizio verrà riportata di nuovo attorno al veicolo spaziale nelle prime ore di domattina. Il carico utile verrà imbarcato all'interno del vano di carico di Endeavour. Intanto al Johnson Space Center della NASA di Houston, l'equipaggio di STS-134 farà della pratica con le procedure di attracco e di randezvous. Il lancio di Endeavour diretto alla Stazione Spaziale Internazionale è previsto per il 19 aprile alle 7.48 p.m. EDT (le 1.48 ora italiana).

Fonte: Spaceref

Nell'illustrazione la disposizione dei carichi all'interno della stiva della navetta spaziale Endeavour per la missione STS-134 27/03/2011 - La stiva di carico di Endeavour caricata con il materiale per la ISS - All'interno della sala pulita della rampa di lancio 39A i tecnici hanno completato l'inserimento dello strumento di fisica, del costo di 2 miliardi di dollari, ed una piattaforma di parti di ricambio all'interno della stiva di carico della navetta Endeavour per la consegna alla Stazione Spaziale Internazionale. L'installazione del carico era iniziata venerdì ed è stata completata oggi alle 12.40 p.m. EDT (le 18.40 ora italiana) con l'Alpha Magnetic Spectrometer e l'Express Logistic Carrier n.3 assicurati nel vano di carico dell'orbiter. "L'Alpha Magnetic Spectrometer è uno esperimento molto importante che potrebbe cambiare il corso della fisica. Inoltre porteremo anche alcune parti di ricambio per la stazione in previsione del ritiro dello space shuttle," ci dice il Pilota di Endeavour Greg Johnson durante un'intervista prima del volo. L'ELC-3 è una piattaforma a due lati che ospita varie parti di ricambio per i sistemi della stazione che potrebbero rivelarsi utili in futuro. Vi sono un paio di antenne di comunicazione in banda S, un serbatoio ad alta pressione di ossigeno, una riserva ulteriore di ammoniaca per il raffreddamento, un nuovo braccio per il robot Dextre ed alcune parti elettroniche varie. "Bene, si tratta di uno dei più importati nomi di questa impresa, l'Express Logistic Carrier n.3, ma è veramente importante per la stazione spaziale in modo che possa proseguire fino al 2020 ed oltre. In un veicolo spaziale complesso quale la ISS nel lungo periodo e senza il supporto di nessun veicolo che possa portare materiale di grosse dimensioni dobbiamo avere a disposizione tutte le parti di ricambio possibili a portata di mano fissate sulla grande struttura esterna," ha dichiarato lo Specialista di Missione di Endeavour, Mike Finke. Appena poche ore dopo che Endeavour attraccherà alla stazione spaziale, ovvero il 21 aprile attorno alle 5 del pomeriggio EDT (le 23 ora italiana) i bracci robotici della navetta e della stazione lavoreranno assieme per estrarre l'ELC, pesante circa 6.500 kg dalla stiva di carico e lo agganceranno al lato sinistro del traliccio principale. Il giorno successivo, l'AMS-2, del peso di circa 6.900 kg verrà prelevato dalla parte posteriore della stiva di carico di Endeavour in modo simile all'ELC per mezzo dei bracci robotici e sistemato sul lato destro del traliccio. Questa operazione è prevista per il 22 aprile attorno alle 2 del pomeriggio EDT (le 20 ora italiana), se il lancio avverrà come previsto. "L'Alpha Magnetic Spectrometer verrà sistemato all'esterno della Stazione Spaziale Internazionale e raccoglierà una messe di dati affascinanti," prosegue Finke durante l'intervista pre-volo. Questo strumento scruterà il cielo e quando riceverà qualche super particella potrà dirci da dove arriva. Stiamo per essere in grado di rilevare alcune cose che non abbiamo mai visto prima e capire l'universo molto meglio grazie ad AMS. AMS è un'esperimento non convenzionale che dovrebbe provare l'esistenza o il mito dell'antimateria, cercare la materia oscura e sondare le origini dell'Universo. "L'AMS è un rivelatore di particelle cosmiche del costo di 2 miliardi di dollari. Ad esso hanno contribuito 16 partner internazionali compresi gli Stati Uniti che sono coinvolti nella progettazione e costruzione dello strumento. Vi sono circa 60 (sessanta!) differenti Università coinvolte, un gran numero di fisici. La gestione di AMS e del Dipartimento di Energia ma il programma è situato al CERN ((European Organization for Nuclear Research) di Ginevra, in Svizzera. A capo del progetto si trova il fisico, vincitore di un premio Nobel, Dr. Samuel Ting, che ha che ha previsto e stanziato i soldi per costruire AMS, assime ad una grande squadra di ingegneri, ma per lo più fisici, ed ora lo stiamo per lanciare, come carico utile principale," Ha detto il Comandante della missione STS-134, Mark Kelly. "AMS è un rivelatore di particelle cosmiche che va a cercare un sacco di cose diverse tra cui l'antimateria, la materia oscura e dell'energia oscura, cose di cui non sappiamo molto. Riteniamo che vi sia antimateria nell'universo, presente in natura; i fisici credono che al momento del Big Bang vi fossero parti uguali di materia e antimateria e non sappiamo dove l'antimateria sia finita, così l'intenzione di AMS è di provare a rispondere a molte di quelle domande". Il lancio di Endeavour è previsto per il 19 aprile alle 7,48 p.m. EDT (le 1.48 ora italiana) per una missione della durata di due settimane che comprende anche quattro attività extraveicolari previste per la manutenzione della stazione. Nell'illustrazione (Credit: NASA/TV) la disposizione dei carichi all'interno della stiva della navetta spaziale Endeavour per la missione STS-134.

Fonte: SpaceflightNow

29/03/2011 - Arrivato al Kennedy l'equipaggio di STS-134 per il TCDT - I sei astronauti della navetta spaziale Endeavour sono arrivati sulla pista di atterraggio dello shuttle al Kennedy Space Center a bordo di quattro jet T-38 da addestramento fra le 5.07 e le 5.24 p.m. EDT (fra le 23.07 e le 23.24 ora italiana). L'equipaggio si trova al Kennedy per partecipare alla preparazione al lancio, della durata di una settimana, chiamata Terminal Countdown Demonstration Test, o TCDT. Il TCDT fornisce agli astronauti di Endeavour ed alle squadre di terra l'opportunità di partecipare a varie attività connesse al conto alla rovescia, compresa la familiarizzazione con le attrezzature per le procedure di emergenza. Più avanti nella giornata il Comandante Mark Kelly ed il Pilota Greg H. Johnson effettueranno degli atterraggi di prova utilizzando il velivolo appositamente modificato per comportarsi come una navetta nella fase finale del volo. Il prossimo evento con i giornalisti sarà un 'domanda e risposta' sulla rampa 39A il 31 marzo alle 8.40 a.m. EDT (le 14.40 ora italiana) e l'evento verrà trasmesso sul canale televisivo della NASA (www.nasa.gov.ntv). Il lancio di Endeavour per la missione STS-134 diretta alla Stazione Spaziale Internazionale è previsto per le 7.48 p.m. EDT (le 1.48 ora italiana) del 19 aprile.

Fonte: NASA

Il cielo tempestoso sopra il VAB al Kennedy Space Center 01/04/2011 - Una tempesta rinvia l'inizio del TCDT al Kennedy - L'intera giornata di maltempo che ha colpito il Kennedy Space Center, in Florida, giovedì ha costretto i tecnici a spostare la simulazione di lancio (conosciuta con il termine TCDT - Terminal Countdown Demonstration Test ) della navetta spaziale Discovery per la missione STS-134, nel pomeriggio di venerdì. Temporali con forti venti, pioggia e fulmini si sono abbattuti sulle squadre della rampa 39A ed hanno rinviato tutte le procedure per la simulazione del conto alla rovescia. Le condizioni meteo non sono migliorate abbastanza per permettere al personale di iniziare il lavoro sulla rampa. Il momento del lancio simulato, con T-0 era previsto per le ore 11 a.m. EDT (le 17 ora italiana) ed ora è stato spostato alle 4 p.m. EDT (le 22 ora italiana). I dirigenti si riuniranno venerdì mattina per decidere come dovranno procedere i preparativi per il TCDT e fare le opportune correzioni se necessarie. Il TCDT fornisce agli astronauti ed al personale a Terra l'opportunità di partecipare a varie simulazioni delle procedure del conteggio alla rovescia, comprese le fasi finali prima del lancio con l'equipaggio posizionato all'interno della navetta. Giovedì le condizioni meteo hanno inoltre impedito ai tecnici di condurre un'ispezione esterna di Endeavour sulla rampa dopo che vi era stato mercoledì il passaggio di violenti temporali nella zona. Nessuno era rimasto ferito e le indicazioni iniziali mostravano che vi erano soltanto alcuni lievi danni alla schiuma protettiva del serbatoio esterno di Endeavour. Nessun altro danno era stato notato ma le squadre di sorveglianza effettueranno un altra ispezione venerdì per verificare che non vi siano ulteriori danni. Il 45° Squadrone Meteo dell'U.S. Air Force ha segnalato che durante il temporale di mercoledì la rampa di lancio ha sostenuto dei venti di circa 90 km/h con punte di quasi 150 km/h. Piccoli vortici sono stati notati vicino alla rampa ed un fulmine ha colpito a circa 700 metri di distanza. Anche in questo caso non vi sono indicazioni di danni dovuti al fulmine ma questo verrà appurato con sicurezza durante il controllo delle squadre alla rampa. Sempre giovedì lo Space Shuttle Program ha tenuto una riunione del FRR (Flight Readiness Review - revisione di prontezza al volo) per la missione STS-134. Dopo la loro dettagliata revisione i responsabili della navetta hanno concluso unanimi di procedere con la prossima FRR dell'agenzia fissata per l'8 aprile prossimo e proseguire per la data del 19 aprile per il lancio della Endeavour per iniziare la missione di 14 giorni alla Stazione Spaziale Internazionale. Nella foto (Credit: NASA/Kim Shiflett ) il cielo tempestoso sopra il VAB (Edificio di Assemblaggio Veicoli) al Kennedy Space Center.

Fonte: NASA

L'astronauta Italiano Roberto Vittori dell'ESA mentre si prepara ad imbarcarsi sulla navetta per la simulazione di lancio 01/04/2011 - L'equipaggio di Endeavour completa la simulazione di lancio - Gli astronauti di Endeavour hanno completato oggi una simulazione realistica della sequenza del conto alla rovescia, indossando le tute spaziali ed accomodandosi all'interno della navetta spaziale ed è culminata con una finta accensione ed uno spegnimento dei tre motori principali a T-4 secondi. Il Comandante Mark Kelly, il Pilota Greg Johnson, l'ingegnere di Volo Roberto Vittori e i tre spacewalker Drew Feustel, Mike Finke e Greg Chamitoff hanno indossato le tute spaziali arancioni e sono usciti dall'edificio equipaggi alle 10.45 a.m. (le 16.45 ora italiana). L'Astrovan (lo speciale camper utilizzato per trasportare gli astronauti fino alla rampa di lancio) ha condotto l'equipaggio ai piedi della rampa di lancio 39A e qui sono entrati all'interno dell'orbiter e sono stati sistemati sui loro sedili per un conto alla rovescia 'a secco', quindi che non comporta il rifornimento di propellente dello shuttle. La parte finale del conteggio ha fatto prendere dimestichezza con una pausa piazzata in un punto intermedio fra T-5 e T-1 minuto, 57 secondi prima per un aborto di lancio alla rampa simulato verso le 2.06 p.m. EDT (le 20.06 ora italiana). Il TCDT (Terminal Countdown Demonstration Test) si è concluso con gli astronauti che sono usciti dalla navetta alle 2.25 p.m. (le 20.25 ora italiana) per una procedura di evacuazione di emergenza di 'Modo 1' e si sono infilati all'interno delle ceste di fuga che si trovano sulla torre di lancio. "Non abbiamo avuto nessun problema. Penso che ogni cosa sia a posto ed ora effettueremo un'allenamento del Modo 1," ha detto Kelly prima di lasciare l'orbiter. Dopo il temporale di giovedì che aveva fatto rinviare la preparazione dei test costrigendo la NASA a riportare indietro il momento del decollo simulato di cinque ore anche se poi i manager avevano riportato il ritardo a soltanto tre ore. "Da tutto l'equipaggio di Endeavour, un grazie per averci permesso di lavorare così presto. So che c'era un sacco di duro lavoro ed abbiamo davvero apprezzato che voi ragazzi siate riusciti a farcela in questo poco tempo. Stiamo per avere la possibilità di tornare a Houston oggi e trascorrere uno dei due ultimi fine settimana con le nostre famiglie. Così apprezziamo veramente ragazzi quello che state facendo per noi," ha comunicato via radio Kelly al team di lancio dopo la prova conclusasi con successo. Ogni equipaggio dello shuttle si sottopone al TCDT prima di ogni lancio previsto. Una volta in Florida gli astronauti trascorrono il tempo imparando le procedure di emergenza, prendendo confidenza con le attrezzature, provano la guida di un veicolo cingolato utilizzato per l'evacuazione della rampa, fanno pratica con l'aereo da addestramento e fanno una visita per vedere il vano di carico della navetta. Gli astronauti torneranno al Kennedy Space Center il 15 aprile per iniziare le attività connesse al vero conto alla rovescia. Il decollo rimane fissato per il 19 aprile alle 7.48 p.m. EDT (le 1.48 ora italiana) per un volo di due settimane per l'installazione dell'esperimento di fisica Alpha Magnetic Spectrometer e un gran numero di pezzi di ricambio per la Stazione Spaziale Internazionale oltre a quattro passeggiate spaziali per il mantenimento e la manutenzione del complesso orbitale. Nella foto (Credit: NASA) l'astronauta Italiano Roberto Vittori dell'ESA mentre si prepara ad imbarcarsi sulla navetta per la simulazione di lancio.

Fonte: SpaceflightNow

04/04/2011 - La NASA sposta il lancio della navetta spaziale Endeavour al 29 aprile - A seguito di discussioni avvenute domenica con i partner della Stazione Spaziale Internazionale, la NASA ha deciso di riprogrammare il lancio della navetta spaziale Endeavour, missione STS-134, per le 3.47 p.m. EDT (le 21.47 ora italiana) di venerdì 29 aprile. Il rinvio rimuove il conflitto di programmazione con un veicolo di rifornimento Russo il cui lancio era previsto per il 27 aprile e che sarebbe giunto alla stazione il 29 aprile. I responsabili della NASA effettueranno una FRR (Flight Readiness Review - una riunione finale prima del lancio) il 19 aprile per controllare la preparazione di tutte le squadre in supporto del lancio. Una data ufficiale sarà resa nota al termine di questa riunione. Con il cargo Progress 41P che lascerà la stazione il 26 aprile ed il nuovo Progress 42P che arriverà alla ISS il giorno seguente la NASA, per sicurezza, non voleva che vi fosse una navetta attraccata durante questa serie di manovre. All'inizio la NASA ha chiesto alla Russia di posticipare il lancio del Progress o almeno di tenerlo in orbita senza attraccare alla stazione fino a che vi fosse lo shuttle. I responsabili Russi hanno risposto che queste alternative non erano possibili dato che sul veicolo cargo in arrivo si trova un esperimento scientifico che non può essere rinviato. E così alla NASA non è rimasto che rinviare di dieci giorni il lancio della navetta in modo che, quando arriverà alla ISS il 1° maggio il Progress sia già attraccato alla stazione. Solo leggeri danni alla schiuma isolante del serbatoio esterno della navetta spaziale Endeavour sono stati identificati durante un'ispezione dettagliata effettuata sabato dai tecnici e dagli ingegneri alla rampa 39A del Kennedy Space Center della NASA in Florida. Le valutazioni indicano che non vi sono stati danni al veicolo spaziale. Le squadre avevano il compito di controllare che non vi fossero danni dopo il forte temporale che aveva colpito il Kennedy mercoledì e giovedì. Oggi gli operai sulla rampa proseguiranno la chiusura della sezione posteriore di Endeavour e caricheranno l'idrazina nelle unità di energia del sistema idraulico dello shuttle.

Fonte: NASA

Fonte: SpaceflightNow

L'astronauta ESA Roberto Vittori e l'astronauta NASA Andrew Feustel durante una sessione nel simulatore. 12/04/2011 - DAMA: la missione di Roberto Vittori sulla Stazione Spaziale - L'astronauta dell'ESA Roberto Vittori volerà con la prossima missione dello Space Shuttle, a fine aprile, per consegnare un grande carico scientifico alla Stazione Spaziale Internazionale, lo Spettrometro Alfa Magnetico (AMS). Per fare un primo piano sulla missione denominata DAMA, l'ESA ha appena lanciato nelle proprie pagine web un sito dedicato. Roberto sarà Specialista di Missione e parte di un team di sei astronauti nell'ultimo viaggio dello Space Shuttle Endeavour. STS-134 è la penultima missione di questo aeroplano dello spazio, e Roberto sarà l'ultimo europeo – e l'ultimo non americano – a volare su questo magnifico veicolo. Il lancio dell'Endeavour è previsto per il 29 aprile. La missione effettuerà le ultime consegne sulla Stazione. L'AMS-02, lo Spettrometro Alfa Magnetico, è un rivelatore di raggi cosmici allo stato dell'arte, disegnato per esaminare gli aspetti fondamentali della materia e le origini dell'universo. AMS-02 non sarà solamente lo strumento scientifico più grande e più complesso installato sulla Stazione, ma anche la più grande collaborazione internazionale su un singolo esperimento nello spazio. Endeavour porterà inoltre il terzo Express Logistic Carrier, che include un paio di antenne di Comunicazione, un serbatoio di ossigeno ad alta pressione, un serbatoio aggiuntivo di raffreddamento di ammoniaca ed un nuovo pezzo per il robot a due braccia Dextre. Serviranno quattro passeggiate spaziali per mettere tutti i pezzi ai loro posti, in quelle che saranno le ultime uscite nello spazio dell'era dello Shuttle. Roberto solleverà l'AMS-02 con il braccio robotico dello Shuttle dalla stiva dello stesso e lo sposterà sulla Stazione in attesa dell'installazione finale. Incontrerà inoltre il suo collega dell'ESA Paolo Nespoli, che è già a bordo con la missione di lunga durata MagISStra. In totale, 12 astronauti condivideranno 10 giorni frenetici sulla Stazione, impegnati con le attività logistiche e scientifiche. La missione DAMA segna un nuovo primato europeo: Roberto è il primo astronauta dell'ESA a volare sulla Stazione Spaziale per la terza volta nella sua carriera. Leggi di più su Roberto e sulla sua missione di 14 giorni con il volo STS-134 su www.esa.int/dama. Nella foto (Credit: NASA) l'astronauta dell'ESA Roberto Vittori e l'astronauta NASA Andrew Feustel durante una sessione nel simulatore.

Fonte: ESA Italy

15/04/2011 - La STS-134 riportata a 14 giorni - I responsabili del programma Space Shuttle hanno deciso di riportare la missione STS-134 della navetta Endeavour a 14 giorni di durata e possibilmente decidere di proseguirla di altri due mentre l'orbiter sarà nello spazio. Il programma aveva deciso mercoledì di estendere la missione di un giorno ma poi i dirigenti hanno determinato nella tarda giornata di ieri di riportare il volo a 14 giorni di durata. Una volta che Endeavour sarà nello spazio i responsabili della missione valuteranno le prestazioni della navetta e gli obiettivi della missionee poi decideranno se aggiungere un altro giorno o due al volo per dare supporto alle operazioni da svolgersi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. La prima opportunità di atterraggio è al Kennedy Space Center venerdì 13 maggio alle 9.28 a.m. EDT (le 15.28 ora italiana). Tutto il programma verrà discusso durante la riunione di martedì prossimo, la FRR (Flight Readiness Review) che si svolgerà al Kennedy. Il lancio, per il momento, rimane fissato per il 29 aprile alle 3.47 p.m. (le 21.47 ora italiana). In alto (Credit: USA) il logo della compagnia United Space Alliance.

Fonte: NASA

19/04/2011 - Confermato il lancio di Endeavour per il 29 aprile - I manager della NASA hanno annunciato oggi, dopo una lunga riunione definita FRR (Flight Readiness Review), che la navetta spaziale Endeavour è pronta per il lancio previsto per la prossima settimana per il suo volo finale verso la Stazione Spaziale Internazionale. L'Endeavour ha il lancio previsto per venerdì 29 aprile alle 3.47 p.m. EDT (le 21.47 ora italiana). ""Abbiamo avuto oggi un'approfondita e ed intensiva revisione", ha detto Bill Gerstenmaier, amministratore associato della NASA per le operazioni spaziali. "Penso che la cosa che mi ha impressionato di più è che la squadra sta continuando a lavorare davvero ai problemi ed a guardare attentamente le prestazioni del veicolo in ogni volo, proprio come dovrebbe accadere durante ogni missione normale. Siamo pronti al volo," ha detto Gerstenmaier. Tutte le analisi e le ispezioni effettuate al serbatoio esterno ET-122 hanno confermato la sua integrità dopo le riparazioni effettuate dopo i danni sostenuti durante l'Uragano Katrina. "Quella di oggi è 'stata veramente una rassegna ben fatta sia dalla prospettiva della stazione che da quella della navetta", ha dichiarato Mike Moses, presidente del Mission Management Team. "Endeavour e il team sono in gran forma". Endeavour verrà lanciato della rampa 39A del Kennedy Space Center in Florida ed il conto alla rovescia inizierà martedì alle 2 p.m. (le 20 ora italiana). "La parte finale della preparazione in rampa per Endeavour stà andando estremamente bene," ha detto Mike Leinbach, direttore di lancio Shuttle. "Sono veramente orgoglioso della squadra e questo ci porterà verso un buon lancio ed un'ottima missione." L'equipaggio di STS-134 arriverà al Kennedy martedì 26 aprile per i preparativi finali.

Fonte: NASA

L'equipaggio di Endeavour appena atterrato al Kennedy Space Center 26/04/2011 - Iniziato il conto alla rovescia per STS-134 - I sei astronauti della missione Endeavour STS-134 per la Stazione Spaziale Internazionale sono ora al Kennedy Space Center in Florida per la loro preparazione prima del lancio. L'equipaggio è arrivato sulla pista Shuttle Landing Facility (SLF) del Kennedy a bordo dei loro jet T-38 alle 12.52 p.m. EDT (le 18.52). Il Comandante Mark Kelly ha fatto un breve annuncio ed ha introdotto il suo equipaggio ai giornalisti che attendevano il loro arrivo sulla SLF. "Siamo felici di essere qui oggi," ha detto Kelly. "Abbiamo avuto la possibilità di dare un'occhiata all'orbiter sulla rampa mentre volavamo qua sopra. E' bello vedere Endeavour pronto a volare di nuovo." Kelly ha poi introdotto l'equipaggio, ha parlato su come sono emozionati di volare con questa missione e della consegna dello speciale carico alla stazione e di come è felice che sua moglie, il membro del Congresso Gabrielle Giffords, possa essere in grado di venire al Kennedy in tempo per il lancio di venerdì. Kelly ed il suo equipaggio hanno poi lasciato la pista dello Shuttle. Nella giornata Kelly ed il Pilota Greg H. Johnson effettueranno delle prove di atterraggio con lo STA (Shuttle Training Aircraft), che è un jet Gulfstream II modificato per comportarsi come la navetta spaziale nella fase di atterraggio. Domani la conferenza stampa pre-lancio è prevista per le 11 a.m. EDT (le 17 ora italiana) e verrà trasmessa in diretta sul NASA TV (www.nasa.gov/ntv). Intanto il conto alla rovescia è iniziato regolarmente alle 2 p.m. EDT (le 20 ora italiana) e, per il momento, l'unico problema potrebbe essere dato dalle condizioni meteo. Infatti l'ufficiale meteorologico per lo Shuttle, Kathy Winters, ha segnalato, durante una conferenza tenuta oggi, che il tempo dovrebbe essere buono per il giorno del lancio e per il carico del propellente nel serbatoio esterno di Endeavour ma che vi sono possibilità di temporali durante la rotazione della struttura di supporto (rotating service structure - RSS) prevista per le 7 p.m. EDT di giovedì (le 1 ora italiana di venerdì). In questo momento vi sono soltanto il 20% di probabilità che le condizioni meteo compromettano il lancio di venerdì a causa del vento, ha riportato la Winters. Il direttore dei test NASA Jeremy Graeber ha segnalato che ogni cosa procede come previsto per il 25° ed ultimo lancio della navetta spaziale Endeavour. "I nostri team qui al Kennedy Space Center e negli altri centri NASA sparsi per il Paese stanno lavorando da oltre un anno per rendere Endeavour pronta per la missione STS-134," ha detto Graeber. "Al momento non stiamo affrontando nessun problema... e nei dieci giorni trascorsi abbiamo completato tutte le fasi principali." Joe Delai, il responsabile del carico utile di STS-134, ha dato una breve presentazione del carico e darà maggiori dettagli durante la riunione prevista per giovedì. "Il carico utile è già stato chiuso per il lancio ed al momento non stiamo lavorando su nessun problema e siamo pronti a supportare il lancio," ha detto Delai. I portelloni della stiva di Endeavour sono stati chiusi oggi. Al momento il lancio è fissato per le 3.47 p.m. EDT di venerdì (le 21.47 ora italiana di venerdì). Nella foto in alto (Credit: NASA) l'equipaggio di STS-134 Endeavour appena atterrato sulla pista del Kennedy Space Center, in Florida. Da sinistra gli Specialisti di Missione Greg Chamitoff e Andrew Feustel, il Commandante Mark Kelly, il Pilota Greg H. Johnson e gli Specialisti di Missione Mike Fincke e l'astronauta Italiano dell'ESA (European Space Agency) Roberto Vittori.

Fonte: NASA

29/04/2011 - Ultime ore prima del lancio di Endeavour - Le squadre di tecnici alla rampa di lancio 39A hanno iniziato l'allontanamento della struttura ruotante di servizio RSS (Rotating Service Structure) da Endeavour alle 11.58 p.m. EDT del 28 aprile (le 5.58 ora italiana del 29 aprile) in preparazione del tentativo di lancio di oggi. Il completamento della ritrazione della RSS è avvenuto circa mezzora dopo. Il team di lancio non sta lavorando, al momento, a nessun problema e vi sono un 70% di possibilità di condizioni meteo accettabili per il momento del lancio. Un commento in diretta per la procedura di riempimento del serbatoio esterno inizierà alle 6.15 a.m. EDT (le 12.15 ora italiana) mentre il collegamento continuo per il lancio inizierà alle 10.30 a.m. EDT (le 16.30 ora italiana). Il lancio di Endeavour, per la sua ultima missione, la STS-134, è previsto per le 3:47:55 p.m. EDT (le 21:47:55 ora italiana). Alcune ore prima dell'apertura della struttura RSS il Kennedy Space Center era stato colpito da un temporale con pioggia e fulmini che ha costretto i tecnici a rinviare l'operazione di alcune ore. Questo però non ha comportato nessun problema con la tabella di marcia del conto alla rovescia che dispone di alcune pause appositamente preparate per poter coprire proprio questo tipo di inconvenienti. Dopo che il temporale è passato squadre di tecnici sono tornate sulla rampa e si sono assicurati che nessun danno fosse stato inflitto al veicolo dal temporale. Nella foto di copertina la navetta Endeavour rimasta scoperta dopo l'apertura della struttura RSS che la proteggeva dagli elementi. Per seguire in diretta sul sito del canale TV della NASA, in originale, le fasi finali del conto alla rovescia collegati qui.
Per seguire in diretta in italiano, sul sito ASI, le fasi finali del conto alla rovescia collegati qui.
Invece qui puoi seguire il lancio sul sito dell'ESA dedicato alla missione DAMA di Roberto Vittori.

La navetta Endeavour sulla rampa a meno di sei ore dal lancio AGGIORNAMENTO ORE 16.00 - Alle 15.30 si è conclusa la fase di riempimento del serbatoio esterno di Endeavour con l'idrogeno e l'ossigeno liquido occorrente per alimentare i tre motori principali della navetta. La delicata fase di rifornimento era iniziata alle 6.22 a.m. EDT (le 12.22 ora italiana) ed è stata completata senza nessun problema alle 9.24 a.m. EDT (le 15.24 ora italiana). Ora due speciali squadre di tecnici della NASA, la Orbiter Closeout Crew e la Finale Ispection Team saranno inviate sulla rampa di lancio per eseguire le loro operazioni. La squadra di chiusura dell'orbiter (OCC) preparerà l'abitacolo della navetta all'ingresso degli astronauti previsto fra un paio d'ore mentre la squadra ispettiva finale (FIT) controllerà l'intero veicolo alla ricerca di formazioni di ghiaccio a seguito del rifornimento con propellenti criogenici. Nella immagine (Credit:NASA/TV) la navetta Endeavour sulla rampa a meno di sei ore dal lancio.

ORE 16.30 - Alle 16.28 il veicolo cargo Russo Progress 42P (M-10M) ha attraccato regolarmente in modo automatico al boccaporto del modulo Pirs della Stazione Spaziale Internazionale mentre le astronavi volavano a circa 354 km sopra la Mongolia dell'est. Questa operazione consente il via libera per il lancio di Endeavour fra circa 5 ore.

ORE 18.19 - LANCIO ANNULLATO - Un problema con una delle tre APU (Auxiliary Power Unit), di Endeavour ha costretto il direttore di lancio Mike Leinbach a dichiarare lo 'scrub' (annullamento) per oggi. Il problema è sorto quando l'equipaggio di STS-134 era già in viaggio verso la rampa di lancio per imbarcarsi sulla navetta. Sulla APU n.1 ha smesso di funzionare una delle due resistenze ed al momento si sta controllando se i termostati hanno causato il problema. Le APU forniscono energia idraulica per muovere le superfici aeree della nave, far scendere il carrello ed orientare gli ugelli dei motori principali e vengono attivate poco prima del momento del lancio e del rientro. I tecnici escludono di poter ritentare il lancio prima di 48 ore, sempre che riescano in tempo a trovare il guasto ed a ripararlo. La prima opportunità sarebbe quindi domenica alle 2.59 p.m. EDT (le 20.59 ora italiana) anche se voci non confermate parlano di 5 giorni. Ulteriori informazioni verranno comunicate più tardi.

Fonti: NASA e SpaceflightNow

La posizione delle 3 APU e dei sistemi associati all'interno di uno shuttle 29/04/2011 - Endeavour: lancio rinviato almeno fino a lunedì - Il direttore di lancio Mike Leinbach ha dichiarato che il lancio di Endeavour non potrà avvenire prima di lunedì alle 2:33 p.m. EDT (le 20.33 ora italiana). Gli ingegneri hanno bisogno di tempo per risolvere il problema che ha provocato il rinvio del lancio previsto oggi. Durante il conto alla rovescia gli ingegneri hanno riscontrato un guasto in una delle due resistenze dei circuiti associati alla Unità Ausiliaria di Potenza (APU - Auxiliary Power Unit) numero 1. Le resistenze servono per evitare che l'idrazina si congeli una volta in orbita. I tentativi di attivare la resistenza non hanno avuto successo e gli ingegneri ora pensano che il problema potrebbe essere associato con il Load Control Assembly, una centralina che si trova nella parte posteriore di Endeavour oppure un corto circuito nei cavi che vanno o vengono dalla centralina. Il serbatoio esterno di Endeavour verrà svuotato ed i tecnici potranno così entrare nel compartimento di poppa di Endeavour stanotte e così domani pomeriggio potranno piazzare una piattaforma di accesso per raggiugere lo scomparto dell'avionica dove è piazzata la Load Control Assembly. Una volta lì i tecnici potranno vedere se dovranno rimuovere e sostituire la centralina od aggiustare i cavi in corto. A causa di questo Leinbach ha dichiarato che vi sarà un minimo di 72 ore di rinvio. GLi ingegneri ed i dirigenti si incontreranno questo pomeriggio per definire ulteriormente le azioni da intraprendere. La NASA ha previsto una conferenza stampa non prima delle 4:30 p.m. EDT (le 22.30 ora italiana) per discutere il rinvio di oggi ed il piano approntato e sarà messa in onda sul NASA/TV (www.nasa.gov/ntv). Disappunto anche per il Presidente degli Stati Uniti Barak Obama che, accompagnato dalla famiglia era arrivato al Kennedy Space Center per assistere al lancio dell'ultima missione della navetta Endeavour. Il Presidente era arrivato in Florida dopo aver visitato l'Alabama colpita dalla serie di tornado che ieri hanno mietuto vittime e provocato milioni di dollari di danni. Dopo il rinvio Obama ha visitato l'hangar OPF-1 (Orbiter Processing Facility) dove si trova la navetta Atlantis in preparazione per il suo ultimo volo previsto a fine giugno e poi ha salutato l'equipaggio della missione STS-134 ed in particolare il Comandante Mark Kelly. Al KSC era presente oggi anche la moglie del Comandante Kelly, il deputato Democratico Gabrielle Giffords, ancora convalescente dall'attentato subito a gennaio. Nel pomeriggio il Presidente e famiglia sono ripartiti dal KSC ed al momento non è stato divulgato se sarà presente al prossimo tentativo di lancio, quando avverrà. Le APU dello shuttle funzionano ad idrazina che bruciando mette in rotazione una turbina che fornisce energia al sistema idraulico della navetta. Benchè lo shuttle possa manovrare anche con la sola energia di una APU, per sicurezza e ridondanza ne sono istallate ben tre a bordo. Nel disegno (Credit: NASA) una APU e la posizione delle 3 APU e dei sistemi associati all'interno di uno shuttle. Evidenziata la APU n.1 e lo scomparto che racchiude l'elettronica e le centraline della APU n.1.

Fonti: NASA

30/04/2011 - I tecnici al lavoro su Endeavour - Varie squadre di tecnici sulla rampa 39A del Kennedy Space Center stanno testando vari sistemi della navetta spaziale Endeavour per determinare le cause del problema sul riscaldatore associato all'unità di potenza ausiliaria numero 1 (APU-1). I tecnici sono entrati all'interno del veicolo spaziale questo pomeriggio ed hanno subito confermato che il fusibile che si trova nel pannello di controllo funziona regolarmente. Le squadre hanno iniziato a testare i termostati associati con il riscaldatore connesso alla tubazione del combustibile della APU. Rapporti iniziali indicano che il termostato che non ha funzionato durante il conto alla rovescia per il lancio di venerdì non va, come ci si aspettava. I team continueranno ulteriori test per capire se il termostato riceve la corrente o se il problema è causato da un'altra parte del sistema. I responsabili non decideranno almeno fino a domenica mattina se sarà possibile un tentativo di lancio lunedì mattina. Il Flight Dynamics del Johnson Space Center della NASA a Houston ha precisato l'esatto momento per il lancio di lunedì; le 2:44:00 p.m. EDT (le 20:44 ora italiana).

Fonti: NASA

Nel disegno è illustrata la posizione delle due LCA all'interno della sezione di poppa di Endeavour 01/05/2011 - Il lancio di Endeavour almeno fino a domenica prossima - Tecnici ed ingegneri al Kennedy Space Center della NASA in Florida stanno avvicinandosi alla causa che ha portato al non funzionamento dei riscaldatori sulle tubazioni di combustibile della APU n.1 della navetta spaziale Endeavour e che venerdì hanno portato al rinvio del primo tentativo di lancio della missione STS-134. A causa del lavoro associato alla risoluzione del problema le squadra di lancio non saranno però in grado di effettuare un nuovo tentativo domani. I team si riuniranno lunedì e si aspettano di decidere una nuova data di lancio 'non prima del' per Endeavour. I tecnici ieri pomeriggio hanno iniziato a testare i vari sistemi associati con i riscaldatori ed hanno proseguito anche nella notte. I risultati dei test indicano che il problema è in una delle scatole di controllo elettronico, la LCA-2 (Load Control Assembly n.2), posta nella parte posteriore del compartimento di Endeavour. I tecnici stanno lavorando a un piano per sostituire la scatola di controllo ed ogni possibile apparecchiatura associata. Il team di lancio sta invece rivedendo le operazioni per il conto alla rovescia. Vi sono numerosi fattori che devono essere considerati ed a seconda del tempo occorrente per la riparazione una nuova data di lancio non potrà avvenire, al pià presto, prima della fine della settimana. I sei astronauti di Endeavour sono intanto rientrati al Centro Spaziale Johnson della NASA a Houston per alcuni giorni di ulteriore addestramento da svolgere prima di ritornare per il prossimo tentativo di lancio. I familiari dell'equipaggio sono oggi anch'essi rientrati nelle loro case. I responsabili della NASA terranno una conferenza stampa di aggiornamento sul NASA TV alle 2 p.m. EDT (le 20 ora italiana). Nel disegno (Credit: Nasaspaceflight) è illustrata la posizione delle due LCA all'interno della sezione di poppa di Endeavour.

AGGIORNAMENTO - Durante la conferenza stampa tenuta questa sera Mike Moses, il capo di Integrazione al Lancio del Programma Space Shuttle, ha dichiarato che è stata identificata quasi sicuramente la causa del guasto nella scatola elettronica LCA-2 e questo ha impedito alla corrente di riscaldare la resistenza durante il conto alla rovescia di venerdì. Il piano è quello di rimuovere e sostituire la scatola, ma questo lavoro impiegherà diversi giorni per essere completato. Una volta che la nuova LCA-2 sarà stata installata la squadra dovrà verificare che funzioni perfettamente, e questo richiederà altri due giorni, ed inoltre eseguire una ricerca per scoprire che cosa si è guastato nella scatola. "Come potete ben capire, tutto questo non potrà essere fatto prima dell'8 maggio," ha detto Moses. "Non possiamo per questo definire oggi una data di lancio. C'è ancora un sacco di lavoro a breve termine che deve essere fatto." Inoltre a Cape Canaveral vi è un razzo vettore Altas 5 con un carico militare il cui lancio è previsto per il 6 maggio e se anch'esso dovesse essere rinviato anche la data dell'8 potrebbe slittare. Inoltre vi è il problema con il rientro della Soyuz che si trova in questo momento attraccata alla ISS ed il cui sgancio è previsto per il 23 maggio, lo stesso giorno in cui sarebbe prevista la stessa operazione per lo shuttle se venisse lanciato il nove. Quindi, se non si riesce ad essere pronti per l'8 maggio la prossima data utile è dal 10 maggio in poi.

Fonti: NASA

02/05/2011 - Lancio di Endeavour non prima del 10 maggio - I responsabili NASA per lo Space Shuttle e della Stazione Spaziale Internazionale si sono riuniti lunedì ed hanno determinato che martedì 10 maggio è la prima data in cui potrebbe essere lanciato Endeavour per la missione STS-134. La data è basata sulle previsioni preliminari dei tempi di sostituzione della Load Control Assembly (LCA) guasta che si trova nel compartimento posteriore dell'orbiter. E' stato deciso inoltre di riunirsi di nuovo venerdì per definire più dettagliatamente la data di lancio dopo che la LCA sia stata rimossa e sostituita e il test di tutti i sistemi completati. Il 10 maggio l'orario di lancio sarebbe alle 11.21 a.m. EDT (le 17.21 ora italiana). Nella foto di copertina un tecnico della NASA al lavoro all'interno del compartimento posteriore di Endeavour.

Fonti: NASA

Un tecnico della NASA mentre sostituisce la scatola elettronica LCA, all'interno del compartimento di poppa di Endeavour 07/05/2011 - Lancio di Endeavour non prima del 16 maggio - I responsabili della NASA hanno riprogrammato il lancio della navetta spaziale Endeavour a non prima di lunedì 16 maggio. Dopo una riunione tenutasi venerdì hanno anche deciso di estendere la missione STS-134 di Endeavour alla Stazione Spaziale Internazionale da 14 a 16 giorni. Se Endeavour verrà lanciata il 16 maggio il decollo avverrà alle 8.56 a.m. EDT (le 14:56 ora italiana). Alle 3 p.m. di lunedì 9 maggio (le 21 ora italiana) il responsabile dell'integrazione al lancio per lo Space Shuttle Mike Moses e il direttore di lancio Mike Leinbach terranno una conferenza stampa al Kennedy Space Center in Florida per discutere i progressi nelle riparazioni fin da quando è stato annullato il lancio di Endeavour del 29 aprile. La conferenza stampa verrà trasmessa in diretta dal NASA/TV e online su www.nasa.gov/ntv. I tecnici del Kennedy proseguono il lavoro per risolvere il problema con il circuito di riscaldamento associato al sistema idraulico di Endeavour che ha costretto a rinviare il lancio. I tecnici hanno determinato che il guasto si trova dentro una scatola di connessioni elettroniche chiamata LCA (load control assembly) che si trova nel compartimento di poppa di Endeavour e forse anche nei cavi associati. Sebbene la causa principale del guasto della scatola elettronica non sia stato individuato, i tecnici hanno sostituito l'apparecchiatura che potrebbe aver causato il problema. La scatola guasta è stata sostituita mercoledì ed i test di tutti e nove i sistemi che vengono gestiti dalla nuova scatola sono in corso. Questo fine settimana i tecnici installeranno e controlleranno un nuovo cablaggio che salterà le connessioni elettriche sospette che collegano la scatola con i riscaldatori. Inoltre verrà eseguita una prova dei riscaldatori per circa 30 minuti per verificare che funzionino regolarmente e completeranno il test completo degli altri sistemi alimentati dalla scatola. La navetta dispone di tre Auxiliary Power Unit (APU) che forniscono l'energia idraulica per poter guidare il veicolo durante l'ascesa ed il rientro. Le condutture del propellente idrazina che alimenta le APU hanno due circuiti di riscaldamento che servono a prevenire il congelamento del propellente mentre la navetta è nello spazio. I criteri di lancio della NASA richiedono che tutte le APU ed i circuiti di riscaldamento siano operativi al momento del lancio. Durante il primo tentativo di lancio di Endeavour uno dei due riscaldatori delle tubazioni della APU n.1 non funzionava. Gli ingegneri hanno confermato che il circuito della scatola originale che inviava l'energia ai riscaldatori era in corto circuito. I tentativi di lancio sono disponibili fino al 26 maggio tranne il 21 che non è possibile perchè porterebbe ad un attracco il giorno 23. Il 23 è infatti il giorno nel quale i tre residenti di Spedizione 27 della stazione si sganceranno e ritorneranno a Terra a bordo della loro Soyuz. I manager stanno ricontrollando tutti i programmi della missione per determinare se l'equipaggio di Endevour è in grado di completare tutti gli obiettivi della missione anche in caso di partenza di tre membri dell'equipaggio della stazione. Nella foto (Credit: NASA) un tecnico della NASA mentre sostituisce la scatola elettronica LCA, all'interno del compartimento di poppa di Endeavour.

Fonti: NASA

10/05/2011 - Oggi chiusura del compartimento di poppa di Endeavour - I tecnici sulla rampa 39A del Kennedy Space Center della NASA proseguono i preparativi per la chiusura del compartimento di poppa di Endeavour e ritrarranno la passerella di accesso al serbatoio esterno. I lavoratori completeranno poi l'installazione e riconnetteranno il veicolo spaziale. Il team proseguirà i preparativi per l'inizio del conto alla rovescia previsto per venerdì. Al Centro Spaziale Johnson della NASA anche l'equipaggio di STS-134 si preparano a tornare giovedì al Kennedy. Il lancio di Endeavour è previsto per lunedì, 16 maggio, alle 8:56 a.m. EDT (le 14:56 ora italiana) per una missione di 16 giorni dedicata alla Stazione Spaziale Internazionale.

Fonti: NASA

12/05/2011 - L'equipaggio di Endeavour di nuovo al Kennedy per l'inizio del countdown - I sei astronauti della missione STS-134 della navetta spaziale Endeavour per la Stazione Spaziale Internazionale sono ora al Kennedy Space Center della NASA in Florida per i loro preparativi pre-lancio. L'equipaggio è atterrato sulla pista della Shuttle Landing Facility (SLF) a bordo dell'aereo di addestramento shuttle alle 9 a.m. EDT (le 15 ora italiana). "E' bello essere tornati," dice Kelly. "Abbiamo molto apprezzato tutto il grande sforzo del team che ha lavorato in questo paio di settimane per rendere pronto Endeavour." Kelly ha poi presentato Greg H. Johnson, il pilota di Endeavour, che ha commentato, "Non potevo immaginare un modo migliore di trascorrere il mio compleanno assieme al mio equipaggio ed essere pronto a volare con Endeavour la prossima settimana. Noi abbiamo un sacco di attenzioni come equipaggio ma i veri eroi sono tutte le persone qui al KSC che supportano la navetta spaziale," ha proseguito Johnson. "E giù il cappello a Dana Hutcherson ed alla sua squadra per aver preparato Endeavour per questo volo e, infine, un ringraziamento speciale alla squadra di APU per tutto il duro lavoro che hanno fatto per noi per poter arrivare a questo punto. Ed anche a Kudos per averlo risolto per farci tornare in pista. Gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Andrew Feustel, Greg Chamitoff e Roberto Vittori, astronauta della European Space Agency, nella sua lingua nativa, hanno avuto l'opportunità di dire alcune parole prima di lasciare la pista dello shuttle. Lo Shuttle Weather Officer, Kathy Winters ha previsto una possibilità del 70% di condizioni meteo positive per il decollo di Endeavour previsto per le 8:56 a.m. EDT (le 14:56 ora italiana) di lunedì. Per domani è previsto una riunione informativa che andrà in onda alle 10 a.m. (le 16 ora italiana) sul NASA/TV e sul sito www.nasa.gov/ntv. In copertina (Credit: NASA/Kim Shiflett) l'equipaggio di Endeavour appena giunto sulla pista del Kennedy Space Center in Florida per i preparativi finali del lancio di Endeavour per STS-134.

Fonti: NASA

14/05/2011 - Il conto alla rovescia per Endeavour procede regolarmente - Le squadre di lancio al Kennedy Space Center della NASA stanno lavorando all'interno dei vari passi principali del conto alla rovescia senza nessun problema che al momento potrebbe rinviare il lancio della navetta spaziale Endeavour previsto per il 16 maggio alle 8:56 a.m. EDT (le 14:56 ora italiana) diretta alla Stazione Spaziale Internazionale. Il conto alla rovescia è entrato in una pausa di 8 ore alle 11 a.m. quando siamo a T-19 ore e riprenderà ancora alle 7 p.m. (le 1 ora italiana del 15 maggio). I tecnici alla rampa di lancio 39A hanno completato il carico dei reagenti criogenici all'interno del serbatoio delle celle a combustibile di Endeavour. I team rimuoveranno l'unità ombelicale che si trova a metà dello scafo dell'orbiter e che è stata utilizzata questo pomeriggio per caricare i propellenti all'interno del sistema di distribuzione dei reagenti. Al momento le condizioni meteo prevedono una 70% di tempo accettabile per il lancio al momento del decollo. Il Mission Management Team si riunirà alle 3 p.m. (le 21 ora italiana) ed il capo dell'MMT e dello Space Shuttle Launch Integration Mananager Mike Moses, il Direttore di Lancio Shuttle Mike Leinbach e l'ufficiale meteo per lo Shuttle Kathy Winters terranno una conferenza stampa alle 4 p.m. che verrà trasmessa in diretta sul NASA/TV e sul web al www.nasa.gov/ntv.

Fonti: Spaceref

15/05/2011 - Aperta la RSS per il lancio di Endeavour - La Struttura Ruotante di Servizio (RSS) posta sulla rampa 39A del Kennedy Space Center della NASA è stata aperta completamente ed allontanata dalla navetta spaziale Endeavour. La RSS ha iniziato a muoversi alle 11:44 a.m. EDT (le 17:44 ora italiana), circa 15 minuti in anticipo sul previsto. La retrazione si è completata alle 12:24 p.m. Proseguono i preparativi finali per il lancio di Endeavour previsto per le 8:56 a.m. EDT di lunedì (le 14:56 ora italiana). Sul cruscotto gli interuttori verranno configurati questa notte, mentre il Comandante Mark Kelly ed il suo equipaggio hanno iniziato il periodo di sonno prima del lancio alle 4 p.m. (le 22 ora italiana). Le celle a combustibile per produrre l'elettricità di bordo saranno attivate alle 5:46 p.m. (le 23:46 ora italiana) ed i responsabili si incontreranno alle 11 p.m. (le 5 ora italiana di lunedì) per dare un 'Go-No go' per il permesso di iniziare il rifornimento del Serbatoio Esterno del Propellente con l'idrogeno e l'ossigeno liquido. La trasmissione dell'operazione del carico del propellente inizierà alle 11:30 p.m. EDT (le 5:30 ora italiana) sul canale televisivo NASA/TV e sul web su www.nasa.gov/ntv. L'operazione di carico del propellente inizierà alle 11:36 p.m. mentre l'equipaggio di Endeavour verrà svegliato alle 12 a.m. di lunedì (le 6 ora italiana). In copertina (Credit: NASA/Frankie Martin) la navetta Endeavour scoperta dopo la rotazione della RSS.

Fonti: Spaceref

La missione giorno per giorno

L'equipaggio di Endeavour saluta poco prima di imbarcarsi sulla navetta 16/05/2011 - IL GIORNO DEL LANCIO

ore 11:23 ora italiana - Gli astronauti della missione STS-134 sono arrivati sulla rampa di lancio 39A del Kennedy Space Center ed ora inizieranno le procedure di imbarco a bordo della navetta spaziale Endeavour aiutati da una squadra di tecnici. Al momento non si riscontrano problemi per il lancio.

ore 12:52 ora italiana - Il portello di Endeavour è stato chiuso e l'equipaggio imbarcato si trova ai loro posti pronto al lancio. La squadra di tecnici che si occupa dell'imbarco dell'equipaggio e della chiusura e sigillo del portello di ingresso sta eseguendo i controlli di tenuta prima di abbandonare la rampa di lancio. Sia la fase di carico del propellente che i riscaldatori delle APU, che avevano avuto un problema durante il primo tentativo di lancio, si sono svolte regolarmente ed al momento non vi sono problemi che possano impedire il lancio previsto per le 14:56:28 ora italiana. Nella foto a destra (Credit: NASA) l'equipaggio di Endeavour saluta i giornalisti poco prima di imbarcarsi sul pulmino che li porterà sulla rampa di lancio.

ore 12:59 ora italiana - La squadra di imbarco ha riportato un danno ad una mattonella del rivestimento termico della navetta che si trova nelle vicinanze del portello e gli ingegneri stanno iniziando a discutere la situazione.

ore 13:06 ora italiana - La squadra di imbarco effettuerà una riparazione volante della mattonella scheggiata che si trova vicino al portello di Endeavour. Una procedura simile venne eseguita con successo anche durante il conto alla rovescia di STS-133. La mattonella ha perso una piccola porzione dello strato nero che la ricopre ed ha scoperto il materiale bianco di cui è composta. Per la riparazione verrà utilizzato uno speciale kit a disposizione dei tecnici sulla rampa. Gli ingegneri non hanno, per il momento, considerato il problema grave e non dovrebbe avere impatto sul conto alla rovescia.

La squadra di tecnici che ha effettuato la riparazione sull'ammaccatura dell'Endeavour ore 13:11 ora italiana - La squadra di imbarco ha riparato con successo la piccola scheggiatura di una mattonella del rivestimento termico che si trova vicino al portello di ingresso di Endeavour. Il conto alla rovescia prosegue regolarmente mentre le condizioni meteo continuano ad essere 70% favorevoli al lancio. Nella foto a destra (Credit: NASA/TV) la squadra di tecnici che ha effettuato la riparazione sull'ammaccatura dell'Endeavour.

ore 14:00 ora italiana - Il conto alla rovescia è ora a T-15 minuti e procede regolarmente. Anche le condizioni meteo sono 'go' per il lancio. Il conteggio entrerà di nuovo in pausa programmata a T-9 minuti per la durata di 40 minuti e 28 secondi. Questa sarà l'ultima pausa nel countdown prima del lancio previsto per le 14:56 ora italiana.

ore 14:07 ora italiana - Il conto alla rovescia è ora in pausa a T-9 minuti. Le condizioni meteo sono ancora 'go' per il lancio. Il conteggio riprenderà fra 40 minuti e 28 secondi. Questa è l'ultima pausa nel countdown prima del lancio previsto per le 14:56 ora italiana. Durante questa pausa il Direttore di Lancio Mike Leinbach eseguirà una chiamata di ogni postazione di controllo per richiedere il 'go-no go' per il via al lancio. Solo dopo questa fase, e se tutte le postazioni avranno risposto 'go' (via) verrà dato l'ok definitivo al lancio.

ore 14:29 ora italiana - Il conto alla rovescia è ancora in pausa a T-9 minuti. Al momento del lancio la Stazione Spaziale Internazionale starà sorvolando la Nuova Scozia a circa 354 km di altezza. Con il decollo alle 8:56 a.m. EDT (le 14:56 ora italiana) la navetta Endeavour sarà in grado di raggiungere ed attraccare con la ISS a due giorni da adesso. La missione sarà della durata di 16 giorni ed il rientro è previsto per le 2:30 a.m. (le 8:30 ora italiana) del 1° giugno.

ore 14:43 ora italiana - Il Direttore di Lancio Mike Leinbach ha eseguito la chiamata alle postazioni di lancio del Kennedy Space Center e tutte hanno dato il 'go' per il lancio. Leinbach ha poi chiamato il Comandante Kelly e gli ha comunicato che sono pronti per far volare Endeavour per l'ultima volta. Kelly ha ringraziato ed ha avuto parole di elogio per tutta la NASA che ha reso possibile questo volo.

ore 14:47 ora italiana - Il conteggio alla rovescia ha ricominciato a scorrere da T-9 minuti. Durante i prossimi nove minuti dovranno accadere diverse cose a partire dalla ritrazione della passarella di accesso che collega l'orbiter alla rampa di lancio e che gli astronauti hanno attraversato per raggiungere il portello della navetta. Intanto inizieranno anche i test con il sistema di comunicazione della navetta e quelli che coinvolgono i motori principali.

ore 14:51 ora italiana - Avviate le tre APU di Endeavour. Conteggio a T-5 minuti.

Decollo della missione STS-134 ore 14:56:28 ora italiana - Decollo di Endeavour per la sua 25° ed ultima missione nello spazio. Nell'immagine (Credit: NASA/TV) il decollo di Endeavour.

ore 14:58 ora italiana - Distacco dei due booster a combustibile solido. Ora Endeavour prosegue il suo volo per mezzo dei tre motori principali alimentati dal serbatoio esterno.

ore 15:05 ora italiana - MECO regolare (spegnimento dei tre motori principali di Endeavour) e distacco del serbatoio esterno. Endeavour è ora in orbita attorno alla Terra con un'orbita preliminare che dovrà essere aggiustata nelle prossime ore. Si conclude così la nostra diretta del lancio di STS-134. Grazie a tutti quelli che mi hanno seguito. Seguite la pagina dedicata alla missione STS-134 con tutti gli aggiornamenti, le foto e le notizie giorno per giorno della missione.

Fonti: Spaceref - Spaceflightnow - NASA

16/05/2011 - Giorno 1 - Con un nuovo strumento scientifico che potrebbe incrementare la comprensione del nostro universo all'interno del vano di carico, Endeavour è stato lanciato verso la Stazione Spaziale Internazionale per la sua ultima missione in un fresco lunedì mattina. La navetta ed il suo equipaggio di sei membri è decollato dal Kennedy Space Center per una missione di due settimane alle 7:56 a.m. CDT (le 14:56 ora italiana). A bordo si trova l'Alpha Magnetic Spectrometer-2 (AMS) del peso di 6.800 kg. e del costo di 2 miliardi di dollari, ed un pianale carico di pezzi di ricambio. Diverse centinaia di migliaia di persone sono arrivate nell'area del Kennedy per vedere il lancio di lunedì. Stime ufficiali parlano di circa la metà della folla che si trovava il 29 aprile per il primo tentativo di lancio che venne poi annullato a causa di un problema tecnico. Il Comadante Mark Kelly, il Pilota Greg H. Johnson e gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Roberto Vittori, Andrew Feustel e Greg Chamitoff hanno il loro arrivo ed aggancio con la stazione previsto per mercoledì. Il pianale di parti di ricambio, l'Express Logistic Carrier 3, verrà installato sulla stazione appena dopo l'aggancio utilizzando i bracci robotici della navetta e della ISS. Fra i vari pezzi di ricambio si trova un serbatoio di ammonicaca, un serbatoio ad alta pressione di idrogeno, due antenne in banda S e 10 fusibili. L'AMS verrà installato roboticamente sulla stazione il giorno seguente l'attracco di Endeavour. Esso ha un magnete ed otto sofisticati sensori che forniscono informazioni sulla carica delle particelle e potrebbe rispondere alle domande sulla materia oscura e sull'antimateria. Durante i quasi 12 giorni di premanenza di Endeavour alla stazione Feustel, Chamitoff e Finke effettueranno quattro passeggiate spaziali per l'installazione e la manutenzione. Essi si alterneranno lavorando a due alla volta durante le attività extraveicolari che avranno una durata di circa 6,5 ore ognuna. A bordo della stazione attendono di dare il benvenuto a Endeavour ed al suo equipaggio vi sono il Comandante della stazione di Spedizione 27 Dmitry Kondratyev e gli Ingegneri di Volo, Paolo Nespoli, Cady Coleman, Andrey Borisenko, Alexander Samokutyaev e Ron Garan. STS-134 è il 134esimo volo di uno shuttle, il 25°volo di Endeavour e la 36° missione di una navetta spaziale dedicata all'assemblaggio ed alla manutenzione della stazione. Il prossimo rapporto della missione shuttle verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #01

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DEL PRIMO GIORNO DELLA MISSIONE:



Il braccio robotico della navetta spaziale Endeavour mentre aggancia l'estensione OBSS 17/05/2011 - Giorno 2 - I sei membri dell'equipaggio di Endeavour si sono svegliati ed hanno affrontato il loro primo giorno completo nello spazio. Le attività dell'equipaggio si sono concentrate sull'ispezione standard dell'orbiter e sui vari preparativi per l'attracco con la Stazione Spaziale Internazionale. L'equipaggio è stato svegliato alle 10:56 p.m. CDT di lunedì (le 5:56 ora italiana di martedì) con il brano musicale 'Beautiful Day' degli U2 e dedicata al Comandante Mark Kelly. L'ispezione, della durata prevista di sei ore, alle parti critiche del sistema di protezione della navetta, come il bordo di attacco alare in carbonio rinforzato e del muso di Endeavour. L'Orbiter Boom Sensor System, l'estensione lunga 15 metri del braccio robotico della navetta, è stata prelevata per l'ispezione dagli Specialisti di Missione Mike Finke e Roberto Vittori. Finke, il Pilota Greg Johnson e lo Specialista di Missione Andrew Feustel hanno iniziato dando un'occhiata all'ala di sinistra alle 2:40 a.m. (le 10:40 ora italiana). Subito dopo è stata eseguita l'ispezione del muso con Finke, Feustel e lo Specialista di Missione Greg Chamitoff ai comandi del braccio ed infine si è concluso con l'ala destra con ai comandi Johnson, Vittori e Chamitoff. L'OBSS è stato riposto poco prima delle 8 a.m. (le 15 ora italiana). Vittori e Johnson hanno poi agganciato il braccio robotico sull'Express Logistic Carrier 3 in preparazione alla sua installazione che avverrà appena dopo l'arrivo alla stazione. Roberto Vittori e Mike Finke sul ponte di volo di Endeavour Il programma prevede che l'Endeavour attracchi alla Stazione Spaziale Internazionale alle 5:15 a.m. (le 11:15 ora italiana) di mercoledì. Fincke e Feustel hanno trascorso diverse ore preparando le tute spaziali che verranno trasferite nel modulo di decompressione Quest da dove le quattro attività extraveicolari della missione verranno effettuate. La passeggiata spaziale cercherà, attraverso una serie di differenti attività, di lasciare la Stazione Spaziale Internazionale nella migliore forma possibile dopo il ritiro della flotta delle navette spaziali. Feustel ha completato il controllo dell'attrezzatura Sensor Test for Orion Rel-nav Risk Mitigation, o STORRM. Il sistema che vola a bordo di Endeavour esaminerà le tecnologie di vari tipi di sensori che potrebbero rendere più semplice l'attracco dei futuri veicoli spaziali alla Stazione Spaziale Internazionale. L'apparecchiatura raccoglierà dati durante il rendezvous e l'attracco della navetta alla stazione, durante l'undocking nominale ed ancora durante un ultimo rendezvous appositamente dedicato. Le attività di oggi hanno visto anche i preparativi per il rendezvous e l'attracco, compresa l'installazione della camera di puntamento che si trova nel sistema di aggancio dell'orbiter, l'estensione dell'anello del sistema di attracco ed il controllo delle varie attrezzature per il rendezvous. L'equipaggio inizierà il periodo di sonno appena prima le 2 p.m. (le 21 ora italiana). Il prossimo rapporto missione dello shuttle verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. L'equipaggio verrà svegliato alle 9:56 p.m. CDT di martedì (le 4:56 ora italiana di mercoledì). Nella foto a sinistra (Credit: NASA TV) il braccio robotico della navetta spaziale Endeavour mentre aggancia l'estensione OBSS. Nell'immagine a destra (Credit: NASA TV) gli Specialisti di Missione Roberto Vittori e Mike Fincke sul ponte di volo di Endeavour.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #02 - STS-134 MCC Status Report #03

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA SECONDA GIORNATA DI MISSIONE:



Endeavour fotografata dalla ISS durante la manovra capriola Endeavour fotografata dalla ISS durante la manovra capriola 18/05/2011 - Giorno 3 - L'equipaggio di Endeavour è stato svegliato alle 9:56 p.m. CDT (le 4:56 ora italiana) con il brano musicale 'Drops of Jupiter', un brano della banda Train e dedicato al Pilota Greg Johnson che ha assistito Kelly con le operazioni di avvicinamento ed attracco. Endeavour ha attraccato con la Stazione Spaziale Internazionale alle 5:14 a.m. CDT (le 12:14 ora italiana) di mercoledì, portando con se uno strumento scientifico avanzatissimo che potrebbe darci le risposte alle domande fondamentali sul nostro universo, forse portando alla luce la materia oscura e l'antimateria. Sempre nel vano di carico si trova anche l'Express Logistic Carrier 3 (ELC3), una piattaforma di carico piena di parti di ricambio per la stazione. La navetta Endeavour ha inoltre portato ulteriori attrezzature ed equipaggiamenti, esperimenti e rifornimenti per il laboratorio orbitante. L'aggancio è andato come previsto. Mentre la navetta si avvicinava lentamente alla stazione, entrambi i veicoli spaziali viaggiavano a 28.000 km/h, si è fermata a circa 200 metri sotto ed alle 4:15 a.m. (le 11:15 ora italiana) ha eseguito la capriola prevista. Nespoli, Coleman e Kondratyev, utilizzando teleobiettivi da 400mm, 800mm e 1000mm, hanno eseguito numerose fotografie del sistema di protezione termico dello shuttle. Oltre 500 immagini sono state inviate al controllo missione. Gli esperti stanno ancora continuando l'analisi delle immagini per determinare se è necessaria una ulteriore ispezione. Kelly, con l'aiuto di Johnson e di altri membri dell'equipaggio, hanno poi manovrato lo shuttle ad un punto a circa 90 metri di fronte alla stazione. Da qui hanno portato Endeavour al suo 12° ed ultimo attracco alla Stazione Spaziale Internazionale. Durante questa operazione un sistema elettronico avanzato chiamato STORRM (Sensor Test for Orion Rel-nav Risk Mitigation) ha raccolto dati che aiuteranno le manovre di attracco di future navi spaziali alla stazione. Questo sistema verrà inoltre testato ancora durante lo sgancio della navetta e un suo test successivo di avvicinamento. I portelli fra i due veicoli sono stati aperti alle 6:38 a.m. (le 13:38 ora italiana) permettendo all'equipaggio di Endeavour, composto dal Comandante Mark Kelly, il Pilota Greg H. Johnson e gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Roberto Vittori, Andrew Feustel e Greg Chamitoff, di entrare nella stazione. I calorosi saluti fra i due equipaggi al momento dell'apertura dei portelli Dopo una calorosa cerimonia di benvenuto da parte dell'equipaggio di Spedizione 27 della stazione, composto dal Comandante Dmitry Kondratyev e dagli Ingegneri di Volo Paolo Nespoli, Cady Coleman, Andrey Borisenko, Alexander Samokutyaev e Ron Garan, gli astronauti di Endeavour hanno effettuato la consueta riunione sulla sicurezza di bordo. Fincke e Vittori hanno utilizzato il braccio robotico dello shuttle per prelevare l'ELC3 dalla stiva di Endeavour e lo hanno passato al braccio Canadarm2 della stazione, manovrato da Johnson e Chamitoff che lo hanno installato roboticamente al punto 3 del traliccio sinistro della stazione. Questa operazione è stata completata alle 11:18 a.m. (le 18:18 ora italiana). Intanto Fincke e Feustel hanno trasferito le tute spaziali, che verranno utilizzate nelle quattro 'passeggiate spaziali' previste durante la permanenza di Endeavour alla stazione nel modulo di decompressione Quest. I due, assieme a Chamitoff, si alterneranno in squadre di due uomini per le escursioni all'esterno, della durata di circa 6,5 ore ognuna, dove effettueranno lavori di manutenzione e installazione di attrezzature. La prima EVA è prevista per venerdì. L'astronauta Ron Garan, di Spedizione 27, allineerà il suo periodo di sonno con quello dell'equipaggio della navetta, mentre Kondratyev, Coleman e Nespoli passeranno il tempo a supportare le attività della navetta spaziale e si prepareranno per il distacco ed il ritorno verso la Terra il 23 maggio. Prima di partire Kondratyev passerà il comando della stazione a Andrey Borisenko, che rimarrà sulla stazione assieme ad Alexander Samokutyaev e Garan e resterà un trio fino a che il resto dell'equipaggio di Spedizione 28 non arriverà il 9 giugno. Kelly ha trasferito ossigeno da Endeavour alla stazione ed ha iniziato a spostare il materiale nel laboratorio orbitante. Per giovedì è previsto che gli astronauti installino l'Alpha Magnetic Spectrometer-2, del costo di 2 miliardi di dollari e del peso di circa 6.800 kg, un sistema avanzatissimo di sensori di particelle, sul traliccio di destra n.3. Ci si attende che questo automaticamente invii informazioni agli scienziati sulla Terra per tutta la durata della vita operativa della stazione spaziale. l'equipaggio si è recato a dormire alle 1:56 p.m. (le 20:56 ora italiana). Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. Nelle foto in alto (Credit: NASA - ISS027-E-032252) la navetta Endeavour ripresa dall'equipaggio della ISS durante la manovra di rotazione, effettuata prima dell'attracco. Nella foto a destra (Credit: NASA TV) i calorosi saluti fra i due equipaggi al momento dell'apertura dei portelli

Fonte: STS-134 MCC Status Report #04 - STS-134 MCC Status Report #05

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA TERZA GIORNATA DI MISSIONE:



AMS-2 mentre viene spostato dalla stiva di Endeavour e portato sulla ISS 19/05/2011 - Giorno 4 - Uno strumento che cerca di riunire l'astronomia e la fisica delle alte energie, per darci una migliore comprensione del nostro universo, è stato installato sulla Stazione Spaziale Internazionale giovedì dagli astronauti della navetta spaziale Endeavour. L'equipaggio di Endeavour e l'Ingegnere di Volo di Spedizione 27 Ron Garan, che ha impostato i suoi orari con quelli dell'equipaggio dello shuttle, sono stati svegliati alle 9:56 p.m. (le 4:56 ora italiana). La sveglia è stata data con la canzone 'Luna' eseguita da Jose Serrano per il suo amico Chamitoff, è stata trasmessa trenta minuti dopo a causa di un problema alle comunicazioni. Durante la notte gli esperti robotici nel Controllo Missione hanno spostato il Mobile Trasporter della stazione dal lato finale sinistro del traliccio a quello destro per preparare lo spostamento di AMS-2. L'aggancio dell'AMS-2 (Alpha Magnetic Spectrometer-2), del costo di 2 miliardi di dollari e del peso di 6,8 tonnellate sopra il segmento 3 del traliccio principale destro è stato confermato alle 4:46 a.m. CDT (le 11:46 ora italiana) dal Pilota di Endeavour Greg Johnson e dallo Specialista di Missione Greg Chamitoff che manovravano il Canadarm2 della stazione. Precedentemente gli Specialisti di Missione Andrew Feustel e Roberto Vittori avevano utilizzato il braccio della navetta per prelevare AMS dalla stiva di Endeavour e passarlo al braccio della stazione. Il traliccio sarà la casa dello strumento per tutta la vita prevista della stazione, quindi almeno fino al 2020. Lo strumento è capace di registrare 25.000 particelle cosmiche al secondo e può inviare sei megabit di dati al secondo. Il progetto AMS coinvolge 600 scienziati e tecnici di 56 istituzioni e 16 Nazioni diverse. Dopo i primi controlli preliminari i membri del team nel controllo missione sono stati in grado di vedere rapidamente una gran mole di dati in arrivo dai sensori. L'equipaggio di Endeavour riceve i complimenti dell'operazione con AMS dal Professor Ting Il Professor Samuel Ting del Massachusetts Institute of Technology, che è a capo del progetto, si è congratulato con i membri dell'equipaggio via radio dalla sala di controllo volo della stazione che si trova nel Centro Controllo Missione. Ting ha ringraziato per la sicura consegna dello strumento alla stazione ed ha aggiunto che il loro lavoro:"ci porta un passo più vicino a realizzare i potenziali scientifici di AMS." Il Professor Ting fa i suoi complimenti all'equipaggio di EndeavourIntanto gli esperti a Terra proseguono le analisi sulle circa 500 immagini prese da Dmitry Kondratyev, Paolo Nespoli e Cady Coleman di Spedizione 27 dalla stazione al sistema di protezione termico durante la giravolta compiuta dalla navetta in avvicinamento alla stazione. Diverse aree delle piastrelle di protezione termica hanno mostrato dei piccoli danni. Le squadre stanno facendo i piani per poter condurre sabato un'ispezione aggiuntiva e localizzata ai punti di interesse dello scudo termico di Endeavour. Una decisione finale, se l'ispezione sarà necessaria o meno, si attende per domani. Feustel e Chamitoff inizieranno la loro prima passeggiata spaziale, delle quattro previste nella missione, alle 2:15 a.m. di venerdì (le 9:15 ora italiana). I due spacewalker e Mike Fincke, che fungerà da coordinatore interno per aiutarli nelle loro attività, hanno trascorso circa un'ora giovedì mattina preparando le attrezzature occorrenti per l'EVA. Le tute spaziali occorrenti per le quattro EVA sono state fra le prime cose che sono state trasferite dallo shuttle alla stazione dopo l'attracco e l'apertura dei portelli. Più tardi tutti i membri dell'equipaggio di Endeavour hanno trascorso un'altra ora a ricontrollare le procedure dell'attività extraveicolare. Feustel e Chamitoff trascorreranno la notte nel modulo di decompressione Quest. La ridotta pressione dell'aria durante il 'campeggio' (come viene scherzosamente chiamata la procedura) abbassa il contenuto di azoto nel sangue e riduce così la possibilità di embolia. Fra i compiti dell'EVA n.1 vi è il recupero di un esperimento che ha esposto per lungo tempo dei materiali all'esterno e l'installazione di un altro, l'installazione di un faretto sulla linea di binari della stazione e la preparazione per l'aggiunta di ammoniaca al sistema di raffreddamento e l'installazione di un'antenna. Alle 5:10 a.m. (le 12:10 ora italiana) il Comandante di Endeavour Mark Kelly, Johnson, e gli Specialisti di Missione Feustel, Fincke e l'Ingegnere di Volo Ron Garan, hanno risposto alle domande del moderatore Miles O'Brien da Google e da PBS NewsHour. All'incirca alle 9 a.m. (le 16 ora italiana) Kelly e l'Ingegnere di Volo Cady Coleman hanno parlato con i giornalisti della National Public Radio, Associated Press, Reuters e Fox News. L'equipaggio si è recato a dormire alle 1:26 p.m. (le 19:26 ora italiana). Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo il risveglio degli astronauti o prima se necessario. Nella foto in alto (Credit: NASA TV) AMS-2 mentre viene spostato dalla stiva di Endeavour verso la ISS. Nell'immagine a sinistra (Credit:NASA TV) l'equipaggio di Endeavour mentre riceve i complimenti per l'operazione di installazione di AMS-2 dal Professor Ting. A destra il Professor Ting durante il colloquio con la ISS.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #06 - STS-134 MCC Status Report #07

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA QUARTA GIORNATA DI MISSIONE:



La navetta spaziale Endeavour, attraccata alla ISS, sorvola l'Italia del sud 20/05/2011 - Giorno 5 - La sveglia dell'equipaggio della navetta è arrivata alle 9:30 p.m. CDT di giovedì (le 4:30 ora italiana di venerdì ) con la canzone “We All Do What We Can Do.”. La canzone è stata dedicata a Fincke da un ingegnere del sistema di protezione termico dello shuttle Dan Kennan e dall'ingegnere di rampa del Kennedy Space Center, Kenny McLaughlin. I due specialisti dello shuttle hanno scritto la canzone in onore di quelli che hanno aiutato a rendere il programma spaziale un successo. Gli astronauti di Endeavour hanno completato venerdì una passeggiata spaziale della durata di 6 ore e 19 minuti all'esterno della Stazione Spaziale Internazionale rimuovendo esperimenti sui materiali, installandone un altro ed installando un'antenna. Inoltre gli Specialisti di Missione Andrew Feustel e Greg Chamitoff hanno installato un faretto sulle rotaie della stazione, settato un'attrezzatura per il rabbocco di ammoniaca nel sistema di raffreddamento ed installato una copertura su un giunto ruotante dei pannelli solari. Lo Specialista di Missione Mike Fincke ha servito come ufficiale intraveicolare, coordinando dall'interno della stazione i due spacewalker nei loro compiti. L'astronauta Steve Swanson, anche lui veterano di quattro EVA si trovava nella sala di controllo di volo della stazione al Centro Controllo Missione e serviva da capcom per la passeggiata spaziale. Il Comandante Mark Kelly eseguiva riprese fotografiche e video. Feustel e Chamitoff hanno lavorato per prima cosa a sconnettere i cavi elettrici ed i bulloni che fissavano il Materials International Space Station Experiments (MISSE) 7A e 7B dalla piattaforma Express Logistic Carrier 2 che si trova sul traliccio destro della stazione. Il contenitore delle dimensioni di una piccola valigia, era aperto ed esponeva piccoli campioni di numerosi materiali alle estreme condizioni dello spazio, dove erano stati installati nel novembre 2009 dalla missione STS-129. Feustel ha installato e connesso lì il nuovo esperimento MISSE 8 mentre Chamitoff si spostava per l'installazione delle luci sul vagoncino Crew Equipement Traslation Aid (CETA), che si trova sulle rotaie del traliccio al segmento S3. Poi i due astronauti installavano una copertura sul giunto di rotazione alpha dei pannelli solari di destra. Il giunto permette ai pannelli solari di ruotare seguendo il Sole. Lavorando assieme hanno installato un cavo e sfiatato azoto da un altro circuito. Questo lavoro è in preparazione dell'aggiunta di ammoniaca al circuito di raffreddamento fotovoltaico P6 che verrà eseguito durante la prossima passeggiata spaziale, la seconda delle quattro previste nella missione, da Feustel e Fincke. Il circuito del P6 ha una piccola perdita. Per quasi la maggior parte dell'EVA Feustel e Chamitoff l'hanno trascorsa spostandosi per installare e connettere le antenne dell' External Wireless Communication L'astronauta Feustel mentre lavora alla sostituzione degli esperimenti MISSE System. Le antenne sono integrate in due passamano di scorta. Chamitoff ha installato uno di questi sul laboratorio USA Destiny mentre Feustel sistemava i cavi. Assieme i due astronauti hanno poi lavorato a connettere i cavi. Un problema con il livello dell'anidride carbonica registrato dai sensori della tuta di Chamitoff ha causato un cambiamento di piani per l'ultima parte della passeggiata. La rimozione di uno scudo per micrometeoriti per accedere ad alcuni cavi di connessione è stato rinviato per assicurare che Chamitoff potesse rientrare nel modulo di decompressione prima possibile. Non vi erano informazioni che i livelli dell'anidride carbonica nella sua tuta fossero saliti ma, senza informazioni dai sensori, i controllori di volo hanno deciso una misura precauzionale. L'attività extraveicolare è terminata alle 8:29 a.m. CDT (le 15:29 ora italiana), un pò prima di quanto previsto. La passeggiata spaziale di venerdì è stata la quarta per Feustel e la prima per Chamitoff. Si è trattato della 156esima EVA per l'assemblaggio e la manutenzione della stazione e la 245° degli astronauti USA. Il Pilota Greg Johnson e lo Specialista di Missione Roberto Vittori hanno trascorso quasi tutto il tempo dell'attività extraveicolare a trasferire attrezzature e rifornimenti dal ponte mediano di Endeavour alla stazione. Il Mission Management Team ha deciso infine di procedere sabato mattina con un'ispezione aggiuntiva di uno dei siti danneggiati della parte inferiore di Endeavour. Il posto si trova fra il portello del carrello principale destro e il portello di disconnesione del serbatoio esterno. Il braccio robotico della navetta verrà utilizzato per abbassare l'Orbiter Boom Sensor System sopra l'ala e al di sotto, a circa 1,8 metri dal punto danneggiato e riprendere tre immagini digitali e due dati con il sistema laser. Nello stesso momento il braccio robotico della stazione verrà posizionato sull'altro lato di Endeavour con un punto vantaggioso per guardare sotto verso l'orbiter e fornire immagini video per la distanza di sicurezza. Gli esperti utilizzeranno quresti dati per dare una vista tridimensionale che mostrerà che cosa è esposto e quale profondità per avere un'idea migliore delle dimensioni della cavità ed analizzare come potrà reagire al rientro. Il resto dello scudo termico di Endeavour è stato dichiarato sicuro per la fase di rientro dai danni di detriti in fase di ascesa. Il prossimo rapporto sulla missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio, o prima se necessario. Nella foto in alto (Credit: NASA - ISS027E034563) la navetta spaziale Endeavour, attraccata alla ISS, mentre sorvola l'Italia del sud. Nella foto a destra (Credit: NASA - S134-E-007611) l''astronauta Feustel mentre lavora alla sostituzione degli esperimenti MISSE.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #08 - STS-134 MCC Status Report #09

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA QUINTA GIORNATA DI MISSIONE:



La navetta spaziale Endeavour, attraccata alla ISS, nella notte orbitale 21/05/2011 - Giorno 6 - L'equipaggio di Endeavour con il Comandante Mark Kelly, il Pilota Greg Johnson e gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Greg Chamitoff, Roberto Vittori e Andrew Feustel e l'Ingegnere di Volo di Spedizione 27 Ron Garan, sono stati svegliati alle 8:26 p.m. CDT (le 3:26 ora italiana di sabato) con il brano musicale "In View" eseguito dai Tragically Hip e dedicata a Feustel. I rimanenti membri dell'equipaggio di Spedizione 27, compreso il Comandante Dmitry Kondratyev e gli Ingegneri di Volo Andrey Borisenko, Cady Coleman, Alexander Samokutyaev e Paolo Nespoli si sono svegliati alle 1:01 a.m. (le 8:01 ora italiana). I responsabili della missione hanno dichiarato che il sistema di protezione termico di Endeavour è sicuro per il rientro dopo le analisi dei dati e delle immagini inviate dopo l'ispezione finalizzata, avvenuta di primo mattino, delle piastrelle. Una conversazione con il Papa, l'ispezione ulteriore e la preparazione per la passeggiata spaziale sono stati gli eventi principali di oggi a bordo della navetta spaziale e della Stazione Spaziale Internazionale. L'equipaggio di Endeavour si è ritrovato, nel modulo Kibo della stazione, assieme all'equipaggio di Spedizione 27 della ISS per una conversazione con il Papa Benedetto XVI alle 6:11 a.m. CDT (le 13:11 ora italiana). Gli equipaggi riuniti di Endeavour e della ISS durante la conversazione con il Santo Padre Il Papa, introdotto all'equipaggio da Thomas Reiter, astronauta e direttore del volo spaziale umano dell'European Space Agency, ha chiesto agli equipaggi sulla loro visione e pensieri sulla Terra. Inoltre ha chiesto quale messaggio riporteranno sulla Terra dallo spazio e su che cosa hanno riflettuto durante la loro permanenza nello spazio. L'ispezione finalizzata è iniziata alle 2:35 a.m. (le 9:35 ora italiana) utilizzando il Canadarm della navetta e l'Orbiter Boom Sensor System, Johnson, Fincke e Vittori hanno dato un'occhiata ravvicinata all'area interessata che si trova fra il portello del carrello principale destro e il boccaporto di disconnessione del serbatoio esterno. Durante l'ispezione sono state prese immagini dettagliate e scansioni tridimensionali dell'area e l'operazione si è conclusa alle 3:30 a.m. circa. I dati e le immagini sono state inviate a Terra per essere analizzate dagli esperti. La passeggiata spaziale di domenica di Feustel e Fincke comprende diversi compiti, compreso un rabbocco di ammoniaca nel circuito di raffreddamento, lubrificare il giunto Solar Alpha Rotary Joint e lavorare sullo Special Purpose Dexterous Manipolator (DEXTRE) per installare una copertura di una telecamera e lubrificare i vari snodi. Feustel, Fincke e Chamitoff hanno lavorato per circa due ore a riconfigurare gli attrezzi per l'attività extraveicolare. Quasi alla fine della giornata tutti i membri dei due equipaggi si sono riuniti per rivedere le procedure della passeggiata spaziale. Feustel e Fincke trascorreranno la notte nel modulo di decompressione Quest con una ridotta pressione atmosferica per ripulire il loro sangue dall'azoto e ridurre la possibilità di narcosi da azoto all'interno delle loro tute spaziali a bassa pressione. Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. Nella foto a sinistra (Credit: NASA - S134-E-008186) la navetta spaziale Endeavour, attraccata alla ISS, nella notte orbitale. Nella immagine a destra (Credit: NASA TV) gli equipaggi riuniti di Endeavour e della ISS durante la conversazione con il Santo Padre.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #010 - STS-134 MCC Status Report #011

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA SESTA GIORNATA DI MISSIONE:



Roberto Vittori e Paolo Nespoli assieme sulla ISS 22/05/2011 - Giorno 7 - Andrew Feustel e Mike Finke, i due spacewalker di oggi, assieme ai loro compagni d'equipaggio dello shuttle e Ron Garan dell'equipaggio della stazione spaziale, sono stati svegliati alle 8:27 p.m. CDT di sabato (le 3:27 ora italiana di domenica) con il brano musicale "Il Mio Pensiero" eseguito da Ligabue e dedicato a Roberto Vittori. Quella di oggi si è trasformata in una lunga giornata per i due spacewalker all'esterno della Stazione Spaziale Internazionale che hanno lavorato per completare tutti i compiti a loro assegnati. Sabato pomeriggio, dopo aver completato una revisione sulle immagini dell'ispezione finalizzata, lo Space Shuttle Program Mission Management Team ha annunciato che il sistema di protezione termico di Endeavour è sicuro per il veicolo per il rientro. Gli Specialisti di Missione Feustel e Fincke hanno completato la loro passeggiata spaziale, lunga ben 8 ore e 7 minuti, alle 9:12 a.m. CDT (le 16:12 ora italiana). Fra i compiti principali il rabbocco di ammoniaca nel circuito di raffreddamento, la lubrificazione di un giunto dei pannelli solari sul traliccio sinistro e una delle mani di Dextre, uno dei bracci robotici del Canadarm della stazione, e l'installazione di travi di stivaggio nei pressi del centro del traliccio principale. Il primo compito era fare un ponticello di un cavo fra il sistema di ammoniaca del circuito di raffreddamento sul segmento del traliccio del lato sinistro, fra il segmento P3 ed il P4. Fatto questo i due si sono spostati per fare un rabbocco di 2 kg nel circuito, che ha una capacità di 25 litri, a causa di una piccola perdita nel sistema di raffreddamento nel segmento P6. Completato questo Fincke si è mosso verso il giunto dei pannelli solari di sinistra, quello che permette ai pannelli solari di seguire il Sole, ed hanno iniziato a rimuovere la copertura sul giunto in modo da poter lubrificare il suo anello ruotante. Dopo alcune difficoltà - un bullone che teneva la copertura è andato perso - il controllo missione ha deciso che sarebbero state rimosse soltanto quattro coperture delle sei originariamente previste. Dopo che Fincke ha eseguito due delle lubrificazioni previste sull'anello, i controllori di volo hanno iniziato una lenta rotazione dell'intero pannello in modo da spandere il lubrificante sull'intero anello. Durante questa rotazione i due spacewalker hanno ripristinato i cavi che fungevano da ponticelli alla loro posizione originaria. Feustel e Fincke nel momento in cui escono dal boccaporto di Quest per iniziare l'EVA n.2 Il prossimo compito di Feustel è stata l'installazione di una copertura di una telecamera su Dextre, anche conosciuto come Special Purpose Dexterous Manipulator, e lubrificare una delle mani del robot. Il Pilota di Endeavour Greg Johnson e l'Ingegnere di Volo della stazione Cady Coleman hanno utilizzato il Canadarm2 per portare Dextre da Feustel. La Coleman era nell'ultimo giorno completo a bordo della stazione prima del suo ritorno previsto sulla Terra lunedì con i suoi colleghi membri dell'equipaggio di Spedizione 27, il Comandante Dmitry Kondratyev e l'Ingegnere di Volo Paolo Nespoli. Fincke ha installato due barre di ancoraggio radiatori sul segmento del traliccio S1 di sinistra. Una volta completata la parziale rotazione del pannello solare, Fincke e Feustel sono ritornati al giunto per dare un secondo giro di lubrificante. Dopo di questo hanno rimesso tre delle quattro coperture del giunto. Il quarto è stato riportato nel modulo di decompressione e verrà installato più tardi. L'ufficiale intraveicolare, che coordinava i due spacewalker nello loro attività extraveicolare, era Greg Chamitoff che ha partecipato alla sua prima passeggiata spaziale e che dovrà effettuare la quarta ed ultima EVA della missione. L'astronauta Steve Swanson era il capcom per la passeggiata spaziale e si trovava nella sala controllo del volo della stazione del Centro Controllo Missione di Houston. Il Comandante Mark Kelly parlava con gli spacewalker e documentava il giorno con foto e video. La passeggiata spaziale era la quinta per Feustel e la settima per Fincke - le precedenti sei sono avvenute con le tute Russe. Questa di oggi era la 175esima EVA per l'assemblaggio e manutenzione della stazione e la 246esima effettuata da astronauti USA. Johnson sabato ha effettuato circa tre ore di lavoro di stivaggio mentre lo Specialista di Missione Roberto Vittori ha trascorso gran parte del pomeriggio nel trasferire attrezzature e rifornimenti fra Endeavour e la stazione e poi sistemandoli. Alle 10:31 a.m. (le 17:31 ora italiana) Dmitry Kondratyev, che è stato il Comandante di Spedizione 27 a bordo della Stazione Spaziale, ha condotto il cambio cerimoniale di comando con Andrey Borisienko, che comanderà la Spedizione 28. Kondratyev , l'Ingegnere di Volo dell'Agenzia Spaziale Europea Paolo Nespoli e la Coleman ritorneranno sulla Terra lunedì notte all'interno della loro capsula Soyuz TMA-20 che era stata lanciata verso la stazione il 15 dicembre. La Spedizione 28 inizierà ufficialmente al momento dello sgancio della Soyuz. Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. Nella foto in alto a sinistra (Credit: NASA S134-E-008358) i due Italiani Roberto Vittori e Paolo Nespoli a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Da notare la maglietta della squadra di calcio dell'Inter indossata da Nespoli. Nella foto in alto a destra Feustel e Fincke nel momento in cui escono dal boccaporto di Quest per iniziare l'EVA n.2.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #12 - STS-134 MCC Status Report #13

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA SETTIMA GIORNATA DI MISSIONE:



Roberto Vittori e Paolo Nespoli mostrano la bandiera Italiana al Presidente Napolitano 23/05/2011 - Giorno 8 - L'equipaggio della navetta spaziale Endavour si è preso oggi un po di riposo. Dopo diversi giorni di intensa attività robotica, l'installazione di nuove attrezzature e due passeggiate spaziali, l'equipaggio ha goduto di una buona parte di tempo libero. Intanto tre residenti della stazione spaziale si sono preparati per rientrare a casa. L'equipaggio della navetta e l'Ingegnere di Volo di Spedizione 27 Ron Garan sono stati svegliati alle 9 p.m. CDT di domenica (le 4 ora italiana di lunedì) con la canzone “Times Like These” dei Foo Fighters e dedicata allo Specialista di Missione Andrew Feustel. Il Comandante Mark Kelly e lo Specialista di Missione Mike Fincke hanno risposto domenica sera alle domande di alcuni bambini fra i circa 400 riuniti nella scuola elementare di Mesa Verde di Tucson, in Arizona. Anche l'astronauta Lee Morin si trovava nella scuola per rispondere alle domande. Morin ha volato con la navetta spaziale Atlantis nella missione STS-110 nel 2002, eseguendo due passeggiate spaziali durante le quali il braccio robotico della stazione è stato utilizzato per la prima volta per spostare gli astronauti attorno alla stazione. Nel corso della giornata, alcuni membri dell'equipaggio di Endeavour hanno effettuato dei colloqui privati con esperti in attività extraveicolari del Centro Controllo Missione (MCC). La chiaccherata era una ripassata delle attività svolte durante la seconda passeggiata spaziale effettuata domenica. Per Endeavour hanno partecipato gli spacewalker Andrew Feustel e Mike Fincke, l'ufficiale intraveicolare di coordinamento Greg Chamitoff e il Comandnante Kelly. Alle 8:30 circa (le 15:30 ora italiana) lo Specialista di Missione Roberto Vittori ed il suo connazionale Italiano Paolo Nespoli hanno parlato in Italiano con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che si trovava a Roma. Nel primo pomeriggio gli astronauti di Endeavour hanno salutato metà dei loro colleghi della Stazione Spaziale Internazionale e i membri di Spedizione 27 si sono preparati per il ritorno sulla Terra. Il Comandante Dmitry Kondratyev e gli Ingegneri di Volo Paolo Nespoli e Cady Coleman hanno salutato i loro colleghi ed hanno chiuso il portello della loro capsula spaziale Soyuz TMA-20 alle 1:45 p.m. (le 20:45 ora italiana). Questo è accaduto circa due ore dopo che era iniziato il periodo di sonno per l'equipaggio di Endeavour. Lo sgancio della capsula Russa è previsto per le 4:35 p.m. (le 23:35 ora italiana). La Soyuz si fermerà poi a circa 200 metri permettendo a Nespoli di riprendere le immagini della stazione e di Endeavour attraccata, prima di allontanarsi dall'area. L'atterraggio dei tre astronauti è previsto per le 9:26 p.m. (le 4:26 ora italiana di martedì mattina) nelle steppe del Kazakhstan. Nella immagine in alto (Credit: NASA TV) Roberto Vittori e Paolo Nespoli mostrano la bandiera Italiana al Presidente Napolitano durante il collegamento con Roma in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #14 - STS-134 MCC Status Report #15

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA OTTAVA GIORNATA DI MISSIONE:



Gli astronauti Mike Fincke e Andrew Feustel 24/05/2011 - Giorno 9 - Gli equipaggi combinati di Endeavour e della Stazione Spaziale Internazionale sono ora ridotti a nove dopo la partenza della prima Soyuz nella storia mentre una navetta spaziale era agganciata alla stazione. Dopo la partenza avvenuta alle 4:35 p.m. CDT (le 23:35 ora italiana) è stata compiuta una sessione fotografica senza precedenti dalla Soyuz che ha documentato l'intero complesso orbitale di oltre 450 tonnellate mentre la navetta era ancora agganciata, ed alla stazione veniva impartita una leggera rotazione per facilitare il fotografo. Con l'ex Comandante della stazione Dmitry Kondratyev ai comandi manuali del veicolo spaziale, l'astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea Paolo Nespoli è salito nel modulo abitativo della Soyuz ed ha documentato la vista della stazione e della navetta da una distanza di circa 200 metri. L'astronauta della NASA Cady Coleman rientra anche lei a casa a bordo della Soyuz, il cui atterraggio è previsto in Kazakhstan alle 9:26 p.m. (le 4:26 ora italiana). L'equipaggio di Endeavour, ed ora l'Ingegnere di Volo di Spedizione 28 Ron Garan, sono stati svegliati alle 7:26 p.m. CDT (le 2:26 ora italiana di martedì) con la canzone "Svegliarsi la Mattina" del duo Italiano Zero Assoluto, inviato specialmente per lo Specialista di Missione Italiano Roberto Vittori. Gran parte della giornata è trascorsa per l'equipaggio con i preparativi per la terza passeggiata spaziale, la manutenzione della stazione e la riparazione. La passeggiata spaziale, degli Specialisti di Missione Andrew Feustel e Mike Fincke, è prevista per le 12:46 a.m. CDT (le 7:46 ora italiana) di mercoledì. Fra i compiti previsti c'è l'installazione di un punto di ancoraggio di dati ed energia sul modulo Zvezda per servire come un'altra base per il Canadarm2 della stazione. Inoltre i due installeranno un cavo per portare l'energia elettrica a Zarya dal segmento degli Stati Uniti della stazione ed installeranno un convertitore di segnali video su Zarya. Inoltre è prevista la completa installazione dei cavi per un sistema di comunicazioni senza cavi, un compito che era stato rinviato durante la prima passeggiata spaziale di venerdì. Martedì i due spacewalker e Greg Chamitoff, il loro ufficiale intraveicolare, hanno configurato i loro attrezzi. Più tardi nella giornata tutti i membri dell'equipaggio si sono riuniti per ripassare le procedure della passeggiata spaziale. Verrà utilizzata una nuova procedura per favorire l'uscita dell'azoto dal sangue dei due Spacewalker, eseguendo un leggero esercizio con una tuta e che consiste nell'alzare le gambe e le braccia mentre la si indossa per circa 50 minuti seguita da altri 50 minuti nel resto della tuta. Questo protocollo elimina il bisogno della procedura di 'campeggio' notturno e fa risparmiare l'ossigeno. Appena dopo la sveglia, Fincke, con l'aiuto dell'Ingegnere di Volo della stazione Ron Garan, hanno sostituito un modulo di controllo di energia, essenzialmente una scatola di fusibili che permettono di trasferire i file al suolo. Alcuni dati di esperimenti sono stati danneggiati ma molti altri possono essere immagazzinati per una trasmissione successiva. Nello stesso momento il Comandante di Endeavour Mark Kelly ha lavorato per sostituire un filtro essiccante nell'attrezzatura di rimozione dell'anidride carbonica della stazione. Più avanti nella giornata lavorativa Fincke e Chamitoff hanno sostituito un elemento del sistema di generazione dell'ossigeno. Gli astronauti dell'Endeavour si sono poi presi un paio di ore di tempo libero. Appena prima di mezzanotte il Pilota Greg Johnson e Chamitoff hanno parlato con i rappresentanti dei media con due stazioni di San Francisco, la KPIX-TV e la KGO-TV, e la KFBK Radio di Sacramento. Circa alle 5:45 a.m. (le 12:45 ora italiana) Kelly, Fincke e Chamitoff hanno risposto alle domande dei giornalisti di The Daily, NewsRadio 1020 KDHA di Pittsburgh,la KTRK-TV di Houston e il Tribune-Review di Pittsburg. Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se neessario. Nella foto in alto (Credit: S134-E-008462) i due spacewalker Fincke e Feustel che prendono uno spuntino.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #16 - STS-134 MCC Status Report #17

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA NONA GIORNATA DI MISSIONE:



Un momento della passeggiata spaziale di oggi 25/05/2011 - Giorno 10 - Un'altra giornata di attività extraveicolare è stato l'evento principale di oggi per l'equipaggio di Endeavour. Gli equipaggi di Endeavour e di Spedizione 28 sono stati svegliati alle 6:56 p.m. CDT (le 1:56 ora italiana di mercoledì) con la canzone “Real World” dei Matchbox 20 e dedicata al Pilota della navetta Greg Johnson. Appena dopo la sveglia l'equipaggio si è concentrato sui preparativi per la passeggiata spaziale. Gli Specialisti di Missione Drew Feustel e Mike Fincke hanno testato una nuova procedura prima di avventurarsi nell'attività extraveicolare. Di norma gli spacewalker trascorrono la notte precedente dormendo chiusi nel modulo di decompressione con un'atmosfera a pressione ridotta. La nuova procedura invece, In-Suit Light Exercises (ISLE) permette ai membri dell'equipaggio di dormire nella configurazione normale. Dopo la sveglia i partecipanti hanno respirato ossigeno puro per un'ora alla pressione abbassata a 4,6 kg per 6,4 cm2. I due hanno poi indossato le loro tute spaziali ed hanno iniziato una serie di esercizi leggeri, come muovere le gambe, e questo per 50 minuti in modo da aumentare il loro metabolismo e ripulire il loro corpo dall'azoto nel sangue. La EVA n.3 è iniziata poco dopo le 1 a.m. (le 8 ora italiana) quando i due astronauti sono usciti dal boccaporto del modulo Quest. Il primo compito di oggi, quello principale della passeggiata spaziale, è stata l'installazione di un punto di ancoraggio con connessioni elettriche e di dati per il braccio robotico Canadarm2 sul modulo Russo Zarya. In questo modo anche il segmento Russo della stazione potrà usufruire delle operazioni robotiche. Il braccio infatti può agganciare la sua parte finale sul nuovo punto di ancoraggio e rilasciare quello precedente che diventa così la parte finale. In pratica il braccio funziona allo stesso modo, sia come ancoraggio che come manipolazione, da entrambi i lati ed in questo modo, che ricorda un pò quello di un verme, spostarsi da un punto di ancoraggio all'altro fra quelli installati sui moduli della stazione. Dopo aver installato il punto di ancoraggio i due spacewalker hanno sistemato anche un cavo per fornire l'energia alla nuova base operativa del braccio. Dopo i due hanno installato un convertitore di segnali video su Zarya e dispiegato dei cavi elettrici dal segmento USA a Zarya. Questo fornirà un sistema di riserva per la fornitura di energia elettrica dai pannelli solari al segmento Russo. Fuestel e Fincke hanno poi completato un lavoro iniziato nella prima passeggiata spaziale, finendo di sistemare un sistema di comunicazioni con antenne wireless. Il lavoro venne rinviato a causa del malfunzionamento di uno dei filtri dell'anidride carbonica che causa un accorciamento della passeggiata spaziale di venerdì scorso. I due spacewalker hanno poi fatto delle foto del lavoro eseguito e dei razzetti di assetto di Zarya, ed alcune riprese video all'infrarosso di un esperimento che prevede una vernice con qualità termiche variabili. Lo Specialista di Missione Greg Chamitoff ha svolto il compito di ufficiale Fincke e Feustel ripresi durante la passeggiata spaziale di oggi intraveicolare mentre l'astronauta Steve Swanson fungeva da capcom della passeggiata spaziale all'interno della sala di controllo del volo della stazione. Il Comandante di Endeavour Mike Kelly ha eseguito una documentazione foto e video dell'EVA. La passeggiata spaziale è terminata alle 7:37 a.m. CDT (le 14:37 ora italiana) dopo 6 ore e 54 minuti, quando è iniziata la ripressurizzazione del modulo di decompressione. Quella di oggi è stata la sesta EVA per Feustel e l'ottava per Fincke. Si è trattato della 247° passeggiata spaziale USA. La passeggiata spaziale di oggi ha portato il tempo totale per l'assemblaggio e la manutenzione della stazione a 995 ore e 13 minuti effettuati in 158 attività extraveicolari. La quarta EVA della missione, prevista per venerdì mattina, dovrebbe portare il totale a superare le 1.000 ore. Si tratterà anche dell'ultima passeggiata spaziale effettuata da membri dell'equipaggio di una navetta spaziale, infatti una EVA prevista durante la missione finale della navetta, la STS-135, verrà eseguita da residenti della stazione. In giornata il Pilota Greg Johnson e lo Specialista di Missione Roberto Vittori hanno trascorso gran parte del tempo a stivare attrezzature e rifornimenti. L'Ingegnere di Volo Ron Garan ha invece aiutato nelle operazioni successive alla passeggiata spaziale mentre il Commandante Andrey Borisenko e l'Ingegnere di Volo Alexander Samokutyaev hanno eseguito lavori di manutenzione delle attrezzature della stazione. Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. Nell'immagine in alto (Credit: NASA TV) gli astronauti durante la passeggiata spaziale di oggi. Nell'immagine a destra (Credit: NASA - S134-E-008966) Fincke e Feustel ripresi durante la passeggiata spaziale di oggi.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #18 - STS-134 MCC Status Report #19

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA DECIMA GIORNATA DI MISSIONE:



Fincke e Garan ripresi durante una pausa nel lavoro sulla ISS 26/05/2011 - Giorno 11 - Gli equipaggi della Stazione Spaziale Intenazionale e della navetta Endeavour hanno proseguito oggi una varietà di attività che vanno dall'ispezione del veicolo alla preparazione dell'ultima passeggiata spaziale fino alla partecipazione ad una conferenza stampa congiunta. L'equipaggio di Endeavour e di Spedizione 28 sono stati svegliati alle 6:56 p.m. (le 1:56 ora italiana di giovedì) con la canzone 'Countdown' del complesso canadese Rush e dedicata allo Specialista di Missione Mike Fincke. Fincke ha descritto come il suo amico Greg Shurtz e l'impiegato della NASA Ken Fischer hanno scelto la canzone la cui scrittura è stata ispirata all'album 'Signal' dopo aver assistito al lancio di STS-1. Fincke ha detto che la canzone è stata suonata come un tributo al programma space shuttle che ha ispirato le persone di tutto il mondo. Gran parte della giornata è poi trascorsa con l'ispezione finale alla navetta spaziale. Questa è una procedura precauzionale di routine per controllare che non vi siano danni avvenuti allo scudo termico durante il periodo trascorso agganciata alla stazione, sebbene questa sia eseguita di solito dopo l'abbandono della stazione. In questo caso, dato che l'OBSS (Orbiter Boom Sensor System) utilizzato verrà lasciato sulla stazione è necessario eseguire l'ispezione mentre i due veicoli sono ancora agganciati assieme. L'estensione OBSS sarà così disponibile per essere utilizzato dal Canadarm2 della stazione. Il Pilota Greg Johnson e gli Specialisti di Missione Fincke e Andrew Feustel hanno utilizzato il braccio robotico della navetta con agganciato all'estremità la prolunga OBSS per ispezionare l'ala destra. Gli Specialisti Roberto Vittori e Greg Chamitoff hanno dato un'occhiata al muso dello shuttle mentre Johnson, Vittori e Chamitoff hanno completato l'ispezione controllando l'ala sinistra. L'operazione è terminata alle 1:16 a.m. CDT (le 8:16 ora italiana) e le immagini ottenute durante l'ispezione sono state inviate sulla Terra dove verranno esaminate dagli esperti. L'equipaggio di STS-134 fotografato all'interno del modulo Giapponese Kibo durante una pausa nel lavoro sulla ISS Fincke e Chamitoff, che eseguiranno la passeggiata spaziale di domani, inizierà alle 11:45 p.m. (le 18:45 ora italiana). Feustel, che ha partecipato alle tre prime attività extraveicolari, ha aiutato la preparazione delle tute spaziali e la configurazione degli attrezzi. Per domani Feustel fungerà da ufficiale intraveicolare per la passeggiata spaziale. L'intero equipaggio si è poi riunito per una revisione delle procedure dell'EVA. Fincke e Chamitoff trascorreranno la notte con la pressione ridotta nel modulo di decompressione Quest per ridurre la percentuale di azoto nel sangue. Il protocollo di esercizi leggeri con la tuta spaziale, utilizzato con successo per lo stesso scopo prima della terza passeggiata spaziale, non può essere impiegato per la quarta a causa della maggiore richiesta di utilizzo di sistemi di rimozione dell'anidride carbonica. Il sensore di anidride carbonica nella tuta di Chamitoff si era guastato durante la prima passeggiata nello spazio. Il campout è un approccio più conservativo, dando agli astronauti ulteriori 40 minuti di capacità di filtraggio dell'anidride carbonica, e fa parte del piano di pre-volo per l'ultima passeggiata spaziale. Fra gli obiettivi della passeggiata spaziale n.3 vi è la sistemazione della prolunga sul traliccio della stazione e la sostituzione di un punto di ancoraggio con allacciamenti elettrici con uno che ospita anche i cavi dei dati oltre al lavoro con pezzi di ricambio per il braccio di Dextre, lo Special Purpose Dexterous Manipulator Canadese e completare l'installazione del nuovo punto di ancoraggio del Canadarm2 sul modulo Zarya. Verso le 10 p.m. di mercoledì (le 5 ora italiana di giovedì) Kelly ha parlato con i rappresentanti di quattro stazioni televisive di Tucson, Arizona. Poco dopo le 4:40 a.m. (le 11:40 ora italiana) gli equipaggi della navetta e della stazione hanno tenuto una tradizionale conferenza stampa comune. Il prossimo rapporto sulla missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. Nella foto in alto (Credit: NASA - ISS028-E-005114) gli astronauti Fincke e Garan ripresi durante una pausa dei lavori sulla ISS. Nella foto a destra (Credit: NASA - ISS028-E-005612) l'equipaggio di STS-134 fotografato all'interno del modulo Giapponese Kibo durante una pausa nel lavoro sulla ISS. Fincke e Chamitoff,

Fonte: STS-134 MCC Status Report #20 - STS-134 MCC Status Report #21

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA UNDICESIMA GIORNATA DI MISSIONE:



Fincke fotografato dal collega Garan mentre lavora sul traliccio della ISS, sullo sfondo la navetta attraccata 27/05/2011 - Giorno 12 - L'equipaggio della navetta spaziale Endeavour e quello di Spedizione 28 è stato svegliato alle 6:58 p.m. CDT (le 1:58 ora italiana di venerdì) con una versione arrangiata di “Fun, Fun, Fun” con un testo appositamente dedicato allo shuttle e dedicato a tutti e sei i membri dell'equipaggio di STS-134. Oggi è stata eseguita la quarta ed ultima passeggiata spaziale della missione ad opera degli astronauti Mike Fincke e Greg Chamitoff. Si è trattato anche dell'ultima EVA eseguita da astronauti di una missione shuttle. Fincke e Chamitoff hanno iniziato la EVA n.4 alle 11:46 p.m. (le 6:46 ora italiana) ed il primo compito è stato quello di spostare la prolunga OBSS (Orbiter Boom Sensor System) dalla stiva della navetta alla sua posizione definitiva sul traliccio principale della stazione. Lo spostamento è stato completato quando il braccio robotico Canadarm2 della stazione ha assicurato l'OBSS al segmento S1 del traliccio della ISS, erano le 12:42 a.m. CDT (le 7:42 ora italiana). Il Pilota di Endeavour, Greg Johnson e l'Ingegnere di Volo Ron Garan si trovavano nella Cupola ai comandi del braccio ed hanno spostato la prolunga, della lunghezza di circa 15 metri, ai due spacewalker che l'hanno poi bloccata ed assicurata al traliccio. Da quel momento l'OBSS ha cambiato anche nome; ora si chiama ufficialmente 'ISS boom assembly'. Dopo questa operazione i due spacewalker hanno prelevato un punto mobile di ancoraggio con trasmissione dati ed energia dalla parte terminale sinistra del traliccio e lo hanno portato verso la prolunga. E' stato rimosso il blocco elettrico di volo, con il quale veniva utilizzato con il braccio della navetta, e lo hanno sostuito con il punto di ancoraggio mobile che avevano preso. Questa connessione permetterà al Canadarm2 di agganciarsi alla parte terminale della prolunga ed utilizzare questa estensione qualora ve ne sia bisogno. Dopo che è stato sostituito il punto di ancoraggio la prolunga ha cambiato nuovamente nome; ora è diventata 'enhanced ISS boom assembly', un nome che fra breve verrà semplificato. L'ultima operazione fra quelle principali di oggi è stata un lavoro su Dextre, lo speciale manipolatore, parte della suite robotica Canadese che comprende i bracci robotici della navetta Chamitoff fotografato dal collega Fincke mentre lavora sul traliccio della ISS durante la quarta EVA della missione e della stazione. I due spacewalker si sono recati alla piattaforma ELC3 (Express Logistic Carrier 3) che si trova sul traliccio, hanno rimosso i fermi di sicurezza che vengono fissati per il lancio su un braccio di ricambio dell'attrezzatura robotica portato su da Endeavour. Una volta completata questa operazione Fincke e Chamitoff hanno iniziato le procedure standard di sistemazione e poi sono tornati all'interno del modulo di decompressione Quest dove hanno iniziato la ripressurizzazione alle 6:39 a.m. (le 13:39 ora italiana) segnando la fine della passeggiata spaziale durata 7 ore e 24 minuti. Andrew Feustel, che aveva partecipato alle prime tre EVA, dava il suo supporto a Fincke e Chamitoff fungendo da ufficiale intraveicolare. L'stronauta Steve Swanson era il capcom per la passeggiata spaziale dalla sala di controllo di volo della stazione. Il Comandante Mark Kelly eseguiva la documentazione con foto e video. Questa di venerdì, oltre ad essere l'ultima passeggiata spaziale prevista da astronauti dello Shuttle, segnava anche un altro importante giorno: Alle 4:02 a.m. (le 11:02 ora italiana) Fincke e Chamitoff completavano la 1000esima ora di attività extraveicolare per l'assemblaggio e la manutenzione della stazione. Anche per Fincke era un momento importante dal punto di vista personale. Circa alle 7 p.m. di venerdì sera (le 2 ora italiana di sabato) Mike diventava l'astronauta degli USA con il maggior tempo trascorso nello spazio, oltre 377 giorni, comprese due missioni di lunga durata sulla stazione. Con questo Fincke sorpassa la Peggy Whitson, ora a capo dell'Ufficio Astronauti. Intanto il Comandante di Spedizione 28 della ISS, Andrey Borisenko e gli Ingegneri di Volo Ron Garan e Alexander Samokutyaev hanno proseguito con le operazioni di manutenzione della stazione e di supporto alle attività dell'equipaggio della navetta. Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. Nella foto (Credit: NASA - ISS028-E-005630) l'astronauta Fincke fotografato dal collega Garan mentre lavora sul traliccio della ISS, sullo sfondo la navetta attraccata alla stazione. Nella foto a destra (Credit: NASA - ISS028-E-005662) l'astronauta Chamitoff fotografato dal collega Fincke mentre lavora sul traliccio della ISS durante la quarta EVA della missione.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #22 - STS-134 MCC Status Report #23

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA DODICESIMA GIORNATA DI MISSIONE:



Fincke lavora al CDRA nel modulo laboratorio Kibo 28/05/2011 - Giorno 13 - L'equipaggio dello Space Shuttle e di Spedizione 28 sono stati svegliati alle 7:01 p.m. CDT (le 2:01 ora italiana di sabato) con la canzone “Will You Carry Me?” eseguita da Michael FitzPatrick. FitzPatrick è un controllore di volo che si occupa da oltre 20 anni della parte elettrica, meccanica, ambientale e dei generi di consumo al Johnson Space Center della NASA ed ha seguito 80 missioni. Le tre tute spaziali utilizzate durante le quattro passeggiate spaziali della missione sono state riconfigurate dal Comandante di Endeavour Mark Kelly e dallo Specialista di Missione Andrew Feustel. Durante la mattina l'equipaggio ha preparato due delle tute per il ritorno sulla Terra con Endeavour. La terza tuta è stata aggiustata per poter essere indossata dall'Ingegnere di Volo Ron Garan. Garan e Mike Fossum, che arriverà a bordo della stazione con una Soyuz ai primi di giugno e fungerà da Ingegnere di Volo, effettueranno una passeggiata spaziale durante la visita di Atlantis per STS-135, l'ultimo volo della navetta. Gli Specialisti di Missione Mike Fincke e Greg Chamitoff hanno trascorso gran parte della giornata lavorando sul sistema di filtraggio dell'anidride carbonica, sostituendo un filtro assorbente nell'apparecchiatura chiamata Carbon Dioxide Removal Assembly (CDRA). L'operazione avrebbe dovuto durare circa quattro ore con tempo ulteriore per rimontare l'apparecchiatura ma la complessità del lavoro e le difficoltà incontrate hanno causato un allungamento dei tempi. Feustel e lo Specialisti di Missione Roberto Vittori hanno lavorato per circa quattro ore a spostare attrezzature e rifornimenti. Il lavoro di trasferimento è in anticipo sul previsto ed è quasi completato tranne un oggetto che va caricato all'ultimo momento perchè deve essere refrigerato. Kelly ed il Pilota Greg Johnson si sono occcupati dello studio della lunghezza spinale. L'importanza dello studio è venuta alla ribalta durante la passeggiata spaziale di venerdì. Chamitoff aveva avuto dei problemi a posizionare i suoi piedi nell'apposito fermo perchè. ha creduto, le gambe della sua tuta spaziale erano leggermente troppo lunghe. Apparentemente non è cresciuto così tanto nello spazio come era stato previsto. Nelle prime ore del mattino, circa verso le 9:15 p.m. (le 4:15 ora italiana) Kelly, Johnson e Garan hanno parlato con gli studenti delle scuole medie, i professori ed altri presenti alla Università dell'Arizona a Tucson. Alle 7:45 a.m. (le 14:45 ora italiana) di sabato Johnson ha risposto alle domande dei rappresentanti di Gannet, Houston’s KPRC-TV e la Voice of America. I membri dell'equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale, il Comandante Andrey Borisenko e l'Ingegnere di Volo Alexander Samokutyaev hanno proseguito con i lavori a supporto della manutenzione della stazione. Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. Nella foto (Credit: NASA - ISS028-E-005981) Fincke lavora al CDRA nel modulo laboratorio Kibo.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #24 - STS-134 MCC Status Report #25

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA TREDICESIMA GIORNATA DI MISSIONE:



Chamitoff lavora al CDRA nel modulo laboratorio Kibo 29/05/2011 - Giorno 14 - Gli equipaggi della navetta spaziale Endeavour e della Stazione Spaziale Internazionale sono stati svegliati alle 6:56 p.m. CDT (le 1:56 ora italiana) con il brano musicale “Galaxy Song” eseguito da Clint Black e dedicato all'intero equipaggio dal team della sala di controllo. Gran parte della giornata è stata dedicata alla preparazione della partenza di Endeavour. Fra le varie attività le foto degli equipaggi assieme, i saluti e la chiusura dei portelli alle 6:23 a.m. CDT di domenica (le 13:23 ora italiana). Il Comandante di Endeavour, Mark Kelly, ha detto che la missione è stata un successo. L'Ingegnere di Volo della stazione Ron Garan si è detto 'in soggezione' di come la macchina di STS-134 ha lavorato bene ed ha ringraziato l'equipaggio di Endeavour per aver lasciato la stazione pronta per proseguire la sua utilizzazione. Durante la sua visita alla stazione, Endeavour ed il suo equipaggio ha consegnato l'Alpha Magnetic Spectrometer del peso di 6.800 kg e del costo di 2 miliardi di dollari, ed una piattaforma con parti di ricambio. I membri dell'equipaggio di Endeavour hanno effettuato quattro passeggiate spaziali perfettamente riuscite, compiendo una serie di operazioni di manutenzione ed installazione. I maggiori impegni di oggi sono stati gli ultimi trasferimenti di attrezzature e di rifornimenti fra la navetta e la stazione e lo stivaggio degli equipaggiamenti utilizzati per le passeggiate spaziali oltre al completamento delle principali manutenzioni previste. Lo Specialista di Missione Mike Fincke si è dedicato a completare , assieme a Greg Chamitoff, la sostituzione dei filtri dessiccanti/assorbenti dell'attrezzatura CDRA (carbon dioxide removal assembly) che serve per rimuovere l'anidride carbonica dall'atmosfera della stazione. L'operazione era iniziata ieri. Fincke ha completato l'installazione del CDRA nel nodo Tranquillity durante questa mattina. Chamitoff e lo Specialista di Missione Andrew Feustel hanno completato lo stivaggio degli attrezzi utilizzati nella passeggiata spaziale. Feustel e gli altri membri dell'equipaggio hanno inoltre lavorato a completare gli ultimi trasferimenti di equipaggiamenti, esperimenti e rifornimenti, gran parte dei quali spostati fra la stazione e Endeavour. Nelle prime ore del giorno il Pilota Greg Johnson e Feustel hanno parlato con i giornalisti della WJRT-TV di Flint, Michjgan, la WJBK-TV di Detroit, la WKYC-TV di Cleveland e la WXMI-TV di Grand Rapids, Michigan. Nelle prime ore di domenica, appena dopo la mezzanotte, Endeavour ha utilizzato i suoi piccoli razzetti venieri per alzare l'orbita della stazione di circa 960 metri. Dopo la chiusura del portello, i membri dell'equipaggio si prepareranno per la loro partenza dalla stazione. Gli Specialisti di Missione Roberto Vittori e Chamitoff controlleranno le apparecchiature per il rendezvous. Feustel eseguirà dei lavori preparatori facendo dei test con il sistema di rendezvous automatico chiamato STORMM (Sensor Test for Orion Relative Navigation Risk Mitigation). Il test, inizierà durante il rendezvous di Endeavour, e proseguirà dopo lo sgancio e con un nuovo rendezvous dopo il giro attorno alla stazione. La partenza di Endeavour dalla stazione è previsto per le 10:55 p.m. di domenica (le 5:55 ora italiana di lunedì). La prima opportunità di atterraggio vedrebbe la navetta toccare il Kennedy Space Center alle 1:35 a.m. (le 8:35 ora italiana) di mercoledì. Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo la sveglia dell'equipaggio o prima se necessario. Nella foto (Credit: NASA - SS028-E-006013) Chamitoff mentre lavora al CDRA nel modulo laboratorio Kibo.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #26 - STS-134 MCC Status Report #27

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA QUATTORDICESIMA GIORNATA DI MISSIONE:



La ISS ripresa dall'equipaggio di Endeavour durante il giro compiutole attorno 30/05/2011 - Giorno 15 - La navetta spaziale Endeavour ha compiuto l'ultimo sgancio dalla Stazione Spaziale Internazionale ed è stato il compito principale da parte degli equipaggi di entrambi i veicoli spaziali dopo oltre 11 giorni di operazioni congiunte. La sveglia di oggi per l'equipaggio è avvenuta alle 6:27 p.m. (le 1:27 ora italiana di lunedì mattina) con la canzone “Slowness,” dei Tucson, una banda di Calexico, in Arizona, e dedicata a Kelly. Endeavour si è sganciata dalla Stazione Spaziale Internazionale alle 10:55 p.m. CDT di domenica (le 5:55 ora italiana di lunedì mattina) completando una permanenza alla stazione orbitale durata 11 giorni, 17 ore e 41 minuti. "Endeavour parte," ha detto l'Ingegnere di Volo di Spedizione 28 Ron Garan dopo il tradizionale suono della campana della stazione. "Che possiate incontrare vento e mari buoni" Il Pilota Greg Johnson, ai comandi sul ponte di volo, ha portato Endeavour ad effettuare un giro attorno alla stazione da una distanza da circa 150/200 metri. Durante questa manovra i membri dell'equipaggio della navetta hanno effettuato riprese video e fotografiche della stazione. Quando Johnson iniziava il giro, il Comandante Mark Kelly comunicava via radio al controllo missione che poteva chiaramente vedere l'esperimento di cattura delle particelle AMS-2 (Alpha Magnetic Spectrometer 2) che Endeavour aveva portato in orbita. "E' un nuovo giorno per la scienza sulla stazione spaziale." ha detto al controllo missione. Una volta completato il giro attorno alla stazione e l'effettuazione dell'accensione di separazione, Kelly ha preso i comandi per un test del sistema di rendezvous ed attracco automatico chiamato STORMM (Sensor Test for Orion Relative Navigation Risk Mitigation). Endeavour si è mossa a circa 6 km sopra e dietro la stazione, poi ha raggiunto un punto sotto e dietro la ISS. Kelly ha poi manovrato la navetta in una rotta simile ad un avvicinamento, portandosi ad un punto a circa 290 metri sotto la stazione. Da questo punto la navetta ha effettuato un altra accensione di separazione iniziando la sua partenza da un'area con i sensori di STORMM che ancora tracciavano la stazione fino a che il contatto è stato perso. Rapporti iniziali di questo test confermano una buona produzione di dati. Tutti i membri dell'equipaggio di Endeavour, di cui fanno parte anche gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Gli equipaggi si salutano prima di chiudere i portelli fra le due astronavi Roberto Vittori, Drew Feustel e Greg Chamitoff avevano in previsione circa quattro ore di lavoro con STORMM. Oltre a AMS, Endeavour ha lasciato una piattaforma carica di pezzi di ricambio all'esterno della stazione. Inoltre sono stati consegnate attrezzature e rifornimenti per l'interno della stazione. Gli astronauti della navetta hanno poi eseguito quattro passeggiate spaziali di manutenzione ed installazione e considerevole lavoro di manutenzione all'interno della stazione. Questo volo è il 26° ed ultimo della navetta Endeavour. Dodici di queste missioni sono state dedicate alla stazione (ed in uno di questi voli ha visitato la stazione spaziale Russa MIR). Le 12 missioni sono parte delle 36 visite al laboratorio orbitante da parte delle navette. Gli orbiter hanno trascorso un totale di quasi 268 giorni attraccati alla ISS. Intanto sulla stazione il Comandante Andrey Borisenko di Spedizione 28 e gli Ingegneri di Volo Alexander Samokutyaev e Garan si sono presi del tempo di riposo supplementare e stanno tornando al loro programma giornaliero normale. E' previsto che Endeavour atterri al Kennedy Space Center alle 1:35 a.m. (le 8:35 ora italiana) di mercoledì. Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato dopo il risveglio dell'equipaggio o prima se necessario. Nella immagine in alto (Credit: NASA - S134-E-010590) la ISS ripresa dall'equipaggio di Endeavour durante il giro compiutole attorno. Nell'immagine a destra (Credit: NASA TV) gli equipaggi si salutano prima di chiudere i portelli fra le due astronavi.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #28 - STS-134 MCC Status Report #29

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) DELLA MANOVRA DI GIRO ATTORNO ALLA ISS COMPIUTA DA ENDEAVOUR DOPO IL DISTACCO:



La stiva di carico di Endeavour ormai vuota 31/05/2011 - Giorno 16 - Gli astronauti della navetta spaziale Endeavour riceveranno oggi una chiamata speciale e dedicheranno la giornata a preparare l'orbiter ed il suo equipaggio per il loro ritorno, previsto per mercoledì sulla Terra. La sveglia è arrivata alle 5:57 p.m. CDT (le 0:57 ora italiana di lunedì) con la composizione originale “Dreams You Give” di Brain Plunkett, piazzatasi al secondo nel concorso per la migliore canzone originale del Programma Space Shuttle, che aveva visto oltre 1.300 partecipanti. Oltre un milione di voti sono stati inviati on-line dal pubblico che ha scelto due brani, fra i dieci finalisti, che sono stati ascoltati dagli astronauti: il brano vincitore verrà utilizzato come sveglia dell'equipaggio domani. Alle 8:06 p.m. (le 3:06 ora italiana) tutti e sei i membri dell'equipaggio hanno iniziato la loro giornata parlando del volo in una serie di interviste con la ABC News, la CBS News, la CNN, la NBC News e la Fox News Radio. Un'ora più tardi il Comandante Kelly, il Pilota Greg Johnson e l'Ingegnere di Volo Roberto Vittori hanno preso posto nella cabina di comando di Endeavour e, lavorando con il team di rientro del volo, hanno effettuato un serie di controlli di routine del sistema di controllo di volo della navetta e dei razzi del sistema di controllo a reazione. Intanto gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Andrew Feustel e Greg Chamitoff hanno impacchettato i vari materiali nella cabina in preparazione dell'atterraggio previsto al Kennedy Space Center alle 1:35 a.m. di mercoledì (le 8:35 ora italiana). La rotta di rientro per la prima opportunità di atterraggio di Endeavour all'orbita 248 Ogni membro dell'equipaggio ha poi eseguito circa un'ora di esercizi fisici. Dopo il pranzo gli astronauti si sono sottoposti ad un esame visivo e tutti assieme poi una riunione di mezzora sulle operazioni di uscita dall'orbita. Kelly e Johnson hanno poi trascorso 30 minuti con l'esperimento RAMBO 2 (Ram Burn Observations), accendendo il motori orbitali. Alle 11:26 di questa notte (le 18:26 ora italiana) i sei membri dell'equipaggio effettueranno un tributo a Endeavour, narrando la storia della navetta spaziale più giovane e del lavoro compiuto dai suoi equipaggi nei suoi 25 viaggi nello spazio. Al termine della giornata Fincke e Vittori riporranno l'antenna di trasmissione dati in banda Ku. Questa antenna serve a trasmettere i segnali televisivi e quindi questa operazione mette fine ai collegamenti in diretta TV con Endeavour. L'equipaggio inizierà il periodo di sonno alle 8:56 a.m. (le 15:56 ora italiana). Il prossimo rapporto missione verrà pubblicato appena dopo la sveglia dell'equipaggio, prevista per le 4:56 p.m. (le 23:56 ora italiana) o prima se necessario. Nella immagine in alto (Credit: NASA TV) la stiva di carico di Endeavour ormai vuota. Nella immagine a destra (Credit: NASA TV) la prima opportunità di atterraggio di Endeavour all'orbita 248.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #30 - STS-134 MCC Status Report #31

QUI IL BREVE VIDEO (NASA) RIASSUNTIVO DELLA SEDICESIMA GIORNATA DI MISSIONE:



L'atterraggio notturno di Endeavour 01/06/2011 - Giorno 17 - Lo Space Shuttle Endeavour è ha poche ore dal suo atterraggio che conlcuderà il suo 25° volo spaziale. I membri dell'equipaggio di STS-134 sono stati svegliati alle 4:57 p.m. CDT (le 23:57 ora italiana) con la canzone “Sunrise Number 1,” eseguita dal gruppo degli Stormy Mondays. Questa canzone è stata scelta in una votazione on-line dal pubblico ed è stata la vincitrice del Concorso per la Migliore Canzone Originale del Programma Space Shuttle, che aveva visto 1.350 partecipanti. L'equipaggio ha iniziato alle 8:26 p.m. (le 3:26 ora italiana di mercoledì) le operazioni in preparazione dell'uscita dall'orbita chiudendo i portelloni della stiva di carico alle 9:49 p.m. Alle 12:19 a.m. (le 7:19 ora italiana) il Direttore di Volo per il Rientro, Tony Ceccacci, eseguirà una chiamata a tutte le squadre per un 'go' o 'no-go' per dare il via all'accensione per il rientro. Se verrà dato il 'go' il Comandante Mark Kelly accenderà i mototri orbitali di Endeavour alle 12:29 a.m. in modo da rallentare l'orbiter quel tanto da far si che che inizi a scendere dall'orbita e cominci l'ultimo tratto di viaggio che si concluderà con un atterraggio sulla pista n.15 del Kennedy Space Center alle 1:35 a.m. (le 8:35 ora italiana). Oggi la seconda possibilità di atterraggio al KSC prevede una accensione dei motori per l'uscita dall'orbita alle 2:06 a.m. e un atterraggio alle 3:11 a.m. Intanto, mentre Endeavour si prepara per tornare a casa, l'orbiter che effettuerà l'ultima missione del programma Space Shuttle sarà in viaggio verso la rampa 39A. Atlantis inizierà il rollout dal Vehicle Assembly Building alle 8:00 p.m. EDT (le 2 ora italiana). I membri dell'equipaggio di STS-135 - il Comandante Chris Ferguson, il Pilota Doug Hurley, e gli Specialisti di Missione Sandy Magnus e Rex Walheim - saranno di fronte al News Center del KSC per rispondere alle domande dei giornalisti. Nella foto in alto (Credit: NASA - KSC-2011-4185) l'atterraggio notturno di Endeavour.

Fonte: STS-134 MCC Status Report #32

QUI IL VIDEO (NASA) DELL'ATTERRAGGIO NOTTURNO DELLA NAVETTA ENDEAVOUR A CONCLUSIONE DI STS-134:



QUI IL VIDEO (NASA) DELL'EQUIPAGGIO DI ENDEAVOUR APPENA SCESO DALLA NAVETTA:



werhsepd.gif (1132 byte)

L'equipaggio di Endeavour dopo il rientro sulla Terra.

L'equipaggio di STS-134 in posa dopo l'atterraggio: da sinistra lo Specialista di Missione Roberto Vittori il Pilota Greg Johnson, il Comandante Mike Kelly e gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Greg Chamitoff e Andrew Feustel. (Credit: NASA/TV)

La ISS come appare dopo la missione STS-134 con AMS-2 sul traliccio sinistro e ELC3 su quello destro.

La ISS come appare dopo la missione STS-134 con AMS-2 sul traliccio sinistro e ELC3 su quello destro. Credit: (NASA - jsc2011e037293)


 

werhsepd.gif (1132 byte)

 

WB01540_.gif (632 byte)  Come funziona?

WB01540_.gif (632 byte)  Lista delle missioni

 

Ultimo aggiornamento 01/06/2011

Torna alla Home page

 Sito curato da Massimo Martini