sts97_launch.gif (13876 byte)

Shuttle - STS 97

 

werhsepd.gif (1132 byte)

sts92_patch.gif (13896 byte)

sts92_crew.jpg (13313 byte)

In alto a sinistra il lancio, qui sopra lo stemma della missione e a destra l'equipaggio.

STS-97 (101) OV-105 Endeavour (15)

Volo: ISS 4A (Sesto Volo di assemblaggio della Stazione Spaziale Internazionale)

Carico Utile: Struttura integrata di supporto P6 / Modulo fotovoltaico / Radiatori di raffreddamento.

Equipaggio (5): nella foto da sinistra seduti il pilota Michael J. Bloomfield (2), lo specialista di missione Marc Garneau (3 - Canada), il comandante Brent W. Jett (3) e in piedi da sinistra gli specialisti di missione in tuta da attività extraveicolare (EVA) Carlos I. Noriega (2) e Joseph R. Tanner (3)

Lancio : 30/11/2000 ore 10.06 p.m. ET (04.06 ora italiana del 1 dicembre) dal PAD39B del Kennedy Space Center in Florida, finestra di lancio di 2 minuti e trenta secondi soltanto.

Rientro: 12/12/2000 ore 5.03 CST (le 0.03 ora italiana)  al KSC in Florida dopo 10g.19h.57m di missione.

Obiettivi della missione: il principale obiettivo della missione è l'assemblaggio della struttura integrata di supporto chiamata P6 alla struttura Z1, montata nella scorsa missione. Il P6 contiene due grandi pannelli solari e radiatori di raffreddamento. Per questi lavori sono previste tre EVA da parte degli astronauti.

Video NASA: Qui potete scaricare tre animazioni della NASA (basta cliccare due volte sulla piccola immagine) Il formato del filmato è Quik Time 4 che potete scaricare qui  getqt.gif (2199 byte) e compattati con winzip che potete scaricare qui winzip.gif (1607 byte) .

Questa prima animazione mostra l'avvicinamento e l'aggancio dell'Endeavour alla ISS che questa volta avverrà in modo inconsueto (Quik Time 4,  40 secondi, 252 K, commento in inglese).
Questa seconda animazione mostra il momento in cui il modulo P6 viene installato sopra il modulo Z1 (Quik Time 4, 32 secondi, 235 secondi, narrazione Bill Reeves direttore capo del volo del STS-97 in inglese).
Questa animazione ci mostra invece il momento in cui i giganteschi pannelli solari del modulo P6 verranno dispiegati (Quik Time 4, 51 secondi, 311 K, narrazione di Jeff Hanley, direttore capo di volo della Stazione Spaziale, in inglese)

werhsepd.gif (1132 byte)

Giorno 1 - 1/12/2000 - Lo shuttle Endeavour è decollato regolarmente alle 10.06 p.m. (le 4.06 del 1° dicembre ora italiana) dal Pad 39/B del KSC in Florida per la sua missione di 11 giorni destinata a installare i pannelli solari sulla ISS-Alpha. Nove minuti dopo il lancio  l'equipaggio della navetta ha iniziato le procedure orbitali con l'apertura dei portelli del vano di carico e la inizializzazione dei computer per le manovre di bordo. A cinque ore dal lancio, alle 9.06 ora italiana, l'equipaggio ha iniziato un periodo di otto ore di sonno che terminerà alle 17.06  con l'inizio del primo giorno completo di missione. Nella foto lo shuttle Endeavour a pochi secondi dal via in un bellissimo lancio notturno.

 

sts97_launch_piccolo.gif (2261 byte)Qui accanto potete scaricare il filmato compresso del lancio dell'Endeavour (formato Quik Time4, 28 secondi, 299 K, commento in inglese)

 

sts97_aggancio.gif (10748 byte)Giorno 2 - 2/12/2000 - Oggi l'equipaggio dello shuttle Endeavour ha passato la maggior parte del tempo controllando l'equipaggiamento da utilizzare nell'aggancio con la ISS-Alpha e il successivo rilascio del modulo fotovoltaico e quello necessario alle tre EVA. Il comandante Jett e il pilota Bloomfield hanno eseguito due accensioni dei motori di manovra oggi per continuare l'avvicinamento alla Stazione Spaziale Internazionale che all'inizio della giornata si trovava a circa 4.000 chilometri e che si avvicina di circa 640 chilometri ad ogni orbita. L'aggancio è avvenuto sts97_modulo_p6.gif (16591 byte) perfettamente alle 20.00 GMT (le 21.00 ora italiana) mentre la ISS e l'Endeavour orbitavano a circa 380 chilometri sopra il Kazakistan. L'aggancio è avvenuto alla porta inferiore del modulo Unity installata durante la missione precedente STS-92. Circa due ore dopo l'aggancio, lo specialista di missione canadese Garneau, manovrando il braccio robotizzato ha prelevato dalla stiva di carico il prezioso modulo fotovoltaico lungo 15 metri e pesante oltre 17 tonnellate e lo ha lasciato fuori dallo shuttle dove rimarrà fino a domani. Infatti, prima di procedere all'aggancio con il modulo Z1, posto sopra Unity, è stato deciso di permettere ai raggi solari di riscaldare opportunamente i componenti per facilitarne il montaggio. Poco dopo Tanner e Noriega hanno aperto il portello della ISS ed hanno lasciato del materiale per l'equipaggio della ISS che però lo preleverà solo domani. L'equipaggio è andato a dormire alle 6.30 ora italiana del 3 dicembre. Nelle foto, in alto, il momento dell'aggancio ed in basso la struttura integrata  P6 completamente estratta dal vano di carico dell'Endeavour.

 

sts97_001203_p6_install.gif (16277 byte)Giorno 3 - 3/12/2000 - A causa della differenza dei cicli di riposo fra l'equipaggio dello shuttle e quello della ISS al momento in cui il primo riposava il secondo si svegliava ed alle 10.38 del mattino ora italiana i tre uomini di Spedizione Uno entravano nel modulo Unity per la prima volta da quando sono a bordo della ISS. Infatti, a causa della poca energia disponibile fino a questo momento, questa parte della stazione non poteva essere utilizzata dall'equipaggio. Sheperd, Gidzenko e Krikalev hanno recuperato il materiale lasciato dall'equipaggio dello shuttle ieri nel cunicolo pressurizzato PMA3 al quale hanno attraccato. Il comandante di Spedizione Uno, Sheperd, ha detto che gli è sembrato come essere a Natale ed arrivano i regali. Infatti fra il materiale arrivato, oltre a pezzi di ricambio vari, vi era anche dei generi alimentari e più specificatamente del caffè. Infatti i due equipaggi nonostante si trovino a solo un portello di distanza, non si incontreranno fino a venerdì prossimo, ovvero quando saranno completate le tre EVA previste e la pressione dei due veicoli equilibrata. Alle 14.36 l'equipaggio dello shuttlests97_001203_array1_deploy.gif (24047 byte) si è svegliato e ha cominciato la preparazione per la prima EVA di Tanner e Noriega in supporto dell'aggancio del modulo P6 alla stazione. I due astronauti sono usciti dalla navetta alle 18.35 ora italiana e circa alle 1.32 p.m. (le 19.32 ora italiana) il braccio robotico guidato dall'astronauta canadese Garneau ha installato il modulo P6 sopra lo Z1. Noriega e Tanner hanno poi completato l'installazione dei vari cavi di comunicazione. Al termine di questa operazione è cominciata  l'operazione di dispiegamento del pannello solare di destra. Il dispiegamento è durato circa 15 minuti al termine dei quali si è notato che non era del tutto teso. A questo punto dal Centro Controllo di Houston hanno deciso di non procedere con il dispiegamento del secondo pannello fino a che non veniva capito il motivo del  problema. Prima di terminare l'EVA (durata 7h.33m.) i due astronauti hanno dispiegato il radiatore che serve a smaltire il calore in eccesso della stazione. Alle 6.30 del 4 dicembre ora italiana l'equipaggio dello shuttle si recava a dormire mentre a Terra i tecnici cercavano di capire cosa era accaduto al pannello che comunque funzionava regolarmente erogando l'energia elettrica. Nella foto in alto l'installazione del modulo P6 sopra lo Z1 ed in basso il pannello solare dispiegato nei suoi oltre 35 metri e si può notare che non è perfettamente teso.
sts97_port2.gif (19435 byte)Giorno 4 - 4/12/2000 - Sveglia alle 8.30 CST (le ore 15.30 ora italiana) per l'equipaggio dell'Endeavour in una giornata meno faticosa di quella passata con l'installazione del modulo P6 sulla Stazione Spaziale Internazionale Alpha. Mentre a Terra i tecnici hanno studiato il problema del pannello mal dispiegato è stato deciso di procedere oggi con il secondo ma utilizzando un diverso approccio: invece di dispiegarlo tutto in una volta verrà utilizzato il metodo del "parti e ferma" per far si che tutti i tiranti che lo formano abbiano il tempo di stabilizzarsi. In questo modo ci vorrà più tempo ma non dovrebbero sorgere problemi. Alle 21.30 ora italiana l'equipaggio ha concesso interviste alle maggiori reti televisive americane. Alle 1.52 ora italiana il comandante Brent Jett ha eseguito il comando sul computer di bordo ed è iniziato il lento dispiegamento del secondo pannello solare che è durato circa due ore. Questa volta tutto è andato per il verso giusto e l'equipaggio dello shuttle è potuto andare a riposare alle 11.00 p.m. CST (le 6.00 ora italiana del 5 dicembre) all'incirca quando gli astronauti di Spedizione Uno si svegliavano e continuavano il loro lavoro di sistemazione della ISS. Nella foto il secondo pannello solare perfettamente dispiegato.

 

sts97_eva2.gif (34250 byte)Giorno 5 - 5/12/2000 - Questo quinto giorno in orbita è iniziato alle 7.06 a.m. CST (le 14.06 ora italiana) per l'equipaggio dello shuttle. Oggi seconda EVA di Tanner e Noriega iniziata alle 18.21 ora italiana e che ha visto i due astronauti completare i collegamenti elettrici fra il modulo P6 e il modulo Unity in modo da consentire alla ISS di usufruire dell'energia raccolta dai grandi pannelli solari. Durante l'EVA (nella foto), durata 6h.37 m., è stata anche spostata l'antenna in banda S sulla sommità del modulo P6.   Intanto all'interno della ISS-Alpha i tre uomini di Spedizione Uno entravano per la seconda volta dentro il modulo Unity e completavano la connessione di cavi elettrici per favorire il flusso di energia dai nuovi pannelli solari al resto della stazione. L'equipaggio dello shuttle si recava a dormire alle 10.30 p.m. CST (le 5.30 ora italiana del 6 dicembre).

 

 

sts97_view_iss_pannello1.gif (18813 byte)Giorno 6 - 6/12/2000 - L'equipaggio dello shuttle Endeavour è stato svegliato alle ore 6.36 a.m. CST (le 13.36 ora italiana) per iniziare la preparazione della terza ed ultima EVA prevista per giovedì e che servirà per installare un apparecchio per misurare l'elettricità statica accumulata dalla stazione. Durante questa escursione verrà fatto un tentativo per sistemare il pannello solare numero uno. Infatti i tecnici a Terra hanno eseguito delle simulazioni e sembra che abbiano capito il motivo del problema e come risolverlo. Toccherà a Tanner e Noriega eseguire questa delicata manovra che non hanno mai provato prima. Intanto i due pannelli funzionano regolarmente e forniscono energia in modo regolare sia alle batterie del modulo P6 che alla ISS. Oggi i tecnici a Terra hanno riconfigurato il sistema di   distribuzione elettrica fornendo un numero maggiore di watt ai moduli russi Zarya e Zvezda. Il comandante di Spedizione Uno Sheperd ha lasciato il portello che dà al modulo Unity aperto che però verrà chiuso durante la notte per evitare l'accumulo di umidità data dal guasto del sistema di condizionamento. I cosmonauti Gidzenko e Krikalev stanno lavorando per ripararlo. Nella foto la vista della ISS dal vano di carico dello shuttle.

 

sts97_crewatarray.gif (23912 byte)Giorno 7 - 7/12/2000 - Sveglia alle 13.06 (ora italiana) per l'equipaggio della missione STS-97. E' iniziata la preparazione per la terza ed ultima EVA degli astronauti Tanner e Noriega. Alle 17.51 i due astronauti sono usciti dal portello dello shuttle che da sul vano di carico e sono saliti sulla sommità del modulo P6. Da bordo dello shuttle il comandante Jett. il pilota Bloomfield e lo specialista del carico utile, il canadese Garneau hanno leggermente riavvolto il pannello difettoso. In questo modo Tanner e Noriega hanno potuto reinserire manualmente i due cavi che lo tengono teso nei loro alloggiamenti (nella foto i due astronauti al lavoro). Effettuata la riparazione hanno installato una videocamera all'esterno di Unity che servirà per facilitare l'attracco della prossima missione shuttle, e l'apparecchiatura FPP (Floating Potential Probe) che serve a misurare l'accumulo di potenziale elettrico del plasma attorno alla stazione. Dopo 5h.10m. i due astronauti sono rientrati nell'Endeavour completando la terza EVA di questa missione, portando a 88h.54m. il totale di attività extraveicolare per la costruzione della ISS-Alpha. Poco dopo le 10.00 p.m. (le 5 del mattino di venerdì ora italiana) l'equipaggio si è recato a dormire. Intanto l'equipaggio di Spedizione Uno continuava il lavoro di imballo del materiale da rimandare a Terra con lo shuttle. Gidzenko e Krikalev hanno sostituito il condizionatore d'aria  ed una ventola del sistema di eliminazione del biossido di carbonio. Domani l'incontro con i loro colleghi dell'Endeavour.

 

Giorno 8 - 8/12/2000 - Alle 8.36 a.m. CST (le 15.36 ora italiana) il portello che divide la navetta Endeavour e la ISS-Alpha è stato aperto e il comandante Sheperd ed i cosmonauti Gidzenko e Krikalev hanno dato il benvenuto a bordo all'equipaggio della navetta. Strette di mano e saluti e poi al lavoro nel trasferire i rifiuti di questo primo mese di permanenza di Spedizione Uno a bordo dello shuttle che li riporterà a Terra. Alle 3.57 p.m. CST (le 22.57 ora italiana) entrambi  gli equipaggi (nella foto) hanno tenuto una conferenza stampa con il Centro Controllo di Houston e il Quartier Generale dell'Agenzia Spaziale Canadese a Montreal. Alle 6.00 p.m. CST (le ore 1.00 ora italiana del 9 dicembre) l'equipaggio della ISS-Alpha si è recato a dormire mentre l'equipaggio dello shuttle è andato quattro ore più tardi.

 

 

 

Giorno 9 - 9/12/2000 - Alle 6.06 a.m. CST (le 13.06 ora italiana) l'equipaggio dell'Endeavour si è svegliato ed ha iniziato la preparazione per il distacco dalla ISS-Alpha. Alle 9.51 a.m. CST (le 16.51 ora italiana) il portello fra i due veicoli è stato chiuso dopo aver completato il trasferimento del materiale ed un breve saluto fra i due equipaggi. Alle 1.13 p.m. CST (le 20.13 ora italiana) il pilota della navetta Mike Bloomfield ha eseguito il distacco dalla ISS-Alpha e, dopo essersi portato a circa 150 metri dalla stazione ha iniziato un lento giro, della durata di un'ora,  attorno ad essa per controllare che tutto fosse a posto. Nella foto una delle splendide immagini della Stazione Spaziale Internazionale Alpha riprese da bordo dello shuttle dopo il loro distacco. A questo punto sono stati accesi i motori e l'Endeavour si è allontanato definitivamente dalla Stazione.

 

 

 

Giorno 10 - 10/12/2000 - Il comandante Brent Jett, il pilota Mike Bloonfield e gli specialisti di missione Marc Garneau, Joe Tanner e Carlos Noriega hanno iniziato questo ultimo giorno di missione alle 6.06 a.m. CST (le 13.06 ora italiana)  ormai distanti oltre 1500 chilometri dalla ISS-Alpha. Intanto a bordo della Stazione Sheperd, Gidzenko e Krikalev hanno passato un giorno di riposo parlando anche con le loro famiglie ed amici sulla Terra. Sullo shuttle sono continuati i preparativi di Jett e Bloomfield per il rientro con il test dei sistemi usati per l'atterraggio. Le condizioni meteo previste per domani al Kennedy Space Center in Florida non sono delle migliori e ci sono delle opportunità di atterraggio anche alla Edwards AFB in California in caso il tempo peggiorasse.

 

Giorno 11 - 11/12/2000 - Alle 5.03 p.m. CST (le 0.03 ora italiana di lunedì 11 dicembre) la navetta Endeavour ha toccato la pista del Centro Spaziale Kennedy in Florida dopo una missione durata 10g.19h.57m. e che ha effettuato l'installazione del primo grande pannello solare sulla Stazione Spaziale Internazionale-Alpha. L'atterraggio notturno si è svolto regolarmente nonostante qualche apprensione per le condizioni meteo. Qui sotto il filmato dell'atterraggio dello shuttle ripreso con una telecamera a infrarossi.

Qui accanto potete scaricare il filmato compresso con Winzip dell'atterraggio della navetta Endeavour (Quik Time, 442 K, 59 secondi fonte NASA)

 

Questa è la Stazione Spaziale Internazionale Alpha come appare dopo la conclusione della missione STS97/4A e l'installazione del modulo fotovoltaico P6.

werhsepd.gif (1132 byte)

WB01540_.gif (632 byte)  Come funziona?

WB01540_.gif (632 byte)  Lista delle missioni

WB01540_.gif (632 byte)  Torna alla Home Page

Ultimo aggiornamento 28/07/2007

 Sito curato da Massimo Martini