logo astronautica.us

Missione Test Ares I-X

Stemma della missione Ares I-X

Lancio del vettore Ares I-X

Qui sopra lo stemma della missione Ares I-X (uno-x) ed il momento del decollo del razzo.



Volo:

missione Test Ares I-X senza equipaggio.

Lancio:

28 ottobre 2009: alle ore 11.30 a.m. EDT (le 16.30 ora italiana) rampa 39B/MLP1.

- primo tentativo il 27/10, con finestra dalle ore 8 a.m. alle 12 a.m. EDT (dalle 13 alle 17 ora italiana), rinviato per le condizioni meteo avverse.

Durata della missione:

circa 2 minuti.

Altezza:

circa 40/45 km. al momento della separazione del primo stadio.

Obiettivi della missione:

testare il nuovo vettore nel funzionamento del primo stadio fino al momento del distacco con il secondo stadio. Testare i paracadute del primo stadio e studiare il comportamento del veicolo durante la prima fase di volo atmosferico.


Aggiornamenti

(i piu' recenti in cima alla pagina)

le fasi principalei in cui il primo stadio di Ares I-X scende con i paracadute non completamente aperti

Nella foto (Credit: NASA) una sequenza di immagini tratte dal video e che mostrano il primo stadio di Ares I-X mentre scende con i paracadute non completamente aperti"

03/11/2009 - Ares I-X ed il problema con i paracadute - La NASA ha rivelato uno spettacolare filmato eseguito da un aereo che stazionava vicino alla zona di ammaraggio del primo stadio di Ares I-X e che mostra tutte le fasi dal decollo, l'apertura dei paracadute fino allo splashdown. Le riprese sono state eseguite da una telecamera ad alta definizione posta su una piattaforma stabilizzata con un sistema giroscopico a bordo di un Cessne Skymaster che girava in tondo nei pressi della zona prevista per l'ammaraggio. Lo Skymaster era a circa 18 km dal veicolo ad una altezza di circa 4.000 metri. Le immagini mostrano chiaramente l'evento della separazione fra i due stadi del vettore e seguono lo spento booster che rotola nella bassa atmosfera con una scia di fumo dallo scarico del motore. Gli ingengeri della NASA sono particolarmente interessati ad analizzare la sequenza di apertura dei paracadute. Il video mostra il primo paracadute di frenata che stabilizza le oscillazioni dello stadio in caduta ma poi, all'apertura dei tre paracadute principali due hanno un problema. All'inizio tutti e tre i paracadute si aprono regolarmente ma subiro uno si lacera. Le dichiarazioni ufficiali parlano di uno o piu' cavi che potrebbero essersi spezzati e causato la lacerazione. Ma al momento dell'apertura completa un secondo paracadute si sgonfia parzialmente per ragioni ancora non comprese. I paracadute di circa 50 metri di diametro sono leggermente piu' grandi e costruiti con materiali differenti rispetto a quelli che sono utilizzati nei booster della navetta spaziale. La nave di recupero Freedom Star ha riportato il primo stadio di Ares I-X ed ha scoperto un grosso danno lungo l'involucro del booster causato, molto probabilmente dalla velocita' e dall'angolazione non prevista con la quale ha impattato l'Oceano Atlantico. I tecnici hanno gia' rimosso le videocamere ad alta velocita' ed i data recorder che si trovavano sul razzo ed ora sono allo studio per cercare di capire meglio l'anomalia avvenuta con i paracadute.

Fonte: SpaceflightNow


Ares I-X mentre supera la barriera del suono durante il lancio di oggi

Nella foto (Credit: NASA - KSC-2009-5952) il momento del lancio quando il veicolo supera la velocita' del suono (Mach 1, circa 1.100 km/h) e si forma la caratteristica nube di condensa dell'aria a causa dell'onda d'urto. Questo fenomeno e' avvenuto a circa 39 secondi dal lancio.

28/10/2009 - Lanciato il primo vettore di prova Ares - Il veicolo di lancio di prova Ares I-X e' decollato dalla rampa 39B del Kennedy Space Center alle 11.30 a.m. (le 16.30 ora italiana). Nonostante una serie di problemi con le condizioni meteo che hanno fatto quasi consumare tutta la finestra di lancio prevista, la squadra di lancio era determinata ed ha lavorato a stretto contatto con il personale dedicato alle previsioni meteo per tentare di trovare una breccia nelle nubi e rendere il volo di oggi possibile. Il problema principale e' chiamato "triboelettrificazione" dagli ingegneri NASA. In pratica la presenza di nubi, o anche soltanto di velature incontrate dal razzo durante la sua salita, avrebbe potuto provocare delle cariche elettrostatiche che avrebbero messo in pericolo l'elettronica e la telemetria del razzo. Ares I-X era un test e quindi era riempito di 700 sensori per registrare una moltitudine di dati utili per lo sviluppo futuro del razzo e quindi era fondamentale che tutto funzionasse a dovere e che, anche in caso di problemi imprevisti, potesse essere dato il comando di autodistruzione da terra. A circa T+2 minuti dal lancio lo stadio superiore simulato ed il primo stadio si sono separati a circa 40 km di altezza sopra l'Oceano Atlantico. Lo stadio simulato e' caduto nell'Oceano distruggendosi come previsto. Invece il primo stadio ha eseguito uno splashdown con l'aiuto dei paracadute che hanno permesso di poterlo recuperare da parte delle navi della NASA. Al momento sembra che uno dei tre paracadute non si sia dispiegato regolarmente ma questo e' sotto studio da parte degli ingegneri e dei tecnici della NASA e potra' essere controllato quando il primo stadio verra' riportato alla base. I dati registrati da Ares I-X aiuteranno nello sviluppo delle future missioni ed nel delineare il progetto dei veicoli futuri. Si e' trattato del primo lancio di un nuovo veicolo spaziale abitato dalla rampa 39B fin dal 1981, anno del debutto della navetta spaziale.

Fonte: NASA


27/10/2009 - Rinviato a domani il lancio di Ares I-X - Il team di lancio di Ares I-X si prepara per un nuovo tentantivo di lancio per domani mercoledi' alle 8 a.m. (le 13 ora italiana). Il tentativo di oggi infatti e' stato afflitto da problemi con le condizioni meteo sebbene il veicolo fosse pronto al lancio. Durante le quattro ore della finestra di lancio di oggi sono stati eseguiti molteplici tentativi ed il rinvio definitivo e' arrivato quando si e' reso chiaro che non vi erano possibilita' di miglioramento prima dello scadere del tempo previsto. I criteri di lancio che venivano piu' volte superati erano quelli della velocita' del vento (il cui limite sulla rampa era fissato a 20 nodi - circa 30 km/h) e della possibilita' di scariche elettrostatiche date dalla presenza di nubi. Domani le previsioni del tempo prevedono un aumento delle possibilita' al 60% (contro le 40% di oggi). Il tentativo di mercoledi' avra' la stessa finestra di lancio di quattro ore che si concludera' a mezzogiorno (le 17 ora italiana) e la copertura in diretta su NASA/TV iniziera' alle 5 a.m. EDT (le 10 ora italiana).

Fonte: NASA


24/10/2009 - Ares I-X: lancio confermato il 27 ottobre - E' ufficiale: a seguito del Flight Test Readiness Review di Ares I-X svoltosi oggi al Kennedy Space Center della NASA, in Florida, i responsabili della missione hanno annunciato che il 27 ottobre alle ore 8.00 a.m. (le 13 ora italiana) sara' la data di lancio del test del nuovo razzo. Doug Cooke, amministratore associato per la Exploration Systems Mission Directorate della NASA ha confermato che il gruppo e' stato unanime nella loro decisione e che non vi sono problemi tecnici e che sono pronti per il via. Durante una conferenza stampa che ha seguito la riunione di oggi, Bob Ess, mission manager di Ares I-X ha descritto oggi come il culmine del loro ciclo di controlli e che "Siamo pronti per volare la prossima settimana." "E' bello essere parte di una squadra che ha messo insieme questo razzo nel tempo previsto," ha aggiunto Ed Mango, direttore di lancio di Ares I-X. "Il team e' pronto per volare ed anche il veicolo lo e'." Ad alcune miglia di distanza, alla rampa 39B,i tecnici hanno condotto una seconda giornata di test di integrazione dei sistemi. Per oggi i controlli prevedono la rampa di lancio, i sistemi a terra e l'equipaggiamento di supporto. Giovedi' il razzo e' stato controllato completamente, incluso un "hot fire" (un test a caldo) delle unite' ausiliarie di potenza. La struttura ruotante di servizio e' stata aperta nel pomeriggio ed e' stata riportata di nuovo in posizione dopo il controllo delle luci allo Xenon eseguito questa notte. Una simulazione di conteggio alla rovescia con tutto il team di supporto al lancio e' prevista per sabato, con la chiusura del veicolo domenica. La preparazione al conteggio alla rovescia iniziera' lunedi' cominciando da L-7 ore alle 1 a.m. (le 6 ora italiana) di martedi'. Al momento le condizioni meteo danno un 40% di "go" per martedi'.

Fonte: NASA


20/10/2009 - Ares I-X sulla rampa di lancio - Per la prima volta in oltre 30 anni un nuovo veicolo di lancio per equipaggi della NASA e' uscito dal VAB (Vehicle Assembly Building) del Kennedy Space Center, in Florida, alle 1.39 a.m. EDT (le 7.39 ora italiana) iniziando il viaggio verso la rampa di lancio 39B. Il nuovo veicolo e' Ares I-X che dovra' effettuare un lancio di prova il prossimo 27 ottobre con una finestra di lancio che si estende dalle 8 a.m. alle 12 p.m. EDT (dalle 13 alle 17 ora italiana). Dopo il suo arrivo al pad la rampa di lancio mobile e' stata assicurata al resto dell'infrastruttura in preparazione al via della missione di prova prevista per la prossima settimana. Ares I-X e' il primo lancio di prova senza equipaggio del nuovo vettore NASA e sara' utile agli ingegneri ed ai progettisti per confermare le proprie caratteristiche nei primi due minuti di volo e le varie procedure delle operazioni associate alla sua preparazione. Nonostante tutti i dubbi espressi dalla Commissione Augustine sul programma Constellation la NASA prosegue con i test previsti almeno fino a che la Casa Bianca non decida di modificare i piani futuri di esplorazione spaziale umana.

Fonte: NASA

Ares I-X per la prima volta sulla rampa di lancio. Foto Credit: NASA

Una foto storica. 20 ottobre 2009: Ares I-X per la prima volta sulla rampa di lancio. Foto Credit: NASA

22/09/2009 - Fissata la data di lancio di Ares I-X - La NASA ha fissato per il prossimo martedi' 27 ottobre la data di lancio per il primo lancio di prova del razzo vettore Ares I-X sempre ammesso che i vari test a cui e' sottoposto ed i dati verificati siano positivi. I dirigenti della NASA hanno effettuato questa decisione durante un incontro svoltosi lunedi' al quartier generale della NASA a Washington. La data del 27 ottobre e' stata concordata con l'Air Force Eastern Range di Cape Canaveral in Florida. La finestra di lancio si estende dalle 8 a.m. alle 12 a.m. EDT (dalle 13 alle 17 ora italiana). Una seconda opportunita' di lancio e' stata fissata per il giorno seguente, 28 ottobre. La data verra' finalizzata durante un FTRR (Flight Test Readiness Review) previsto per il 23 ottobre al Kennedy Space Center della NASA, in Florida. I tecnici al KSC hanno terminato lo "stacking", l'assemblaggio del razzo vettore sulla piattaforma mobile di lancio. Questa settimana i membri della squadra di Ares I-X eseguiranno una simulazione di conteggio alla rovescia e condurranno i controlli finali dei sistemi del razzo. I controlli inizieranno con il simulacro del LAS (launch abort system - sistema di aborto del lancio) posto sulla sommita' del vettore e proseguiranno fino al termine della parte finale (l'aft skirt). Il razzo vettore verra' portato sulla rampa di lancio 39B del Kennedy il 19 ottobre. Il lancio fornira' una opportunita' alla NASA di testare l'hardware, le attrezzature e le operazioni a terra oltre a fornire dati critici sul razzo Ares I e sui futuri veicoli di lancio.

Fonte: NASA
14/08/2009 - Completato Ares I-X - Per la prima volta in piu' di 25 anni un nuovo veicolo spaziale e' stato assemblato all'interno del VAB (Vehicle Assembly Building) al Kennedy Space Center. Alto piu' di 100 metri il razzo Ares I-X e' quasi il doppio di uno shuttle prima del decollo. Il razzo di prova e' stato assemblato sopra una piattaforma mobile di lancio modificata che in passato era stata utilizzata per il programma Shuttle. Ora che Ares I-X e' stato assemblato verranno eseguiti una lunga serie di test, inclusi quelli che verranno effettuati con una complessa serie di strumenti posti all'interno del razzo per misurarne i suoi movimenti al momento del lancio e quando avverra' la separazione del primo stadio. Quando questi test verranno condotti un team di circa 30 controllori di lancio si alleneranno a prendere pratica con i loro ruoli nella "firing room" (la speciale sala dalla quale si controllano le fasi di preparazione ed il lancio di un veicolo spaziale) in preparazione per il lancio previsto per la fine di ottobre. Ricordiamo pero' che Ares I-X e' soltanto una versione "molto" diversa da quella che dovrebbe portare gli astronauti della NASA nello spazio a partire dal 2015. Infatti per questo primo veicolo di prova (da questo la "x" dopo il nome Ares-I) il primo stadio a combustibile solido e' composto da 4 segmenti anziche' i 5 del veicolo finale, il secondo stadio e' fittizio cosi' come la capsula Orion e la torre di salvataggio. Queste parti fittizie sono pero' con le stesse dimensioni e pesi di quelle finali e quindi il lancio sara' molto utile agli ingegneri per comprendere bene il comportamento del nuovo vettore nei primi minuti di volo. Intanto la NASA e la ATK hanno completato il primo stadio di Ares I con cinque elementi a Promontory, Utah. Il razzo a combustibile solido completo si trova ora in orizzontale sulla piattaforma utilizzata per i test. Nel corso di questo mese verranno installate le varie strumentazioni che serviranno a monitorare il primo test di accensione previsto per il 25 agosto. Il primo stadio del vettore Ares-I e' in corso di sviluppo dal 2005 ed e' basato sul design dei booster a quattro segmenti che vengono utilizzati dalla navetta spaziale. Questo primo stadio pero' differisce in alcune cose, innanzitutto il quinto segmento, la grana del propellente, un'apertura maggiore dello scarico ed un miglioramento dell'isolante. La lunghezza del primo stadio di Ares I e' di circa 50 metri e genera una spinta di 3,6 milioni di libbre, un aumento di ben il 7% nella spinta massima e del 24% nell'impulso totale rispetto ad un SRB dello shuttle. Nella foto (Credit: NASA) il vettore Ares 1-X completato all'interno del VAB al Kennedy Space Center in Florida.

Fonte: NASA blog -NASA

Ares I-X completato all'interno del VAB. Foto Credit: NASA

Ares I-X completato all'interno del VAB. Foto Credit: NASA

08/07/2009 - Inizia il montaggio di Ares I-X - Oggi un evento storico e' avvenuto all'interno del VAB (Vehicle Assembly Building) del Kennedy Space Center in Florida. Per la prima volta in 25 anni un nuovo veicolo spaziale della NASA inizia l'assemblaggio, si tratta del vettore Ares I-X il cui lancio di prova e' previsto per il prossimo 17 settembre. Il primo elemento posto sulla piattaforma mobile MLP-1 e' stato il primo dei segmenti attivi a propellente solido del primo stadio. Nei prossimi giorni i vari segmenti che compongono il primo stadio verranno completati e nelle settimane successive tutto il resto del vettore verra' completato all'interno della Hig Bay 3. Infatti sempre all'interno del VAB, ma nella Hig Bay 4 e' iniziato il montaggio del secondo stadio inerte di Ares I-X. I tecnici lo hanno ribattezzato "Super Stack 1" ed e' formato da 8 pezzi singoli: l'interstadio 1 e 2, il frustum, l'estensione della gonna superiore, la gonna superiore ed i segmenti inferiori, centrali e superiori del quinto elemento a combustibile solido simulato. Inoltre all'interno di questo "Super Stack 1" troviamo anche il sistema di controllo della rotazione ed il modulo avionico del primo stadio. Una volta che tutti e 5 i "Super Stack" saranno completati potranno essere accoppiati al resto del vettore sulla piattaforma mobile MLP-1 entro questo mese. Il motivo per il quale il razzo viene separato in questi "super stack" e' dovuto al peso ed all'altezza di ogni componente che deve essere sollevato dalle apposite gru durante le operazioni di montaggio. A questo primo "Super Stack 1" seguiranno i seguenti: SS2 - segmento simulato dello stadio superiore "lattina" n.1, SS3 - segmento simulato dello stadio superiore "lattina" n.2, 3, 4, 5, SS4 - segmento simulato dello stadio superiore "lattina" n.6 e 7 ed infine il SS5 composto dall'adattatore del veicolo spaziale (SA), il modulo di servizio (SM), il modulo equipaggio (CM) ed il sistema di aborto al lancio (LAS). Nella foto (Credit: NASA/Jack Pfaller - KSC-2009-3915) il primo segmento attivo del primo stadio di Ares 1-X e' stato montato sulla rampa di lancio mobile MLP-1 all'interno della High Bay 3 del VAB al Kennedy Space Center in Florida.

Fonte: NASA blog

Ares I-X inizia ad essere montato all'interno del VAB sopra la MLP1. Foto Credit: NASA

Ares I-X inizia ad essere montato all'interno del VAB sopra la MLP1. Foto Credit: NASA

11/06/2009 - Ares I-X comincia a prendere forma - Il Programma Constellation della NASA ha raggiunto due pietre miliari questa settimana con nuovi elementi di hardware della missione Ares I-X che sono stati trasferiti per l'assemblaggio finale in preparazione per il primo volo di prova del nuovo razzo previsto per questa estare al Kennedy Space Center. Entro il mese inizieranno le fasi di montaggio del nuovo vettore e sara' la prima volta, in oltre 25 anni, che la MLP-1 (Mobile Launch Platform n.1) ospitera' un nuovo veicolo spaziale. Tutto il complesso superiore del primo stadio del razzo, composto da: forward skirt, l'estensione della forward skirt e dal frustum, sono stati trasferiti dall'ARF (Assembly Refurbishment Facility) al VAB (Vehicle Assembly Building) giovedi'. Invece la parte inferiore del primo stadio, la aft skirt, e' stata traferita lunedi' dall'ARF al Rotation Processing and Surge Facility dove verra' assemblata al segmento di motore inferiore per formare il complesso inferiore del primo stadio. Anche questo poi verra' spostato nel VAB per essere montato sulla MLP-1 con tutto il resto dell'hardware. Il razzo Ares I-X e' una combinazione di hardware esistente e simulato che ricorda il veicolo di lancio per equipaggi Ares I in dimensioni, forma e peso. Questo lancio di prova fornira' preziose informazioni sul volo e la guida di Ares I che aiuteranno alla progettazione finale del veicolo che portera' gli astronauti con il modulo esplorativo Orion. "E' stata una settimana eccitante per la squadra che ha portato l'hardware fuori dall'ARF dimostrando quanti progressi stiamo facendo e che siamo prossimi al lancio," ha dichiarato Bob Ess, mission manager di Ares I-X al Johnson Space Center di Houston, Texas. Il complesso superiore del primo stadio (forward assembly) connette il motore del primo stadio del diametro di 3,6 metri con lo stadio superiore simulato del diametro di 5,4 metri. Il peso e' di oltre 16 tonnellate e comprende anche i nuovi paracadute di discesa per il recupero del primo stadio. L'aft skirt, che viene utilizzato nella parte inferiore dei booster a propellente solido della navetta spaziale, e' stato modificato lo scorso anno e mezzo per essere utilizzato su Ares I-X. Alcune modifiche includono dei motori di decelerazione e di rotazione, avionica ed un controllo per l'unita' di enegia ausiliaria. La United Space Alliance, di Houston, sotto contratto di fornitura per la ATK Space System di Salt Lake City, completera' il processo di integrazione del complesso superiore e dell'aft skirt. Al momento il rollout del vettore Ares I-X alla rampa 39B del KSC e' previsto non prima del 14 settembre con il lancio per il 18 dello stesso mese. Nell'illustrazione in alto (Credit: NASA) il vettore Ares I-X con i suoi componenti principali e, nella piccola foto a destra in alto la forward skirt mentre viene portata nel VAB.

Fonte: NASA

I componenti principali di Ares I-X. Foto Credit: NASA

Nell'illustrazione in alto (Credit: NASA) il vettore Ares I-X con i suoi componenti principali e, nella piccola foto a destra in alto la forward skirt mentre viene portata nel VAB.

13/03/2009 - Ultimo pezzo di Ares I-X partito per la base di lancio - L'ultimo componente per il volo di prova Ares I-X ha lasciato la fabbrica della ATK (Alliant Tech Systems) di Promontory, Utah, per iniziare il suo lungo viaggio di oltre 4.500 km fino al sito di lancio del Kennedy space center in Florida. I segmenti del primo stadio sono l'ultimo pezzo fra quelli piu' importanti di Ares I-X ad essere inviati. L'hardware arrivera' in Florida entro il mese e verra' sottoposto alle fasi finali di preparazione prima di essere assemblato con gli altri pezzi del razzo. "Questo invio e' molto importante per la missione Ares I-X" dice il Responsabile della Missione Ares I-X, Steve Davis. "E' meraviglioso vedere la prossima generazione di volo spaziale Americano che continua a prendere forma. L'eccitazione sta aumentando mentre stiamo per iniziare il montaggio dei pezzi e la preparazione del lancio di questo anno." L'Ares I-X sara' il primo test per il nuovo vettore Ares I, la prossima generazione di veicoli di lancio per equipaggio. Il volo fornira' alla NASA una prima opportunita' di testare e provare il sistema, analizzare i modelli, le strutture e le operazioni a terra associate con Ares I. Il razzo Ares I-X e' una combinazione di hardware esistente e di simulato che duplica il razzo Ares I nella forma, le dimensioni ed il peso. Questo volo fornira' dati indispensabili che guideranno la progettazione finale di Ares I. Il test di volo portera' la NASA un passo piu' vicino al suo obiettivo di tornare sulla Luna e viaggiare verso destinazioni oltre questa. Il lancio di Ares I-X e' previsto piu' avanti nel 2009. Il primo stadio di Ares I-X utilizza un motore a combustibile solido a quattro segmenti , capace di generare 130 tonnellate di spinta, e fornisce la propulsione principale del veicolo dal decollo fino alla separazione dello stadio a circa 120 secondi di volo. I segmenti di questo motore sono stati presi dal magazzino degli SSRB (Shuttle Solid Rocket Booster) esistenti per la navetta spaziale. I booster utilizzati per il volo test Ares I-X sono stati poi modificati per i bisogni di Ares e vi sono state aggiunte delle nuove strutture ed un quinto segmento simulato per replicare al meglio le dimensioni e la forma del veicolo di lancio per equipaggio Ares I. Il progetto del primo stadio di Ares I e' gestito dal Marshall Space Flight Center della NASA in Huntsville, Alabama, mentre la missione Ares I-X e' coordinata dal Johnson Space Center della NASA di Houston, in Texas.

Fonte: NASA

Torna alla pagina dedicata ad Ares

Torna alla Home Page

Aggiornato il 04/11/2009



Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!