Stemma della missione Shenzhou-11/TianGong-2

Logo del sito Astronautica.us

Programma Spaziale Umano Cinese

Shenzhou-11


linea gialla

Si tratta della sesta missione abitata della Cina. L'equipaggio della Shenzhou-11 dovrà attraccare, due giorni dopo il lancio, al laboratorio orbitale TianGong-2, in orbita da un mese. I due membri dell'equipaggio della Shenzhou-11 dovranno rimanere a bordo del laboratorio orbitale per almeno 30 giorni. Sono previsti numerosi esperimenti ed il collaudo di diverse apparecchiature in preparazione della futura stazione spaziale permanente della Cina, prevista nel 2020.

linea gialla

Veicolo di lancio: Lunga Marcia CZ-2F/G

N. Volo Internazionale Abitato: 304

Equipaggio: Comandante: Jing Haipeng (3), Operatore: Chen Dong (1)

Data di lancio: 16 ottobre 2016 ore 23:30:28 GMT (le 1:30 del 17 ottobre italiane)

Sito di lancio: Pad 921/SLS.1 presso il Jiuquan Satellite Launch Center (ai margini del deserto della Mongolia Interna)

Data di aggancio al modulo TianGong-2: 18 ottobre 2016 ore 19:24 GMT (le 21:24 italiane)

Data di sgancio al modulo TianGong-2: 17 novembre 2016 ore 04:41 GMT (le 5:41 italiane)

Durata della missione: 32 giorni, 6 ore e 25 minuti

Numero di orbite: 507

Dati orbitali: Altezza 379-389 km - Inclinazione 42,78°

Data del rientro: 18 novembre 2016 ore 05:55 GMT (le 6:55 italiane) nelle steppe della Mongolia Interna

Fonti: Space Facts - Xinhua

Nelle foto (Credit: CCTV) l'equipaggio saluta prima di imbarcarsi a bordo del razzo e il vettore Lunga Marcia 2F (CZ-2F) con a bordo la Shenzhou-11 durante il lancio.

L'equipaggio dei 2 taikonauti della missione Shenzhou-11 salutano prima del decollo. Il momento del lancio del razzo vettore CZ-2F/G con a bordo la Shenzhou-11.

linea gialla

11/10/2016 - Il lancio della Shenzhou-11 fissato per il 17 ottobre -

Il veicolo spaziale abitato Shenzhou-11 verrà lanciato domenica 16 ottobre 2016 dalle ore 23:25 alle 23:50 GMT (fra le 1:25 e le 1:50 italiane del 17 ottobre) dal centro Lancio Satelliti di Jiuquan, nel deserto del Gobi.
Lunedì 10 ottobre è stato eseguito il rollout (il trasporto del razzo vettore Lunga Marcia-2F dall'edificio di assemblaggio verticale alla rampa di lancio) con la capsula Shenzhou-11 destinata a raggiungere il laboratorio orbitale Tiangong-2 già nello spazio da oltre un mese. I due astronauti, entrambi maschi, che fanno parte dell'equipaggio di questa missione sono nelle fasi finali di preparazione ma l'agenzia spaziale cinese non ha ancora reso noto i loro nomi.
La missione è destinata a doppiare il record di permanenza nello spazio per gli astronauti cinesi che dovrebbero vivere 30 giorni a bordo del laboratorio spaziale ed eseguire una vasta serie di esperimenti. L'attracco della capsula al Tiangong-2 è previsto a due giorni dal lancio. Shenzhou-11 è soltanto la sesta missione spaziale abitata per la Cina nell'arco di 13 anni ma mostra la determinazione del Paese nel perseguire la strada dello spazio, con tenacia e con lenti ma ben ponderati passi alla volta.
Nella foto (Credit: Xinhua) il rollout del razzo vettore Lunga Marcia-2F con la capsula Shenzhou-11.

Fonti: ChinaSpaceFlight.com / GB Times - Andrew Jones

16/10/2016 - La Cina svela finalmente l'equipaggio della Shenzhou-11 -

A poche ore dal lancio della missione abitata Shenzhou-11 la Cina ha reso noto il nome dei due astronauti membri dell'equipaggio: Jing Haipeng e Chen Dong.
Jing, 50 anni, è il Comandante della missione, lo ha rivelato Wu Ping, vice-direttore del programma spaziale abitato cinese durante una conferenza stampa, e si tratterà della terza sua terza missione spaziale dopo la Shenzhou-7 nel 2008 e la Shenzhou-9 nel 2012. "E' un grande onore," ha detto Jing per il fatto di essere il primo astronauta cinese a volare tre volte nello spazio. Egli venne selezionato nella prima classe di astronauti cinesi nel 1988. "Volare nello spazio è il mio lavoro," dice Jing. "E' anche il mio sogno e la mia missione, Sebbene il lavoro stesso sia pieno di sfide e carico di rischi, ed anche pericoloso per la mia vita, ad essere onesti, sono onesto sono veramente, veramente entusiasta e mi diverto... veramente con il mio lavoro di astronauta."
Cheng Dong, 37 anni, pilota delle Forze Aeree Cinesi, è invece al suo primo volo spaziale. Dong dice che che Jing è stato come un "fratello maggiore" durante i preparativi per questo volo.
I due astronauti si imbarcheranno a bordo del veicolo spaziale Shenzhou-11 in partenza domattina dal Centro Lancio Satelliti di Jiuquan alle 7:30 a.m. ora di Pechino (le 1:30 ora italiana).
La Shenzhou-11 è in attesa del lancio sulla sommità di un razzo Lunga Marcia-2F. La capsula, dopo l'ascesa con il razzo e l'ingresso in orbita dovrebbe completare l'attracco automatico con il laboratorio orbitale Tiangong-2 martedì, per iniziare una permanenza della durata di 30 giorni. In totale i due astronauti, considerando anche i tempi di trasferimento dalla Terra al Tiangong-2 e viceversa, il volo dovrebbe durare almeno 33 giorni.
Questo sarebbe il doppio del più lungo volo pilotato cinese eseguito finora, i 14 giorni della missione Shenzhou-10 nel giugno 2013, l'ultima missioni abitata del paese.
Un piccolo microsatellite chiamato Banxing 2, stivato a bordo del Tiangong-2 volerà vicino al laboratorio spaziale in orbita per raccogliere ulteriori immagini esterne. Costruito dall'Accademia Tecnologica del Volo Spaziale di Shangai, il Banxing 2 si aggirerà vicino al Tiangong-2 utilizzando un sistema di propulsione ad ammoniaca per le manovre di precisione mentre una fotocamera da 25 megapixel prenderà immagini della Shenzhou-11 che attraccherà al laboratorio spaziale.
Tiangong-2 è il secondo laboratorio orbitale abitato della Cina, e segue il veicolo simile Tiangong-1 del 2011. Il nuovo veicolo ospita diversi aggiornamenti, compreso un braccio robotico ed un sistema di rifornimento per testare le procedure da utilizzare nella prevista stazione spaziale, che dovrebbe essere operativa dal 2022.
Nella foto (Credit: Xinhua) i due astronauti durante la presentazione alla stampa, Jing Haipeng (a sinistra) e Chen Dong.

Fonti: Xinhua / Spaceflight Now - Stephen Clark

Nell'immagine (Credit: CCTV) i due astronauti a bordo della Shenzhou-11 poco prima del decollo.

17/10/2016 - Shenzhou-11 in volo verso il Tiangong-2 -

La Cina lunedì ha lanciato con successo il veicolo spaziale abitato Shenzhou-11 con a bordo due astronauti che rimarranno nello spazio per 33 giorni, la missione più lunga del programma spaziale umano del paese finora.
La Shenzhou-11, sesta missione spaziale abitata della Cina, attraccherà con il laboratorio spaziale Tiangong-2, segnando un passo più vicino alle sue ambizioni di una stazione spaziale. Il veicolo spaziale è stato lanciato dalla rampa LC 43 Pad 921 del Centro Lancio Satelliti di Jiuquan, nel deserto del Gobi alle 7:30 del mattino ora di Pechino (le 1:30 italiane) con un razzo vettore Lunga Marcia-2FY11. I motori del primo stadio ed i quattro booster a propellenti liquidi, che bruciano una combinazione di idrazina e tetrossido di azoto, si sono accesi dopo un conto alla rovescia, apparentemente senza problemi, per spingere il lanciatore alto 58 metri verso lo spazio. Nei primi tre minuti di volo è stata rilasciata la torre di fuga, i quattro booster ed il primo stadio. Pochi momenti dopo si è acceso il secondo stadio per spingere il veicolo spaziale Shenzhou-11, del peso di 8 tonnellate, ad est di Jiuquan. Dopo aver sorvolato il territorio cinese, il motore principale del secondo stadio è stato spento e la Shenzhou-11 si è separata dal razzo. Una ripresa video mostrava poi l'apertura dei pannelli solari del veicolo spaziale Shenzhou-11. Il veicolo spaziale è entrato nell'orbita prevista. Il lancio è stato dichiarato un successo da Zhang Youxia, comandante in capo del programma spaziale abitato, circa 19 minuti dopo il decollo.
Il Presidente Xi Jinping ha inviato un messaggio di congratulazioni per il successo nel lancio, esprimendo la speranza che "Il popolo cinese farà grandi passi ulteriori nello spazio e darà un grande contributo nella costruzione della Cina come potenza spaziale." Dopo l'attracco con il Tiangong-2, gli astronauti entreranno nel laboratorio spaziale e vi rimarranno per 30 giorni.
I due astronauti sono comandati da Jing Haipeng, un veterano cinquantenne che ha partecipato alle missioni spaziali Shenzhou-7 e Shenzhou-9, mentre Cheng Dong, 38 anni è alla sua prima missione spaziale. Il rendezvous avverrà in orbita a circa 393 km sopra la Terra, all'altezza nella quale opererà la futura stazione spaziale cinese. La missione si prefigge di trasportare il personale ed i materiali fra la Terra e il Tiangong-2 e testare il rendezvous, l'attracco e la procedura del ritorno. Gli altri obiettivi comprendono esperimenti di medicina spaziale, di scienza spaziale, e di manutenzione orbitale. Gli astronauti condurranno tre esperimenti ideati dagli studenti delle scuole medie di Hong Kong, compreso uno sulla crescita dei bachi da seta nello spazio.
Jing e Chen terranno una speciale corrispondenza con la Xinhua, condividendo il loro lavoro e la vita nello spazio attraverso testi, foto, audio e video sui servizi media globali della Xinhua. Dopo questo la Shenzhou-11 si staccherà dal Tiangong-2 e tornerà sulla Terra il giorno successivo. Nel corso dei 30 giorni trascorsi nel laboratorio spaziale, gli astronauti lavoreranno otto ore al giorno, sei giorni a settimana, secondo quanto riportato dal Centro Astronauti della Cina. "Sono sincronizzati con il ciclo veglia-sonno sulla Terra e segna un design tradizionale per i voli a lungo termine nella stazione spaziale," dice Huang Weifen, vice capo progettista del sistema astronauti per il centro.
Gli astronauti avranno accesso a quasi 100 tipi di cibo diverso, contatti con la Terra attraverso video, audio, email e potranno eseguire esercizi fisici su cyclette e tapis roulant. La missione proverà le capacità cinesi di eseguire missioni spaziali a medio termine. Nel giugno 2013, tre astronauti trascorsero 15 giorni nello spazio con la missione Shenzhou-10, che attraccò al laboratorio spaziale Tiangong-1, il predecessore di Tiangong-2. Zhang Yulin, vice comandante in capo del programma spaziale abitato della Cina, dice che la Shenzhou-11 segna la fine imminente dello stadio esplorativo del programma spaziale cinese. Il programma si avvia verso missioni spaziali abitate su basi regolari con la fondazione delle propria stazione spaziale. La stazione spaziale della Cina, che dovrebbe debuttare attorno al 2020, potrebbe diventare il solo avamposto nello spazio quando la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) verrà ritirata nel 2024.
Quello di oggi è stato il 62esimo lancio orbitale del 2016, il 61esimo a concludersi con successo, il terzo abitato. Questo è stato il 13esimo lancio di un vettore CZ-2F, utilizzato soltanto per servire le Shebzhou e le Tiangong fin dai suoi primi voli nel 1999. Nella foto (Credit: Xinhua) il momento del decollo del razzo Lunga Marcia-2F con la capsula Shenzhou-11. Nell'immagine in alto a sinistra (Credit: CCTV) i due astronauti a bordo della Shenzhou-11 poco prima del decollo.

PRESENTAZIONE DELL'EQUIPAGGIO PER LA MISSIONE SHENZHOU-11 - 16/10/2016 - (Credit: CCTV) - dur.min. 3:26 - LINGUA CINESE (SOTTOTITOLI INGLESI)

DECOLLO DEL RAZZO LUNGA MARCIA-2F PER LA MISSIONE SHENZHOU-11 - 17/10/2016 - (Credit: CCTV/SPACEVIDS) - dur.min. 13:00 - LINGUA INGLESE

Fonti: Xinhua / Spaceflight Now - Stephen Clark

Nell'immagine (Credit: CCTV) il modulo Tiangong-2 ripreso dalla fotocamera della Shenzhou-11 durante l'attracco.

19/10/2016 - L'equipaggio della Shenzhou-11 ha raggiunto il laboratorio spaziale Tiangong-2 -

Due giorni dopo il decollo con un razzo Lunga Marcia la nave spaziale Shenzhou-11, con a bordo due astronauti cinesi, ha attraccato martedì sera al laboratorio spaziale Tiangong-2, a quasi 400 km di quota sopra la Terra, per iniziare un soggiorno di un mese all'interno della mini-stazione.
Gli astronauti Jing Haipeng, comandante della missione e Chen Dong, operatore, saldamente fissati ai loro seggiolini, hanno assistito all'attracco automatico del veicolo spaziale e poi, alcune ore dopo, sono entrati nel modulo Tiangong-2. Seguendo le indicazioni dei sensori di rendezvous posti sulla parte anteriore del veicolo, il computer di guida della Shenzhou-11 ha portato la capsula al contatto con il boccaporto anteriore del Tiangong-2 alle 19:24 GMT (le 21:24 ora italiana), durante un passaggio orbitale notturno.
Le immagini in diretta provenienti dalla Shenzhou-11 e trasmesse dalla televisione cinese di stato CCTV hanno mostrato le fasi finali di avvicinamento al Tiangong-2, assieme a riprese dell'interno della capsula dove Jing e Chen indossavano le tute spaziali. Una volta compiuto il contatto, l'anello di attracco della Shenzhou-11 è stato ritratto in modo da collegare saldamente i due veicoli spaziali. Gli astronauti ed i controllori di volo si sono assicurati che le pressioni all'interno dei due moduli fossero equalizzate prima di dare il 'via' per Jing e Chen all'ingresso nel Tiangong-2.
Dopo esseri tolti le tute spaziali ed indossato una più comoda tuta aeronautica blu Jing è entrato per primo all'interno della cabina alle 22:32 GMT (le 0:32 ora italiana), salutando verso una telecamera installata dentro Tiangong-2. Gli astronauti avevano iniziato il loro viaggio con il decollo all'alba di lunedì dal Centro Lancio Satelliti di Jiuquan, una remota zona della regione autonoma della Mongolia Interna, nel nord-ovest della Cina.
A differenza delle ultime missioni pilotate della Cina, la Shenzhou-11 ospita soltanto due astronauti anziché tre, permettendo così di poter soggiornare per maggior tempo a bordo di Tiangong-2. La Shenzhou-11 dovrebbe più che raddoppiare il record di durata di volo spaziale per una missione abitata cinese, portandolo da 15 a 33 giorni. Gli astronauti condurranno una vasta serie di esperimenti, compresi test in vista della futura stazione spaziale permanente cinese, una struttura che sarà dotata di moduli da 20 tonnellate e boccaporti di attracco per veicoli equipaggio e da rifornimento. Il primo segmento di questa stazione dovrebbe essere lanciato nel 2018 ed il complesso orbitale completato entro il 2022.
Jing e Chen sono i primi astronauti a visitare la Tiangong-2, lanciata lo scorso 15 settembre e che è stata completamente controllata prima del volo della Shenzhou. Due equipaggi avevano volato al laboratorio spaziale precursore, Tiangong-1, avente circa le stesse dimensioni di Tiangong-2 ma con minori dotazioni, nel 2012 e 2013. La Shenzhou-11 è la sesta missione abitata del programma spaziale cinese, iniziato nell'ottobre del 2003 con la messa in orbita del primo astronauta, Yang Liwei, a bordo della Shenzhou-5.
Con la Shenzhou-11 agganciata al Tiangong-2, si viene a creare una mini-stazione spaziale lunga oltre 18 metri e larga 4, più grande del classico autobus londinese a due piani. Il Tiangong-2 si orienta e controlla il complesso grazie a dei giroscopi. Il laboratorio spaziale dispone di zone abitative, strutture mediche, magazzini ed esperimenti per un equipaggio di due persone. "Fra i vari esperimenti che i due astronauti condurranno nel corso della loro permanenza a bordo del laboratorio, vi è quello che permetterà di esaminare con gli ultrasuoni le funzioni cardio-polmonari dei due astronauti in tempo reale," dice Wu Ping, portavoce dell'Ufficio Ingegneristico Spaziale Abitato della Cina. "Inoltre parteciperanno anche alla sostituzioni di campioni di materiali spaziali, e coltiveranno piante per un esperimento."
Uno di questi esperimento prevede la crescita di lattuga nello spazio. "E poi i due astronauti dovranno anche eseguire tipiche operazioni di manutenzione e riparazione di esperimenti per verificare la sinergia fra uomo e macchina." aggiunge Wu. La Shenzhou-11 lascerà il laboratorio spaziale e tornerà sulla Terra con un atterraggio assistito dal paracadute in Cina a metà novembre, dopo essere rimasta 30 giorni attraccata al Tiangong-2. Sommando i tempi del viaggio da e per il laboratorio spaziale, l'equipaggio della Shenzhou-11 dovrebbe trascorrere un totale di 33 giorni in orbita.
Una volta che la Shenzhou-11 sarà tornata sulla Terra, il Tiangong-2 rimarrà operativo da solo con la propria serie di esperimenti programmati o comandati da Terra. Il laboratorio spaziale, progettato per una missione della durata di due anni, è stato modificato, rispetto al suo predecessore, in modo da poter essere rifornito in orbita, una dimostrazione cruciale che la Cina intende compiere con un volo di un cargo robotico chiamato Tianzhou-1, il cui lancio ed attracco al Tiangong-2 è previsto per aprile 2017.
Nell'immagine (Credit: Xinhua) Jing e Chen salutano i controllori di volo dopo essere entrati nel laboratorio spaziale Tiangong-2. Nell'immagine in alto a sinistra (Credit: CCTV) il modulo Tiangong-2 ripreso dalla fotocamera della Shenzhou-11 durante l'attracco.

Fonti: Spaceflight Now - Stephen Clark / Xinhua

Nell'illustrazione artistica (Credit: China Manned Space Engineering Office) il Banxing-2.

26/10/2016 - Il laboratorio spaziale cinese rilascia un satellite per indagini esterne -

Domenica 23 ottobre un piccolo satellite cubico è stato rilasciato dal laboratorio orbitante Tiangong-2 in modo da poter ottenere immagini uniche del modulo con i due astronauti cinesi a bordo.
Il satellite, Banxing-2, che ha le dimensioni di una stampante, è dotato di una fotocamera in bianco e nero da 25 megapixel e di un sistema di propulsione basato sull'ammoniaca. Il satellite rimarrà nei dintorni del complesso orbitale Tiangong-2/Shenzhou-11 che vede i due veicoli spaziali agganciati assieme dallo scorso 19 ottobre sorvolare la Terra da una quota di 380 km.
La prima serie di immagini scattate dal Banxing-2 ha visto la partenza del satellite ed era inquadrato il mini complesso orbitale con il nero dello spazio sullo sfondo. Oltre alle immagini riprese con la fotocamera nel visibile, il Banxing-2 ha scattato anche 300 foto nell'infrarosso, durante la sequenza di allontanamento. L'immagine in bianco e nero resa pubblica dai responsabili ufficiali cinesi questa settimana (Credit: CCTV) mostra il complesso Tiangong-2/Shenzhou-11 agganciati assieme a formare una struttura unica lunga 18 metri e larga 4."Quest'immagine mostra chiaramente le attrezzature e le apparecchiature esterne al complesso. Le immagini inviate a Terra mostrano che la fotocamera ha centrato i propri requisiti e funziona molto bene," ha detto Zhong Hongen, capo progettista del Sistema di Applicazioni Spaziali del programma per il volo spaziale umano cinese. In un documento postato sul sito internet dell'Ufficio Ingegneria Spaziale Abitato è stato scritto che il Banxing-2 volerà ancora attorno al laboratorio spaziale verso la fine di ottobre per una seconda serie di foto ed ispezioni.
Gli astronauti Jinh Haipeng e Chen Dong all'interno del laboratorio spaziale hanno registrato un video del rilascio del satellite Banxing-2, del peso di appena 47 kg. Il satellite compagno "è in grado di condurre un eficiente controllo orbitale, processare autonomamente e trasmettere i dati ad alta velocità," ha riportato l'agenzia notizie cinese Xinhua. Questo satellite è una versione migliorata di quello che volò, per prova, durante la missione Shenzhou-7 nel 2008.
Gli astronauti di Shenzhou-11 vivono e lavorano all'interno del laboratorio spaziale Tiangong-2 da quasi un terzo della loro missione prevista di 33 giorni e, fino a mercoledì, non è stato riscontrato nessun problema dal momento del lancio, avvenuto lo scorso 16 ottobre, e all'attracco al modulo di ricerca avvenuto due giorni dopo.
In una specie di diario che gli astronauti Jing e Chen stanno pubblicando sul sito interner di Xinhua fin dal momento dell'arrivo della Shenzhou-11 al laboratorio orbitale, i due si dicono molto a loro agio all'interno del modulo ed il comandante paragona la sua permanenza sul Tiangong-1 affermando che in questa versione aggiornata si trova meglio. "E' perfetto nella disposizione, decorazione e colori interni," scrive Jing. Oltre a questo i due descrivono i vari esperimenti che stanno conducendo a bordo del laboratorio orbitale e dei cibi che stanno assumendo ringraziando anche le famiglie per il supporto dato.
Il pivello Chen scrive, "Essere nello spazio per la prima volta è insolito, tanto per dirne una, inizialmente non riuscivo a controllare il mio corpo," scrive l'astronauta 37enne. "Non potevo camminare e certi movimenti mi parevano strani. Il mio fratello maggiore (è questo il nomignolo con il quale Chen si riferisce al comandante Jing, ndr), mi ha veramente aiutato ad orientarmi per vivere quassù. Ho iniziato lentamente ad utilizzare la gravità zero e ora comincio a divertirmi sempre di più."
Lunedì il comandante Jing ha festeggiato il suo 50esimo compleanno in orbita ed al suo rientro sarà l'astronauta cinese con maggiore esperienza di volo. Jing è alla sua terza missione spaziale avendo già volato sulla Sheznhou-7 e Shenzhou-9, rispettivamente nel 2008 e 2011.
La Sheznhou-11 dovrebbe lasciare il modulo orbitale Tiangong-2 il 18 novembre, concludendo una missione della durata totale di 33 giorni, 30 dei quali trascorsi a bordo del modulo orbitale, la più lunga missione cinese della storia. Per la Cina, Tiangong-2, è un passo decisivo verso la costruzione della stazione spaziale permanente da 60 tonnellate, il cui nucleo centrale verrà lanciato nel 2018 con una versione del nuovo razzo pesante Lunga Marcia-5 - il cui debutto è fissato per la prossima settimana - e due altri grandi moduli che saranno aggiunti al complesso che sarà pienamente operativo per il 2022.
L'avamposto potrà funzionare per almeno dieci anni ed ospitare equipaggi di tre astronauti alla volta per periodi che vanno dai tre ai sei mesi e fino a 6 persone per brevi periodi durante la rotazione delle missioni. Per questo il Tiangong-2 testerà diverse tecnologie chiave richieste per la futura stazione spaziale, compreso l'assemblaggio in orbita utilizzando un braccio robotico di prova ed il rifornimento orbitale grazie ad un veicolo cargo automatico che dovrebbe volare verso il laboratorio spaziale nell'aprile del 2017. Inoltre gli astronauti stanno anche testando una serie di nuove attrezzature per fare esercizio fisico e nuovi spazio abitativi che potranno essere installati nella stazione spaziale cinese.
Nell'illustrazione artistica in alto a sinistra (Credit: China Manned Space Engineering Office) il satellite Banxing-2.

Fonti: Spaceflight Now - Stephen Clark / Xinhua

09/11/2016 - Il Presidente cinese Xi parla con i due astronauti in orbita -

Il Presidente della Cina, Xi Jinping, ha parlato mercoledì 9 novembre con i due astronauti che si trovano a bordo del laboratorio spaziale Tiangong-2, dal centro di comando del programma spaziale abitato cinese che si trova a Pechino.
I due astronauti, Jing Haipeng e Chen Dong, hanno iniziato la loro missione, della durata prevista di 33 giorni, la più lunga finora per il programma spaziale cinese, a bordo del veicolo spaziale Shenzhou-11 il 17 ottobre scorso ed hanno attraccato e sono entrati nel Tiangong-2 due giorni dopo.
Xi ha espresso sinceri saluti del Comitato Centrale del Partito Comunista della Cina, del Consiglio di Stato, della Commissione Centrale Militare e del popolo di tutti i gruppi etnici del Paese ai due astronauti. "Avete vissuto nello spazio per più di metà di un mese, e questa è la terza missione spaziale con equipaggio che il compagno Haipeng ha intrapreso e la prima volta per il compagno Chen Dong.", ha detto Xi durante la chiamata video. "Tutti i cinesi si preoccupano molto per voi."
Rispondendo alle domande di Xi sul loro lavoro, salute e condizioni di vita, Jing, comandante dell'equipaggio, ha detto che si sentono molto bene e che stanno lavorando come previsto. Jinh ha chiesto al Presidente se aveva visto il bollettino delle notizie della mattina sulla CCTV (China Central Television), o 'Xinwen Liambo' nello spazio. "Il programma spaziale abitato cinese ha raggiunto nuovi traguardi. Gli astronauti cinesi possono ora lavorare ed avere migliori condizioni di vita nello spazio. Siamo profondamente grati alla nostra madre patria," ha detto Jing. Chen ha detto che si è adattato all'ambiente in gravità zero dello spazio, e che la sua vita giornaliera e di lavoro è normale. Egli ha inoltre promesso di lavorare di più e soddisfare le attività rimanenti.
Xi ha detto di essere felicissimo di apprendere che gli astronauti sono in buone condizioni, parlando di come i loro sforzi coordinati hanno permesso di superare le difficoltà. Il Presidente spera che i due astronauti possano lavorare assieme in stretta collaborazione ed attente operazioni in modo da completare la loro missione. La Shenzhou-11, la sesta nave spaziale abitata della Cina, è stata lanciata il 17 ottobre dal Deserto nord-occidentale del Gobi. Essa si è avvicinata automaticamente al Tiangong-2, lanciato nello spazio il 15 settembre, ed ha attraccato al laboratorio spaziale il 19 ottobre.
La missione è dedicata all'invio di personale e materiali fra la Terra e il Tiangong-2, e testare la possibilità di avvicinarsi, attraccare e ritornare. Gli altri obiettivi della missione comprendono esperimenti medici, scientifici spaziali e di manutenzione orbitale. Prima del colloquio con Xi, Jing e Chen hanno eseguito un test di manutenzione orbitale utilizzando la coordinazione uomo-robot, il primo di questo tipo nello spazio.
Nell'immagine (Credit: Xinhua) il Presidente Xi mentre parla in video collegamento con i due astronauti Jing e Chen che si trovano a bordo del Tiangong-2.

Fonte: Xinhua

17/11/2016 - Gli astronauti cinesi lasciano il laboratorio orbitante Tiangong-2 -

Il veicolo spaziale Shenzhou-11, con a bordo i taikonauti Jing Haipeng e Chen Dong, si è separato dal laboratorio orbitante Tiangong-2 alle 12:41 p.m. di giovedì, ora di Pechino (le 5:41 ora italiana).
La separazione segna l'inizio del viaggio verso casa per i due uomini, dopo aver vissuto e lavorato a bordo del Tiangong-2 per 30 giorni, la più lunga permanenza nello spazio da parte di astronauti cinesi. Il lancio era avvenuto lo scorso ottobre e l'attracco al laboratorio orbitante era avvenuto regolarmente due giorni dopo.
Prima della separazione i due astronauti hanno voluto estendere i loro ringraziamenti ed il loro rispetto per le squadre al suolo ed a tutti coloro che supportano il programma spaziale della Cina. Dopo la separazione, la Shenzhou-11 rimarrà in un punto vicino al laboratorio spaziale prima che venga dato il permesso dal centro di controllo per iniziare il viaggio di ritorno verso la Terra.
Circa un giorno dopo il modulo di rientro scenderà dall'orbita alla quale si trova, circa 393 km dalla superficie terrestre, un vero test per il sistema di rientro della Shenzhou-11. Il Tiangong-2 rimarrà nella propria orbita e proseguiranno gli esperimenti in remoto fino all'aggancio con il Tianzhou-1, il primo veicolo cargo automatico della Cina, il cui lancio è fissato per l'aprile 2017.
Nella foto (Credit: Xinhua) i due astronauti durante un'intervista concessa mentre erano ancora nel laboratorio orbitante Tiangong-2.

Fonte: Xinhua

Nella foto (Credit: Xinhua/Li Gang) il paracadute ed il modulo di rientro della Shenzhou-11 dopo l'atterraggio.

18/11/2016 - La missione Shenzhou-11 si conclude con successo -

Secondo il BACC (Centro di Controllo Spaziale di Pechino) due astronauti hanno completato la missione spaziale abitata cinese più lunga, rientrando al sicuro sulla Terra venerdì pomeriggio.
Zhang Youxia, comandante in capo del programma spaziale abitato cinese, ha annunciato che la missione Shenzhou-11, che è durata oltre un mese, è stata un "completo successo." Zhang Gaoli, vice premier e membro del Comitato dell'Ufficio Politico del Partito Comunista del Comitato Centrale della Cina (CPC), ha inviato le congratulazioni del Comitato Centrale, del Consiglio di Stato e della Commissione Militare Centrale ai centro di comando del programma spaziale abitato della Cina, a Pechino.
Il modulo di rientro della Shenzhou-11 è atterrato come previsto nella Regione Autonoma della Mongolia Interna verso le 1:59 p.m., ora di Pechino (le 6:59 italiane). Le squadre di recupero hanno raggiunto immediatamente il sito di atterraggio e gli astronauti Jing Haipeng e Chen Dong hanno aperto il portello della capsula da soli. I due astronauti hanno comunicato alle squadre di recupero di stare bene. Loro ed il veicolo di rientro saranno in seguito trasferiti a Pechino.
Dopo aver lasciato ieri il Tiangong-2, la Shenzhou-11 ha acceso i propri motori alle 05:14 GMT (le 6:14 italiane) di venerdì 18 novembre per una manovra di frenata ed uscita dall'orbita. La sezione abitativa, posizionata di fronte al modulo di discesa, si è separata appena prima dell'accensione dei motori. Il modulo propulsivo è stato rilasciato poco dopo l'accensione, terminata alle 05:35 GMT (le 6:35 italiane), per bruciare nell'atmosfera. La capsula di rientro è coperta da uno scudo protettivo per il calore. Una volta che la capsula ha superato la parte più calda del rientro, ha aperto il paracadute principale per rallentare ed eseguire la discesa finale nella zona prevista di atterraggio, la stessa dove sono rientrate tutte le altre precedenti missioni Shenzhou.
La televisione cinese di stato CCTV ha seguito in diretta tutte le fasi del rientro ma, differentemente da tutte le altre missioni, il collegamento è stato interrotto appena prima di mostrare gli astronauti uscire dal veicolo spaziale. Solo alcune ore dopo è stato trasmesso un video registrato dell'uscita dei due astronauti dalla capsula. E' sembrata un'operazione più difficoltosa rispetto alle precedenti ed i due sono stati subito portati via senza che rilasciassero nessun commento.
La Shenzhou-11 è il sesto veicolo spaziale abitato della Cina ed anche la missione più lunga svolta finora. Dopo il suo lancio, avvenuto il 17 ottobre, il veicolo spaziale si è agganciato due giorni dopo al primo laboratorio spaziale cinese, il Tiangong-2, dove i due astronauti hanno soggiornato per 30 giorni. La missione ha trasportato personale e materiali fra la Terra ed il Tiangong-2, e testato le procedure per l'incontro, l'aggancio ed il ritorno.
A bordo sono stati condotti esperimenti medici aerospaziali, scientifici e di manutenzione orbitale. I due astronauti hanno inoltre condotto tre esperimenti ideati dagli studenti delle scuole medie della Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong, compresa la crescita di bachi da seta nello spazio.
Si è trattata della terza missione spaziale per il veterano cinquantenne Jinh Haipeng, comandante dell'equipaggio, che aveva già partecipato alle missioni Shenzhou-7 e Shenzhou-9. Invece per Chang Dong, 38 anni, si è trattato del primo volo spaziale. Entrambi erano piloti militari delle Forze Aeree della Cina, prima di essere selezionati come astronauti. La missione è un passo decisivo per la Cina verso la costruzione di una stazione spaziale permanente.
Il modulo centrale della stazione spaziale cinese dovrebbe essere lanciato attorno al 2018 ed il complesso orbitale entrerebbe in servizio completo verso il 2022, con una vita operativa prevista di almeno dieci anni. A bordo troveranno posto da tre a sei astronauti per periodi fino ad un anno. Il Tiangong-2 rimarrà operativo in orbita anche dopo il rientro della Shenzhou-11 ed in attesa dell'arrivo del Tianzhou-1, il primo veicolo automatico cargo della Cina. Il Tianzhou-1 dovrebbe essere lanciato nell'aprile del 2017 per verificare le tecnologie di rifornimento del propellente, un punto chiave per ogni stazione spaziale.
Il veicolo spaziale di modello Shenzhou è simile nel design al russo Soyuz. Anch'esso dispone di tre sezioni principali: un modulo di discesa che ospita i tre seggiolini ed i controlli dell'equipaggio, un modulo abitativo ed uno propulsivo e dotato dei pannelli solari, razzi di manovra, serbatoi del propellente, acqua ed ossigeno. Ma la nave cinese è leggermente più spaziosa della Soyuz, essendo lunga 9 metri e con i pannelli solari dispiegati che arrivano a 17 metri.
Nella foto (Credit: Xinhua/Li Gang) la capsula di rientro Shenzhou-11 dopo l'atterraggio nel deserto della Mongolia. Nella foto a sinistra (Credit: Xinhua/Li Gang) il paracadute ed il modulo di rientro della Shenzhou-11 dopo l'atterraggio.

Fonti: Xinhua / Spaceflight Now - Stephen Clark

08/12/2016 - I due astronauti cinesi di Shenzhou-11 incontrano i giornalisti -

I due astronauti che hanno compiuto la missione spaziale cinese Shenzhou-11, hanno incontrato la stampa mercoledì 7 dicembre dopo quasi tre settimane di quarantena.
Jing Haipeng, 55 anni, comandante del veicolo spaziale Shenzhou-11, e Chen Dong, 38 anni, apparivano di buon umore ed hanno condiviso le loro esperienze con i rappresentanti della stampa. Lanciati il 17 ottobre, la Shenzhou-11 attraccava due giorni dopo con il secondo laboratorio spaziale della Cina, Tiangong-2, dove i due astronauti hanno vissuto per 30 giorni, il maggior tempo trascorso nello spazio per i taikonauti.
Dopo essere rientrati sani e salvi sulla Terra, il 18 novembre, i due astronauti sono stati messi in quarantena per aiutarli a riadattarsi alla vita sulla Terra. Secondo Huang Weifen, vice capo progettista dei sistemi degli astronauti presso il Centro Astronauti Cinese, i controlli medici dei due astronauti hanno rispettato le attese, comunque saranno tenuti sotto controllo per un altro mese in modo da assicurare la loro riabilitazione completa.
Per Jinh si è trattato della terza missione spaziale, dopo aver partecipato anche alla Shenzhou-7 e Shenzhou-9. Invece per Chen si è trattato del primo volo spaziale. La missione Shenzhou-11 fa parte degli ambiziosi piani della Cina per la costruzione di una stazione spaziale abitata permanente.
Nella foto (Credit: Xinhua) i due astronauti di fronte alle domande della stampa. A sinistra Jing, con accanto il debuttante Chen.

Fonti: Xinhua

linea gialla




Aggiornato il 8 dicembre 2016

Torna al menu' dei voli Spaziali Umani Cinesi

Torna alla pagina iniziale del sito


a cura di

Massimo Martini

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!