Stemma della missione Shenzhou-8/TianGong-1

Logo del sito Astronautica.us

Programma Spaziale Umano Cinese

TianGong-1


linea gialla

Il 29 settembre 2011 veniva inviato in orbita il primo laboratorio spaziale Cinese ribattezzato TianGong-1 (Palazzo del Cielo). Questo primo avamposto spaziale Cinese vide la visita della prima missione Shenzuou con attracco automatico (la 8) ed in seguito venne abitato da due equipaggi di taikonauti il cui lancio avvenne nel 2012 e nel 2013. Vediamo più approfonditamente questa missione.

linea gialla

Schema del laboratorio spaziale Cinese TianGong-1.

Nell'illustrazione (Credit: Beijing Times) schema del laboratorio spaziale Cinese TianGong-1..

Veicolo di lancio: Lunga Marcia CZ-2F

Data di lancio: 29 settembre 2011 - ore 13:16 UTC (le 15:16 ora italiana - le 09:16 CST)

Sito di lancio: Pad 921/SLS.1 presso il Jiuquan Satellite Launch Center (ai margini del deserto della Mongolia Interna)

Durata della missione: 1.630 giorni (ancora in orbita)

Numero di orbite: 16.733 (alla data di conclusione ufficiale della missione)

Dati orbitali: altezza 362x355 km, inclinazione 42°, durata 91 minuti

Data del rientro:

linea gialla

Foto del modulo Tiangong 1 durante i test all'inizio del 2011 04/07/2011 - Si avvicina il lancio del laboratorio spaziale Cinese - La Cina prevede di lanciare il primo modulo di un laboratorio spaziale entro la fine di settembre, e la nascente potenza spaziale tenterà il primo aggancio in orbita alcune settimane dopo, secondo quanto riportato da fonti ufficiali del programma spaziale e da fonti giornalistiche. Il modulo spaziale Taingong 1 è stato inviato alla base di lancio di Jiuquan il 29 giugno per iniziare una serie di test in preparazione al lancio del veicolo a settembre, secondo quanto comunicato dall'Ufficio di Ingegneria Spaziale Abitata Cinese, un'organizzazione che si occupa della pianificazione e sviluppo degli sforzi nel campo spaziale umano del Paese. Il veicolo dovrà ricevere un 'controllo finale' prima di decollare a bordo di un vettore Lunga Marcia 2F da Jiuquan, il centro spaziale che si trova nel deserto del Gobi, nel nordovest della Cina. Il sito di lancio si trova vicino al confine delle provincie cinesi di Gansu e della Mongolia Interna. "Dopo due anni di strenui sforzi degli scienziati, il veicolo spaziale Tiangong 1 è stato assemblato con successo ed ha superato una serie controlli per rilevare possibili guasti," ha riportato il giornale di stato People Daily nella sua versione inglese. La Xinhua, un altra agenzia di stampa cinese, ha inoltre fatto sapere che la scorsa settimana il Tiangong 1 è stato trasportato al sito di lancio. Il veicolo, del peso di 8,6 tonnellate, è stato progettato per funzionare come banco di prova per le tecniche di avvicinamento ed attracco cinesi ad alcune centinaia di km sopra la Terra. La Cina ha dichiarato che questo laboratorio opererà per almeno due anni. Tiangong, che significa 'palazzo celeste' in Cinese, dispone di un boccaporto di attracco frontale, attrezzature di navigazione e comunicazione ed una cabina pressurizzata per i visitatori umani. Una capsula automatica Cinese ribattezzata Shenzhou 8 verrà lanciata al più presto entro ottobre per avvicinarsi ed attraccare con il modulo Tiangong. Se il tentativo di randez-vous avrà successo questo renderà possibile l'invio di due voli Shenzhou abitati verso la mini stazione spaziale nel 2012. Le missioni pilotate potrebbero rimanere nel complesso per giorni o settimane lavorando su esperimenti scientifici, missioni militari ed altre ricerche del programma spaziale Cinese guidato dai militari. Il piano strategico Cinese per i prossimi cinque anni comprende missioni spaziali umane di almeno 20 giorni e la progettazione e costruzione di un veicolo cargo di rifornimento per gli avamposti orbitali, secondo quanto riportato dai media questa primavera. I progressi arrivano quando gli Stati Uniti ritirano lo space shuttle vi sono scontri per formulare una politica coerente in materia di cooperazione con il programma spaziale cinese. L'amministratore della NASA, Charles Bolden, ha visitato la Cina nel mese di ottobre 2010, ma una clausola inserita nel bilancio dell'agenzia di quest'anno ha cercato di limitare la capacità della NASA di collaborare con aziende o con il governo cinese. Il senatore Repubblicano Frank Wolf è uno strenuo critico sulla condizione dei diritti umani in Cina ed è stato determinante nell'assicurare le restrizioni di budget verso la Cina. Sebbene molti legislatori sostengano la posizione di Wolf, alcuni membri del Congresso mostrano un sostegno per una modesta cooperazione tra la NASA e la Cina, compreso lo sviluppo di un sistema di aggancio comune atto a facilitare salvataggi degli equipaggi spaziali internazionali. Un funzionario dell'amministrazione Obama ha detto al Congresso a maggio che la posizione della Casa Bianca sulla questione era che la legislazione non dovrebbe interferire con la capacità costituzionale del presidente nel condurre trattative internazionali. Il test di attracco al Tiangong questa autunno è un passo decisivo per gli obiettivi Cinesi di costruire una stazione spaziale delle dimensioni dello Skylab della NASA degli anni '70 per il 2020. Nella foto (Credit: China Manned Space Engineering Office) il modulo Tiangong 1 mentre viene sottoposto a test nei primi mesi del 2011.

Fonti: SpaceflightNow

L'uscita del vettore Lunga Marcia CZ-2F con il veicolo spaziale Tiangong1 dall'edificio di assemblaggio verticale e diretto verso la rampa di lancio 21/09/2011 - Pronto al lancio il primo avamposto spaziale Cinese - Un portavoce della China Manned Space Engineering Project (CMSE) ha annunciato oggi che la Cina è pronta alla prima missione di randezvous ed attracco spaziale. Il veicolo Tiangong1 ed il veicolo di lancio Lunga Marcia CZ-2F sono stati integrati e trasferiti dall'edificio di assemblaggio verticale (VAB) alla rampa di lancio del Centro di Lancio Satelliti di Jiuquan. La finestra di lancio per Tiangong1 è stata fissata dal 27 al 30 settembre. Il portavoce ha confermato che secondo i piani previsti, durante la prima missione di avvicinamento ed attracco, il Tiangong1 fungerà da veicoli spaziale bersaglio e verrà lanciato per primo, poi una nave spaziale ShenzhouVIII verrà lanciata a sua volta per effettuare un attracco automatico. La missione principale del volo di Tiangong1 include: (1) fornire un veicolo bersaglio per randezvous spaziali ed attracco per testare questo tipo di tecnologie; (2) iniziare una prima piattaforma spaziali abitata per test, che possa funzionare anche a lungo termine senza equipaggio e per brevi periodi ospitare persone, accumulando così esperienza per lo sviluppo della stazione spaziale; (3) condurre esperimenti scientifici nello spazio, esperimenti medici e testare nuove tecnologie. Il veicolo bersaglio Tiangong1 ed il vettore CZ-2F sono arrivato al poligono di lancio alla fine di giugno. I test di integrazione si sono svolti nel sito tecnico secondo le procedure di lancio. Per il veicolo di lancio CZ-2F sono state prese delle ulteriori misure di sicurezza per prevenire guasti al lancio come accaduto durante la missione del satellite SJ-11-04. Dopo il riempimento con il propellente, il Tiangong1 è stato integrato con il veicolo di lancio nella combinazione completa. Alle 9 a.m. del 20 settembre la piattaforma di lancio mobile con integrati il veicolo di lancio ed il Tiangong1 è stato portato fuori dal VAB e trasferito in sicurezza verso la torre di lancio. Nei prossimi giorni, il sito di lancio servirà per testare in modo funzionale sia il veicolo bersaglio che il veicolo di lancio che il loro funzionamento integrato. Dopo un controllo finale di verifica il veicolo di lancio verrà rifornito con i propellenti e verrà scelto il momento esatto del lancio. Al momento tutti i sottosistemi relativi alla missione sono in ottime condizioni ed il lavoro è in svolgimento. Nella foto (Credit: CMSE) l'uscita del vettore Lunga Marcia CZ-2F con il veicolo spaziale Tiangong1 dall'edificio di assemblaggio verticale e diretto verso la rampa di lancio.

Fonte: CMSE

Lancio del primo laboratorio spaziale Cinese, TianGong-1 29/09/2011 - In orbita TianGong-1 - Un razzo vettore Lunga Marcia 2F (Chang Zheng 2F), decollato alle 9:16 ora di Pechino (le 15:16 ora italiana) dalla rampa di lancio SLS-2 del Centro di Lancio Satelliti di Jiuquan, nel nordovest della Cina, ha immesso con successo in orbita il laboratorio orbitale TianGong-1. Il veicolo spaziale è stato lanciato a due giorni dalla Festa Nazionale Cinese che si terrà il 1° ottobre. A bordo di TianGong-1 si trovano anche esperimenti medici ed ingegneristici oltre a 300 bandierine della Federazione Internazionale di Astronautica per commemorare la missione. In copertina (Credit: ChinaNwes.com) il momento del lancio del razzo, la sala del centro di controllo ed, in alto, una raffigurazione di TianGong-1 in orbita. La massa di TianGong-1 è di 8.506 kg con una lunghezza totale di 10,4 metri ed è composta da due sezioni cilindriche con un boccaporto di attracco all'estremità frontale. I due moduli sono chiamati 'modulo sperimentale' e 'modulo risorse'. Il modulo sperimentale, di 3,35 metri di diametro, è composto da una zona frontale tronco-conica, una sezione cilindrica ed una zona tronco-conica posteriore. Nella parte anteriore del modulo sperimentale vi sono il sistema di attracco e le attrezzature di comunicazione e misurazione utili per supportare le fasi di randezvous ed aggancio delle future navi spaziali. Il modulo sperimentale sarà dove vivranno e lavoreranno i taikonauti, con circa 15 metri cubi di spazio a disposizione. Questa sezione è anche fornita di due postazioni per dormire dotate di un sistema di illuminazione orientabile, attrezzature per gli esercizi fisici, un sistema di intrattenimento, apparecchiature per le comunicazioni e sistemi di controllo. Il modulo è stato pitturato internamente per aiutare i taikonauti a mantenere il senso dell'orientamento anche a gravità ridotta. Il pavimento ha un colore associato al suolo mentre il soffitto un colore associato al cielo. Il modulo risorse è invece di 2,8 metri di diametro e fornisce l'energia necessaria al volo - essendo dotato di due pannelli solari, serbatoi di propellente ed altri sistemi. Il TianGong-1 potrà rimanere in orbita per almeno due anni. Dopo un periodo iniziale di test e controlli del TianGong-1, la Cina sarà pronta al lancio del veicolo spaziale disabitato Shenzhou-8 per mezzo del razzo vettore Lunga Marcia (Chang Zheng) CZ-2F (Y8) previsto per il primo novembre. L'aggancio potrà avvenire dopo che i sistemi di entrambi i veicoli siano stati verificati e controllati. Nei due anni previsti di attività operativa di TianGong-1 è previsto che venga visitato da tre veicoli spaziali differenti. Infatti dopo lo Shenzhuo-8 arriveranno anche il 9 ed il 10 ed almeno uno dei due avrà un equipaggio a bordo. I takoinauti potranno rimanere a bordo del laboratorio spaziale per un massimo di due settimane. Il TianGong-1 verrà posto su un'orbita circolare di 350 km dopo due manovre orbitali. Prima del lancio della Shenzhou-8 la quota verrà abbassata a 343 km e due giorni dopo il lancio potrà avvenire l'aggancio fra le due astronaivi. La missione di Shenzhou-8 a TianGong-1 è prevista per un primo periodo di 12 giorni di durata seguita da uno sgancio del veicolo spaziale e di un secondo attracco. Dopo questo secondo periodo di missione congiunta il veicolo automatico si staccherà e, dopo un volo autonomo, rientrerà sulla Terra. Prima di iniziare la costruzione della propria Stazione Spaziale la Cina prevede di lanciare un secondo laboratorio TianGong-2 nel 2014 (che servirà per sviluppare le tecnologie necessarie per la rigenerazione dell'acqua e dell'ossigeno necessarie a brevi permanenze in orbita e preparare alcuni esperimenti scientifici) e dal TianGong-3 nel periodo 2015/2016. Il TG-3 sarà equipaggiato di due boccaporti di attracco, rendendo così possibile una residenza permanente nel modulo. La missione TG-3 coinvolgerà lo sviluppo delle tecnologie necessarie per le permanenze orbitali medie e di lungo periodo e sarà fornito di attrezzature scientifiche ed esperimenti più sofisticati. Nella foto in alto (Credit: CCTV) un altro momento del decollo del razzo CZ-2F con il laboratorio spaziale TianGong-1. Quello di oggi era il 56° lancio orbitale del 2010, il 51° a raggiungere regolarmente l'orbita.

Fonti: Space.com

07/10/2011 - TianGong 1 in buone condizioni - Il primo modulo laboratorio spaziale della Cina è in buone condizioni e tutti i vari test svolti nella scorsa settimana sono andati bene, secondo un comunicato emesso dalle autorità che si occupano del progetto spaziale del paese. Il modulo senza equipaggio, TianGong-1, o Palazzo Imperiale-1, era decollato il 29 settembre dal Centro di Lancio Satelliti di Jiuquan, nell'area deserta del nordovest della Cina. Il TianGong-1 ha alzato la propria orbita a 362 km. ed ha già compiuto 109 volte il giro della Terra alle 6:00 p.m. di giovedì (le 24 di mercoledì ora italiana), prosegue il comunicato. I test sul sistema di controllo remoto, le attrezzature audio e video, i sensori di temperatura ed umidità, i meccanismi di attracco ed altre funzioni sono stati condotti con successo, aggiunge. E' stato inoltre rivelato che al Centro di Lancio di Jiuquan ed in altri siti si stanno effettuando i preparativi di lancio del veicolo senza equipaggio Shenzhou-8, che dovrebbe unirsi al TianGong-1 fra poco. La Shenzhou-8 ed il TianGong-1 dovrebbero eseguire il primo attracco spaziale Cinese ad un'altezza di circa 340 km. sopra la superficie della Terra.

Fonte: Xinhua -

30/03/2016 - La Cina avrebbe concluso la missione del TianGong-1 -

Secondo la Xinhua, l'organo di stampa ufficiale cinese, il laboratorio orbitante TianGong-1 avrebbe concluso, dopo 1.630 giorni in orbita, il suo 'servizio dati'.
Questa vaga affermazione ufficiale potrebbe nascondere, secondo alcuni osservatori occidentali, l'informazione che il TianGong-1, per qualche motivo, non è più in grado di inviare la propria telemetria e, di fatto, sarebbe fuori controllo. "L'orbita del laboratorio spaziale, che scenderà gradualmente nei prossimi mesi, è sotto il continuo monitoraggio, secondo l'ufficio ingegneristico del volo spaziale umano, che afferma che il veicolo spaziale brucerà infine nel rientro atmosferico." queste le esatte parole della Xinhua.
Gli analisti si aspettavano che il TianGong-1, una volta terminata la propria missione con la partenza della capsula abitata Shenzhou-10, nel giugno 2013, venisse fatto rientrare nell'atmosfera terrestre per un rientro controllato. Invece la Cina ha mantenuto il laboratorio orbitante nello spazio facendogli svolgere una lunga estensione della missione durante la quale il TianGong-1 ha svolto esperimenti di tecnologia spaziale, osservazione remota della Terra e dell'ambiente spaziale, sempre secondo le fonti ufficiali cinesi.
Il laboratorio spaziale TianGong-1 venne lanciato nel settembre 2011 con una vita operativa prevista di due anni. In successione vi hanno attraccato le capsule Shenzhou-8, Shenzhou-9 e Shenzhou-10. Due equipaggi di tre astronauti ciascuno vi hanno vissuto per alcuni giorni permettendo agli scienziati cinesi di comprendere come costruire e gestire una stazione spaziale, il prossimo passo in questo settore da parte della Cina. Infatti la Cina prevede di lanciare nello spazio una stazione spaziale permanente e metterla in servizio entro il 2022.
Ora se la Cina ha veramente perso il controllo del TianGong-1 prima o poi il mondo dovrà fare i conti con un altro veicolo spaziale che finirà per cadere nell'atmosfera terrestre senza controllo anche se, fortunatamente, il laboratorio orbitale non dovrebbe avere un'alta densità e, molto probabilmente, si disintegrerà completamente senza mettere a rischio la popolazione terrestre.
Per saperne di più sul programma spaziale abitato cinese vai alla nostra pagina dedicata dove troverai tutti i dettagli delle missioni.
Nell'illustrazione (Credit: Beijing Times/Martini Massimo) uno spaccato del laboratorio spaziale TianGong-1.

Fonti: Spacedaily - Morris Jones / Xinhua

10/06/2016 - Quando rientrerà sulla Terra il Tiangong 1?

Un laboratorio spaziale cinese ricadrà verso la Terra relativamente presto, ma quando e dove questo accadrà è un tema di dibattito ed ipotesi.
Ad esempio, alcuni appassionati di satelliti pensano che la Cina abbia perso il controllo del veicolo Tiangong-1, del peso di circa 8 tonnellate. Questa ipotesi sarebbe avvalorata dalle riprese eseguite da Thomas Dorman, mentre il veicolo spaziale sorvolava la Terra, utilizzando videocamere, macchine fotografiche, binocoli e telescopi e registrate con un registratore DVD, un computer ed altre attrezzature e che mostrerebbero un veicolo che ruota su se stesso e non tiene puntati verso il Sole i propri pannelli solari.
"Se ho ragione, la Cina attenderà fino all'ultimo minuto prima di rivelare al mondo che hanno problemi con la loro stazione spaziale," ha detto Dorman a Space.com.
I cinesi finora hanno soltanto confermato il termine delle operazioni a bordo di Tiangong-1, e qualche esperto crede che potrebbe essere ancora possibile riportare il veicolo spaziale nell'atmosfera terrestre in modo controllato.
Tiangong-1 (che significa 'Palazzo Celestiale') è stato utilizzato come banco di prova verso la più grande stazione spaziale che la Cina prevede sia operativa attorno alla Terra attorno al 2020. Tiangong-1 è stato utilizzato per fare addestramento all'attracco durante una serie di missioni di prova - la Shenzhou-8 senza equipaggio nel 2011 e due missioni con equipaggio, Shenzhou-9 nel 2012 e Shanzhou-10 nel 2013. Dopo di che il laboratorio orbitale è entrato in una fase operativa di gestione che ha permesso osservazione della Terra ed altri esperimenti controllati da Terra.
Se il veicolo fosse ora fuori controllo una sua ricaduta sulla Terra, se avvenisse su aree popolate, potrebbe essere molto pericolosa. Anche se, fortunatamente, la superficie terrestre è, per i due terzi ricoperta di acqua e vi sono molte aree poco o per niente popolate. Resta il fatto che la 'reticenza' delle autorità cinesi non gioca a loro favore in un possibile ingresso della Cina in collaborazioni spaziali internazionali del volo spaziale umano.
Altri esperti ipotizzano che il controllo del laboratorio spaziale non sarebbe perduto ma che, essendo rimasto poco propellente per manovrare, i tecnici cinesi aspetterebbero di utilizzarlo quando Tiangong-1 sarà più vicino alla propria fine. A supportare quest'ipotesi il fatto che il Tiangong-1 sia stato alzato d'orbita, più in alto di quanto non fosse mai stato prima, recentemente, a dicembre 2015. In base a questi dati, senza nessuna altra manovra di innalzamento dell'orbita il veicolo spaziale rientrerà sulla Terra verso la fine del 2017.
Intanto la Cina prevede di inviare in orbita il suo successore, il Tiangong-2, questo settembre, seguito, un mese dopo, dalla missione abitata Shenzhou-11 che attraccherà al laboratorio orbitante e che prevede una permanenza a bordo di due astronauti per circa un mese. Nel 2017, è previsto il debutto del veicolo cargo automatico Tianzhou-1 che attraccherà a Tiangong-1 da solo e dovrà dimostrare la capacità cinese di poter rifornire un equipaggio in orbita. Tutto questo in vista della stazione spaziale cinese, il cui primo modulo, Tianhe-1, è previsto per il 2018 con l'aggiunta di altri due moduli scientifici entro il 2022. Inoltre la Cina punterebbe anche al lancio di un telescopio spaziale simile all'Hubble Space Telescope americano che condividerebbe la stessa orbita della stazione in modo da permettere agli astronauti di fargli visita per riparazioni o aggiornamenti.
Nell'illustrazione artistica (Credit: CNSA) il laboratorio spaziale Tiangong-1.

Fonte: Space.com - Leonard David

linea gialla




Aggiornato il 13 agosto 2016

Torna al menu' dei voli Spaziali Umani Cinesi

Torna alla pagina iniziale del sito


a cura di

Massimo Martini

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!