Logo di Astronautica US

Voli spaziali abitati anno 1973

linea gialla

In questa pagina troverete tutti i voli spaziali abitati (orbitali) del 1973. Vengono forniti alcuni dati della missione, lo stemma, una foto dell'equipaggio e una breve descrizione del volo e delle fasi salienti. Accanto all'astronauta, fra parentesi, la nazionalità, il numero di voli spaziali compreso quello della missione descritta e, se presenti le attività extra-veicolari e il loro totale compreso quello della missione descritta.

Nota: Le missioni abitate Skylab vennero ufficialmente designata Skylab 2, 3 e 4. Ma delle incomprensioni sulla numerazione fece si che gli stemmi siano invece, rispettivamente: Skylab I, Skylab II e Skylab III

linea gialla

Voli spaziali abitati orbitali del 1973

Skylab 2
(NASA/USA)

Volo
Orbitale n.44

Stemma della missione Skylab 2.

Lancio: 25/05/1973 - 13:00 UTC
Sito: Cape Canaveral (KSC)/LC-39B
Razzo: Saturno 1B
Perigeo: 415 km
Apogeo: 424 km
Inclinazione: 50,04°
Aggancio: 26/05/1973 21:56 UTC
Sgancio: 22/06/1973 08:55 UTC
Rientro: 22/06/1973 - 13:49 UTC
Sito: Oceano Pacifico
Orbite: 404
Durata: 28g 00h 50m
NSSDC/COSPAR ID: 1973-032A

L'equipaggio di Skylab 2: Joseph Kerwin, Charles Conrad e Paul Weitz

Equipaggio: 3
Comandante: Charles, Jr. "Pete" Conrad (USA-4) (EVA-4)
Pilota Scienziato: Joseph Peter Kerwin (USA-1) (EVA-1)
Pilota: Paul Joseph Weitz (USA-1) (EVA-2)

Note: Skylab 2 (SL-2) fu il primo equipaggio della stazione spaziale degli Stati Uniti d'America Skylab. Il laboratorio spaziale era stato danneggiato durante la fase di lancio dello stesso. Per questo motivo la missione venne quasi esclusivamente eseguita per effettuare lavori di riparazione dei danni della stazione spaziale. Rimanendo nello spazio per quattro settimane venne raggiunto un nuovo record di lunga permanenza in orbita. Eseguite tre EVA per un totale di 5h 34m e diversi esperimenti fra i quali l'osservazione solare. Rientro ed ammaraggio nel Pacifico, recupero della USS Ticonderoga.

Skylab 3
(NASA/USA)

Volo
Orbitale n.45

Stemma della missione Skylab 3.

Lancio: 28/07/1973 - 11:11 UTC
Sito: Cape Canaveral (KSC)/LC-39B
Razzo: Saturno 1B
Perigeo: 415 km
Apogeo: 424 km
Inclinazione: 50,04°
Aggancio: 28/07/1973 19:37 UTC
Sgancio: 25/09/1973 11:16 UTC
Rientro: 25/09/1973 - 22:19 UTC
Sito: Oceano Pacifico
Orbite: 858
Durata: 59g 11h 09m
NSSDC/COSPAR ID: 1973-050A

L'equipaggio di Skylab 3: Owen K. Garriott, Jack Lousma e Alan Bean

Equipaggio: 3
Comandante: Alan LaVern Bean (USA-2) (EVA-3)
Pilota Scienziato: Owen Kay Garriott (USA-1) (EVA-3)
Pilota: Jack Robert Lousma (USA-1) (EVA-2)

Note: Skylab 3 (SL-3) fu il secondo equipaggio della stazione spaziale degli Stati Uniti d'America Skylab. Inizialmente tutti e tre gli astronauti soffrirono di mal di spazio. Eseguite tre EVA, due ancora per riparazioni, per un totale di 13h 42m. Condotti esperimenti ed osservazioni astronomiche. Nuovo record di permanenza. Rientro ed ammaraggio nel Pacifico con recupero da parte della USS New Orleans.

Soyuz 12
(Soyuz 7K-T)
(URSS)

Volo
Orbitale n.46

Stemma generico di una missione Soyuz.

Lancio: 27/09/1973 - 12:18 UTC
Sito: Baikonur/Rampa 1
Razzo: Soyuz
Perigeo: 306 km
Apogeo: 348 km
Inclinazione: 51°
Rientro: 29/09/1973 - 11:34 UTC
Sito: Karaganda
Orbite: 31
Durata: 1g 23h 15m
NSSDC/COSPAR ID: 1973-067A

L'equipaggio di Soyuz 12: Vasiliy Lazarev e Oleg Makarov

Equipaggio: 2
Comandante: Vasili Grigoriyevich Lazarev (URSS-1)
Ingegnere di Volo: Oleg Grigoriyevich Makarov (URSS-1)

Note: Soyuz 12 è la denominazione di una missione della navicella spaziale Soyuz sovietica. Si trattò dell'undicesimo volo con equipaggio di questa capsula, del ventiduesimo volo nell'ambito del programma Soyuz sovietico nonché del primo volo con equipaggio dopo la tragedia della Soyuz 11. Solo due cosmonauti per testare le tute spaziali in fase di lancio e atterraggio. Rientro ed atterraggio regolari.

Skylab 4
(NASA/USA)

Volo
Orbitale n.47

Stemma della missione Skylab 4.

Lancio: 16/11/1973 - 14:01 UTC
Sito: Cape Canaveral (KSC)/LC-39B
Razzo: Saturno 1B
Perigeo: 415 km
Apogeo: 424 km
Inclinazione: 50,04°
Aggancio: 16/11/1973 21:55 UTC
Sgancio: 08/02/1974 02:33 UTC
Rientro: 08/02/1974 - 15:16 UTC
Sito: Oceano Pacifico
Orbite: 1.214
Durata: 84g 01h 15m
NSSDC/COSPAR ID: 1973-090A

L'equipaggio di Skylab 4: Gerald Carr, Edward G. Gibson e William Pogue

Equipaggio: 3
Comandante: Gerald Paul "Jerry" Carr (USA-1) (EVA-3)
Pilota Scienziato: Edward George Gibson (USA-1) (EVA-3)
Pilota: William Reid Pogue (USA-1) (EVA-2)

Note: Skylab 4 (SL-4) fu il terzo ed ultimo equipaggio della stazione spaziale degli Stati Uniti d'America Skylab. La missione firmò nuovi record nel campo dell’esplorazione spaziale e marcò contemporaneamente la fine delle stazioni spaziali americane. Eseguite quattro EVA per un totale di 22 ore. Eseguiti esperimenti scientifici ed osservazioni terrestri e solari, oltre alla cometa Kohoutek. Prima di lasciare lo Skylab, la capsula Apollo venne utilizzate per alzare l'orbita del complesso orbitale. Rientro ed ammaraggio nel Pacifico e recupero da parte della USS New Orleans.

Soyuz 13
(7K-T/AF)
(URSS)

Volo
Orbitale n.48

Stemma della missione Soyuz 13.

Lancio: 18/12/1973 - 11:55 UTC
Sito: Baikonur/Rampa 1
Razzo: Soyuz
Perigeo: 193,3 km
Apogeo: 272,7 km
Inclinazione: 51,57°
Atterraggio: 26/12/1973 - 08:50 UTC
Sito: Karaganda
Orbite: 127
Durata: 7g 20h 55m
NSSDC/COSPAR ID: 1973-103A

L'equipaggio di Soyuz 13: Klimuk e Lebedev

Equipaggio: 2
Comandante: Pyotr Iliyich Klimuk (URSS-1)
Ingegnere di Volo: Valentin Vitaliyevich Lebedev (URSS-1)

Note: Soyuz 13 è la denominazione di una missione della navicella spaziale Soyuz sovietica. Si trattò del dodicesimo volo con equipaggio di questa capsula nonché del ventiquattresimo volo nell'ambito del programma Soyuz sovietico. Osservazioni della Terra ed astrofisiche con appositi strumenti montati a bordo. Rientro regolare ma atterraggio problematico causa tempesta di neve nella zona prescelta.

⇐ 1972 - 1974 ⇒

linea gialla

Glossario Minimo

linea gialla

Aggiornato il 15 novembre 2016 - ore 09:36

Torna alla pagina iniziale del sito

a cura di

Massimo Martini

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!